La pazzia di Re Elon: così Musk vuole privatizzare Tesla #prospettive

18 Agosto 2018 369

Lo scorso 7 agosto, con un tweet che ha spiazzato tutti, Elon Musk ha annunciato i suoi piani per la privatizzazione di Tesla.
Sto considerando l’ipotesi di privatizzare Tesla a 420$ [per azione]”, ha scritto il CEO nel suo intervento su Twitter, chiarendo inoltre che già avrebbe trovato i fondi necessari a condurre l’intera operazione. Circa un’ora e mezzo più tardi, un ulteriore chiarimento: “gli azionisti possono decidere di vendere a 420$ [per azione] oppure mantenere le proprie quote” e di fatto rimanere “shareholders” di una nuova Tesla privatizzata.


Quello di Musk, può sembrare un colpo di testa. Lo è stato, almeno nei modi con cui il CEO di Tesla ha deciso di condividere una mossa finanziaria delicata e complessa. E a giudicare dall'intervista pubblicata ieri dal New York Times, Elon non se la passa benissimo. È stressato da un anno di difficoltà e attacchi continui, ha spiegato, durante il quale è arrivato a lavorare fino a 120 ore a settimana (comprese tutte e 24 le ore del giorno del suo compleanno). Per dormire prende l'Ambien, un forte sonnifero, e secondo alcune fonti del quotidiano farebbe uso di droghe leggere a scopo ricreativo. Tuttavia le ragioni alla base dell’operazione non si possono derubricare a semplice delirio di un CEO al limite del burnout da superlavoro.

Lo scopo - ha scritto lo stesso Musk in un post di chiarimento sul blog aziendale - è creare il miglior ambiente possibile perché Tesla possa operare al meglio. Come azienda quotata in borsa siamo soggetti a variazioni sensibili del prezzo delle azioni che possono rappresentare una distrazione per tutti coloro che lavorano per Tesla e sono azionisti al tempo stesso. La natura di azienda quotata in borsa, inoltre, ci costringe a seguire il ciclo della dichiarazione dei risultati finanziari trimestrali, con la pressione di dover prendere decisioni buone per un dato trimestre, ma non necessariamente giuste nel lungo termine.

Infine, ha spiegato ancora Musk, le azioni di Tesla sono fra quelle preferite dagli short-seller, cioè coloro che - semplificando molto - scommettono sull’andamento negativo di un titolo borsistico. Una posizione scomoda che “rappresenta un incentivo per chi vuole attaccare l’azienda”. 

PARANOIA NECESSARIA

I toni dell’intervento lasciano trasparire quel velo di paranoia che già in passato Musk ha rivendicato come necessaria alla sopravvivenza dell’azienda. A giugno, dopo che un incendio ha rallentato la produzione in uno degli stabilimenti californiani di Tesla, il CEO aveva parlato apertamente di sabotaggio (da parte di un dipendente che non aveva avuto una promozione, però) e chiesto ai dipendenti di tenere gli occhi aperti: “c’è una lunga lista di organizzazioni che vorrebbero veder morire Tesla”, aveva scritto in un’email inviata a tutto il personale.

Oltre a citare ancora una volta gli “short seller di Wall Street, che hanno già perso miliardi e ne perderanno ancora”, Musk aveva fatto esplicito riferimento alle aziende del settore del petrolio e ai concorrenti che producono veicoli a benzina o diesel, per concludere con una domanda retorica: “Se sono così propensi a truffare sulle emissioni, magari sono capaci di giocare sporco anche in altre maniere?”.

È chiaro che da giugno ad oggi Musk ha elucubrato a lungo su un piano per difendere Tesla da quelli che vede come attacchi inevitabili, finendo per convincersi che privatizzare l’azienda sia di fatto l’unico modo per proteggerla e continuare a innovare in un settore complesso e fitto di interessi incrociati. Su un piano puramente ideale, niente da obiettare: se qualcuno vuole speculare sulle azioni di Tesla, eliminare la quotazione pubblica della compagnia elimina anche il problema.

Fra i fattori che Musk sapientemente non cita fra le ragioni per una privatizzazione, però, ce ne sono alcuni difficilmente imputabili ai nemici di Tesla e della mobilità elettrica: gli incidenti degli automobilisti un po’ troppo fiduciosi nelle capacità dell’Autopilot a causa del marketing spregiudicato, ad esempio, o le difficoltà riscontrate dall’azienda nel garantire i livelli di produzione della nuova Model 3.

IL CASO DELL

Il “delisting” dal mercato azionario di una grande azienda quotata non è certo un’operazione senza precedenti. Uno dei casi di maggior successo nella storia recente è quello di Dell e risale al 2013. Michael Dell, fondatore e proprietario, e un singolo altro investitore (il fondo di investimento Silver Lake Partners), si ricomprarono per intero l’azienda con un esborso complessivo di 24,4 miliardi di dollari. Per una compagnia in difficoltà e assoggettata alle bizze degli investitori di maggioranza, fu una scelta azzeccatissima e necessaria per affrontare un piano di rilancio e risanamento che guardasse al lungo termine più che ai guadagni da ridistribuire nel breve agli azionisti.

Un’esperienza di successo che sembra offrire solide giustificazioni alla decisione di Musk. Tuttavia non si può ignorare che i due casi sono molto diversi. Almeno per due ragioni da non sottovalutare: il valore della compagnia e la natura eterogenea e complessa degli investitori.

PETRODOLLARI PER L'ELETTRICO

Con un calcolo basato sulla cifra indicata da Musk (420$ per azione, circa il 25% in più rispetto alla quotazione del titolo nel momento in cui scriviamo), la privatizzazione di Tesla costerebbe circa 70 miliardi di dollari, una cifra enorme.
Eppure Musk, nel tweet con cui annunciava l’intenzione di avviare le operazioni per il delisting dell’azienda, parlava di “funding secured”, lasciando intendere che i fondi per l’operazione già ci sono. Qui entrano in scena i sauditi. Per la precisione il ricchissimo fondo sovrano PIF (Public Investment Fund) che fa capo al Principe Mohammed bin Salman.


Il coinvolgimento dei Sauditi lo giustifica lo stesso Musk con un aggiornamento pubblicato pochi giorni fa sul blog ufficiale di Tesla:

“[Con i rappresentanti del PIF] ci siamo incontrati per la prima volta all’inizio del 2017, e [in quell’occasione] mi hanno espresso l’intenzione di [procedere con questa operazione] a causa della necessità di diversificare gli investimenti petroliferi. Successivamente ci sono stati altri incontri per reiterare l’interesse e l’intenzione a procedere con la privatizzazione.

Ovviamente il fondo sovrano saudita ha a disposizione capitali più che sufficienti a eseguire questo tipo di transazione”. In altre parole - non ci sfugge l’ironia - Musk ha ammesso che per privatizzare Tesla sarà fondamentale il contributo di uno stato che deve la sua enorme ricchezza al commercio del petrolio. A mo’ di acconto, se così lo vogliamo chiamare, i sauditi hanno già investito alcuni miliardi di dollari in Tesla acquistando direttamente azioni dell’azienda sul mercato secondario; ora detengono il 5% della compagnia.

Va specificato, però, che l’intenzione di Musk non è di concedere al PIF una posizione decisionale né di accentrare su di sé il potere come azionista di maggioranza. Il CEO detiene ad oggi il 20% dell’azienda e in un’eventuale operazione di privatizzazione le sue quote potrebbero rimanere immutate o variare di poco.

TUTTI ASSIEME PRIVATAMENTE

Le intenzioni di Musk sono altre: coinvolgere il più possibile gli investitori esistenti, che potranno scegliere se vendere le proprie quote o conservarle, di fatto trasformandosi in possessori di una fetta di proprietà della nuova Tesla privatizzata.
Un meccanismo che nei piani di Musk contribuirà ad abbassare sensibilmente il capitale necessario ben al di sotto dei 70 miliardi previsti sulla base della valutazione a 420$ per azione.

“La mia stima più ottimista, ad oggi, è che circa due terzi delle azioni possedute dagli azionisti attuali saranno conservate in caso di privatizzazione”.

Non è chiaro, però, su cosa siano basate le “stime” di Elon visto che, per sua stessa ammissione, le discussioni con gli altri grandi investitori di Tesla sono ancora in corso.

Secondo alcuni esperti, però, il piano di Musk è fallato. Musk, spiega ad esempio la giornalista Linette Lopez su Business Insider, non ha alcun modo di sapere in anticipo chi, fra gli investitori, accetterà la sua proposta. Alcuni potrebbero per altro non essere in grado di accettarla per questioni contabili che impediscono loro di possedere quote di un’azienda privata.

Se poi Elon dovesse riuscire a coinvolgere un gran numero di investitori, gli scopi originali del piano di privatizzazione ne uscirebbero indeboliti: con più di 2000 investitori, anche un’azienda privata è costretta a pubblicare i propri risultati e accettare il conseguente scrutinio pubblico delle proprie finanze. L’unico vantaggio, in quel caso, è che risultati e analisi non influiscono sul prezzo delle azioni a Wall Street.

FUNDING SECURED?

Il “funding secured” del tweet di Musk sembra dunque pericolosamente precoce. Scrivo “pericolosamente” perché, se si dimostrerà che in realtà - come ammesso da Musk stesso - le discussioni per la conclusione dell’operazione sono ancora in corso, il suo tweet potrebbe essere interpretato come un tentativo di manipolare l’andamento delle quotazioni del titolo TSLA.

La Security and Exchange Commission (SEC), l’organismo statunitense di vigilanza sui mercati azionari, ha già inviato un atto di citazione, un’azione formale che solitamente precede l’apertura di una vera e propria inchiesta. Il rischio, appunto, è che Musk possa essere accusato di aver scientemente manipolato il mercato se verrà accertato che il “funding” era tutt’altro che “secured”, come Musk sembra in parte suggerire nelle sue stesse spiegazioni sui rapporti con il fondo saudita e sul piano di coinvolgimento degli altri azionisti nell’operazione di privatizzazione.


Dal canto suo Musk ha spiegato che quel tweet si era reso necessario perché “l’unico modo per condurre discussioni significative con i maggiori azionisti” era la totale trasparenza sull’intenzione di privatizzare Tesla. Non sarebbe stato giusto, ha aggiunto, condividere queste informazioni solo con loro, escludendo tutti gli altri. L’unica soluzione possibile consisteva dunque nel rendere pubblica la notizia in maniera ufficiale.

Vedremo se la SEC sarà convinta da questa - legittima - spiegazione. Anche qualora tutto dovesse filare liscio, il processo di privatizzazione dell’azienda richiederà comunque mesi di preparazione, che per il titolo - e gli investitori - potrebbero dimostrarsi abbastanza burrascosi. La decisione finale spetterà comunque agli azionisti, che si esprimeranno con un voto sulla base di un piano concreto che, a detta di Musk, includerà ogni dettaglio, inclusa “la natura dei fondi che verranno utilizzati per condurre l’operazione”. È un’altra delle grandi e rischiose scommesse su cui Re Elon, fin dai tempi di PayPal, ha costruito la sua carriera e il suo successo.

Se ci riuscirà, l’universo finanziario che oggi lo critica finirà inevitabilmente per lodarne il coraggio. Se fallirà, gli short-seller si sollazzeranno della sua sventura. Lui, l’uomo che è convinto di morire su Marte, come al solito non sembra preoccupato e rassicura tutti con toni militareschi e retorica da rivoluzionario:

Se il processo si concluderà nel modo che credo, Tesla rappresenterà un’enorme opportunità per tutti noi. Vada come vada, il futuro è splendente e continueremo a combattere per portare a compimento la nostra missione.

Andrea Nepori è un giornalista freelance esperto di tecnologia e culture digitali.
Scrive per La Stampa e Rivista Studio. Vive a Berlino.
È suddito, suo malgrado, di quasi tutti gli “imperi per l’alterazione del comportamento”, altresì detti social network, ma preferisce questi due:

Twitter: @andreanepori
Instagram: @andreanepori

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T, in offerta oggi da Tiger Shop a 520 euro oppure da Amazon a 589 euro.

369

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
LaVeraVerità

Ecco perchè è così bravo a convincere la gente...

https://uploads.disquscdn.c...

Tommy

...e cosa c'è di sbagliato nel finanziare un'azienda che fornisce lavoro ad esseri viventi, fa ricerca tecnologica condotta da persone pagate, ha dato una spolverata, una spinta e ha creato una concorrenza (tanto che intere case automobilistiche se la vogliono levare dai cojones e sono state costrette ad investire capitali più grandi in ricerca per cercare di tirare fuori esemplari competitivi nello stesso settore) in un mercato di questo tipo?

Voi siete malati di men te eh. Non ci provate neanche a vedere i risvolti positivi del finanziamento di iniziative del genere. Esiste solo il guadagno immediato e spropositato, il fallimento o il non stare al passo con le aspettative lo vedete solo come un'umiliazione.

Ci sono intere aziende che producono veicoli a carbone col c ulo parato da 10 volte "i soldi di Obama" pagati con le tasse dei contribuenti, e che spesso e volentieri truffano le persone giocando sulla loro salute e non se ne parla abbastanza, poi non appena un'azienda come Tesla ha dei problemi si scatenano le battutine e il veleno senza alcun senso.

Lindorrr Luka

Vivere intendo l'azienda Tesla, mica lui! Sveglia...!

Tommy

E quand'è che "vivrebbe"? Sta chiuso nella sua fabbrica da una settimana imbottendosi di sonniferi per dormire quando e se decide di farlo. Cosa ci fa con la sua montagna di soldi? Sono tutti impiegati in ricerca e nei suoi progetti.

Sì, è un uomo ricco da far schifo, ma i suoi soldi sono in bilico per portare avanti quello in cui crede. Poi puoi pensare che sia completamente rincoglionito o esaltato, ma ha un obbiettivo, una motivazione, e continua a fare ricerca e vuole che quello in cui crede abbia successo a tutti i costi, e non di certo per soldi.

Potrebbe tranquillamente stare su uno yacht davanti a Capri, invece è chiuso nella sua azienda 24/7.

Gli cambiano qualcosa i soldi di Obama?

gin0

Aspettiamo Maxim-qualcosa :D

LowRangeMan

Tanto scemo un alcolizzato quanto un tossico. E basta con sta storia che ganja=progresso.

Fate ridere.

michi17

No, siamo avanti noi con la grappa... ma vai a fare il vecchietto da qualche altra parte

Andrea Nepori

Thanks :)

Andrea Nepori

Ti ringrazio :)

Andrea Nepori

Grazie :)

Andrea Nepori

Si, l'indiscrezione è uscita dopo la pubblicazione del pezzo, ma è appunto solo una voce di corridoio. Molto attendibile, però. Può starci anche che i sauditi vogliano diversificare. Avrebbero i soldi sia per fare questa operazione con Tesla sia per un buyout completo di Lucid (che, va ricordato, non ha ancora alcun modello in produzione ma solo prototipi; gli mancano gli sghei per avviare la produzione).

Aster

No googla

Aster

Cosi per farti tornare sulla reta via

apps accaunt

yes...ma qua parliamo di uno che dice chiaramente che l'ultimo hanno è stato un incubo, che non dorme se non prende pillole che non fa vacanze da un decennio...ecc ecc quindi tanto felice non mi sembra...

Gios

Appunto non capisco perchè continui a scrivere, te le dici da solo mah!

fabbro

bravo in matematica??cos'è quella roba incollata sopra?un estrattto dal diario della tua pazzia?

Mah per me non è triste uno che lavora tanto, se lavorare lo rende felice.
E molto più triste uno che per 8 ore al giorno fa un lavoro che non gli piace, sotto padrone e guadagna 800 euro, che uno che per 12 ore fa un lavoro che gli piace viene anche ben retribuito, ma può decidere dove e quando lavorare.

Aster

https://uploads.disquscdn.c...
Spero che in matematica sei più bravo che googlare articoli di prima pagina

fabbro

complotto delle multinazionali???ma ti buchi??cosa centra???chi ne ha mai parlato!Parlavamo del prestito fatto a chrysler, soldi che sono stati restituiti.Tutto il resto sono tue sparate!

Alessio Patron

Invece stando a Quattroruote i sauditi non hanno fondi sufficienti e hanno gia' rispedito al mittente la richiesta di Musk preferendo investire su un suo concorrente (Lucid Motors).

Aster

Non c’entra niente ignoranza.Siete voi che guardate il complotto delle multinazionali ovunque

fabbro

giusto, meglio spargere innioranza
http://www. repubblica. it/economia/2011/05/24/news/chrysler_rimborsa_il_prestito-16703770/

Aster

Si ma quando sei fuori tema è meglio stare zitti

Aster

Esatto inutile fare l’indignato di turno in un blog di tecnologia.Restituiti?!L’importante è crederci

LowRangeMan

Loro si che sono avanti!

Fez Vrasta

In California la marijuana è legalissima, che problema dovrebbe esserci?

Signor Citrus

avendo scritto milioni, é un modo per dire "quasi tutto del genere umano".

fabbro

sta solo cercando di salvarsi i fondelli e raccattare qualche soldo per un'azienda perennemente in perdite, stesse ancora sul mercato sarebbe spacciata.Elon spera di tirar su qualche soldo da qualche babbo che ci casca e cosi tirare innanzi.Se lavora cosi tanto e non combina niente sarebbe meglio che si facesse due domande...tipo che botta di fortuna ho avuto con paypal, forse è meglio non riprovarci!

fabbro

Fiat quei soldi li ha restituiti.I soldi servivano per comprarsi chrysler e fare un favore ad obama senno avrebbe avuto altri operai a casa e incaxxati, detroit sarebbe esplosa, non che ora stia bene.

nutci

Grazie, ammazzati.

Andrea Nepori

Tranquillo, scrivo sul Web da più di dieci anni, ho visto di peggio :)

Lindorrr Luka

Si, studia.

nutci

Oceano blu?

nutci

Perche il nasdaq?

Gios

Di nuovo non ci serve che ti descriva......si capisce facilmente che sei così

Aster

Allora sei proprio senza speranze.Ma lo vuoi capire che il male non e obama e gli aiuti che tutti i stati danno alle aziende nazionali e non solo?!O devo ricordarti che con i tuoi soldi intesa ha comprato veneto banca!Ma siete scemi e frustrati che su ogni notizia dovete parlare di politica,continuò a ripeterti da ore cambia spacciatore e resta in tema con l’articolo.Obama e musk dormirano anche stanotte da miliardari,tu continua a rosicare da pezzente

Lindorrr Luka

TACI che ti ho smer**to

Aster

Sono affari nosti che paghiamo le tasse in America

Aster

Chi se ne frega?!

Aster

E quindi?!Che ti frega pensa ai tuoi soldi e ai aiuti dello stato italiano

Davide

Non sono abbastanza grossi per tirarsi dietro tutto il NASDAQ.
Se dovessero cadere loro, schizzerebbero in alto le case con motori a benzina

Lindorrr Luka

SAI CERCARE CAPRA?!?

Le parole dello stesso Musk sono significative: “Intendo ringraziare il Dipartimento dell’Energia ed i membri del Congresso e i loro staff per aver lavorato duramente per creare il programma ATVM, ed in particolar modo tutti quegli Americani che pagano le tasse con cui questi fondi sono finanziati. Speriamo di avervi resi orgogliosi”.

Lindorrr Luka

Ripeto : BASTA CERCARE!

Tesla aveva ricevuto l’appoggio economico del DOE nel 2010 all’interno del programma Advanced Technology Vehicle Manufacturing (ATVM) firmato dal Presidente Bush nel 2008 e rinnovato da Obama in seguito, dopo essersi retta sulle proprie gambe per 7 anni

Lindorrr Luka

Non sono un complottista, se l amministrazione Obama ha elargito un sacco di soldi verso Tesla per incentivare la diffusione dell elettrico non ne posso mica niente eh...

Porco Zio

Non è la borsa la cascata, è il genere umano

Aster

Ma che c’entra?!sveglia il complottista arrabbiato e fuori moda

Lindorrr Luka

Ma è la verità eh... basta che ti informi un po'...

Aster

Io sono il primo che da anni non sono un fan di questa azienda e fondatore ma parlare di soldi e di obama mi viene da vomitare pensando che ancora c’è gente che i suoi fallimenti e frustazioni li compensa con dichiarazioni populiste è politiche in un blog di tecnologia

Aster

Che non c’entra niente con l’articolo!Siete così ignoranti che parlare di pancia in questi tempi vi allieva la frustrazione

Gios

Improbabile, non avrebbero avviato un'indagine della sec se Tesla fosse stata accompagnata alla porta del Nasdaq

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video