Francia e Germania puntano ad un polo europeo per auto elettriche e batterie

14 Febbraio 2019 19

In un discorso tenuto all'Organizzazione internazionale dei costruttori automobilistici (l'occasione era la cena dei 100 anni) il Presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato i primi dettagli di un piano strategico volto a proteggere l'industria automobillistica francese ed europea nel settore dell'auto elettrica, e non solo.

Il Paese d'Oltralpe investirà 700 milioni di euro nei prossimi 5 anni in soluzioni che da una parte rafforzeranno il ruolo della Francia nell'industria globale dei veicoli elettrici, dall'altra porteranno ad un potenziamento della rete di ricarica all'interno dei confini. Si passerà dalle attuali 25.000 colonnine a 100.000 entro il 2022, ma soprattutto si assisterà alla creazione di un polo europeo a trazione franco-tedesca in grado (nelle intenzioni) di proteggere l'industria europea dell'auto dalla concorrenza dei rivali asiatici e americani: i primi sono indubbiamente più forti nel settore delle auto elettriche e delle batterie, i secondi possono invece contare su un vantaggio competitivo per quanto riguarda la guida autonoma. Nel Vecchio Continente, infatti, manca ancora un quadro normativo chiaro che possa agevolare i costruttori a sperimentare questa tecnologia.

Così Macron ha introdotto il proprio intervento:

Come presidente della Francia, non posso essere soddisfatto di una situazione in cui il 100 percento delle batterie dei miei veicoli elettrici sono prodotti in Asia. In termini di sovranità e indipendenza, ritengo che non sia positivo a lungo termine che la nostra industria e l'industria europea siano dipendenti al 100% da non europei. Ecco perché secondo me sulle batterie abbiamo bisogno di una sveglia europea.


L'iniziativa riprende quella annunciata lo scorso novembre dalla Germania, che ha stanziato 1 miliardo di euro entro il 2022 per sostenere la produzione di batterie e salvaguardare i posti di lavoro che potrebbero essere messi a rischio con il passaggio (inevitabile in futuro) dai motori termici a quelli elettrici. Francia e Germania, inoltre, lo scorso dicembre hanno firmato un accordo di cooperazione strategica con la Commissione Europea per iniziare a discutere sull'idea di un colosso europeo del settore. Nel 2017, invece, Francia e Germania avevano annunciato lo studio di un "corridoio" per condividere i test di guida autonoma.

Secondo quanto riferito ieri sera da Macron, l'iniziativa franco-tedesca prevede la costruzione di due stabilimenti produttivi, uno in Francia e uno in Germania. Obiettivo principale: ridurre la dipendenza dell'industria automobilistica europea dai fornitori asiatici. Già negli scorsi mesi, comunque, i due grandi colossi francesi dell'auto (Groupe PSA e Renault) hanno offerto il proprio sostegno alla creazione di un polo europeo per quanto riguarda la produzione di batterie.

L'unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 599 euro oppure da ePrice a 738 euro.

19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Maledetto

Intendi dove si dice che già a dicembre hanno proposto la cosa in commisione europea?

Tom Smith

Leggi sotto

Maledetto

In realtà niente vieta ad altri stati di unirsi, già quando la Germania aveva annunciato di voler investire in questo aveva anche consigliato alle altre nazioni di unirsi, la Francia l'ha fatto adesso e niente impedisce ad altre nazioni di farlo, se la smettessimo di fare casini a livello internazionale e facessimo politica seria potremmo unirci anche noi...

Tom Smith

Oltre all'Italia ci sono altri 24(23) paesi nell'Unione eppure collaborano solo in due.

sgarbateLLo

Il vero problema è che all’estero non possono fare affidamento sul governo italiano e quindi fanno da soli

Tom Smith

Non credo che la Francia e la Germania che comandano in Europa avessero voluto fare entrare qualsiasi tipo di governo italiano nell'accordo. Non porterebbe loro troppi vantaggi. Ma ormai in questo contesto storico in cui purtroppo l'Europa è sempre più divisa e ininfluente ogni stato deve fare per se.

Alessio Ferri

Nulla impediva al congiuntivo mancato, a felpetta verde e all'avvocato dei pir*a di muoversi prima e far diventare il polo franco italiano o italiano tedesco.

Tom Smith

Peccato che il polo lo chiamano europeo mentre in realtà è franco-tedesco.

sgarbateLLo

Fa politica anche da “extraparlamentare”

Alessio Ferri

Immagino che nel mondo ci siano politici che invece di urlare che stanno facendo gli interessi nazionali li fanno effettivamente (come Macron e Merkel) e punto bonus non commettono neanche reati perseguendoli.

EttoreTurbodiesel

Forse ho perso il filo... ma questo polo europeo è l'anodo o il catodo?

EttoreTurbodiesel

Quando incentivi le auto elettriche, ma poi ti ricordi che non consumano benzina e perdi le accise

steek

hai ragione...ormai è olandese/americana.
ahn già la DR :D
Cmq se fossi nello stato italiano un pensierino a rifare l'industria automotive italiana di stato lo farei, cioè i francesi stanno aiutando la renault ma nessuno in europa fiata.

Aristarco

tutta colpa di di battista....

sgarbateLLo

https://uploads.disquscdn.c...

Tom Smith

In Italia possiamo permetterci di rimanere indietro grazie al nuovo boom economico del 2019.

Tom Smith

Quali sono le aziende automobilistiche italiane?

Aristarco

guarda e mangia pop corn

steek

E l'italia che fa???

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada