Euro NCAP: per la prima volta i test includono gli ADAS | Modalità e risultati

18 Ottobre 2018 33

Gli ADAS - lo abbiamo più volte ribadito anche con le nostre "Pagelle della guida autonoma" - grazie all'automazione di alcuni aspetti della guida consentono di viaggiare più tranquilli e rilassati, intervenendo in diverse situazioni per evitare i danni o mitigarne gli effetti. Tuttavia siamo ancora lontani dal poterli considerare guida autonoma, anche se, secondo una ricerca commissionata dall'ente indipendente Euro NCAP, il 70% degli automobilisti intervistati è convinto che oggi sia possibile acquistare un'automobile a guida totalmente automatizzata...

Questo non toglie che oggi il mercato offra vetture sempre più avanzate e che molti costruttori siano concretamente impegnati nello sviluppo di veicoli completamente autonomi. Nell'attesa, oggi moltissimi dei modelli in commercio sono dotati di sistemi che aiutano a mantenere una velocità costante, a conservare una distanza di sicurezza dal veicolo che precede e a rimanere al centro della corsia grazie all'uso intelligente combinato del Cruise Control adattivo (ACC) e del Lane Centering (LC).

A livello legale, i sistemi in grado di assistere costantemente il conducente nel controllo sia longitudinale che laterale del veicolo sono noti come Funzione sterzante a comando automatico (ACSF), Categoria B1. Sulle nostre pagine, nell'ambito della classificazione SAE, li includiamo nella cosiddetta guida autonoma di Livello 2. Euro NCAP, dal canto suo, li definisce più semplicemente Driver Assist Systems, per ribadire ancora una volta che il loro ruolo è quello di assistere il conducente (che è sempre tenuto a mantenere gli occhi sulla strada e le mani sul volante) e non quello di prendere il controllo del veicolo (anche se alcuni di essi sono in grado di farlo parzialmente).

Tra l'altro, attualmente non è nemmeno consentito dalla legge l'uso su strada di sistemi che permettano al conducente di tenere le mani lontane dal volante per un tempo protratto, o dedicarsi ad altre attività durante la guida. A questo si aggiunge il fatto che la maggior parte degli ADAS oggi in commercio funzioni al massimo delle proprie potenzialità solamente in presenza di una buona segnaletica orizzontale, e quasi sempre in condizioni di guida "ideali" come ad esempio quella autostradale.

Questa premessa per introdurre la notizia di oggi: l'ente Euro NCAP ha messo a punto una serie di test per valutare le prestazioni dei pacchetti Highway Assist, ovvero quelli che combinano l'utilizzo del Cruise Control Adattivo e i sistemi di controllo attivo dello sterzo, simulando condizioni critiche.

I modelli sottoposti a questi primi test sono: Audi A6, BMW Serie 5, DS 7 Crossback, Ford Focus, Hyundai NEXO, Mercedes-Benz Classe C, Nissan LEAF, Tesla Model S, Toyota Corolla e Volvo V60. Nei paragrafi seguenti riportiamo le modalità di test di Euro NCAP e i primi risultati (qui il link per le singole valutazioni a fondo pagina).

Test ADAS Euro NCAP: come funzionano

Prove Cruise Control adattativo

Il Cruise Control adattivo (ACC) è un sistema che regola automaticamente la velocità di crociera della vettura in base al rallentamento del veicolo che precede, mantenendo una distanza di sicurezza. L'ACC funziona in modalità congiunta e indipendente da altri sistemi di assistenza alla guida già valutati da Euro NCAP, quali l'AEB e il mantenimento di corsia. La funzione ACC di una guida automatizzata è testata nell'ambito della più ampia prova AEB (frenata automatica di emergenza) di Euro NCAP, con velocità di avvicinamento comparabili a quelle normalmente riscontrate sulle autostrade in Europa. Tali sistemi sono progettati per modulare automaticamente la velocità durante l'avvicinamento a un veicolo che procede più lentamente o che sta frenando e di solito dimostrano ottime prestazioni in sede di prova. Tuttavia, non tutti i sistemi funzionano ugualmente bene nei test in cui il veicolo si avvicina ad uno che ha frenato, perché gli algoritmi attuali incontrano difficoltà nell'individuare oggetti stazionari.

I test più impegnativi per i sistemi Highway Assist sono gli scenari con manovra "cut-in" e "cut-out". Nel test "cut-in", una vettura che sopraggiunge dalla corsia adiacente si ritrova improvvisamente davanti il veicolo in prova. Si tratta di uno scenario frequente nel traffico di ogni giorno e un conducente attento anticipa la manovra e riduce di conseguenza la velocità. Nello scenario "cut-out", una vettura lascia bruscamente la corsia di marcia per evitare l'impatto con un veicolo che precede e che frena all'improvviso, lasciando al sistema solo pochi istanti per identificare e gestire il pericolo.

Prove supporto piantone sterzo

Un secondo set di prove è stato sviluppato per valutare la funzione Lane Centering che aiuta il conducente a mantenere la vettura al centro della corsia di marcia. L'intensità della manovra correttiva offerta da ciascun sistema è valutata nel cosiddetto S-bend test a varie velocità. Un buon sistema di supporto alla guida continua ad assistere il conducente durante la manovra e non resiste all'azione che questi intraprende, né si disattiva. Un altro test misura lo sforzo di sterzata necessario al conducente per aggirare un piccolo ostacolo presente sulla strada.

Tutti i test di guida automatizzata sono eseguiti su una pista di prova con corsie ben delimitate e i test di manovra "cut-in" e "cut-out" prevedono l'uso di un veicolo "dummy" controllato da robot per garantire una buona ripetibilità.

La limitazione di velocità è un'altra funzione che sarà necessaria sui veicoli self-driving. I sistemi attuali spaziano dai tipi più semplici, in cui il conducente imposta il limite di velocità della vettura, a quelli più sofisticati. Il sistema di allarme velocità (ISA) utilizza la navigazione satellitare e/o i dati visivi forniti da una telecamera per identificare il limite di velocità "locale" e adeguare di conseguenza, a discrezione del conducente, la velocità della vettura. I sistemi di limitazione velocità sono attualmente inclusi nelle regolari valutazioni dei veicoli eseguite da Euro NCAP e non sono stati effettuati ulteriori test. Solo alcune delle vetture testate erano equipaggiate con sistema di allarme velocità (ISA).

Oltre a testare le principali funzioni del sistema, Euro NCAP verifica che le informazioni fornite dal costruttore nei media, negli spot pubblicitari o nel manuale dell'utente siano corrette e non "gonfiate", oltre che chiare e complete relativamente alle caratteristiche e i limiti del sistema.

Risultati

Euro NCAP non ha ancora incluso i sistemi di guida automatizzata nella valutazione della sicurezza espressa in stelle, poiché ne sta studiando accuratamente il design, i limiti e gli effettivi vantaggi che da essi ci si può aspettare.

Piuttosto, Euro NCAP concentra il proprio impegno sull'offerta di informazioni relative alle tecnologie allo stato dell'arte effettivamente in uso, e commenta le strategie di progettazione adottate dal Costruttore, contestualmente alle normative in materia vigenti in Europa.

Come funziona?

Utilizzati correttamente, i sistemi Highway Assist offrono al conducente un ambiente di guida più confortevole e rilassato, aiutandolo a mantenere una distanza di sicurezza dal veicolo che precede. I sistemi hanno risposto in modo diverso negli scenari di test. Approcci diversificati hanno portato a differenze sia nell'equilibrio tra gli input forniti rispettivamente dal conducente e dalla vettura, sia nella probabilità di un eccessivo affidamento al sistema. Negli scenari più complessi "cut-in" e "cut-out", la collisione può essere evitata soltanto con l'aiuto di un conducente attento che reagisce prontamente.

Questa prima serie di test sui sistemi Driver Assist dimostra chiaramente che non sono autonomi né self-driving, ma che semplicemente offrono assistenza alla guida. Tuttavia, come è scontata la necessità di un essere umano dietro al volante, così è imperativo che sulla vettura siano disponibili sistemi di sicurezza avanzati sia attivi che passivi.

Uno smartphone concreto, veloce e con un display eccellente? Asus Zenfone 5Z, in offerta oggi da Computer Shop Pisa a 399 euro oppure da Amazon a 499 euro.

33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

sì, quello sì. Avevo una situazione simile, quando ho inserito la modalità ECO sulla mia vettura:
Entrata in autostrada, cerco di entrare normalmente... A sinistra sopraggiunge un tir e mi supera di 1m. Per non andare a sbattere contro il guard rail (entrata bast..dissima) cerco di accelerare per immettermi davanti a lui, ma l'auto non accelera. Per finire gli sono entrato davanti di 1/2 metro e con ragione ho dovuto subirmi i fari abbaglianti con tanto di clacsonata.

E penso che situazioni simili con incidenti capitano giornalmente. Avrai anche un kickdown, ma non é la prima cosa che ti viene in mente quando vuoi accelerare in caso di panico… Anzi, non pensi che possa essere il limitatore in quel momento.

ironmel

concordo sull'utilità di accelerare per evitare danni (a volte) ma, che io sappia, il kickdown per disattivare cruise e limitatore ce l'hanno tutte a fondo corsa

ironmel

concordo sul finalmente! Ovviamente si scherza sul tema ma Euro NCAP ha una potenza economica e di personale di gran lunga superiore a quella che possiamo avere noi: strumentazione, pista, ripetibilità nelle stesse identiche condizioni e via dicendo. Quindi assolutamente da seguire!

Tommy 90
ironmel

ebbene ora che è finita la causa legale posso dirvelo, EuroNCAP voleva chiamare i test "pagelle guida autonoma", ma sono riuscito a non farmi rubare il nome. Una piccola gioia xD

F0x

Ma l'hai visto il test dell'A6? È imbarazzante

Commentatore

Mi spiace che i miei commenti ti diano fastidio.
Non dubito che tu li trovi ridicoli non essendo informato. Come in questo caso non hai neanche guardato i test per capire il mio messaggio, ma hai solo insultato.
Fai come credi, ma se ti comporti così non fai altro che mostrare la tua ignoranza e seminare zizzagne senza motivo.
Buona giornata.

GTX88

no bastano i tuoi commenti ridicoli pro tesla ad ogni articolo

Emanuele

pensa che io mi immaginavo addirittura il contrario cioè che la maggioranza degli automobilisti non conoscono i sistemi di aiuti alla guida di livello 2 e 3.

Commentatore

interessante :)
Per finire l'hanno messo allora. Per anni c'era polemica da parte di Toyota per inserirlo. EuroNCAP gli toglieva pure i punti "sicurezza" per il fatto che non lo inserivano.

Pensa che sulla IS300h del 2014 non c'è :/
E sul manuale della C-HR c'è un asterisco (se presente).

PS: in caso di incidente di fronte a te, si può frenare. Se l'incidente sta per avvenire dietro o dal lato, può anche darsi che accelerando si possa evitarlo!

Tony Musone

Non so a quali Toyota tu ti riferisca perchè la Prius e il C-HR (entrambe guidate per centinaia di km) hanno quell'opzione.

p.s.
"in caso di incidente immediato" si può anche frenare ;)

- Prius
http://www.cautoita.org/toyota_prius-2/impostazione_della_velocita_del_veicolo-232.html
- C-HR
http://www.waterbear.it/wp-content/uploads/2016/11/1983.pdf

GTX88

ma quanto sei ritardat0 da 1 a Tesla?

GTX88

è pieno di scem1 anche su sto blog convinti che ci sarà fra un paio d'anni

Quello di sicuro :)
Ci sarà quel 0.001% di possibilità in più di sopravvivere in un incidente se non hai questo sistema che ti blocca l'acceleratore.

Metti che ti vedi un aereo nello specchietto retrovisore… Sarai ben contento di poter accelerare :P
Oppure se vedi una frana sul fianco della vettura e ti bastano 100m per essere in salvo.
Oppure vedi un ponte che sta per crollare e tu ci stai sopra... Acceleri affinché lo passi il prima possibile.

Oppure in entrata di autostrada qualcuno ti punta e per sbaglio hai ancora il limitatore… Acceleri fino a 60-80 e poi la vettura smette di colpo… Rischi di creare un incidente con questo sistema automatizzato.

non dico per gli optional. Ma se la vettura riesce ad accendere in automatico i tergicristalli e riesce ad accendere in automatico le luci (come sulla mia), perché diavolo mi accende i tergicristalli senza accendere le luci? Non ha senso! Quando piove (e la vettura se ne accorge) allora mi accendi sia i tergicristalli che le luci! Invece no… se piove e c'è sole, si accendono solo i tergicristalli.

Per la nebbia é sicuramente più difficile… Servirebbero ulteriori sensori forse… Ma sai quante volte c'è nebbia di giorno -quindi molto chiaro - dove non vedi oltre i 5m e trovi puntualmente vetture nuove (che sicuramente hanno questi sistemi automatici) che viaggiano senza luce?

Manuelicata

Penso che la maggior parte degli incidenti si evitino frenando, non accelerando.

Nel senso che imposti che la vettura non può andare oltre i 50km/h e appena li raggiungi, la vettura non accelera più. E' identico al cruise control, ma al posto di mantenere la velocità imposta il massimo.
Se hai il cruise control, non costa niente aggiungere un bottone (la Hyundai lo fa in ogni vettura). Toyota ad esempio si rifiuta di inserirlo perché in caso di incidente immediato, potresti evitarlo accelerando un attimino… Ma con questo sistema non puoi accelerare oltre quello che hai impostato. E' uno dei motivi perché Toyota perde punti in questo test NCAP.

Commentatore

Finalmente un test ufficiale che dimostra la superiorità di Tesla rispetto alle concorrenti (guardate i video).
Alla faccia di chi continua a scrivere che il lv2 ce l'hanno tutti e Tesla non è neanche tra i migliori.
Senza contare che gli aggiornamenti i gratuiti continueranno a migliorare il sistema Tesla, per gli altri no.

(Ma avete visto Audi A6?! Penosa! Altro che i primi ad avere il lv3, manco sanno fare un lv2 decente. Buffoni!)

Commentatore

Finalmente un test ufficiale che dimostra la superiorità di Tesla rispetto alle concorrenti (guardate i video).
Alla faccia di chi continua a scrivere che il lv2 ce l'hanno tutti e Tesla non è neanche tra i migliori.
Senza contare che gli aggiornamenti i gratuiti continueranno a migliorare il sistema Tesla, per gli altri no.

(Ma avete visto Audi A6?! Penosa! Altro che i primi ad avere il lv3, manco sanno fare un lv2 decente. Buffoni!)

asdlalla3

Le ultime cose che hai citati (luci e tergicristalli che si accendono da soli) credo siano tutt'ora optional, specie nelle auto di fascia più bassa.
Per dire, alcune cose le ho io sulla mia C3 (catorcio del 2003 in versione full-optional - meccanicamente invece si può dire """nuova""") ma non è presente su molte auto ben più recenti e anche di categoria superiore.

Poi, per come la vedo io, mi affiderei in toto al sistema quando si parlerà di auto interconnesse tra di loro (in modo che tutte sanno cosa fanno e non fanno). Per ora, l'umano dovrebbe continuare a mantenere il controllo completo del veicolo

Tony Musone

E non avrebbero del tutto torto, dato che ci sono le ibride plug-in ;)

Tony Musone

"limitatore di velocità ... diminuisce la sicurezza." In che senso? Sai che in Italia è dal 1995 che alcuni mezzi hanno l'obbligo d'installare il limitatore di velocità?

Michele Cianci

Se pensi che quando ho preso la bici elettrica la maggiorparte delle gente che voleva saperne di più pensava che la batteria della bicicletta si ricaricasse all'infinito solo pedalando e/o frenando...

qandrav

allucinante...
vabbè che per l'italiano medio il massimo della vita è audi a3 o q5 quindi capisco...

Io mi ricordo ancora le Volvo di 5-10 anni fa. Le vedevi in autostrada con le luci del freno ad intermittenza quasi visto che per tenere la distanza frenava. Mi divertivo a passargli davanti… La Volvo inseriva il freno d'emergenza, frenando la vettura a 0 quasi. Pericolosissimo se pensi, eppure potevano vendere la vettura!
Oggi per fortuna misurano la velocità del veicolo che si immette nella tua corsia e possono calcolare se serve una frenata brusca o no, ma sicuramente serve tempo ancora per qualcosa di affidabile.

A me Lexus chiedeva 5000€ per il pacchetto sicurezza, con le varie telecamere, tenuta di corsia, angolo morto e sensori per indicare vetture lateralmente quando esci dal parcheggio in retro.

Troppi se pensi che ancora oggi il 99% delle vetture non accende in automatico le luci in caso di nebbia ma con tanta luce. Oppure che il 99% delle vetture non accende le luci in automatico anche se fuori sta piovendo di brutto (ti accendono il tergicristalli ma non le luci!). Insomma, cose semplici da implementare ma implementate male... Figurarsi in sistemi complicati… Per quello ho evitato di pagare 5000€ per questi optionals… Se li compri vuoi che funzionino al 100%, se no tanto vale...

EuroNCAP é un po' come DxOmark per le cam. Pensano di essere competenti perché possiedono parecchie macchine, ma poi falliscono miseramente in test semplicissimi.

E' da poco che EuroNCAP ha scoperto che le collisioni non vengono sempre frontalmente o lateralmente (0° o 90°) ma anche con diverse angolazioni.
Per non parlare del fatto che per EuroNCAP avere un limitatore di velocità é sinonimo di sicurezza, quando alcune auto non lo inseriscono di proposito perché appunto diminuisce la sicurezza.

Sono sicuro che un buon 70% é convinto che la batteria di una ibrida debba essere caricata alla presa di corrente.

Fabio Biffo

Ni.
Col cruise control attivo generalmente uno toglie il piede dal comando rispetto ad averlo attivo (nonostante sia sempre li sotto al freno pronto per schiacciare il pedale in caso di emergenza). Inoltre la tendenza é quella di fidarsi abbastanza dei sistemi e non dico assolutamente di togliere l'attenzione dalla guida, peró é di sicuro un attenzione piú blanda rispetto a quando il cruise é disattivato, perché per forza devi continuare a dare input alla macchina se no non vai avanti.

Detto questo se uno ti tagli di colpo la strada avanti, anche se non é proprio al pelo, tu pensi che il cruise freni col una moderata distanza di sicurezza. Ed invece no, frena ma lascia una distanza di sicurezza un po' diffidente. Invece se come si vede nei video la macchina taglia la strada in meno di 10m il cruise non frena proprio.

Secondo me é una questione psicologica piú che di tecnologia. Uno si aspetta un comportamento e da una certa fedeltá ai sistemi, e loro non si comportano come uno pensa.

Poi ovvio che una volta che si conosce bene come funzionano ci si comporta di conseguenza.

Maurizio Mugelli

avresti comunque piu' tempo per quantomeno attenuare l'impatto rispetto alla guida totalmente non assistita d'altra parte

Fabio Biffo

Ho dato adesso un occhiata al video, e tutti i sistemi falliscono nel cut in/out. O almeno, avvisano ma é sempre necessario che il conducente intervenga. Secondo me se mettessero a punto le telecamere in sinergia con il cruise control si potrebbero migliorare non di poco questi sistemi.

Personalmente mi é capitato un paio di volte che in autostrada col cruise attivo una macchina si immettesse di prepotenza davanti sulla mia corsia ed il cruise non abbia avuto il tempo di frenare a sufficienza (e quindi sono dovuto intervenire io). Cosa che é totalmente normale intervenire, i sistemi non sono ancora perfetti, ma se uno mi si buttase proprio al pelo e io non fossi attento proprio in quel secondo, ci sarebbe una collisione per forza.

qandrav

" 70% degli automobilisti intervistati è convinto che oggi sia possibile acquistare un'automobile a guida totalmente automatizzata..."

ah annamo bene...sapevo che la gente è sc3ma ma non a sto punto...

Aster

Era ora.

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE