Tesla vuole aprire i Supercharger alle altre elettriche anche in Norvegia

06 Dicembre 2021 14

Tesla aveva iniziato ad aprire la sua rete Supercharger alle vetture elettriche delle altre case automobilistiche in Olanda all'inizio di novembre 2021. Come sappiamo, la società di Elon Musk ha in progetto di rendere accessibile l'intera sua rete di ricarica a tutte le altre auto a batteria. Ovviamente, non può aprire l'intera infrastruttura a tutti in un solo momento e, per questo, ha avviato un primo progetto pilota che riguarda alcune stazioni di ricarica dell'Olanda.

SI LAVORA PER ALLARGARE IL PROGETTO PILOTA

La casa automobilistica aveva anche fatto sapere che avrebbe progressivamente ampliato il numero delle stazioni aperte alle altre elettriche di questo progetto pilota. Un modo per raccogliere più feedback e verificare sia l'esperienza degli utenti non Tesla e sia capire le reazioni dei proprietari delle Tesla che si sarebbero imbattuti in molto più "traffico" all'interno delle stazioni.

A quanto pare, sembra che il costruttore americano punti ad allargare il progetto pilota anche ai Supercharger presenti in Norvegia. Come riporta Bilbransje24, un sito norvegese, Patrik Gayer che in Tesla ricopre il ruolo di "manager of public policy and government relations", ha inviato una lettera al ministero dei Trasporti norvegese in cui sostanzialmente si può leggere che il costruttore intende incontrare le autorità del Paese per discutere proprio dell'ampliamento di questo progetto pilota.

Stiamo ora esaminando altri mercati per una potenziale espansione del progetto pilota. Ci farebbe piacere incontrarvi per dirvi di più sui nostri piani...

Purtroppo, non sono state riportate precise tempistiche ma il dato chiaro è che Tesla sta pensando di aprire i Supercharger alle altre auto anche in Norvegia. Tuttavia, il testo trapelato farebbe pensare che i tempi di attesa possano non essere brevi visto che le discussioni tra le parti devono ancora incominciare. Il nodo della questione potrebbe essere l'accesso ai fondi statali per la creazione di stazioni per la ricarica che il Paese eroga solamente per la creazione di colonnine aperte a tutte le auto.

Quanto emerso dalla stampa locale della Norvegia è sicuramente molto interessante. A questo punto non rimane che attendere ulteriori novità sul progetto di Elon Musk di aprire a tutti i suoi punti di ricarica.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
MorrisMo

In Italia meno male che ci sono i Tesla supercharger.... Gli altri dormo... Fanno postazioni singole colonnine x max 2utenti....e devi stare attaccato ORE ed ore per caricare 20o30kilowatt... Appena tornato dal Trentino... Con model 3 long range doppio motore integrale 450 e passa cavalli ...

R_mzz

Ci sono stati diversi casi di incendio, naturalmente su oltre 1 milione di auto circolanti qualcuna sarà coinvolta in qualche incidente più o meno grave.
Non c'è stato (che io sappia) neppure un caso accertato di incendio spontaneo.

papau

Casi ce ne sono stati, pochi per fortuna, più che altro mi chiedevo perché é stato bannato un normale commento.
Spero che una full kasko costi davvero poco perché quando comprerò una elettrica sarà parcheggiata in un parcheggio condominiale sotterraneo. Sai che disastro.

R_mzz

Allora fortunatamente ho evitato la lettura di qualche ca**ata.
Ripeto non ho mai visto un singolo caso accertato di incendio spontaneo su Model 3 o Y e parliamo di oltre 1 milione di auto.

Non è un caso se la full kasko mediamente costa meno su un'elettrica.

papau

Ho cercato su google model 3 prende fuoco

R_mzz

Probabilmente avrai linkato le solite ca**ate, tipo come ho già scritto sotto:
Il caso della Model Y bruciata nel garage per un incendio partito nella casa o il caso della Model S con un proiettile nella batteria (lo sparo è partito dall'interno dell'abitacolo).
Immagina qualcuno sparare al serbatoio.

In caso di incendio le batterie possono bruciare, ma non esplodere, pertanto sono più sicure per gli occupanti dell'auto.

papau

Oggi ti avevo linkato parecchi casi di model 3 ma sono stato bannato.

R_mzz

Non c’è neppure un singolo caso accertato.

Si è parlato di una Model Y che aveva preso fuoco durante la carica, poi si è scoperto che l’incendio era partito dalla casa del proprietario.
Un altro proprietario aveva accusato Tesla per una Model S bruciata, poi è stato trovato un proiettile nella batteria, il colpo è partito da dentro l’abitacolo.

Matteo Bramucci

In Norvegia ci sono già almeno una decina di distributori di energia.
Non c'è assolutamente bisogno anche dei supercharger per tutti.
Sicuramente ne ha bisogno Tesla...non gli altri.

Matteo Bramucci

In Cina ce ne sono dozzine di casi.
Basta volersi informare

ACTARUS

Una id3 in fase di ricarica

Signor Rossi
R_mzz

Ci sono oltre 1 milione di Model 3 circolanti, ma non ho mai letto neppure di un singolo caso di incendio spontaneo.

Paolo Giulio

https://www.theverge.com/2021/12/6/22820295/tesla-sec-solar-panel-alleged-defects

AH, di Tesla non vanno a fuoco SOLO le auto... :D :D

(flame -appunto- mode ON)

Auto

Mazda CX-60: prova (su strada) di maturità per il SUV PHEV da 60 km elettrici | Video

Elettriche

Hyundai IONIQ 5 RWD: prova consumi reali, quanto costa la ricarica e costo per 100 km

Auto

Renault Arkana E-TECH Hybrid 145: alla moda ed efficiente | Recensione e video

HDBlog.it

Tesla crolla in borsa: Musk ha venduto milioni di azioni per scalare Twitter