Low Emission Zone: con la LEZ Milano dice no alle auto diesel da gennaio 2019

13 Giugno 2018 410

Low Emission Zone, o LEZ per gli amici. Così Milano dice no alle auto inquinanti, mettendo in piedi un provvedimento che partirà da gennaio 2019 e chiuderà le porte della città alle auto diesel euro zero, euro 1, euro 2 ed euro 3.

L'iniziativa vi sembra familiare? Già avviata in alcune città europee, la Low Emission Zone ruba il nome a quella londinese e nasce durante il "Festival dell'Energie" a Roma, proprio quella Roma dove la Raggi aveva annunciato l'addio ai diesel. E Giuseppe Sala, sindaco della città meneghina, sembra essersi fatto contagiare da un facile entusiasmo che, oltre alle auto diesel da euro 0 a euro 3, proibirà completamente l'accesso alle auto benzina euro 0 a due tempi e ai veicoli più lunghi di 12 metri. Senza possibilità di pagare per entrare: le porte sono chiuse e le multe saranno salate.

La notizia era già nell'aria ma l'intervento al "Festival dell'Energie" ha confermato le date a partire da gennaio: il piano prevede poi di vietare l'accesso ai diesel euro 4 nell'ottobre del 2019, proseguendo con lo stop ai diesel euro 5 nel 2024 e ai diesel euro 6 nel 2025.

Tutta colpa dei diesel?

A differenza dell'Area C, circoscritta alla cerchia dei bastioni, la LEZ sarà molto più ampia: un'area di 136 chilometri quadrati che rappresenta il 75% della città e che, a conti fatti, scoraggerà anche il solo avvicinarsi a Milano con un'auto inquinante. Come se il problema dell'inquinamento dipendesse solo dalle vetture.

Sotto inchiesta il particolato atmosferico fine, tra PM10 e PM2.5, il biossido d'azoto (NO2) e l'ozono (O3). Il 65% delle emissioni di PM10 a Milano deriva dal traffico dei veicoli, considerazione basata su un poco attuale studio con fonte INEMAR datato 2010, un periodo indietro ere geologiche se consideriamo i progressi fatti oggi nei - costosi - filtri in dotazione ai diesel per trattenere le emissioni. A tali dati si aggiunge quello relativo ai veicoli pesanti: l'83% di questi appartiene alle classi Euro meno recenti e la categoria è causa di un 17% delle emissioni di PM10 da traffico.

INEMAR da rimproverare dunque? Affatto, poiché il database mostra risultati diversi, evidenziando già dallo studio del 2010 che gli imputati numero uno sono "legna e simili", incluse fonti senza combustione che solo in minima parte sono imputabili ai veicoli (consumo pneumatici e freni).

In più lo studio INEMAR del 2012 parla di 22% di PM10 (23% aggregando PM10 e PM2.5) generati dai veicoli diesel a Milano, dato confermato dallo studio ARPA del 2016 dove torna il fatidico 22%.

Dopo una prima fase di installazione cartelli seguita dai controlli delle Forze dell'Ordine, il rilevamento dei trasgressori sarà a carico di 100 varchi elettronici che faranno da Grande Fratello esattamente come fanno oggi quelli dell'Area C.

Nella mappa ufficiale rilasciata dal Comune, proposta qui sopra, si può notare l'area interdetta (rossa) e i varchi di controllo (pallini verdi).

La proposta ha già ricevuto diverse critiche, dalle associazioni dei commercianti all'assessore dell'Ambiente di Regione Lombardia, che puntualizza la necessità di incentivi piuttosto che di misure restrittive. E proprio gli incentivi mancano: la recente esenzione del bollo per tre anni e il contributo di 90€ per la rottamazione, infatti, rappresentano una spinta troppo timida.

Il top gamma di piccole dimensioni per eccellenza. la scelta obbligata per un Android tascabile? Sony Xperia XZ1 Compact, in offerta oggi da Clicksmart a 279 euro oppure da ePrice a 320 euro.

410

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
E K

Ogni cambiamento comporta un ripensamento delle abitudini, e dopo alcuni anni ci si rende (di solito) conto che molte delle lamentele erano solo pigrizia mascherata.

Stefano79

anche per me era valida, soprattutto in Piemonte che non si paga il bollo per i primi 5 anni, ma poi sono iniziati i problemi a 65000km e 4 anni di auto e fare il pieno ogni 350km ha iniziato a pesarmi...cmq per cambiarli sei sui 400€ e non mi sembra una spesa così a buon mercato da dover affrontare per forza...

Starnat

be' ma il problema con gli iniettori ce li hanno tutti né più né meno, finché sono quelli si cambiano e apposto, li ho cambiati su un VW touran a metano e con 200/250€ te la cavi, ed essendo una spesa che fai una volta sola (almeno in teoria) può passare.
Poi non voglio assolutamente difendere a spada tratta il GPL solo che fin ora per la mia personale esperienza si sta dimostrando un'alternativa più che valida al diesel

Starnat

ma guarda, lo spero vivamente, l'ambiente è un tema che mi tocca molto dopo aver lavorato come addetto al controllo entrate in un ospedale ed aver respirato per due mesi i gas di scarico dei tanto acclamati motori euro 6 che inquinano meno di un benzina (proporrei a chi sostiene queste teorie di fare per un mese quel lavoro e poi ne ridiscutiamo).
Poi l'elettrico secondo me avrebbe anche altri problemi oltre l'autonomia ma non è questa la discussione

Starnat

si dovrebbe riciclare il calore che usano già per altri motivi, per esempio nella mia zona un'azienda usa grosse quantità d'acqua per raffreddare i loro macchinari, fino a una decina d'anni fa quest'acqua veniva smaltita buttandola in fossati o fiumi creando di fatto inquinamento, oggi viene incanalata attraverso tubazioni che arrivano direttamente a casa e scaldano l'acqua normale proveniente da acquedotto quindi non viene trasportato nulla attraverso camion (infatti il teleriscaldamento è disponibile fino ad un tot chilometri di raggio dall'industria), stesso dicasi per l'alfa acciai in città anche se non ne ho la certezza assoluta visto che non abito in città, il discorso rifiuti non è ancora attivo ed è solo un'idea ma dovrebbe seguire questa linea, i rifiuti per essere smaltiti vengono bruciati in ogni caso quindi quel calore sarebbe utile sfruttarlo

Mark

Ero ironico

Hoyz

Veramente fino al 2011 Milano è sempre stata guidata da centrodx/lega.

Marco

Ho una prius V2 del 2006, zero problemi... Faccio i 25 al litro e tutt'ora inquina meno delle auto odierne.
Per me l'era del diesel è finita nel 2006 con l'entrata in vigore dell'Euro 4, già a quel tempo non rientrava nella normativa... Immaginiamoci ora....

Marco

Che considerazione del cavolo

Gef

Perché comprare auto elettriche per la città sarebbe buttare soldi?

saetta

ma che euro 6
euro 3 se va bene

daniele

MMh bella storia ma cosa centra?

E K

Benvenuto nel presente.

Pensa a tutti i poveri borghesi parigini e londinesi, che nel 1800 affittavano i piani superiori dei loro palazzi ai proletari, i quali gli facevano la spesa, si occupavano di lavargli il bucato gratis e di portare dabbasso le spazzature, pensa che questi poveri borghesi, con l'avvento dell'industrializzazione massiccia e del livellamento verso il basso dei costi della vita hanno dovuto cominciare a farsi le cose da soli. Poverini...

daniele

Nel senso che una legge fatta dal comune di milano mette in questa situazione:

Non residenti a milano: Usano la macchina fino a Milano, poi la parcheggiano davanti alla metro e prendono la metro (come nel 50% dei casi fanno gia oggi).

Residenti a Milano: devono lasciare la loro macchina fuori città lontano da casa per poterla prendere o in caso contrario appena escono dal box prendono la multa.

Diciamo che da milanese mi sento preso in giro...

andrea55

L'euro 3 aveva il Fap facoltativo mentre a partire dall'euro 4 è diventato obbligatorio, a livello di emissioni finchè il fap non rigenera inquina meno, quando lo fa ridiventa un euro 3 nella migliore delle ipotesi

E K

no, una cosa sono leggi ad emanazione nazionale o leggi ad emanazione locale e un'altra é il non volerle rispettare o considerarle di serie b.
Se viene messa una legge locale sul divieto di un certo tipo di auto, e la tua rientra nel divieto, mettiti l'anima in pace, la devi rispettare e non esiste "diritto ad usare quello che si vuole" che tenga.

Giulk since 71'

ah ah ah

Fer

prego, e cambiati l'auto ;) cosi finalmente posso ricominciare a uscire per una corsetta in città senza dover guardare prima ogni volta il livello di pm2.5 e pm10 …

zzzz

hai già risposto in modo poco sensato. grazie

Fer

Prima di rispondere in modo sensato voglio chiederti se vivi a Milano o ci vieni per lavoro o sei il classico personaggio che commenta per far polemica e basta.

Fer

Discorso generale in commento ad un articolo solo per fare polemica. Si parla di Milano e tu ti incazzi se da Monza a Linate (due comuni che non sono Milano) ci metti troppo coi mezzi .... Che senso ha? Come dire a Milano maledetti non fanno circolare i diesel e ora come faccio io con il mio a fare Caserta Napoli che in treno ci vuole tanto?

I mezzi pubblici vanno valutati su Milano città. Il confronto ha senso se lo fai per dire quanto ci metti ad arrivare da città studi a Bovisa? O dal duomo ai Navigli?.. e vedi se non funzionano i mezzi enti conviene l'auto..

Fer

Davvero? Ingegnere? Wow quante stupidaggini dici . Andiamo con ordine:
1) costruire un auto elettrica (telaio gomme ecc) non è nè più inquinante di una normale, poiché i motori elettrici e la trasmissione elettrica è molto molto più semplice di quella su un auto tradizionale, per non parlare del fatto che a confronto avrai anche bisogno di una manutenzione quasi nulla...
2) la produzione di energia elettrica da fonti non pulite, ad esempio un ciclo combinato (che va a gas ed è la tipologia di centrale termica oggi più diffusa) ha un rendimento intorno al 60% ... Significa che il 60% del gas diventa energia elettrica... Considerando poi i rendimenti di trasmissione dell'energia lungo la linea, le perdite nel sistema di ricarica, le perdite per altri fattori vari. Dallo stoccaggio alle ruote un elettrica ha un rendimento del 45-50% ... Un auto a combustione del 10-15 % esagerando ...

zzzz

mi porti tu il campionario di trilioni di dm3 dai clienti?

zzzz

euro 6?
ormai te lo chiedono tutti :-)

zzzz

se penso che il mio quartiere (e non è il solo in città è tutto in teleriscaldamento, fatto 40 anni fa perchè si prelevava da falde "già calde" naturalmente. Poi sono arrivate le province limitrofe che lamentavano cali delle sorgenti termali, con il risultano che hanno bloccato l'estrazione di acqua calda, e hanno costruito due centrali praticamente in centro città per scaldarla. Uno dei due gestori è fallito, facendo spendere un bel pò di soldi ai suoi clienti (circa 5000 euro per un appartamento di 100mq) per l'allacciamento all'altro.
Il teleriscaldamento potrà anche inquinare di meno (una centrale ha ovviamente maggiore efficienza di una caldaia di un privato) ma io non vedo i fantomatici risparmi in bolletta che promettevano

Alla ricerca del tempo perduto

il diesel ha polveri sottili altamente nocive per la salute umana in quanto infiltranti come le fibre d'amianto ad esempio

utente

Di co2, che è l'unico dato dichiarato nella scheda tecnica, il diesel ne emette meno del benzina.

Alla ricerca del tempo perduto

sì ma quante Corvette 6000cc ci sono in giro?
E quante auto diesel inquinanti?
sentiamo..

Alla ricerca del tempo perduto

il diesel inquina molto di più a parità di cavalli/peso

Alla ricerca del tempo perduto

devi aggiungere lo spazio tra L e O
così mi disturba leggerlo

Alla ricerca del tempo perduto

targa tedesca provvisoria o bulgara

ste

c'è da considerare anche l'inquinamento per la produzione delle auto, e il tipo di ricarica.
Produrre una elettrica è molto più inquinante, inoltre se l'energia con cui la si ricarica non arriva da fonti pulite quali fotovoltaico, eolico etc.. è completamente inutile

Stefano79

auguri! se leggi in giro hanno tutti avuto problemi con gli iniettori, magari i tuoi sono già a posto ;)

ironmel

è vero: chi sono? da dove sono? perché sono? ma soprattutto chi mi ha fatto scappare dal manicomio?

nik

Grazie ai D&M&NTI che hanno votato questo personaggio , prima di destra e poi di sinistra x poter proseguire il mangia mangia EXPO……… tra l'altro pluri inquisito , inoltre in centro a Milano ci sono case ( di ricconi ) ancora riscaldate a carbone……… è dal dopoguerra che il centrosinistra mangia in questa Città ……..bravi continuate pure a votarli!!!!!

Fer

Linate non è comune di Milano.... Non sai neanche dove vivi

Fer

No,? Hai esperienza di vita diversa dalla mia e viviamo nella stessa città? Illuminami

Fer

Gli impianti industriali non scaricano su strada. Uno dei tanti problemi e l'inquinamento su strada quando esci a piedi e non puoi correre o andare in bici per lo smog. Quello non cambia se cambi le caldaie...e al 90% colpa Delle auto varie... Poi ci sono anche tutti gli altri problemi dell'inquinamento da riscaldamento...da fabbrica da produzione energetica ....che cmq andrebbero affrontati e risolto ma ciò non toglie che non si possa iniziare con le auto

Mark

ma che dici, a Milano funziona tutto alla perfezione come un orologio svizzero!!!1!!!!11!1!!1!!!1!11!

Marco

Come se il problema fosse solo dei diesel direi piuttosto. Intanto costringono la gente a comprare auto a benzina che non solo consuma di più ma costa anche di più alla pompa, e poi a quei poveretti che si sentono tanto all'avanguardia buttando soldi sulle auto elettriche

Stefano

Sarebbe interessante conoscere il dato di consumo di metano da parte dell'inceneritore.. la spazzatura non è un buon combustibile, anzi spesso non è nemmeno un combustibile. Inoltre a differenza del metano, per trasportarla è necessario usare mezzi diesel... tanti mezzi diesel. Bruciando spazzatura si produce tanta di quella M€rd@ che nemmeno immagini.

Giulk since 71'

Si ma una cosa e rispettare il codice della strada, un'altra che ti impediscono di usare un'auto che hai pagato regolarmente e per quale regolarmente hai pagato sempre le tasse, inoltre ti vorrei ricordare che quell'auto per circolare ha superato l'omologazione

Gpl

Che differenza c'è tra un auto euro 3 e una euro 4 come emissioni inquinanti ?

Fandandi

Anche a Bologna non si girava questo inverno con diesel sotto l'euro 4.

Merdslie

Viva il benzina

Mattia Alesi

Infatti! Anche io sono d'accordo sul fatto che non è "tutta colpa dell'auto diesel" che gira in città (si, indubbiamente contribuisce alle emissioni). Si deve tenere conto però, degli impianti industriali che producono volumi molto più rilevanti di emissioni.

Aster

Infatti li prendono ibride;)puoi comprare quello che ti va,dico solo che in altri paesi e vietato e basta!Se il mondo fosse giusto lo pagheresti anche qui in Italia la benzina come negli USA.

Signor Citrus

Mi riferisco al fatto che sono decenni che ci si sta concentrando sull'efficienza energetica, divieto di sostanze tossiche, miglioramento delle tecnologie per ridurre i costi e i materiali, uso di materiali a basso impatto ambientale.
Il tempo non manca. Io comunque, la macchina la uso poco in generale.
Nei centri urbani è diventato un peso oltre ad essere un dovere civico non usarla per preservare l'aria delle città.
Le auto private nel futuro andranno bene per le tratte liunghe da città a città, ma al loro interno saranno praticamente bandite in favore dei mezzi pubblici.

Signor Citrus

Si infatti, si riferisce solo agli euro 0 1 e 2

The_Th

fai due conti, e vedi quanto spendi a benzina a fare 40k km annui...
il diesel conviene ancora, io sinceramente non ho soldi da buttare e quindi uso un'auto a gasolio...
e lo stesso ragionamento lo fanno le aziende, mica prendono auto aziendali a benzina...

Volkswagen

Volkswagen e-Up: un tranquillo weekend di live batteria

Audi

Audi A4 Allroad: recensione e prova su strada | HDtest

Michelin Track Connect: lo smartphone consiglia la pressione pneumatici in pista

Renault

ADAS Renault: vi spiego tutta la tecnologia | speciale guida autonoma LVL 2