Crisi dei chip, Stellantis ferma la produzione in diversi impianti europei

31 Agosto 2021 66

La crisi dei chip sta continuando a colpire duramente il settore automotive che già stava faticando a riprendersi dalle conseguenze dello scoppio della pandemia. Come riporta Automotive News Europe, Stellantis ha deciso di estendere lo stop alla produzione in diversi stabilimenti europei a causa della carenza di semiconduttori. Oggi, le auto dispongono di soluzioni tecnologiche molto avanzate, tanto che in alcuni casi possono essere considerate dei veri e propri "computer su 4 ruote". Questo significa che la loro produzione dipende sempre di più dalla disponibilità di queste componenti.

I siti produttivi francesi di Rennes e di Sochaux, in Francia, e la fabbrica di Eisenach in Germania, hanno subito diverse interruzioni della produzione la scorsa settimana. A quanto si è appreso, questa settimana la produzione non riprenderà presso la fabbrica di Rennes in Francia. Inoltre, sarà sospesa anche quella dello stabilimento di SevelSud in Italia dove si producono i veicoli commerciali leggeri.

Una delle linee di produzione dello stabilimento di Sochaux non è stata riavviata lunedì. Le attività presso il sito di Eisenach rimarranno ferme almeno sino ad oggi. Oltre alle conseguenze negative sul fronte economico per le case automobilistiche, i ritardi nella costruzione dei veicoli stanno allungando e non di poco i tempi di consegna delle nuove vetture. I clienti che hanno ordinato modelli nuovi, in diversi casi saranno quindi costretti ad attendere molto di più rispetto a quanto preventivato inizialmente.

Inoltre, l'incertezza sulla fornitura dei chip sta portando alcune case automobilistiche a rivedere i piani di lancio dei nuovi modelli. Al riguardo, si ricorda il rinvio del debutto sul mercato della nuova ed attesa Nissan Ariya proprio a seguito di questa problematica. Non si può poi non menzionare l'annuncio fatto nel mese di agosto da parte di Toyota del taglio della produzione globale del 40% per il mese di settembre, pari a circa 360 mila veicoli in meno. Una decisione che avrà un impatto importante sulle attività dei suoi stabilmenti.


66

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Maurizio Mugelli

se non consegnano non vengono pagati, se i ricavi vanno su (e di parecchio) vuol dire che vengono pagati eccome, ergo consegnano.

axoduss

La chiusura del porto ha conseguenze sulle consegne, non sulla capacità produttiva delle fabbriche. C’era un bel articolo che lo spiegava, ad esempio molti container sono rimasti in USA e il prezzo di quelli rimanenti in Cina è aumentato a dismisura.

Mostra 1 nuova risposta

Sei tu che non sai come funziona un cambio. Non serve fare la doppietta in un cambio "SENZA ELETTRONICA" anche perchè i cambi attuali sono quasi tutti meccanici e per la sincronizzazione ci sono gli ingranaggi, non sono elettronici.

Così come non lo erano quelli di 20 anni fa e anche di 30, tutti cambi per cui bastava un ingranaggio per non avere problemi.

Hai ripetuto 3 volte una frase basata su un presupposto errato.

Andee Kcapp

Ma vai a rileggere quanto scritto che non hai capito un tubo. O forse sei limitato.

Mostra 1 nuova risposta

Hai mai visto un Chip in un sincronizzatore del cambio? Invece tu sai come sia fatto? Pare di no.

Mostra 1 nuova risposta

Hai risposto a me

Fabrizio

Nel progetto Giulia ne aveva presi fin troppi di ingegneri (erano basati a Modena ma sempre sotto Alfa, poi hanno unito l'R&D con Maserati)..quello che mancava era proprio l'organizzazione, che ha portato ai vari problemi, re-work e tempistiche allungate. Solita italianata dove vuoi tutto, subito e spendendo poco.
Oltre al mancato investimento in nuovi modelli, ma come detto sopra sono stati tagli necessari a mantenere in piedi la baracca fino alla fusione ed evitare un fallimento che sembrava inevitabile.
Adesso questa mentalità conservatoria deve cambiare però, per stare al passo della concorrenza bisogna investire e non solo sopravvivere

Andee Kcapp

Lo spero per Alfa Romeo. La vera colpa di Marchionne è stata la scelta di eliminare gli ingegneri per risparmiare. Doveva eliminare i burocrati non gli ingegneri, grave errore il suo perchè mancando gli ingegneri le auto non le ha più progettate nessuno. Le ultime Alfa sono il frutto degli ingegneri Maserati, pochi pure loro.

makeka94

Si esatto. è corretto.

Actarus71
Fabrizio

Non è così facile, i "chip" sono diversissimi fra di loro.
In nessun mondo puoi pagare un semplice chip automotive a 20/30/65nm (per elementi semplici come start/stop, pulsantiere, dashboard), quanto un soc avanzatissimo da smartphone o laptop a 3nm.
I primi magari sono da pochi centesimi, i secondi anche centinaia di $.
Per questo TMSC & co danno precedenza assoluta a chi per necessità paga di più.
Sicuramente costa meno fermare la produzione per X giorni/settimane piuttostochè pagare 100$ un chip da 10 centesimi (moltiplicato per i volumi ovviamente)

Fabrizio

Era inevitabile, Marchionne ha tagliato le spese in R&D per mettere i conti a posto e salvare un'azienda che era diretta verso il fallimento totale delle gestioni precedenti. Se non fosse per lui FCA non sarebbe mai esistita e la vecchia Fiat sarebbe fallita in pochi mesi con milioni di disoccupati in Italia.
Certo poi ci sono state un sacco di inefficienze e ritardi tipo il progetto Giulia / Stelvio, ma ora grazie anche ai capitali della fusione il futuro promette bene (anche guardando i numeri).

realist

Ma ci pensa Xiaomi, tutti i chip scartati nel test qualità di produzione, vanno a finire tutti sulla linea POCO smartphone

Klaus Heisler

perchè di ciop ce n'è sono in abbondanza, è "chip" ad essere impotente!

Andee Kcapp

Ma tu hai letto il messaggio a cui rispondevo?
Provvedi prima di proseguire.

Andee Kcapp

Già è proprio così. Ma ti sei chiesto perchè solo i marchi Italiani stanno subendo questo inarrestabile declino ? Declino che era iniziato già all'epoca di Marchionne, pace all'anima sua, e che non è mai stato contrastato nemmeno dai secondi successori (Peugeot).

Mostra 1 nuova risposta

Ah perchè i sincronizzatori che sono meccanici avrebbero dei Chip al loro interno? Bastano gli ingranaggi per evitare questi problemi non serve alcuna elettronica, è tutta meccanica.

Andee Kcapp

Hai mai guidato un auto con un cambio senza sincronizzatori, sempre che tu sappia cosa siano ? Ad esempio la 500 degli anni 60 e 70 avevano un cambio senza sincronizzatori.

Miserabile

Ti sei chiesto perché gli altri progrediscono?

Miserabile

Si, tutta gente che non ha pagato abbastanza per accaparrarsi i chip come altri hanno fatto, quindi le cose sono due:

1) o non gli conveniva e in quel caso amen
2) o non hanno voluto pagare abbastanza perché il guadagno sarebbe stato minore, grande cavolata in qualsiasi settore che si trova in crisi

Mostra 1 nuova risposta

Hai una concezione strana del cambio, non sono cambi da camion con 800k km

Fabrizio

Magari la crisi dei chip colpisce tutti i produttori, dato che la causa è macroeconomica e non specifica di un'azienda?
Toyota, tutti i tedeschi, Ford con migliaia di auto ferme nei piazzali, GM che sta vendendo auto senza accessori perchè non ci sono i chip.
Ma informarsi è troppo difficile

Fabrizio

A livello di numeri non sta andando niente male però, è il primo gruppo in Europa e Sudamerica e anche negli Stati Uniti non delude.
Quello che manca è il focus su marchi quasi abbandonati (Alfa e Lancia) però altri stanno andando benissimo (Jeep e RAM su tutte, ma anche Peugeot in Europa)

Andee Kcapp

Anche tu saresti capace di fare la doppietta in staccata senza rompere il cambio?

Andee Kcapp

Ma saresti capace di fare la doppietta in scalata senza rompere il cambio?

Andee Kcapp

Logica conseguenza della scuola Marchionne che continuano ad usare.
Ma perchè gli altri gruppi giapponesi, americani, tedeschi continuano a progredire e Stellantis regredisce? Ma gli azionisti, e non parlo della "famiglia storica", non hanno niente da recriminare?

Andee Kcapp

Stellantis, logica conseguenza della scuola Marchionne, pace all'anima sua.

Johnny

Non sono solo le elettriche, vale per qualsiasi veicolo.
Pure la Panda che di tecnologico ha quasi nulla ha tempi di attesa di 4 mesi contro un mese solito.

Miserabile

Pessimo management e investimenti, affari loro

alessandro78293

Perché nessuno parla mai di ciop!!!!!
https://uploads.disquscdn.c...

Ginomoscerino

ga

BLERY

Ovvio in mezzo ai afgani

Emiliano Frangella

""c'e grossa crisi"" cit.

Ginomoscerino

https://media4.giphy.com/me...

Signor Rossi
Maurizio Mugelli

non solo le auto elettriche, tutti gli adas hanno bisogno di centraline, sensori, sistemi elettronici di controllo ecc.

Signor Rossi
o u t a t i m e

I microchip scrausi servono per la gestione del quadro strumenti (anche analogico) con annesso display. Non serve potenza per fare ciò.

Ginomoscerino

è inutile che gli rispondi, è come Super Rich ma elogia solo Tesla invece di VAG

Actarus71

Prenoto una Bianchina a benzina da almeno 200 cv.

luxotto

Semplicemente le auto elettriche hanno bisogno di molti piu chip , con tecnologie diverse rispetto a quelle "normali" .
Le fabbriche di chip sono quelle che sono e riconvertirle in nuovi prodotti non è cosa di 6 mesi , ma ci vogliono progetti ad hoc.
I prodotti "obsoleti" rendono guadagni bassissimi e non possono tenere la baracca in piedi.
Il tutto si traduce in alibi per non dire di fallire per non essere stati lungimiranti.
Apple o similari accaparrandosi la quasi totalita dei chip fanno solo i loro interessi , poi i problemi si ripercuoteranno a valle ...
A breve sentiremo di nuovi investimenti a fondo perduto per il settore.
E il cerchio sarà chiuso

reallyfly

io vendo Ford, e nei mesi di maggio giugno le fabbriche di molti modelli erano chiuse per mancanza di chip, ora sono ripartite normalmente ma sempre con la paura che finiscano di nuovo

Dark!tetto

C'è effettivamente un calo di produzione, specie nel primo trimestre di quest'anno, ma la carenza è data dal fatto che ormai anche unbanale frullatore ha un chip per calcolare la potenza da erigare in base alla resistenza alla lama. Quindi più che un calo c'è un gran aumento di richiesta, automotive incluso.

Signor Rossi
Dark!tetto

Non è vero, gli esperti del blog hanno decreato che è tutto un trucco per aumentare i prezzi, quindi Stellantis fa parte del complotto...

adimo

I talebani sono arrivati in Italia?

Maurizio Mugelli

che io sappia la produzione e' satura anche su tutte le altre fabs, inclusi processi obsoleti tipo i 65nm rimanenti, non c'e' carenza, c'e' eccesso di richiesta.

Maurizio Mugelli

guardando i risultati fiscali dei vari produttori di chip e' abbastanza chiaro che questo li tocca molto poco, hanno avuto problemi durante i primi 3 mesi dopo il lockdown ma poi sono saliti a ritmi produttivi mai visti prima.
e' semplicemente la richiesta ad essere aumentata enormemente, in particolare l'automotive richiede dieci volte piu' componenti di quanto facesse dieci anni fa con il boom degli ADAS.

Overwiew_marcia

Quindi immagino che anche il Raspbery Pi 5 subirà ritardi, o sbaglio?

Scottyy Wiz

con il lancio prossimo dei nuovi prodotti apple é abbastanza prevedibile, apple é il principale cliente tsmc e sicuramente, come hai detto te, il piu remunerativo.

Auto

Dacia Spring: recensione, confronto consumi reali e test autonomia | Video

Auto

SKODA Octavia Wagon G-TEC: tutto sulla versione a metano | Recensione e video

Auto

Lexus NX 2022: prova dell'ibrida 350h e autonomia EV della plug-in 450h+ | Video

Economia e mercato

Crisi dei chip, quanto stanno tardando le consegne delle auto nuove? | Sondaggio