Speciale Ecobonus: tutte le auto elettriche e ibride da comprare con gli incentivi

19 Dicembre 2018 160

L'ecobonus è stato ufficializzato ma la domanda che tutti si pongono è: quali auto elettriche e ibride posso comprare beneficiando degli incentivi? Il calcolo è semplice sulla carta e i paletti sono rappresentati dal costo (61.000€ IVA inclusa) e della fascia di emissioni, se non fosse che l'emendamento ha deciso di prendere in considerazione il ciclo NEDC nel periodo in cui tutti iniziano a comunicare i dati WLTP.

Tutti i dettagli sull'Ecobonus, Ecotassa, entità incentivi auto elettriche ed ibride (con e senza rottamazione) e sgravi fiscali per installazione di wallbox.

Guida a prova di super pigri: di seguito trovate i link di approfondimento a recensioni e anteprime dei modelli citati e, per agevolare gli interessati all'eventuale acquisto, i prezzi (forbice tra versione d'ingresso e top di gamma) e link diretti ai configuratori online ufficiali (quando presenti).

BMW i3, i3s e BMW Serie 2 Active Tourer PHEV

BMW i3 e BMW i3s rientrano tranquillamente negli incentivi sia per il prezzo che per le emissioni e sia nella versione solo elettrica che in quella con il bicilindrico che fa da Range Extender: d'altronde i consumi degli endotermici in questo ruolo sono sempre bassi (13/14 grammi di CO2 al chilometro in questo caso). BMW i3 parte da 40.370€, cifra che sale a 44.170€ nel caso di i3s.

Anche BMW Serie 2 Active Tourer PHEV rientra per emissioni (tra i 52 e i 57 g/km) e prezzo: parte da 38.350€.

CITROEN C-ZERO e CITROEN E-MEHARI

Citroen C-Zero rientra negli incentivi sebbene sia da valutare l'effettiva disponibilità. Tenete in considerazione che state acquistando una elettrica di primissima generazione, un'auto che esiste ancora a catalogo e costa 30.890€...più 50 centesimi.

Citroen e-Mehari è un progetto più recente, aggiornato nel 2018 in alcune caratteristiche e recentemente recensito in #hdelettrico. Il prezzo parte da 27.300€.

HYUNDAI KONA ELECTRIC E IONIQ ELECTRIC

Hyundai Ioniq Electric resta un'elettrica molto valida: pur essendo più "vecchia" rispetto ad altri modelli, è nata sotto una buona stella grazie ad un ottimo sistema di gestione termica della batteria, consumi bassissimi e una dotazione tecnologica ancora attuale, anche per quanto riguarda la sicurezza. La sua batteria è più piccola di una e-Mehari ad esempio, ma l'autonomia è maggiore grazie all'ottimizzazione, non fatevi spaventare dal semplice numero. ​Ecco come va in città, come affronta i viaggi, come si ricarica e la recensione completa. Ioniq Electric parte da 38.150€ chiavi in mano.

  • motore: 88 kW
  • batteria: 28 kWh

Rimodulata di recente nel prezzo, Hyundai Kona Electric (qui la nostra anteprima) resta comunque all'interno degli incentivi e parte dai 37.500€ della XPRIME con batteria più piccola fino ai 48.000€ della EXELLENCE con la batteria più capiente. Come Ioniq, anche Kona elettrica ha un ottimo sistema di gestione batteria, accetta ricarica DC a 100 kW (reali sono circa 75 kW) ed è in grado di ottime prestazioni per quanto riguarda i consumi.

  • motore: 100/150 kW
  • batteria: 39/64 kWh

HYUNDAI IONIQ PLUG-IN HYBRID

Hyundai Ioniq ibrida plug-in rientra negli incentivi grazie alla sua batteria che permette di abbassare le emissioni contenendole in 26 grammi di CO2 al chilometro, entrando nello scaglione da 2.500/1.500€ (a seconda che rottamiate o meno una Euro 1-4).

Il prezzo parte da 35.000€ chiavi in mano per la Comfort e di 37.650€ per la Style. Non rientra negli incentivi Ioniq Hybrid, l'ibrida tradizionale, a causa delle emissioni in entrambi i cicli NEDC (79 g/km, quello usato come riferimento dall'emendamento) e WLTP (110-119 grammi di CO2 al chilometro).

KIA SOUL ECO-ELECTRIC E KIA e-NIRO

Kia Soul EV rientra negli incentivi: è un'elettrica al 100% e costa 37.000€ nell'unico allestimento You Soul disponibile.

Salvo sorprese, anche Kia e-Niro rientrerà negli incentivi visto che il prezzo non dovrebbe discostarsi troppo dalla cugina Kona Electric: è quasi certo che sarà inferiore al tetto massimo dell'EcoBonus.

Kia Niro PHEV e Optima PHEV

A differenza di altri concorrenti. Kia riesce a piazzare in zona Ecobonus anche le sue due ibride plug-in: Kia Niro PHEV e Kia Optima PHEV, rispettivamente con emissioni di CO2 di 33 e 37 grammi al chilometro grazie alla batteria che promette, in modalità elettrica, tra i 54 e i 62 chilometri a seconda del modello.

Il crossover ibrido costa 36.700€ nell'unico allestimento disponibile, tattica comune per molte elettriche ed ibride che ritroviamo anche in Kia Optima PHEV, unica versione da 44.000€, e Kia Optima Sportswagon PHEV da 45.750€

MINI COUNTRYMAN PHEV

All'interno del gruppo BMW, Mini Countryman PHEV S E ALL4 riesce a qualificarsi per gli incentivi grazie al prezzo che parte da 39.800€ nell'unico allestimento disponibile.

L'ibrida ha un'autonomia fino a 40 km in modalità elettrica ed emissioni tra i 55 e i 56 grammi di CO2 al chilometro. Trazione integrale ALL4 e 165 kW di potenza combinata (100 kW del termico e 65 kW di picco dell'elettrico) completano l'elenco delle caratteristiche.

MITSUBISHI OUTLANDER PHEV e i-MiEV

L'ibrida plug-in di Mitsubishi, da pochissimo presentata in Italia, si posiziona al limite degli incentivi a causa del prezzo. Il SUV ibrido rientra infatti nelle emissioni di CO2 della seconda fascia (41 grammi al chilometri, circa 45 chilometri in modalità elettrica) e parte da 50.700€ per la versione Instyle SDA, cifra che sale a 52.200€ per Instyle Plus SDA.

Mitsubishi i-MiEV è la cugina di C-Zero, un'elettrica di prima generazione con batteria da 16 kWh e prezzo di 30.300€. Valgono le stesse considerazioni della francese: a questa cifra c'è di meglio ma se riuscite a strappare un prezzaccio impossibile potrebbe rientrare nel gioco.

NISSAN LEAF e NISSAN e-NV200

Anche le due proposte elettriche di Nissan, Leaf ed e-NV200, rientrano negli incentivi dell'Ecobonus accedendo alla fascia di massimo sconto grazie alle emissioni locali zero.

Nissan Leaf (recensita qui nella versione 2018) parte da 36.700€ per la Acenta fino ai 40.130€ della Tekna mentre il furgone elettrico dei giapponesi costa 30.955€ nella versione con batteria da 40 kWh, la stessa condivisa sui modelli del gruppo incluso Nissan E-NV200 Evalia, la versione destinata al trasporto persone con sette posti (44.300€).

SMART EQ fortwo, forfour e forwto cabrio

Il trittico delle smart EQ elettriche, fortwo (protagonista della nostra recensione e di un viaggio alla scoperta delle energie rinnovabili), forfour e fortwo cabrio propone diversi prezzi ma tutti che rientrano nel tetto massimo imposto per l'Ecobonus.

La manovra prevede anche sgravi per l'installazione e l'acquisto del wallbox ma smart lo include già nel prezzo, sebbene possiate comunque usare i bonus per acquistare la versione più potente tra i wallbox proposti dal marchio di Daimler (si paga la differenza). Ricordate però che il limite del caricatore di bordo è di 4.6 kW salvo acquisto della versione con l'optional da 22 kW (info nella guida alla ricarica) da 861€. smart EQ fortwo costa 24.100€, EQ fortwo cabrio parte da 27.450€ ed EQ forfour da 24.650€.

RENAULT ZOE e KANGOO Z.E.

Renault Zoe costa 26.100€ in versione Life Flex con batteria a noleggio da 119€ al mese, fino ai 36.000€ della versione Intens. Le Zoe con batteria inclusa nel prezzo partono da 34.100€, 34.600€ o 36.000€ rispettivamente per R110, R90 e Q90, la versione che abbiamo recensito.

Kangoo Z-E. è disponibile a partire da 23.700€, cifra che esclude IVA, IPT e canone noleggio batteria che costa 66€ al mese. La versione con batteria è unica e costa 29.900€ (sempre IVA esclusa trattandosi di un veicolo commerciale leggero).

TESLA MODEL 3

Ancora non conosciamo i prezzi di Tesla Model 3 nella versione base, il modello con la batteria meno capiente e le due ruote motrici. La Long Range Dual Motor AWD costa infatti 59.600€, dunque rientra per un soffio nel limite di 61.000 euro. Dimenticatevi, però, il pacchetto da 5.400 euro che include le funzionalità evolute di guida semi-autonoma in autostrada, il parcheggio automatico e la funzione Summon.

al momento della stesura di questo articolo non è chiaro dal testo dell'emendamento consultato se gli optional contino o meno dato che, cito, si parla di "prezzo risultante dal listino prezzi ufficiale [...] inferiore a 50.000€ IVA esclusa"

Basandoci sulle proporzioni utilizzando il rapporto prezzi USA/Italia, possiamo provare a immaginare quale sarà il prezzo di vendita della variante Mid Range:

  • Model 3 Mid Range: 41.700$ USA - ??? ITA
  • Model 3 Dual Motor: 48.700$ USA- 59.600€ ITA

in questo caso i calcoli ci portano ad un prezzo di partenza di 51.000€.

TOYOTA PRIUS PLUG-IN HYBRID

Solo l'ibrida Plug-In dei giapponesi rientra negli incentivi. Il prezzo è quello giusto per restare nel limite massimo, 41.650€ di listino che viene in realtà abbassato a 35.150€ grazie alle promozioni attualmente in corso.

Prius Plug-in Hybrid emette 28 grammi di CO2 al chilometro combinando elettrico ed endotermico da 1.8 litri e 122 CV

VOLKSWAGEN e-GOLF ED e-UP!

Le nuove elettriche Volkswagen arriveranno nel 2020; nell'attesa entrambi i modelli già in gamma rientrano nell'Ecobonus: Volkswagen e-Golf costa 40.100€ nell'unico allestimento disponibile. e-Golf è stata protagonista della nostra recensione, e della guida alla ricarica dedicata.

Unica la scelta di allestimento anche per Volkswagen e-Up! che parte da 27.000€ tondi, cifra come al solito IVA e messa in strada inclusa, I.P.T. esclusa. Per approfondire di seguito trovate la recensione di e-Up, il Live Batteria in extra-urbano e la guida alla ricarica.

ELETTRICHE E PHEV ESCLUSE DALL'ECOBONUS: VIRTUOSE MA COSTOSE

Il tetto di prezzo imposto esclude dall'ecobonus una serie di elettriche ed ibride plug-in, il cui acquisto non prevede quindi incentivi nonostante i vari modelli siano virtuosi dal punto di vista delle emissioni e rientrerebbero nel bonus se si considerassero solo i numeri relativi alla CO2.

Tra questi modelli ci sono Jaguar I-PACE (recensita qui), Mercedes E300 de EQ-Power, Mercedes GLC. Porsche Panamera E-Hybrid, Tesla Model S, Tesla Model X, Volvo V60, V90, S90, XC60 e XC90, Audi Q7, BMW i8 e BMW i8 Roadster, la nuova BMW Serie 5 e Serie 7.

ECOBONUS: I MODELLI IN ARRIVO

Considerando che la manovra Ecobonus prevede incentivi fino al 2021, vi consiglio di salvare questa pagina e tornarci di tanto in tanto. Per il momento mi limito a segnalare un elenco di vetture previste per il 2019.

DS 3 Crossback E-TENSE è il crossover elettrico del marchio premium francese, una delle novità in arrivo che si affiancherà alla Peugeot 208 elettrica del 2020.

I giapponesi di Honda hanno promesso il debutto della compatta basata su Urban EV Concept a fine 2019 mentre Subaru ha presentato Crosstrek plug-in che rientra nel bonus grazie a 61 grammi di CO2 ogni 100 km.

Passando in Germania, anche Classe A ibrida plug-in dovrebbe riuscire ad entrare nella fascia di incentivi da 1.500/2.500€ visto che difficilmente il prezzo sarà superiore al tetto massimo. Volkswagen non dovrebbe avere problemi per la ID al momento in test in Sudafrica: è a emissioni zero e la promessa di prezzo è abbondantemente sotto la soglia Ecobonus.

Mini elettrica sarà acquistabile con l'Ecobonus, resta solo il dubbio riguardo alla commercializzazione ma dovrebbe comunque arrivare in Italia entro il 2020. Restiamo in Germania (nonostante il gruppo francese) e passiamo a Opel: Corsa elettrica è prevista per il 2020 e probabilmente anche Grandland X ibrido plug-in sarà nel limite di prezzo/emissioni previsto. Skoda proporrà invece Citigo elettrica ancora da confermare insieme alle varianti plug-in di Superb e Kodiaq.

Salto in america ed ecco Jeep Renegade ibrida plug-in: anche in questo caso il condizionale è d'obbligo ma l'auto dovrebbe uscire a inizio 2020 e rientrare nei valori limite per l'Ecobonus.


160

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ste

più modelli più concorrenza prezzi più bassi no ??

Luigi Melita

in che senso? per la disponibilità di modelli dici?

DefinitelyNotBruceWayne

in realtà ho orari flessibili per via di alcune agevolazioni che la mia azienda concede, ma tra pullman, treno e altro pullman arrivo alle 8:20 (inizierei alle 8:30). Per il ritorno aspetto il pullman 5 minuti alle 17:35 sono già sul pullman diretto verso la stazione.
Ci metto 1 oretta: tantino, ma in auto con tutto il traffico rischierei di metterci anche di più.

Ste

ho guidato sia la niro che la hyundai non ho visto questi lati negativi erano comode e silenziose uno poi non è che si deve fare l'auto

Ste

secondo me a fare cosi vendono meno poi capisco che i concessionari non sono dei geni del marketing sono bravi solo a rifilarti l'auto e la motorizzazioni che vogliono loro

Ste

è un incentivo per chi può la compra cosi aumentano le vendite di qualcosa dato che in italia sono al lumicino e magari i prezzi piano piano diventano abbordabili comunque se uno partecipa a un gruppo di acquisto riesce a scontarsi ancora qualcosa oltre a questo in alcune regioni non paghi il bollo per 5 anni e altri benefit c'è bisogna farsi due conti non solo dal prezzo iniziale ma dei vantaggi e svantaggi

Ste

non è più italiana

Ste

anche la ford è messa male mi sembra comunque si diceva tempo fa in internet che forse si univano a un altro gruppo tipo hyundai

Ste

magari forse è ora che si da una mossa

Ste

ci sono sempre i gruppi di acquisto per scontare ancora un pò il prezzo

Ste

be dipende da me fino a qualche tempo fa le ricariche alla colonnina erano gratuite

Ste

con i mezzi pubblici dipende che lavoro ti ritrovi io avevo un datore di lavoro che non ammetteva il minuto di ritardo

Ste

ci penserei anche io ma poi rogne di garanzia ?

Ste

le smart sono care a benzina figurati

Ste

be se aderisci a un gruppo di acquisto il risparmio c'è

Ste

quindi se uno deve fare l'acquisto conviene aspettare almeno il 2020 ?

gianluca Falco

La Suzuki Swift 1.2 Hybrid Allgrip Top 4WD ha diritto all'ecobonus?
Gianluca

LoGan

infatti il mio discorso era: perchè una persona che sceglie un marchio premium (audi e mercedes ad esempio) e quindi vuole quel qualcosa in più sia esteticamente che per quanto riguarda la qualità dei materiali da un'auto, dovrebbe intercedere per un'auto del genere? ben venga che c'è a chi piace questo stile "futuristico" ma per quanto mi riguarda mi tengo la mia macchinina bella stretta ancora per un bel pò

Fabrizio

Tesla ci salverà. Le altre elettriche / ibride sono davvero oscene

Fabrizio

Ma siamo sicuri che queste ibride siano sotto i 70 g/km di CO2?
In ogni caso tutta roba davvero oscena esteticamente, non ho mai capito perchè le auto ibride debbano essere necessariamente oscene.
Tranne la Tesla, chiaramente

d4N

Ecco il pubblico a cui si rivolgono adesso, almeno le medie sei riuscito a farle o ti hanno aiutato?
Dai che ti aspetta una partita a Fortnite, comprati il vestitino con le orecchie da coniglio ... che massa di inutilità stanno sfornando in questi anni ...

Hoyz

Infatti ho detto che spero siano coerenti. Ne dubito eh, ma ci spero.

BMW 1000 RR 207cv Emozione

l estetica è un concetto soggettivo, quindi relativo.A me la smart elettrica piace molto(18k euro)

BMW 1000 RR 207cv Emozione

x il lavoro la bici elettrica è fantastica,e sarebbe un mondo migliore

LoGan

Mi riferivo prettamente all'estetica

BMW 1000 RR 207cv Emozione

sveglione , 18k x una fourfour (5posti) non sono 70k .
Sei patetico

BMW 1000 RR 207cv Emozione

"Tutti quelli che urlano al "perzona cattiva che vuole inquinare il mondo!!11!!" spero siano coerenti con quanto dicono e,,,"
E se cosi fosse? chi ama veramente questo pianeta(e non capisco come non si potrebbe)è coerente con qst amore..

BMW 1000 RR 207cv Emozione

che avranno di speciale Mercedes Audi o simili! poi arriva uno e ti da una mina in fase di parcheggio e te la rovina. non parliamo dell inutilità di avere 4 posti sempre o quasi vuoti e del subire le speculazioni dei petrolieri.Che schifo

Horatio

https://uploads.disquscdn.c...

DefinitelyNotBruceWayne

E anche questa volta hai ragione, ma in tanti casi la storia della macchina come bene primario a cui non si può rinunciare è una favoletta che ci raccontiamo per evitare di avere sensi di colpa o giustificarne la spesa. Se iniziassimo a tollerare di più roba come Uber, qualche pullman in più o una corsia in meno e una ciclabile in più diventerebbe palese almeno alle persone che vivono in città.

d4N

Riciclo una tua frase:
"Tutto condivisibile, ma il ragionamento dell'orticello, per quanto giusto, se ripreso da tutto il pianeta ha delle gravi conseguenze" ;)
Non tutti hanno i mezzi, non tutti possono usarli, la macchina è un bene primario, mi vieti il suo utilizzo se mi dai una reale soluzione alternativa, qui non parliamo di abitudini ma di reali esigenze ... altrimenti stai soltanto colpendo chi già è in difficoltà, persone che andranno comunque avanti con i loro Euro3/4, perché volendo o no i soldi per una macchina nuova non arrivano dall'oggi al domani e di incentivi sull'usato, che io sappia, non ce ne sono (al di la che trovo assolutamente ILLEGALE vietare una macchina commercializzata regolarmente solo una decina di anni fa).
La comprerei anche io un'auto elettrica, ma col prezzo di adesso e il loro reale possibile utilizzo non riesco a vederle al di là dell'oggetto di moda con cui pavoneggiarsi, più che un qualcosa di comprato per esigenza ... poi ripeto, qui ci si dimentica sempre che quelle batterie andranno cambiate un giorno, il loro costo è allucinante ...

DefinitelyNotBruceWayne

Io studio e lavoro a 50 km da casa, i miei lavorano nella città in cui abitiamo. Io campo benissimo con i mezzi pubblici o con il bike sharing, i miei senza macchina sono persi. Non è questione di rango sociale, ma di abitudini. Certo è che sia i poveri che i ricchi dovrebbero cambiare mentalità e contribuire, anche economicamente in base alle proprie capacità, a questa piccola rivoluzione sociale e culturale. Allo stesso tempo lo Stato deve andare oltre l'incentivo per l'acquisto di auto meno inquinanti, mettendo a disposizione mezzi pubblici e infrastrutture adatte alla mobilità alternativa altrimenti non se ne esce e si finisce per avere solo tasse in più senza alcun beneficio.

Starnat

Chissà quando cominceranno a fare delle elettriche con linee decenti, a parte le conversioni di auto già presenti (che possono piacere o meno) quelle che nascono elettriche sono, a mio gusto, semplicemente inguardabili. Quando nonostante gli ecobonus si spendono quelle cifre l'occhio vuole decisamente la sua parte e sinceramente proverei un po' di vergogna a girare con una BMW i3 (per dirne una)

d4N

Posso essere d'accordo, ma allora applicalo solo ai residenti di determinate città ;)
Non a chi la macchina deve usarla e non può tirare fuori migliaia di euro da un giorno all'altro ... chi ha il SUV pagato migliaia di euro sai che danno gli fai, ne comprano un altro ... secondo te chi ha adesso gli Euro3/4 diesel?

DefinitelyNotBruceWayne

Tutto condivisibile, ma il ragionamento dell'orticello, per quanto giusto, se ripreso da tutto il pianeta ha delle gravi conseguenze quindi è giusto intervenire se e dove possibile, anche con tasse o modi per disincentivare l'utilizzo dell'auto (almeno di quelle troppo inquinanti).
Quello che penso ogni mattina prendendo i mezzi pubblici è che se quelli che se lo possono permettere (chi vive in città principalmente) facessero come me invece che tirare fuori il SUV per usarlo 10 minuti la mattina e 10 la sera si eviterebbero tanti problemi di smog, traffico e spreco di risorse naturali. Visto che non si può fare tutto in un colpo solo forse con tasse e incentivi di vario tipo si può spingere la gente ad avere un minimo di riflessione che potrebbe spingere a cambiare le proprie abitudini.

d4N

Tutto molto bello, come può esserlo una Ferrari, che però costa decine di migliaia di euro.
Io però nel frattempo devo muovermi nel traffico, con una macchina che non costi €70.000, da come puoi vedere da questo articolo al momento vendono auto molto discutibili esteticamente (e anche sugli altri fronti) a prezzi particolarmente alti.
Al momento non è ancora una soluzione, ma solo un vizio per pochi, come può essere un'auto d'epoca.
Oltre a questo mi chiedo perché dovrei scegliere una scatoletta elettrica, pagata €30.000, quando posso prendermi un'auto usata di molte categorie sopra ad un quinto del prezzo ... ah si, ecco perché, perché fanno le leggi per bloccare le auto e costringerti a comprane di nuove, ecco perché ...
Sono amante della tecnologia, ma proposta in questo modo dal mio punto di vista non è la soluzione ...

DefinitelyNotBruceWayne

Mah, da amante delle automobili e della tecnologia le auto elettriche si portano dietro diversi benefici prestazionali e interessanti sfide tecnologiche.
Ovvio se guardi una Golf riempita di batterie o una Zoe c'è poco di bello o degno di attenzione o interesse, ma andando oltre a quello si perde semplicemente il vroom vroom, perché tecnologia, impegno e passione rimangono.

d4N

Sul si stava peggio è tutto soggettivo, come un eventuale si sta meglio adesso

LoGan

E dovremmo cambiare le nostre audi e Mercedes co sti cessi con ruote? XD

Manuel

14.400€ - 3000 = 11.400€

Sempre costosetto... altrimenti una moto elettrica come la Zero S costerebbe 12.800 - 3000 = 9.800€

Mikel

Prezzi proibitivi, ok non guido più.
Non è ancora tempo di elettrico, quando costeranno la metà e ci sarà il vero addio ai combuatibili fossili sarà il momento giusto, perché ad oggi è solo una farsa. Equivale allo sconto che ti fanno in concessionaria, che fra l’altro non è cumulabile con altre iniziative in corso.

Igi

... esatto, il concetto non cambia però, zero riduzione... Ci rimane solo il suo video su Youtube... che faccia tosta!!!

Gunny35

Per rendere allettanti questi cassoni dovrebbero almeno tripicarlo l'ecobonus

Hoyz

Questo conferma quanto detto in un mio commento sotto un altro articolo: che l'ecobonus è solo una ecotassa in più sul mondo dell'auto; i soldi che entreranno saranno molti di più di quelli "investiti", perchè fra questi di modelli davvero versatili se ne contano sulle dita di una mano (e nessuno fra quelli total electric).

Tutti quelli che urlano al "perzona cattiva che vuole inquinare il mondo!!11!!" spero siano coerenti con quanto dicono e:
- d'inverno non scaldino la casa a più di 19°C
-d'estate condizionatore a 28°C di temperatura minima, e comunque non durante le ore più calde perchè lo sforzo del condizionatore è massimo
- vivano in case a classe energetica A
- abbiano SOLO elettrodomestici A++
- usino la bici per qualsiasi spostamento <= 10 km
- abbiano un fap per le scoreggine.

Hoyz

Probabilmente si è accorto che le accise più datate non esistono più ma c'è n'è una unica, per cui è andato in confusione :D

Daniel Salmaso

E il BMW C Evolution?

Igi

Tocca aspettare la VW id che si potrà portare a casa con circa 24 mila...
Io però aspetto la e-tron GT ;-)

Igi

Aveva anche detto che avrebbe tolto le accise più datate...

Luigi Melita

E io che pensavo che la Prius la facesse Toyota...

Manuel

Vogliono incentivare anche quelli, 30% di sconto fino a un massimo di 3.000 euro in meno.

Esempio : Vespa Elettrica, da 6390€ a 4473€

Askoll es3 : da 3490€ a 2443€

NIU M+ : da 2299€ a 1609€

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente