Toyota avverte Apple: il settore auto non è facile

11 Marzo 2021 65

Il numero uno di Toyota, Akio Toyoda, ha espresso le sue considerazioni sul progetto Apple Car di cui molto si è dibattuto negli ultimi mesi. Le parole sono "dure" e del resto, Toyoda non è mai stato molto "tenero" con i nuovi concorrenti. Per esempio, ha avuto parole dure anche su Tesla. Nel novembre del 2020, la descrisse come un'azienda che non realizza "prodotti reali", commentando il fatto che in borsa vale più di Toyota. E anche sull'elettrificazione, Toyoda è stato molto polemico, affermando che queste vetture sono "sopravvalutate".

Sull'eventuale discesa in campo di Cupertino nel settore automotive, il manager giapponese sembra avere le idee ben chiare. Il settore delle auto è molto complesso e va ben oltre la disponibilità della tecnologia per produrre i veicoli.

Dopo aver realizzato un veicolo vorrei che fossero pronti a dialogare con i clienti ed ad affrontare i vari cambiamenti per i prossimi 40 anni.

Arrivare a produrre un'auto non è quindi il nocciolo della questione, anzi, per il numero uno di Toyota, l'arrivo delle aziende tecnologiche può dare nuova vita al settore e offrire più scelte ai clienti. Il loro ingresso, però, deve essere "equo" nei confronti dei consumatori. Il "vero problema" è quello che arriva dopo. Queste aziende, secondo Toyoda, devono essere pronte a prendersi la responsabilità dell'intero ciclo di vita dei loro veicoli, dalla manutenzione sino all'eventuale rottamazione. Un aspetto non di poco conto visto che Cupertino probabilmente entrerà nel settore auto attraverso la collaborazione con un'azienda già presente in questo mondo.

LA SCELTA DI APPLE

Apple, infatti, può seguire tre strade: costruire i propri stabilimenti, appoggiarsi ad una casa automobilistica o affidarsi ad un produttore a contratto. La prima via è onerosa, complessa e sostanzialmente impraticabile per la società americana. Cupertino ha poi già provato a dialogare con alcune case automobilistiche, si pensi al Gruppo Hyundai, ma con scarsi risultati. Il problema vero è che un costruttore non intende produrre un modello potenzialmente di grande impatto senza mettere il suo marchio. Sarebbe come se Apple chiedesse a Samsung di produrre l'iPhone.

Per Cupertino, dunque, la via più facile da seguire sarebbe quella di adottare una strategia simile a quella seguita con l'iPhone e cioè trovare un produttore a contratto che si occupi della costruzione dell'auto. Una strade che le permetterebbe di avere maggiore controllo sul prodotto e di ottenere un migliore margine di guadagno. E secondo gli esperti del settore, tra i candidati più papabili ci sarebbero Foxconn, sempre più impegnata nel settore automotive e Magna con cui Apple ha avuto già a che fare brevemente in passato e che si occupa di produrre alcuni modelli per importanti marchi premium come BMW, Daimler e Jaguar Land Rover.

Seguendo questa via, Apple, però, dovrà decidere come gestire tutto quello che viene dopo la produzione e la vendita dell'auto. Aspetti importanti per un'azienda che intende entrare nel settore automotive. Le parole di Toyoda fanno riferimento proprio a queste difficoltà. Del resto, anche altri manager delle grandi case automobilistiche la pensano più o meno uguale. Per esempio, Herbert Diess, CEO del Gruppo Volkswagen, aveva detto chiaramente che l’industria automobilistica non è il tipico settore tecnologico nel quale puoi prendere il sopravvento in un colpo solo. Per lui, Apple non riuscirà a gestirlo dall'oggi al domani.

VIDEO


65

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
efremis

Infatti il guadagno è il meno, come quantità vende più telefoni lei da 1500 euro (vedi iPhone 12 Pro Max) che gli altri da 150 per la forza e identità che agli altri manca, anche perché è l'unica che può permettersi un OS diverso da quello di Google.
Come dire che è una nicchia non è vero (minoranza di percentuale su Android ma terza nel mondo come share guardando le case), è semplicemente così forte da permettersi di puntare meno sulla quantità ma più sul "meno ma meglio" che è sempre stato il suo motto. Se si abbassasse di prezzo avrebbe uno share molto maggiore ma sarebbe semmai controproducente nel lungo periodo ed avrebbe un peso inferiore come i concorrenti (e guadagni minori).
Quello che voglio dire è che tutti sono ridimensionati dalla concorrenza (e meno male) ma quelli più sono gli altri nei suoi confronti, anche Audi ha una share inferiore a Fiat in Italia ma non perché sia migliore o perché lo share conti di più.

E K

Assolutamente, vedremo... e un player in piú fa sempre comodo.

Io eviterei di tirare in ballo i guadagni, quelli sono meno importanti dello share, ovvio, per le tasche dell'azienda sono essenziali ma per la sopravvivenza nel lungo periodo é lo share che ti salva, vedi MS, nonostante le p0rc4te fatte per quasi 10 anni ha sempre la sua posizione, se fosse sparita o si fosse ridimensionata troppo ora non potrebbe fare quel che fa ovviamente.

A confronto apple é sempre una nicchia, e fino a che riesce a convincere gli utenti che il prezzo maggiore é giustificato non ha problemi, ma se non dovesse piú riuscirci?

E K

A me infastidiscono di base le religioni.
Apple é una religione, tutto quello che fa apple viene distorto ed ingigantito dagli adepti e il fatto che sia un ecosistema chiuso, senza democrazia e con così tanto potere economico danneggia tutti, anche chi non usa questi prodotti, ergo vengo danneggiato anche io dalle scelte egemoniste di apple, nonostante me ne tenga alla larga.
Conclusione, non mi piace apple, non mi piace la mistificazione che gli idolatri fanno attorno al marchio e non mi piace la ridotta libertá causata dalle imposizioni di questa societá. Il resto sono dati facilmente leggibili su wiki o su alcuni antichi articoli di giornale, poi se tu ed il resto del mondo amate il sistema buon pro vi faccia, i fatti restano tali.

max

Complimenti alla giornalista, ho guardato il video senza sapere cosa abbia detto.

Mastro

come sei limitato, non vedere la rivoluzione di ipod + itunes vuol dire essere ciechi, mi dispiace leggere commenti da persone così limitate.

Mastro

ti sei dimenticato... itunes, apple music, mac (che come ricavi sono tra i primi al mondo, anche se non lo sono come market share)... i soli prodotti che al momento non sono leader o tra i leader mi vengono in mente solo appletv e arcade, in tutto il reso ogni prodotto potrebbe essere una azienda a se e comunque sarebbe tra le più ricche al mondo.

Signor Rossi
Signor Rossi
Signor Rossi

Non sono in malafede, mi limito giusto ad osservare ... guarda non sono italiano, non vivo in Italia, ma sono stato a lungo di servizio a Roma, un gran bel periodo della mia vita ... solo che un po’ tanti cercavano di fregarmi, è proprio un brutto vizio di una certa parte dei italiani ...

Adesso almeno c’avete uno che sa come si gestiscono i soldi e siamo seri Salvini sarà pure simpatico, ma non credo che s’intenda molto d’economia.

E K

L'imac ha rivoluzionato cosa? Sicuramente il mercato dei mac, ma non quello dei pc.

Ipod ha cambiato cosa? Io la musica la ascoltavo con le orecchie prima e la ascolto con le orecchie ora, lo stereo a casa l'ho sempre avuto e la musica da pc la ascolto oggi come lo facevo negli anni novanta,
a passeggio:
negli anni ottanta usavo il walkman,
negli anni novanta il lettore cd portattile
e nel 1999 avevo un piccolo lettore mp3,
ipod é arrivato dopo ed ha reso solo piú modaiolo il mercato dei lettori mp3 che erano bruttini e da nerd, non ha rivoluzionato nulla.

Microsoft ha salvato Apple dal fallimento, ed apple forte del supporto e dei contratti quinquennali con MS ha potuto (facendo piú debito) comprare Next che era in bancarotta. I 400 Milioni non sono andati a Steve, ma sono andati ad appianare i debiti dell'altra azienda e questo genere di azioni sono molto ben viste dagli investitori e dalle banche in America, perché così facendo si assicurava la sopravvivenza di apple che avrebbe saldato i suoi di debiti, altrimenti sarebbero finite entrambe in insolvenza.

Abbi un minimo di onestá intellettuale suvvia.

Signor Rossi
efremis

iPhone è un successo da 14 anni e non mai stata ridimensionata, così come iPad, Watch, Airpods, Mac M1) dove, oltre ad aver stravolto, ha ridimensionato tutti e rimane sul pezzo, lo dimostra il guadagno maggiore nei singoli reparti di qualsiasi altra casa o market shared insieme (Google con 88 % di shared con Android guadagna meno di Apple con il 12, Samsung arriva alla metà con uno share molto maggiore).
Il monito è uno dei mille avuti negli anni e sembra il solito di paura di quando Apple entra a gamba tesa sbaragliando la concorrenza (escluso TV+), proprio perché quando lo fa, non li fa da sprovveduta e tutti lo sanno.
Detto questo, vedremo ed è tutt'altro che scontato il successo, ma non certo per queste parole...

E K

Diciamo che dove apple non é riuscita a stravolgere il mercato (ipod, iphone, ipad, cuffiette), ha sempre fatto fatica a farsi strada e dove ha stravolto il mercato é stata pesantemente ridimensionata in tempi molto rapidi. Quindi il monito di Toyoda é sicuramente spinto da apprensione ma é corretto. Inoltre gli investimenti nel settore auto sono parecchio piú importanti di quelli nel mercato elettronica di consumo, i rischi per la vita delle persone sono molto piú alti, la vita degli oggetti é parecchio piú lunga e la spesa per oggetti come le auto sono molto piú ponderati rispetto ai beni inferiori.

Signor Rossi
efremis

Appunto, ha reinterpretato il concetto (per quanto i touch, seppur resistivi, mono e con schermi in plastica già ci fossero).
Questo è tutto altro ambito e sono il primo a dire che il risultato è tutt'altro che garantito.
Ma queste "intimidazioni" lasciano comunque il tempo che trovano, sicuramente Apple non è quella che tende a fare le cose da sprovveduta.

E K

Spiegami l'esistenza di apple fino al 2004 per favore. Se ora é quella che é, lo deve al salvavita di Microsoft, altrimenti ora sarebbe giá storia.

E K

Sicuramente... esattamente come nel mercato smartphone, o nel mercato pc, vero?

E K

apple é riuscita a cambiare il mercato della telefonia perché ha presentato un nuovo modo di intendere il telefono (senza tasti fisici, il resto é fuffa). Lo facciano con le auto.

EC

È un non problema per l’Italia. Apple avrà Tesla (e simili, BMW, Porsche etc.) nel mirino, auto che corrono in mercati ricchi e grandi, Sarà sicuramente premium, che non va d’accordo con i grandi numeri. I telefoni non entrano come riferimento in questo segmento. Io da italiano, con riserve aurifere limitate, guardo all’elettrico perché assecondo la legislazione di questi politici senza senso, cioè senza buon senso, aspetto un’auto a cifre umane a marchio popolare e ci proverò indebitandomi all’inverosimile per spostarmi e rivedendo la mia mobilità. In percorsi brevi auto e in percorsi lunghi aereo o treno.

Nyles

Esatto le casse di Apple sono il punto. Quando hai qualche centinaio di miliardi di liquidità da investire ti puoi comprare tutto il know-how che serve e tutte le infrastrutture che servono.

Nyles

L'inizio dell'articolo porta credibilità a questo signore: "un'azienda che non realizza "prodotti reali", commentando il fatto che in borsa vale più di Toyota".

Ora le Tesla sono più che reali.
1 luglio 2020 Tesla supera in borsa Toyota.

Le previsioni non sono il suo forte.

Callea

Confondi il libero mercato con il monopolio.
Sono due cose diametralmente opposte.
Apple è esattamente l'opposto di un'azienda monopolistica (vedi Microsoft ad esempio).

Fabrizio

Apple ha le casse infinite quindi potenzialmente può fare quello che vuole.
Detto questo fra elettronica di consumo e automotive ci passa un mondo e la complessità non è neanche lontanamente paragonabile, anche se con l'elettrico si sono semplificati tanti aspetti

Grewal

Non puoi paragonare i debiti delle aziende ai soldi del Next Generation EU perché saresti in malafede, ed io confido che tu no non lo sia.
Il famoso recovery é un prestito vero ma é ad interessi negativi, solo di interessi rispetto a chiedere i soldi sul famoso "mercato" di Salvini si stima un risparmio di 25 mldd

daniele

Incredibile , un altro articolo sul nulla di Apple car

stefano passa

Confondi un prestito delle banche con sovvenzionamenti statali che tra l' altro ne usufruiscono moltissime aziende

Giorgio

Una bella fetta sono convinto anche io che compri solo per il brand, detta così suona meglio

Signor Rossi

TOO BIG TO FAIL ...

Non puoi far fallire aziende come Toyota o VW, ti ritrovi in un istante con un milione di persone senza lavoro e questo porterebbe alla rovina gran parte dei fornitori, con conseguenze inimmaginabili.

Come la storia di un certo Trump, dieci delle sue dieci aziende sono fallite in questi anni, incluso i casino ed alberghi. Per non mandare tutto a picco, i suoi "amici" hanno continuato a finanziere le sue imprese, creando un debito miliardario ... Come adesso l'UE che elargirà quei famosi 200 miliardi all'Italia, solo che prima o poi a qualcuno toccherà restituirli con tanto di interessi.

È tutta la vita che mi occupo di vendita di prodotti di lusso e ho avuto un gran maestro che mi ha insegnato una cosa semplice semplice : niente soldi niente merce.

Signor Rossi
matteventu

"qui rischiamo di vedere sparire varie aziende"

"Purtroppo" lo so, ma d'altronde non posso ritenerli "affari miei".

Sicuramente mi dispiacerebbe per tutta la gente che perderebbe lavoro e per la "storia" che comunque alcune aziende (che chiuderebbero i battenti) hanno dietro, però creerebbe altre aziende, nuova concorrenza, etc.

In ogni caso, NON vorrei lavorare per un'altra azienda automobilistica nel momento in cui Apple entra nel settore.

Arale's Poopoo

A cui aggiungere il mercato delle cuffie.

Apple non solo é il primo produttore mondiale di cuffie TWS, e il brand "Airpods" fosse un'azienda sarebbe tra le prime 100 al mondo per valore, ma é diventato il primo produttore mondiale di cuffie in assoluto, andando ad erodere quote di mercato che prima appartenevano a brand come Bose e Sennheiser.

PS: il problema della Microsoft sono stati il marketing confusionario e l'esser entrati nel mercato con un prodotto competitivo troppo tardi, facendo per altro le stesse cose in modo troppo diverso e con il classico cane che si morde la coda (niente supporto di terze parti per mancanza di utenti, ma mancanza di utenti per il poco supporto di terze parti).

A me la tastiera di WP continua a mancare oggi, fai te.

Arale's Poopoo

E infatti le altre case stanno investendo tantissimo nello sviluppo tecnologico.
Tra le altre cose, per quanto le batterie non siano l'unico vantaggio di Tesla sulla concorrenza, le altre case stanno investendo nelle batterie allo stato solido (mentre musk é contrario al loro uso). Mercedes invece ha iniziato anche a montarle su alcuni propri pullman che si vedono in alcune cittá.

Ma il punto non é tanto quello, quanto il fatto che il valore netto di tesla era ben oltre 1000 volte superiore a quello che fa di entrate in un anno, che é notevolmente superiore a quello delle altre aziende del settore automobilistico, ma questo solo perché come scrivevo per il momento Tesla viene considerata un'azienda del settore tecnologico e non di quello automobilistico.

Cosa simile per Nio.

Infatti la maggior parte degli analisti danno alla bolla delle auto elettriche ancora un paio di anni di vita, poi scoppierá.
Con questo non voglio dire che Tesla fallirá, anzi, ma sicuramente andrá ad affrontare diversi problemi.

stefano passa

non funziona cosi cosa, tutte la aziende hanno avuto periodi di indebitamento , e se i soldi vengono prestati significa che può andare avanti
poi sai bisognerebbe fare un analisi un più approfondita per esprimere giudizi , quanto fattura quanto ha di margine , quanto capitale ha...
vedere solo u parametro serve a poco

stefano passa

significa quello che ho scritto, essendo tra i primi produttori mondiali di auto sa come si costruiscono e come si gestisce tuta la filiera, ne sa più di apple e può permettersi di dare consigli...

Il diacono frost

Qualche consiglio lo più dare su questo settore... cosa significa?

Signor Rossi
uncletoma

tranquilli, gli apple fan in buona parte sono brainless

Signor Rossi

Hai ragione, solo che quei soldi la Apple li usa per pagare tasse, dividendi, fornitori eccetera eccetera ... la FED esattamente come il governo degli USA sono molto "gentili" nei confronti della Apple. Miglior esempio le imposte doganali per i prodotti importati dalla Cina, ci sarebbe un 15% da pagare. Il governo USA aveva proposto alla Apple di pagare il 7.5% e poi si sono accordati su ZERO.

Signor Rossi
stefano passa

apple domina incontrastata ogni segmento in cui è presente???
che film hai visto???

stefano passa

bhe diciamo che essendo la prima-seconda azienda al mondo per produzione di auto
qualche consiglio lo più dare su questo settore , essere ricchi non significa saper fare tutto

Vae Victis

L'evasione non genera i soldi per gli investimenti perché la applichi quando fai uscire i soldi dall'azienda (bonus, stock option, dividendi etc..) non quando li fai entrare.
Io mi riferivo invece ai prestiti a pioggia che ricevono tramite Fed, con tassi di interesse ridicolamente bassi.

sgarbateLLo

come paragonare mele con pere, abbi pazienza

Callea

Apple non fagocita i mercati in cui è presente monopolizzandoli.
Al contrario ne è il faro guida.

Signor Rossi

Per la Apple sono giusto dei giochi finanziari per evitare di pagare le tasse, sia sulle entrate che sul loro gigantesco patrimonio. Attualmente fuori dagli USA sono "parcheggiati" oltre 250 miliardi in contanti, negli USA la somma è ancora più alta, parliamo di contanti a cui tocca aggiungere tutto il resto in loro possesso ... per Toyota e company i crediti sono essenziali per andare avanti.

Apple è molto discreta, ma da anni loro ad un ritmo mensile acquisiscono una o più aziende. Finanziano la produzione della Foxconn, esattamente come le nuove Gigafactory's della Samsung. La Apple per il 2022 / 2023 si è assicurata l'intera produzione dei nuovi processori da 3nm, sia quelli prodotti da Samsung, che quelli della TSMC.

sgarbateLLo

perché si shittano nei pantaloni dopo aver visto cosa è successo a Nokia e sperano che non tocchi a loro

Giovanni Giorgi

La risposta di tim cook: https://uploads.disquscdn.c...

Signor Rossi
Vae Victis

A Toyota cosa gliene importa se Apple fallisce producendo auto?

Vae Victis

Toyota viene finanziata dallo stato giapponese da sempre.
Se il tasso di interesse che gli chiedono è inferiore al tasso di inflazione possono avere anche debito infinito. Ce ne sono molte di situazioni analoghe.
Anche Apple riceve trattamenti di favore nei finanziamenti.

Se queste aziende dovessero pagare gli stessi tassi da strozzino che devono pagare le piccole imprese europee, fallirebbero dopo 6 mesi.

Auto

Kia Sportage: proviamo la rivoluzione coreana sotto forma di SUV | Video

Auto

Recensione Dacia Sandero Streetway TCe 90 CVT, quella automatica | Video

Auto

Recensione Jeep Compass 4xe PHEV: SUV ibrido plug-in a trazione integrale | Video

Auto

Recensione Audi Q2: il restyling della #untaggable. Test 35 TDI 150 CV | Video