FCA e PSA presentano il logo di Stellantis

09 Novembre 2020 6

FCA e PSA hanno presentato ufficialmente il logo di Stellantis, il nuovo Gruppo automobilistico che nascerà dalla loro fusione. I due Gruppi raccontano in questo modo il nuovo logo:

Il logo rappresenta il ricco patrimonio delle due società fondatrici e la forza straordinaria dell’insieme dei 14 leggendari marchi automobilistici del nuovo gruppo nonché la diversità di talento e know-how dei suoi dipendenti in tutto il mondo. Insieme al nome Stellantis – che deriva dal verbo latino “stello” e significa “essere illuminato di stelle” – il logo è la rappresentazione visiva dello spirito di ottimismo, energia e rinnovamento di un’azienda caratterizzata dalla sua diversità e innovatività e determinata a essere uno dei leader nella nuova era della mobilità sostenibile.

La presentazione del nuovo logo è un altro importante passo avanti verso la fusione dei due Gruppi automobilistici. Se non ci saranno intoppi, tutte la procedure dovrebbero concludersi entro la fine del primo trimestre 2021. Ovviamente, dovranno essere soddisfatte tutte le ben precise condizioni di closing, inclusa l’approvazione da parte degli azionisti di entrambe le società nelle rispettive Assemblee Straordinarie e il soddisfacimento dei requisiti antitrust e altri requisiti normativi.


Sul fronte dell'antitrust europeo non ci dovrebbero essere problemi visto che dovrebbe essere presto dato il via libera. Parallelamente stanno procedendo senza intoppi tutti i passaggi necessari per arrivare alla fusione. Entro marzo 2021, dunque, nascerà Stellantis, il quarto costruttore automobilistico al mondo in termini di volumi.

Le massime prestazioni al miglior prezzo? Realme X50 Pro è in offerta oggi su a 534 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex Li

FGA Usa diventò proprietaria di Chrysler sotto Obama sì .....ma non gratis.
Molti investimenti fatti da FCA nei primi tempi sono finiti laggiù quindi il peso politico americano non và sottovaluto.
Resto dell'idea che ogni paese interessato dagli esiti della fusione farà la sua parte.

theItN

Mah, già ora Chrysler è, in termini di baricentro politico, sussidiaria di Fiat nell’attuale FCA, come d’altronde la Opel lo è allo stesso modo (o anche più) in PSA, figuriamoci nel nuovo gruppo quanta voce in capitolo potrebbe avere.. Tra l’altro fu proprio un presidente, e nella fattispecie un democratico (Obama), ad acconsentire all’entrata di Chrysler in Fiat, ergo Biden a mio avviso poco potrà fare voce grossa se non in termini di garanzia che una certa quota occupazionale permanga negli USA (e in questo sarebbe in una certa continuità con l’amministrazione Trump, tra l’altro).

Alex Li

Ti sei dimenticato di Biden!
Io non scommetterei .....mi sa che non vince nessuno.

theItN
Mauro B

Io spero che vedremo finalmente della tecnologia sviluppata per i segmenti superiori e man mano spalmata su tutta la gamma. Stessa cosa per i banalissimi comandi del clima e simili.

T. P.

dai, logo e nome non sono male! :)

Motorsport

Formula 1: chi è Mick Schumacher? Storia e carriera del pilota Haas.

Auto

Audi Q5: solo mild-hybrid. Prova 40 TDI da 204 CV ibrida diesel con luci OLED | Video

Auto

Honda Jazz Hybrid: solo ibrida, pratica e compatta | Recensione e Video

Auto

Renault Twingo Electric: prova su strada, prezzi e test autonomia elettrica in città