Tesla, Elon Musk valuta di ritirarsi dalla borsa di Wall Street

08 Agosto 2018 132

Elon Musk, amministratore delegato di Tesla, ha annunciato su Twitter che sta considerando di ritirare la società dal mercato azionario. Dice di aver già trovato i fondi necessari per comprare tutte le azioni al valore di 420 dollari l'una - più del valore attuale di circa 370 dollari (ma il valore fluttua molto). Tutti gli azionisti, dipendenti inclusi avranno comunque la possibilità di rimanere investitori privati.

Qualche ora dopo, è emersa una mail interna (si può leggere per intero su TechCrunch) in cui Musk spiega più nel dettaglio il perché di questa scelta - fermo restando che nessuna decisione definitiva è ancora stata presa. Semplificando, Musk ritiene che se Tesla non fosse soggetta alle pressioni della borsa potrebbe essere gestita con più lungimiranza: dovendo fornire rapporti finanziari ogni tre mesi, si rischia di "prendere decisioni che possono essere giuste per un certo trimestre, ma non necessariamente giuste per il lungo periodo". Musk crede inoltre che togliendo Tesla dalla borsa ridurrà l'ammontare di attacchi mediatici nei suoi confronti, e ridurrà i problemi derivanti dalle elevate fluttuazioni del valore delle azioni.

L'impatto della dichiarazione dell'imprenditore sudafricano ha permesso alle quotazioni Tesla di guadagnare oltre il 10% a Wall Street, la cui scelta di volerla delistare è legata a una minor esposizione della stessa, cosa che permetterebbe al CEO di lavorare con meno pressioni dopo i ripetuti attacchi da parte degli analisti e dell'opinione pubblica

Musk precisa anche che non c'è l'intenzione di fondere SpaceX e Tesla; e che non si tratta di una manovra per incrementare il controllo personale di Musk sulla società (le quote che possiede, il 20 per cento, dovrebbero rimanere sostanzialmente invariate dopo l'affare).

C'è un po' di perplessità circa le modalità dell'annuncio. Aziende del calibro di Tesla non possono dare annunci di questo tipo, che possono significare movimenti di ingenti somme di denaro in borsa, come vogliono: devono sottostare alle regole della SEC, l'organo che regola la borsa americana. Le regole della SEC dicono che Twitter è un canale di comunicazione ammesso, a patto che gli investitori siano stati avvisati in precedenza (fatto) e che in contemporanea siano emessi comunicati di natura più ufficiale e formale (fatto a metà: il comunicato è stato diffuso più di due ore dopo). La SEC potrebbe aprire un'investigazione a riguardo.

Altro punto ancora da chiarire è dove Musk abbia trovato i fondi per l'operazione. Nonostante gli ingenti - e costantemente in crescita - debiti, Tesla ha una capitalizzazione di mercato superiore a colossi del calibro di Ford. Il New York Times ha tuttavia contattato diversi grossi fondi di investimento americani e nessuno di questi ha confermato il proprio coinvolgimento - anzi, è più corretto dire che tutti hanno negato. Si sa però che FPI, un fondo saudita sovrano che sta investendo ingenti somme nel settore tecnologico internazionale, ha appena comprato un gran quantitativo di azioni Tesla - circa 2 miliardi di dollari, corrispondenti a poco meno del 5 per cento di quote. Non è chiaro se l'FPI è coinvolto nel delisting di Tesla.


132

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Francesco Ramof

Credo tu non comprenda quasi mai nulla : è paragonabile ad una panda (con un pizzico di ironia e provocazione) per prezzo (non per categoria ovviamente come tu hai inteso ), considerando i prezzi delle auto elettriche di oggi. Vendono una Mitsubishi sotto alla panda come categoria (o giù di lì) a 30 mila, e le BMW elettriche decenti partono da 45 mila euro. 35000 dollari, oggi è un prezzo da utilitaria elettrica degli ultimi anni. Lo scooter elettrico BMW, non raro, parte dai 16000. Credo non conosci i prezzi delle auto elettriche oggi, visto che quelle rarissime sotto i 25000 non comprendono la batteria (che viene noleggiata con un ulteriore canone).

Igi

La model 3 è paragonabile a una Panda?... ok, possiamo chiudere la discussione, pensavo di parlare con una persona sagace!

Igi

Allora avevo ragione quando ho scritto che "Sei un genio della finanza"

Francesco Ramof

Una auto da 35mila dollari elettrica berlina è paragonabile ad una panda, se valuti prezzo batteria. Infatti le Nissan elettriche partono da 30-35 mila euro. Ho detto che la serie 3 affosserá Tesla come già sta facendo per costi alti, margini bassi e volumi non paragonabili ai big, non le serie top che difatti pur costando 100 mila euro facevano fare discreti profitti. A conferma di ciò che dico, la serie 3 ha creato un buco tale da costringere Tesla ad emettere bond per non fallire (o comunque bloccare lo sviluppo). Fidati se quello che dici fosse corretto, Tesla non sarebbe piena di debiti e non sarebbero scappati molti manager e soprattutto non avrebbero continuato a chiedere soldi dopo ormai 10 anni.

Igi

Veramente due grossi azionisti gli hanno fatto causa perchè sono scese...

Igi

Non è che lui paga di più, tu acquisti un'azione al suo valore di mercato nel momento in cui acquisti, perciò lui arriverebbe sino all'importo specificato. Il concetto è semplice, se la domanda supera l'offerta il prezzo sale, se la domanda è inferiore scende... Come funziona la borsa, se tutti vogliono vendere e ci sono pochi che voglio comprare il prezzo scende, viceversa se in tanti vogliono comprare e pochi vendono il prezzo sale. Altro discorso sono le dinamiche che portano molta gente a comperare o a vendere....

Igi

... per quanto ci si sforzi, qua dentro in pochi capiscono questi concetti.

Igi

Tesla Model X parte da 95000 euro
Tesla Model S parte da 73000 euro
Tesla Model 3 parte da 35000 dollari in USA tasse escluse ( in America tutti i prezzi sono tasse escluse in quanto ogni Stato applica un aliquota propria), tutti concordano che in Europa il prezzo sarà a partire da 45000 euro.
Ora io non conosco il tuo concetto di Auto Premium, ma per me queste lo sono tutte e tre...!!!
Poi libero di pensarla come meglio credi...
P.S. leggi l'articolo di oggi " Auto elettriche: cresce la domanda ma mancano le batterie"

Francesco Ramof

Ti rispondo solo per il punto 3 visto che senza accorgertene mi hai dato pienamente ragione. Ducati campa benissimo perché è rimasta nel segmento premium ad alto margine, scelta giusta. Ci sono aziende come Pagani che con 10 vetture all'anno guadagnano, proprio perché fanno grandi margini nonostante volumi bassi (prezzi alti) . Il disastro avviene quando un brand piccolo (es. MV o Tesla) , vuole fare i volumi con prodotti poco costosi, con bassi margini. Mv ha pensato che abbassando il target avrebbe venduto moltissimo ed invece, nonostante il brand storico, è semifallita (salvata per i capelli) . Semplicissimo : se incrementi le vendite moto ma ci guadagni poco, sbatti contro Honda & Brothers che per ogni moto a basso costo ci guadagno 3 volte grazie ai volumi. Ps roadmap é giusto, la serie 3 è in ritardo di quasi un anno e hanno dovuto emettere bond perché il grosso costo produttivo si é rivelato superiore alle attese. La regola è o vendi tantissimo, quasi come i competitor e entri nel mercato popolare o rimani premium e vendi poco quanto vuoi e ci campi.

Igi

1- è vero, non sono amico di Elon, quindi ... ?
2- scusa ma senza andare tanto lontani non è che la ns FIAT, e ripeto FIAT, non FCA fino all'arrivo del buon Sergio, nonostante le tanto sbandierate economie di scala fosse messa così bene e per giunta con finanziamenti statali che si sono protratti per decenni...; Concordo con te che ci sia delusione da parte degli investitori per non aver rispettato il piano industriale (non road map, quella è un'altra cosa), comunque io non ho assistito a un crollo delle azioni!
3- e invece si, multinazionale Austriaca con una buona posizione, non da dirigente comunque. Tu porti ad esempio la MV, ok allora io porto ad esempio la Ducati (ahimè, o per fortuna ora di proprietà tedesca), l'anno scorso meno di 70.000 unità prodotte, Honda invece circa 17 milioni... stando al tuo ragionamento Ducati non potrebbe stare sul mercato così come tanti altri piccoli marchi (piccoli intesi come produzione). Certo chiunque abbia studiato un filino di economia alle superiori ( ma anche no) sa che a numeri più grandi corrispondono prezzi più bassi, è quindi... basta questo a decretare il successo di un prodotto, a definire il prezzo finale del medesimo e le sorti di un azienda?... No, troppo semplice se fosse così.... i fattori sono molteplici e sinceramente non ho ne voglia ne tempo di illustrarli... Poi mi paragoni VW, Toyota che producono milioni di vetture con Tesla... a parte che io non ho mai messo in discussione questo o altri marchi, ho semplicemente detto che ad oggi nessuno produce quanto Tesla e parlo di veicoli elettrici.
4- Ho già risposto, i marchi da te citati producono milioni di veicoli a combustione, non vedo (per ora il paragone...). Sui costi ti ho già risposto, e di microbi (come li definisci te) sul mercato ce nè sono moltissimi ...;
5- BMW produce la i3 e la i8 (Non sono sicuro ma mi sembra fuori produzione), in ogni caso ottima auto (con la particolarità del range-extender) e quindi cosa vuoi dire... temporeggiano... va bene... quindi, io so solo che Tesla ha la produzione di 2 anni già venduta... Il motore elettrico esiste da un pò più di cent'anni, ok lo so che il problema sono le batterie, lo sanno tutti in questo forum, pensa che lo sapeva anche Elon e guarda che furbata si è inventato. Non mi risulta un consorzio mondiale della guida Autonoma, Europeo si... mondiale No... e quindi...
6- mi fido di te... comunque mai detto niente al riguardo...
7- Rileggi quello che ho scritto, Elon ha stretto un'accordo direttamente con una miniera per la fornitura di Litio, il problema è proprio la scarsità di quest'ultimo (in assenza di alternative valide), e ancora il buon Elon (ecco ora viene fuori la tua economia di scala) intende raggiungere la piena autonomia (quando avrà terminato la Gigafactory) costruendo in proprio le batterie. Se poi ricordo bene, la Gigafactory una volta terminata sarà l'edificio industriale più grande del mondo.... dicono.
8- Atteniamoci all'oggi... la preferenza per chi sceglie elettrico è TESLA... un domani vedremo... che poi rientra in pieno nella classe PREMIUM, assistenza ogni 1000 km, dai non diciamo baggianate, ok non svillupata quanto i marchi da te citati ma comunque in rapida espansione. Vogliamo parlare della rete di ricarica Tesla?... e poi discorso assistenza, per tua stessa definizione è un motore semplice.
*** Comunque io ci andrei molto cauto prima dare per spacciata la TESLA, un brand che tutti ormai associano all'auto elettrica, che in pochi anni si è affermato a livello mondiale, con brevetti e soluzioni che fanno gola ai "grandi marchi" come li definisci tu e che a differenza di te riconoscono il valore della loro tecnologia sviluppata in tempi relativamente brevi.

P.s. per inciso la prima vettura a superare i 100 km/h è stata una vettura elettrica Francese "La Jamais contente" ... nome appropriato....

Alla ricerca del tempo perduto

casomai ricalcitrante

Marcomanni

Miseriaccia.... Voglio fare anche io l'analista, per che azienda lavori? Hai seguito corsi particolari? Non posso cmq che farti i complimenti per gli spunti interessantissimi che hai ben spiegato.

Emanuele

Guarda che io mica sto difendendo il termine femminicidio anzi da quello che ho letto oggi su Wiki ho capito che è un aggravante alla condanna di omicidio indipendentemente dal sesso, dunque io personalmente quella legge l'avrei chiamata differentemente(partnericidio?!??).
Su google non ho trovato granché, solamente qualche richiesta di aggravante per femminicidio.

Garrett

Trovami una condanna per femminicidio.
Sarebbe ora di finirla con questa lingua italiana continuamente annacquata.
C'è l'omicidio. Punto.
Evidentemente ci si sta dimenticando dell'italiano e si creano neologismi per evitare di fare un torto a qualcuno, quasi se si avesse timore.

Tant'è che oggi nei discorsi istituzionali di usa dire ad esempio .."ringrazio le italiane e gli italiani...".
e non più rivolgersi agli "italiani", perché qualcuno potrebbe, a torto, pensare che ci si stia rivolgendo al sesso maschile.

Se non è follia....

Emanuele

Che il termine "femminicidio" è infelice ti do ragione ma non si parla solo di violenza sulle donne ma più genericamente di una persona che prevarica, perseguita, uccide il partner perché pensa di possederlo/a, non riesce ad accettare la separazione ecc...
Dunque tecnicamente quello che tu chiameresti maschicidio sarebbe un femminicidio, esempio: un uomo senza spina dorsale che viene costantemente comandato/umiliato dalla compagna un giorno decide di mollarla, questa non lo accetta e lo uccide… bhe sarebbe un femminicidio :D(l'ho già detto eh che il termine è infelice).
Comunque bastava aprire Wikipedia per vedere che il termine femminicidio esiste per la legge italiana e che lo considera un semplice aggravante INDIPENDENTEMENTE dal sesso:
Da Wikipedia: "Nell'ordinamento penale italiano il termine ha fatto la sua comparsa con il decreto legge 14 agosto 2013, n. 93 (convertito nella legge 15 ottobre 2013, n. 119) recante "Nuove norme per il contrasto della violenza di genere che hanno l'obiettivo di prevenire il femminicidio e proteggere le vittime"... ... … "poi convertito nella legge 15 ottobre 2013 n. 119[19], contenente norme penali che aggravano le ipotesi di atti persecutori od omicidio contro il coniuge o il convivente, sia quando l'omicida è donna sia quando si tratta di un uomo, tramite specifiche aggravanti dei reati. "

Tony Musone

Grazie! Ma... Hai levato tu la filigrana?

Emanuele

Grazie per la risposta elaborata e completa.
Ecco che mi trovi totalmente d'accordo in tutto quello che hai detto. Dal tuo commento iniziale non era affatto chiaro il tuo pensiero anzi sembrava l'opposto di quello che hai detto ora.
Esatto, bisogna educare gli uomini(ma anche le donne) che non si possiede il partner e che se la storia finisce si deve voltare pagina.

Igi

... o sei un genio della finanza, o spari sentenze tanto per dire....
1- ti sembra che se fosse destinato a fallire il buon Elon si comprerebbe tutte le azioni...
2- hai una vaga idea di quanto tempo serve per ammortizzare gli ingenti investimenti che necessita una fabbrica di automobili che parte da zero...
3- i numeri come dici te inizia a farli adesso con la model 3, certo con qualche mese di ritardo rispetto a quanto pianificato, ma comunque ha raggiunto l'obbiettivo.
4- sommando la produzione, model 3, S e X siamo a 7000 veicoli alla settimana...
5- parliamo di veicoli elettrificati, conosci qualcuno che fa meglio ?
6- sta pianificando una fabbrica in Europa e in Cina (non senza difficoltà dato che in Cina devi avere un partner locale)
7- ha chiuso un accordo triennale in Australia per la fornitura diretta del litio che gli serve per le batterie...
8- prova a guidare una tesla, è poi sali su una qualsiasi altra auto elettrica...

Garrett

L'avevo detto che sarebbe dovuto intervenire qualcuno e infatti si è mossa la SEC, che ora vuole vederci chiaro.
Certi annunci non si fanno via twitter....

Francesco Ramof

Tesla è destinata a fallire perché 1)non riesce a fare profitti oggi che è quasi monopolista, figuriamoci quando arriveranno i colossi in massa con le loro elettriche 2)i volumi di produzione sono piccolissimi rispetto ai big (Toyota e altri sopra 6-7 milioni di veicoli/anno) e produrre ogni autovettura per Tesla è e sarà sempre molto più costoso dei competitor (un conto è ordinare un volante da azienda partner e contrattare per 5 milioni di pezzi alla volta , un conto è trattare per 50 Mila pezzi ogni singolo componente...i prezzi sono diversi) 3)ricollegandomi al punto 1, quando arriverà Mercedes o Bmw con auto dello stesso prezzo con assistenza ogni 20 km, comprereste Tesla con 2 concessionarie ogni 1000 km? L’assistenza è determinante per gli chi deve fare un investimento del genere, vuole sentirsi protetto e sicuro.

Zeronegativo

Ni.
allora, il dato lo prendi facendo una ricerca su "femminicidio in italia":
Poi se guardi Wikipedia si abbassa drasticamente nello stesso periodo ad 0,51 morti per 100.000 donne, quindi un valore assolutamente irrisorio.
E' chiaro che nei media non viene usato nell'accezione originale, tra l'altro ti ricordo che è un termine coniato da una femminista, ma come omicidio ai danni di una donna.
Tornando alla nostra disquisizione, io contesto il fatto che si inventino parole per "pulirsi la coscienza" e segregare un gruppo di individui.
Io sono assolutamente per la parità tra i generi, per questo quando leggo "quote rosa","femminicidio" o robe simili vado in bestgia, perchè in pratica stai marchiando le donne come una categoria inferiore che hanno bisogno di leggi apposite per poter essere equiparate agli uomini.
Nel caso del femminicidio poi (che sottolineo, nei media italiani viene usato a sproposito e non con l'accezione che tu corretamente riporti) cosa si fà per prevenirlo? niente, si dà un nome al fenomeno ma all'atto pratico non si fà nulla.
Come non si fà nulla per tutelare i diritti dei padri separati, ad esempio, ma quello non fà notizia.

Zeronegativo

touchè.

GianTT

E tu pensi siano tutti psicopatici o idioti quelli che lavorano nel mercato azionario? Ad oggi Tesla è una scommessa, in prospettiva può diventare leader nel mercato, perché è entrata prima e possiede molte tecnologie che i competitor non hanno ancora. Ovviamente è in rosso, ma sono basi di economia. I costi che sostiene un'azienda sono fissi e variabili, se i variabili sono funzione della produzione, i fissi non lo sono, se non in misura ridotta. I costi fissi le aziende li ribaltano sulla produzione nei decenni, i piani di ammortamento arrivano anche a 15-20 anni. Tesla sta sostenendo tutti i costi fissi di una multinazionale del settore in tempi brevissimi. Gli altri grandi marchi automobilistici hanno messo decenni e decenni per arrivare alle cifre di Tesla, con crescita graduale dei costi e del fatturato, mentre in Tesla hanno una domanda potenziale enorme che devono gestire in tempi brevi, e quindi si indebitano per sostenere i costi fissi.

Andrebbe comunque anche valutato il valore patrimoniale, perché avranno debiti, ma i debiti fatti per impianti e fabbriche si chiamano investimenti, e hanno un valore residuo che anche in caso di fallimento darebbe un ritorno in termini di cash.

Garrett

Il nostro ordinamento giuridico codifica solo l'omicidio e non il femminicidio. Il "femminicidio" è un termine coniato dai soliti fricchettoni turbati.
Tant'è che a questo punto dovrebbe esserci anche il maschicidio.
Continuiamo pure a giocare con la lingua italiana.....

Ungarus

Mi chiedo sei mai qualcuno al mondo abbia capito effettivamente cosa sia "la borsa".

Già il nome "borsa" a me sembra non azzeccarci nulla.

Chirurgo Plastico

Secondo me ha tanti soldi da riciclare. https://uploads.disquscdn.c...

Tony Musone

Cercarla senza watermark è la prima cosa che ho fatto ma senza risultato :(

Francesco

mi riferivo alle critiche di elon agli investitori che metterebbero pressione all'azienda... quando li hanno strapremiati con un valore assolutamente scorrelato dai risultati finanziari e industriali, però gli spekulatori sono kattivi solo quando vendono

il Gorilla con gli Occhiali

Non siamo cattivi con papà Musk.

Matt Ds

usala come foto del profilo, poi metto i miei craker al lavoro per trovartela senza watermark

StriderWhite

Dentro Elon o dentro una Tesla?

Tony Musone

Fantastica. Questa mi mancava ;)

Pip

No, non va bene neanche quando sale.
La borsa è un meccanismo fittizio altamente basato sulla percezione piuttosto che sulle attuali qualità di un azienda.
Se Apple dovesse venir valutata per quello che è realmente, non varrebbe la metà del suo attuale valore azionario, così come per tantissime altre aziende.
C'è chi viene ingiustamente premiato e chi viene ingiustamente punito.
È stato forse sensato il crollo delle azioni tesla dopo l'annuncio dell'ennesimo 1diota che ha fatto un incidente

Matt Ds

sure https://uploads.disquscdn.c...

Davide

per adesso vende grazie all'hype che genera. Sono mesi su mesi che continua a promettere di raggiungere le 5000 auto prodotte al mese e ancora non ci è riuscito. Al prossimo giro dovrà rinviare di nuovo e tutto questo fa scendere l'hype (molti hanno disdetto le prenotazioni). Se poi aggiungi che i concorrenti stanno arrivando e Tesla non ha nulla di particolare a parte la tecnologia (2 - 3 anni di vantaggio a mio avviso), il gioco è fatto. Si fa in fretta a cadere in un mercato competitivo e Musk ha man mano dilapidato il vantaggio sui grossi gruppi. Allo stato attuale si sta rivelando una casa non in grado di soddisfare gli ordini, e quindi non in grado di vendere e guadagnare. I debiti però si accumulano, il capitale si esaurisce e qualcuno alla fine dovrà pagare.

Emanuele

Preso per buono quel 37,1%: lo sai che ogni omicidio di una donna NON è necessariamente un femminicidio? Esempio: viene uccisa la cassiera di un supermercato durante una rapina, beh questo NON è un femminicidio.
È femminicidio quando il movente è principalmente di tipo passionale/possessivo nei confronti della vittima… e quasi sempre l'assassino è il compagno o un ex che non accettano di veder finito il rapporto.

Tony Musone

57 miliardi ;)

Tony Musone

"360k di azioni in tutto"?!

Le azioni in circolazione sono 169.794.000 moltiplicato per 420 dollari si arriva a circa 70 miliardi, meno il 20% che detiene Musk, vuol dire che per privatizzare deve rastrellare poco più di 50 miliardi di dollari ;)

Babcock&Wilkox

Le sue auto sono in grafene vero?

Francesco

è chiaramente in bolla, fattura un decimo di FCA e ha un market cap di quasi 3 volte tanto, FCA è in utile e Tesla è in rosso fisso da sempre, nessuna persona sana di mente ci farebbe un investimento a lungo termine

GianTT

Quelli non valgono zero, sono il risultato della valutazione che la stessa borsa ha dato di Tesla

GianTT

resteresti azionista privato, da quello che si legge

GianTT

beh tecnicamente per riacquistare le azioni significa che dietro ha finanziatori estremamente danarosi

Maurizio Mugelli

ma di quale bolla esattamente stiamo parlando?
perche' l'unica bolla possibile e' se i risultati della fabbrica sono falsificati e questa va in bancarotta.
se la fabbrica funziona che bolla ci sarebbe?

steek

Cmq ho letto nella rete che una sinergia tesla e space X ci sarà, ovvero sembra che tesla si occuperò di fare rover marziani usando il kilopower della nasa.

steek

ahn...eri ironico XD
Stavo per risponderti seriamente XD

Stefano P

Mi hai fatto piegare

Paolo Giulio
Davide

se la bolla scoppia e lui è quotato in borsa tutti corrono a vendere, lui arriva a 0 e da lì muore tutto.
Se la società torna ad essere privata, anche se scoppiasse la bolla non rimarrebbe bruciato nessuno oltre a chi ha ricomprato le quote (Musk e un investitore a questo punto) e lui potrebbe continuare anche nel caso i conti iniziassero ad entrare in pesante rosso.
Se resta quotato e perde milioni a trimestre le azioni scendono e non gli arriva più liquidità. Da privato non è obbligato a dire che perde e il valore percepito non si abbassa.
Le ipotesi sono due: o deve fare una ristrutturazione interna che lo porterà a smenarci dei soldi (e per la borsa non va bene) o sa che non rispetterà le promesse (io punto su questa).

Davide

tra l'altro pagandole di più fa anche la furbata perchè si ritrova ad avere un capitale maggiore che gli permette di rimanere a galla visto che ora sta finendo i soldi. Con quell'extra gli arrivano soldi freschi senza sforzo.
Sicuramente ha trovato qualche pollo che mette il cash al posto suo

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini