Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Stellantis e Archer, la produzione dell'eVTOL Midnight partirà entro la metà del 2024

19 Giugno 2023 14

Stellantis crede molto nel settore dell'urban air mobility (UAM). Come sappiamo, il Gruppo ha investito direttamente in Archer Aviation per aiutare l'azienda americana a completare lo sviluppo e a produrre il velivolo Midnight che sarà messo in commercio nel 2025. Parliamo di un eVTOL, cioè di un velivolo elettrico a decollo ed atterraggio verticale. Per Stellantis, il futuro della mobilità passa anche attraverso questi mezzi?

Parrebbe di si visto che il Gruppo ha annunciato alcune novità interessanti al Paris Air Show dove Archer ha portato il suo Midnight.

VIA ALLA PRODUZIONE NEL 2024

Stellantis, infatti, aveva promesso che avrebbe condiviso un aggiornamento del suo lavoro con Archer proprio al Paris Air Show. Dunque, stando a quanto raccontato, il Gruppo automobilistico ha deciso di ampliare il suo investimento nell'azienda americana. Infatti, Stellantis ha recentemente aumentato la sua partecipazione strategica mediante acquisti di azioni di Archer sul mercato aperto.

Attualmente, è in corso la costruzione di uno stabilimento che si occuperà della produzione in massa di Midnight, presso un campus di circa 40 ettari a Covington, Georgia. L'obiettivo è quello di arrivare ad iniziare la costruzione degli eVTOL entro la metà del 2024.

Attualmente, i tecnici di Stellantis stanno collaborando a tempo pieno con il team di Archer, focalizzandosi sulle attività di automazione della produzione e fornitura dei componenti. I dipendenti Stellantis sono presenti in quasi tutte le funzioni di Archer tra cui la produzione, l’ingegneria, la supply chain, la qualità, le infrastrutture e le risorse umane.

Una volta che lo stabilimento entrerà in funzione, inizialmente si arriveranno a produrre 650 eVTOL all'anno. Tuttavia, l'impianto sarà strutturato per poter arrivare ad incrementare la produzione fino a 2.300 unità all'anno. Ricordiamo che Midnight è pensato per voli a corto raggio, per funzionare come una sorta di "taxi volante". Può ospitare a bordo fino a 4 passeggeri più il pilota e dispone di un'autonomia di 100 miglia (160 km) ma è pensato soprattutto per effettuare tratte di circa 20 miglia (32 km). Dopo ogni volo, basteranno 10-12 minuti di ricarica per poter ripartire. Carlos Tavares, CEO di Stellantis, ha commentato così l'impegno del Gruppo in questo progetto:

I team Stellantis e Archer stanno procedendo a grande velocità per raggiungere l’obiettivo di iniziare la produzione scalabile degli aeromobili Archer entro la metà del 2024. Riteniamo che questa straordinaria partnership stia definendo gli standard per lo sviluppo di una collaborazione intersettoriale e che sia un pilastro fondamentale della nostra strategia per assicurare che Stellantis guidi il modo in cui il mondo si muove garantendo libertà di movimento a tutti. Con i nostri team più fidati che lavorano in loco fianco a fianco con i team di Archer non ho alcun dubbio che siamo sulla giusta strada.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
T. P.

mi fido di quello che scrivi! :)

tulipanonero1990

Resta sempre il problema autonomia e, da non sottovalutare, il problema della ricarica. Con una autocisterna fai il pieno ad uno stormo di Reaper in meno di un'ora. Quanto ci metti a rimettere in volo uno di questi scarico? In guerra quel tempo potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte. Questi veicoli hanno bisogno di una infrastruttura da campo che ad oggi non è affatto banale avere (e che comunque sarebbe alimentata da generatori diesel, questo è bene ricordarlo).

T. P.

si ma ci possono essere sempre missioni a corto raggio o altro impieghi tipo supporto ad operazioni di terra!
non sono assolutamente ferrato in materia, quindi, le mie sono solo ipotesi campate sul nulla! :)

tulipanonero1990

Si e no, dipende dall'elicottero. Ne riparliamo quando l'autonomia triplica.

tulipanonero1990

Nel campo militare credo l'autonomia sia troppo importante e con strumentazioni moderne oggi in dotazione ci hanno fatto vedere a che livello siamo arrivati (un Reaper statunitense riesce ad arrivare oggi ad un livello di dettaglio che ritenevo esagerazioni cinematografiche) possono lavorare a quote e distanze elevate.

tulipanonero1990

Si certo, ci sono diversi campi d'uso e un abbattimento dei costi potrebbe sensibilmente migliorare la qualità della vita delle persone che vi abitano. Penso anche a un eventuale collegamento Malta-Sicilia, senza considerare tutte le altre numerose isole che abbiamo (Pantelleria, Favignana, Ustica, Capri, Ischia, Ventotene, Ponza, Capraia...). Forse c'è spazio per qualche milione di questi veicoli al mondo (anche più qualora raddoppiasse il raggio).

T. P.

guarda quello che dici è vero ma come mi ha fatto giustamente notare qui un utente, i rotori, o in generale le eliche, non lo sono!

bisognerebbe capire se c'è una tecnologia idonea anche per questa cosa che, immagino, invece sia già stata sviluppata per i mezzi tradizionali ma forse non è direttamente applicabile a questi nuovi mezzi...

Salvatore Arocchi

Alla fine sostituisce l'elicottero abbattendo parte dei costi .

Firebrand81

Beh, i motori elettrici son silenziosi per definizione, ma bisognerebbe comparare il frastuono orribile provocato da un elicottero con questo eVTOL effettivamente. Se come immagino, sarà molto più silenzioso, un veicolo di questo tipo sarebbe sicuramente interessante anche in ambito militare.

Firebrand81

Se anche solo sto coso servisse a liberarci dagli elicotteri, che consumano combistibili fossili come un alcolizzato si fa di birra ogni mattina, sarebbe un ottima cosa.

Antsm90

Ma anche per quei posti dove le percorrenze magari sono brevissime ma serve comunque l'aereo (isole asiatiche per esempio)

T. P.

campo militare? nessuno lo dice mai ma chissà...

tulipanonero1990

Questi sono progetti molto interessanti che però non risolvono la mobilità urbana. Adatti per percorrenze estremamente specifiche (centro città - policlinico, aeroporto - centro città). La necessità di predisporre eliporti non è facile da colmare, specialmente nelle nostre città (noi non abbiamo skyscrapper su cui far atterrare questi mezzi). Inoltre la capienza è quella di un elicottero, quindi è a questi mezzi che faranno concorrenza. Ogni campo di utilizzo che mi viene in mente è comunque meno competitivo rispetto a ferrovia (trasporto merci)/metro/tram). Non c'è niente da fare, la logistica su binari quando ben organizzata non si batte (anzi no, quella marittima è migliore ma con ovvi limiti geografici).

Jotaro

Qualcuno ha detto Vtol?
https://uploads.disquscdn.c...

Auto

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Motorsport

Formula 1: ufficiale, Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025

Auto

Hyundai Kona Electric (2024): prova consumi d'inverno e ricarica rapida | Video

Auto

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video