BMW al CES 2019: la tecnologia del concept Vision iNEXT, elettrico e autonomo

13 Gennaio 2019 4

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

La concept car BMW Vision iNEXT non è una novità assoluta - l'avevamo già vista al Salone di Francoforte 2018 - ma al CES 2019 BMW non poteva certamente non portarla per dimostrare le tante tecnologie riservate alla futura ammiraglia elettrica e autonoma del marchio, un crossover/SUV di dimensioni imponenti che vedremo su strada nel 2021.

ELETTRICA E CONNESSA, MA IL PIACERE DI GUIDA RIMANE

iNEXT sarà uno dei prossimi modelli a marchio BMW i, la divisione del marchio dedicata alla mobilità elettrica. La strategia EV di BMW Group interesserà l'intera gamma, con 25 nuovi modelli elettrificati (di cui 12 esclusivamente elettrici) entro il 2025. iNEXT sarà la portabandiera della strategia "Autonomy + Connectivity + Electric + Services": dunque non solo elettrica, ma anche autonoma (entro i limiti previsti dai regolamenti dei singoli Paesi), e digitale.

Il design della vettura indica la direzione intrapresa da BMW per "vestire" l'auto del futuro: il powertrain elettrico porterà ad un incremento dello spazio interno in rapporto agli ingombri esterni; la guida autonoma, con la possibilità di "nascondere" il volante, permetterà di sfruttare al meglio questo spazio, offrendo nuove possibilità di interazione ai passeggeri (modalità di guida "Easy"). Ma visto che le BMW si comprano ancora per il piacere di guida, i tecnici del marchio bavarese non hanno escluso una particolare configurazione per chi ama guidare - modalità "Boost".

LA TECNOLOGIA DI OGGI E DI DOMANI

La tecnologia all'interno c'è, ma non si vede (almeno in parte): è questa la filosofia delle tecnologie Shy Tech. L'Intelligent Personal Assistant, svelato lo scorso settembre sulla nuova BMW Serie 3 - è un assistente digitale attivabile con il comando vocale "Hey BMW" che permette di accedere a tutte le funzioni della vettura (dall'infotainment alla ventilazione) sfruttando l'Intelligenza Artificiale.

E poi ci sono gli Intelligent Materials, ovvero materiali "smart" integrati con l'interfaccia digitale del veicolo, per fornire un feedback visivo e tattile ai comandi vocali o gestuali impartiti dai passeggeri. Sfruttando le superfici dei materiali (per esempio quella del tessuto Jacquard) è possibile trasformare i pannelli interni in veri e propri schermi a sfioramento.

Infine, Intelligent Beam è un sistema di proiezione che trasforma qualsiasi superficie in un display, controllabile sia con il tocco sia con i gesti. Ideale per offrire contenuti aumentati relativi agli assistenti di guida ma anche all'intrattenimento. Al CES 2019 è stato possibile provare tutte le tecnologie di BMW iNEXT attraverso un sistema di realtà virtuale.

VIDEO


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Paolo C.

Sono anni che propinano sempre concept del menga. Con proclami assurdi. Non hanno ancora cominciato a costruire fabbriche per batterie. Questi sono solo buffoni,

marcoar

Deriva, purtroppo, dall'aver "aperto" la piattaforma a chi l'auto la vede e l'ha vista solo nelle concessionarie.
Il fatto di passare poi su hd blog, esaspera la cosa.

Luigi Melita

i concept ci sono sempre stati e sempre ci saranno, non capisco tutto questo astio contro di loro sinceramente.

Paolo C.

Solita fuffa concept. Si critica Tesla ma qui siamo solo a chiacchiere.

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente