Stellantis punta sulle batterie allo stato solido. Accordo con Factorial Energy

30 Novembre 2021 19

Durante l'EV Day di luglio, Stellantis, parlando del suo ambizioso piano di elettrificazione, aveva raccontato che nel 2026 avrebbe introdotto la tecnologia delle batterie allo stato solido. Su questo punto, però, non erano emersi altri particolari dettagli. Finalmente, adesso, si sa qualcosa di più su questo progetto. Il Gruppo, infatti, ha annunciato di aver firmato un accordo di collaborazione con Factorial Energy.

Si tratta di un'azienda con sede a Woburn, nel Massachusetts, che sta lavorando allo sviluppo di questa tecnologia. L'intesa prevede che le due società lavoreranno insieme per implementare sulle auto tali batterie. L’accordo include anche un investimento strategico da parte di Stellantis.

MAGGIORE AUTONOMIA

Stellantis racconta che Factorial ha creato una tecnologia che si focalizza sui problemi che ostacolano la diffusione delle auto elettriche e cioè l'autonomia e la sicurezza. Questa società ha sviluppato batterie che, senza alcun aumento del costo, offrono dal 20% al 50% di autonomia in più per ricarica e una maggiore sicurezza rispetto alle batterie tradizionali agli ioni di litio.

La tecnologia proprietaria FEST (Factorial Electrolyte System Technology) dell'azienda sfrutta un materiale elettrolitico solido che garantisce prestazioni sicure e affidabili grazie a celle ad alta capacità con materiali catodici e anodici. L’elettrolita FEST è stato applicato con successo in celle da 40 Ah, funziona a temperatura ambiente e può utilizzare la maggior parte delle attrezzature esistenti per la produzione di batterie agli ioni di litio.

Stellantis, dunque, ha svelato i suoi piani per le batterie allo stato solido, una tecnologia su cui stanno scommettendo diverse case automobilistiche. Sulla carta, infatti, permetteranno di far fare un importante salto avanti alle auto elettriche. Se le tempistiche saranno rispettate, all'inizio, questi accumulatori affiancheranno quelli "tradizionali". Ci vorrà infatti sicuramente del tempo per "rodare" la tecnologia e renderla disponibile su tutti i modelli.

Factorial non sta lavorando solo con Stellantis su questo campo. Tale società, infatti, ha stretto un accordo simile anche con Hyundai e Kia. Visto il grande fermento che c'è sulle batterie allo stato solido, sarà molto interessante seguire l'evoluzione di tutti questi progetti per capire sa davvero nel giro di pochi anni saranno effettivamente introdotte all'interno delle auto elettriche di nuova generazione. Carlos Tavares, CEO di Stellantis, ha commentato:

Il nostro investimento in Factorial e in altri partner autorevoli specializzati nello sviluppo di batterie aumenta la velocità e l’agilità necessarie ad adottare tecnologie all’avanguardia per il nostro portfolio di veicoli elettrici. Iniziative come questa ridurranno il time to market e renderanno più conveniente la transizione alla tecnologia a stato solido.

Siyu Huang, co-fondatore e CEO di Factorial Energy, ha aggiunto:

È un grande onore collaborare con Stellantis, uno dei principali attori della mobilità globale, che include nel suo portfolio alcuni dei marchi automotive più iconici al mondo. Per noi è una straordinaria occasione per promuovere l’adozione della nostra tecnologia legata alle batterie a stato solido nel mercato di massa, una tecnologia pulita, efficiente e sicura.

Il Samsung più equilibrato? Samsung Galaxy A52 5G, in offerta oggi da Tecnosell a 330 euro oppure da Amazon a 415 euro.

19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Signor Rossi
Ginomoscerino

1)le F1 sono ibride non han bisogno di un pacco batteria da ModelS, hanno un intero sistema che carica di continuo la batteria (che pesa al massimo 20kg).
2) se non le portano nelle auto normali è perchè o costano uno sproposito o perchè nel lungo periodo (più di 1 anno) non sono affidabili che nel motorsport interessa poco

Signor Rossi
Signor Rossi
Slartibartfast

Tra il far funzionare qualcosa e il produrlo in massa a basso costo è perfettamente normale che passino molti anni.

Slartibartfast

Dipende cosa intendi per concreto.
Prodotti in commercio (auto) sono previsti non prima del 2024, piu probabile 2025.
Tra il far funzionare qualcosa e il produrlo in massa a basso costo è perfettamente normale che passino molti anni.

Ginomoscerino

forse perchè costano troppo? e non hanno i requisiti adatti per auto di tutti i giorni? per una monoposto da 10+ mln di € non si badano a spese
ah già ma siccome Musk non ne parla sono fuffa ;)

Signor Rossi
Signor Rossi
Vash( 5G version )3rr0r

Semmai è cambiato tutto tranne il nome. Oltre la cassa integrazione, non ricevono aiuti statali da EONI.

Surak 2.04

Ha solo cambiato nome, ma continua a fare la mantenuta di palazzo a spese pubbliche. Mi rallegrerò quando svanirà!

Vash( 5G version )3rr0r

Fiat è morta. Oltre al marchio, di concreto è rimasto solamente PSA. Tutti i detrattori dovrebbero rallegrasene.

Vash( 5G version )3rr0r

Dal poco che ho capito sono una realtà che esiste, ma che non funziona( ancora) su batterie di grandi dimensioni e pare che adesso l'ostacolo principale sia questo.

Ginomoscerino

di uso concreto per ora ne ho sentito parlare in F1 dove Honda e Ferrari, forse Mercedes, le han portate però hanno esigenze diverse

R4gerino

Tutte le aziende puntano su quelle batterie mi pare di capire. Ma fino ad ora non si è ancora visto nulla di concreto o sbaglio?

Surak 2.04

"Stellantis punta sulle batterie allo stato solido."

Finirà che sarà l'unico elemento "solido" di una Fiat

Canvas

Ci vorrà del tempo per ridurre il costo delle batterie allo stato solido rispetto a quelle tradizionali. Probabilmente faranno uscire una grande berlina ammiraglia nel 2026 con quelle batterie.

Tsaeb

piuttosto vado a piedi.

Giorgio

Tocca comprare na Fiat porco d......ahahhhahaha

Auto

Mazda CX-60: prova (su strada) di maturità per il SUV PHEV da 60 km elettrici | Video

Elettriche

Hyundai IONIQ 5 RWD: prova consumi reali, quanto costa la ricarica e costo per 100 km

Auto

Renault Arkana E-TECH Hybrid 145: alla moda ed efficiente | Recensione e video

HDBlog.it

Tesla crolla in borsa: Musk ha venduto milioni di azioni per scalare Twitter