Panasonic scommette sulle celle 4680 di Tesla

09 Aprile 2021 31

Panasonic scommette sulle nuove celle 4680 presentate da Tesla durante il Battery Day. In particolare, l'azienda giapponese è convinta di avere un vantaggio sulla concorrenza per quanto riguarda la produzione in massa di queste celle per le batterie delle auto elettriche. La casa automobilistica americana, presentandole, aveva enfatizzato le loro potenzialità. Grazie a loro sarebbe stato possibile non solo aumentare l'autonomia dei veicoli ma anche abbassare i costi. Proprio utilizzando tali nuove celle, sarà possibile portare al debutto l'attesa elettrica da 25 mila dollari di Tesla di cui tanto si specula da diversi mesi.

DIFFICOLTÀ DI PRODUZIONE

C'è un problema, però, perché le celle 4680 sono difficili da produrre in massa. Ci sono, infatti, diverse criticità da risolvere, tanto che alcuni analisti dubitano della possibilità che si possa arrivare a realizzarle in grandi quantità. Lo stesso Elon Musk ha ammesso le difficoltà di una produzione su larga scala. Panasonic, tuttavia, punta a fare leva sulla sua grande esperienza nella produzione delle batterie che l'ha portata a realizzare sistemi di controllo particolarmente efficienti e affidabili. In breve, l'azienda è convita di poter arrivare a costruire un prodotto sicuro che soddisfi tutti i requisiti di prestazioni e di affidabilità che il mercato richiede.

Attualmente, Panasonic sta lavorando ad una linea pilota per la produzione di queste nuove celle. Le difficoltà le ha spiegate bene Akira Nagasaki, uno dei responsabili dello sviluppo delle batterie dell'azienda giapponese, all'interno di un'intervista su Bloomberg. Le celle 4680, viste le loro dimensioni, sono più inclini al surriscaldamento in quanto è più difficile dissipare il calore al loro interno. Inoltre, sempre a causa delle loro maggiori dimensioni, sono più suscettibili alle contaminazioni di impurità che possono causare un cortocircuito e quindi generare un principio di incendio.

Panasonic, tuttavia, si dice sicura di essere in grado di poter superare queste problematiche grazie alle sue competenze. Un vantaggio che ritiene di avere sulle altre aziende che stanno lavorando allo sviluppo di queste celle. Tattica o realtà? Questo lo si scoprirà nel corso dei prossimi mesi. Tesla ha urgente bisogno di queste celle per portare avanti i suoi ambiziosi piani di sviluppo. Per questo, oltre a decidere di produrle direttamente in casa, intende ancora appoggiarsi ai suoi partner come, appunto, Panasonic.

I vantaggi di queste celle sono evidenti come ha spiegato lo stesso Akira Nagasaki. Oggi, con le celle 1865 e 2170 ne servono mediante da 4.000 a 8.000 per un pacco batterie. Con le 4680 se ne dovranno utilizzare solamente circa 500, semplificando la realizzazione delle batterie e riducendo, contestualmente, i costi. Per Panasonic, riuscire a produrre in massa tali nuove celle aprirebbe anche nuove opportunità visto l'aumento delle richieste delle batterie. Infatti, potrebbe proporle anche ad altre case automobilistiche diminuendo la dipendenza da Tesla.

VIDEO


31

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
BerlusconiFica

ahahah e pensa che non l'ho mai votato!! Ma l'aspetto folkloristico del personaggio è stupendo

RIC 5 stelle

AHAHAHAHAHAH!!!!!!
Il tuo nickname non ha bisogno di commenti :-)

Vae Victis

Penso che 10 anni fa i politici abbiano legiferato sulla base di ricerche tecnologiche promettenti, che in seguito si sono rivelate inefficaci.
Se non tirano qualcosa fuori dal cilindro entro 4 anni, scoppierà tutto il bubbone economico che si è creato.

Giulk since 71' Reload

Non volevo farlo, ma siccome se ne parlava come fossero il santo graal, e da quello che ho letto tecnicamente darebbero una vera svolta al settore, mi chiedo a che punto stanno, se i problemi li hanno risolti e se le vedremo in produzione su qualche auto entro qualche anno almeno

Vae Victis

I brevetti sono tutti di Panasonic. Sia di queste batterie che delle altre.

Vae Victis

Non rigirare il coltello nella piaga.

Vae Victis

Tesla ha già ordinato il giga-scotch e il giga-sputo per assemblarle.

BerlusconiFica

Sei meritatamente un 5 stelle

RIC 5 stelle

Peccato però che ci sei anche tu.
Anche se confrontarsi con quelli come te fa aumentare parecchio l'autostima.:-)

BerlusconiFica

meno male che ci sei tu

RIC 5 stelle

Beh, sono piacevolmente sorpreso.
Stavolta, solo metà dei commenti sono ignoranti, stupidi e retrogradi.
Dai,che ce la facciamo!

Chicco Bentivoglio

È ottimo il wafer di grafene

Chicco Bentivoglio
Signor Rossi
Manu

chi sa se ci riusciranno!

Signor Rossi
BLERY

Preferisco le batterie allo stato liquido al grappino

Aristarco

prova

BLERY

Si mangiano?!

an-cic
Mirko

Hanno risolto diverse criticità, ormai manca poco al debutto.

Aristarco

insieme a quelle al grafene

Alessio Ferri

mediamente, non mediante

Giulk since 71' Reload

Ma quelle a stato solido?

Fabrizio

Dipende se il brevetto c'è, e in caso ci fosse sia loro o di Tesla.
Non sarebbe comunque impossibile, dietro pagamento di una licenza

MatitaNera

Mi pare che le "difficoltà" siano di ordine trascurabile...

DarkVenu

Come giocar na schedina...
Sarebbe più corretto utilizzare il termine: "investe".

Matteo Grifantini
Infatti, potrebbe proporle anche ad altre case automobilistiche diminuendo la dipendenza da Tesla.

Ma può farlo? Non credo possa prendere delle batterie brevettate, produrle sotto contratto e poi venderle ad altri produttori. Il vantaggio di Tesla diventerebbe una mera questione di soldi..

Chicco Bentivoglio

Solo? Mi sa che non ci credono neanche loro...

Aristarco

un chicco di riso

Chicco Bentivoglio

Quanto ha puntato?

Auto

Mercedes EQA: 100% SUV, 100% elettrica. Prova su strada e consumi | Video

Auto

Kia XCeed Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi, risparmio e costi

Auto

Hyundai IONIQ 5: quanto costa e quando arriva in Italia | Video anteprima

Suv

Opel Grandland X Hybrid4, in pista da cross con un SUV Plug-in 4WD | Video