Colonnina ricarica auto elettrica condominio: regole e prezzi | GUIDA

31 Dicembre 2018 233

Gli incentivi per le auto elettriche a partire dal 2019 porteranno sicuramente una crescita nel mercato EV, ultimamente forte del segno positivo nonostante volumi ridotti. Per le auto elettriche avere un box per la ricarica a casa è utilissimo per raggiungere il massimo dei benefici, sfruttando la tariffa casalinga spesso inferiore rispetto alle colonnine pubbliche. Come abbiamo visto nella guida alla ricarica, però, il cavo EVSE per la ricarica "centellinare" non è l'ideale (salvo percorrenze giornaliere davvero esigue) e la scelta dovrebbe ricadere su un wallbox o una colonnina di ricarica condominiale se si vive in un contesto con più unità abitative.

COLONNINE RICARICA CONDOMINIALE: LA NORMATIVA

Con il decreto legislativo 257/2016 l'Italia ha fatto un notevole passo in avanti verso la copertura del territorio, recependo la direttiva europea. Approvato a gennaio, il decreto è ormai entrato in vigore con il 2018 e la normativa colonnine ricarica auto elettriche obbliga a predisporre punti di ricarica nei nuovi edifici residenziali con almeno 10 unità abitative, includendo anche edifici a diverso uso con superficie utile superiore a 500 metri quadrati e gli edifici soggetti a ristrutturazione profonda.

In tutti questi casi sarà obbligatorio predisporre un numero di punti di ricarica pari al 20% dei posti auto presenti. Ricordate però che il decreto parla di predisposizione, ben divera dall'installazione effettiva di una stazione di ricarica che può avvenire in un secondo momento. E sì, il termine "colonnine" tecnicamente non è il migliore, ma è quello colloquialmente in uso.

INSTALLARE COLONNINA CONDOMINIALE: GUERRA IN ASSEMBLEA?

Fermo restante che l'installazione della wallbox all'interno della proprietà privata (il box) è sempre possibile, per quelle situazioni dove l'unico parcheggio è in un'area comune (coperta o scoperta), si può portare la questione in assemblea a caccia dell'approvazione della wall box di condominio da parte della maggioranza con il solito meccanismo dei millesimi (500 millesimi e maggioranza degli intervenuti all'assemblea).

Qualora questa non dovesse esserci, però, si può comunque procedere all'installazione a patto di sostenere autonomamente le spese, incluse quelle per la manutenzione e il ripristino degli spazi dopo i lavori (comma 2 e 3 dell'articolo 17). Tutto questo senza recare "pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato", alterarne il decoro architettonico o rendere alcune parti comuni inservibili ai condomini.

Qualora altri condomini volessero usufruire della colonnina condominiale in un secondo momento, questi dovranno retroattivamente pagare la quota relativa alle spese sostenute.

L'iter prevede richiesta all'amministratore che deve convocare l'assemblea entro 30 giorni. Se la proposta non viene approvata dalla maggioranza, il richiedente può installare a proprie spese i dispositivi entro tre mesi dalla richiesta scritta.


Purtroppo la burocrazia è un intricato groviglio di casi ed eccezioni ma, semplificando, chi vuole installare una wall box nel garage privato dovrà semplicemente comunicarlo all'amministratore, contabilizzare l'impianto a monte (se non già dotato di linea dedicata e contatore, così da non utilizzare la corrente box condominiale) e includere tra le spese l'aggiornamento delle certificazioni di sicurezza anti-incendio.

Chi ha un'auto elettrica senza garage, costretto quindi ad installare la colonnina in spazi condivisi come il parcheggio comune, incorrerà in problematiche diverse. Qualora ci fossero spazi per tutti il problema non si pone, in caso contrario la destinazione d'uso cambia e la parte comune diventerebbe una stazione di ricarica condominiale, prevedendo quindi un sistema multi-utente in grado di rendere potenzialmente agibile la ricarica a tutti. Qui le scelte sono molteplici, a partire dalle colonnine con due attacchi fino a colonnine multiple e, in casi eccezionali oggi ma plausibili in futuro, una regolamentazione dei tempi per la sosta: immaginiamo un piccolo condominio dove tutti hanno un'elettrica o un'ibrida plug-in e nessun box privato.


Un tipico problema di parcheggio "elettrico": la Model 3 era parcheggiata dal lato della presa fast e per ricaricare la Ioniq ho dovuto parcheggiare perpendicolarmente a causa della lunghezza del cavo e del posizionamento del bocchettone. Situazioni simili capiteranno anche nei parcheggi condominiali?

Oggi potrebbe essere difficile pensare ad uno scenario del genere ma, fra qualche anno, gli amministratori avranno la possibile patata bollente di dover gestire liti per la stazione di ricarica auto elettrica nel box del condominio (o nel parcheggio, o nella corte): chi ne ha diritto e per quanto tempo? Vince chi ha l'elettrica pura o anche il proprietario di una plug-in deve poter viaggiare a batteria nonostante abbia il motore endotermico a supporto?

Un'altra domanda che sorge spontanea riguarda proprio la colonnina in un posto auto condominiale condiviso e non assegnato: posto che posso installare la colonnina in tale spazio, il parcheggio diventa quindi riservato alle elettriche? Qui entra in gioco il buon senso e, in assenza, bisogna prepararsi alla guerra. L'articolo 1120 parla infatti di impossibilità di alterare la destinazione della cosa comune: non si può impedire agli altri condomini di farne lo stesso impiego ma il caso in cui un condomino dispettoso parcheggia l'auto a benzina nel posto con la colonnina andrà valutato legalmente e le diatribe sui parcheggi condominiali sono sempre state comuni, anche prima dell'era elettrica...

WALL-BOX E COLONNINE RICARICA RFID: SOLUZIONI E PREZZI

Oggi ci sono in commercio diverse soluzioni, dalle Wall Box (stazioni a parete) in grado di abilitare l'utilizzo tramite una tessera RFID a colonnine condominiali (stazioni a terra) da una o due prese, con potenze diverse nei tagli da 3.7, 7.4, 11 e 22 kW.

Una wall box da 3.7 kW con presa Tipo 2 e RFID oggi costa intorno ai 1.000/1.200€ IVA inclusa, cifra che sale ai 1.500/1.600 dei modelli da 7.4, 11 o 22 kW.

La colonnina di ricarica RFID (1 presa di Tipo 2) costa dai 1.500/1600€ se da 3.7 kW ai 2.000€ per i modelli da 7.4 a 22 kW. Infine una colonnina di ricarica con 2 prese di Tipo 2 parte da 2.800€ (3.7 kW) fino ad arrivare a 3.500 (7.4, 11 o 22 kW). Presenti poi varianti leggermente più costose se si sceglie il cavo integrato o più economiche se si rinuncia alla tessera e si sceglie l'abilitazione tramite chiave.

In caso di utilizzo da parte di un solo utente senza sistemi di autenticazione, i prezzi delle wall box sono inferiori ai 1.000€ anche per potenze di 7.4 kW e i consumi sono registrati sul contatore integrato.

In aggiunta a queste tipologie ci sono stazioni di ricarica con software di monitoraggio che tengono traccia dell'utilizzo, mantenendo quindi in memoria le varie ricariche e i kWh prelevati da ogni utente, soluzione ideale per un condominio con più utilizzatori di auto elettriche.

Impossibile fare una panoramica completa di tutte le soluzioni ma, generalizzando, la cifra che si spende parte da circa 800€ fino a modelli più complessi e potenti a 4.000€, cifra relativa ad riguarda una colonnina con 2 prese da 22 kW, software di monitoraggio, connettività e sistema di pagamento integrato con piattaforma cloud per abilitare l'utilizzo anche al pubblico.

INCENTIVI COLONNINE DI RICARICA

Le recenti misure per la mobilità elettrica introdotte insieme ad ecotassa ed ecobonus parlano anche di detrazioni per l'infrastruttura di ricarica.

Nello specifico il contributo "wall-box" viene erogato sotto forma di detrazione dall'imposta lorda e include acquisto, posa in opera e costi per l'aumento della potenza fino a massimo 7 kW. Tutti questi costi sono detratti al 50% e fino ad un massimo di 3.000€, a patto che le colonnine non siano accessibili al pubblico.


233

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Teomondo Scrofalo

Bravo è meglio che chiudi con tutte caxxate che hai scritto, si vede che ragioni a caxxo infatti ti mancano le proteine animali, bravo fateci diventare tutti con ritardi mentali come i tutti i figli dei vegani, l'uomo non può vivere bene senza le proteine animali ficcatelo bene in quella testa da N A Z I VEGANO

Teomondo Scrofalo

Lo sai chela dieta vegano fa diventare degli s t r o n z i rompicojoni?

Teomondo Scrofalo

Quante persone potevano mangiare la carne di un elefante?

Non è questa la sede per analizzare le tappe di questo lungo periodo di popoli cacciatori e raccoglitori, cari lettori, però lo è per sottolineare che, nei millenni, le prove della trasformazione degli alimenti furono formidabili. Stiamo per soffermarci su una di queste tappe, particolarmente illuminante: ci riferiamo a quella relativa alla caccia, macellazione e al consumo di grandi elefanti antichi (Elephas antiquus Palaeoloxodon,) rinoceronti (Dicerorhinus hemitorchus) e uri (Bos primigenius) trovati in siti archeologici in tutto il paese, e alcuni di loro,insieme anche a resti di altro bestiame, associati ad aree di lavoro in cui sono stati squartati e macellati. Questi siti archeologici in Catalogna e altrove, conosciuti e studiati per diversi anni, sono stati spesso descritti come "punti caccia", anche se non scartiamo la pratica di mangiare carogne, cioè, di sfruttare la carne degli erbivori catturati e divorati a metà dai grandi carnivori. Però si devono immaginare anche bande di cacciatori che, una volta catturati gli animali, li macellano sul posto e ne mangiano un po'. Tuttavia, anche solo un elefante del tipo sopra menzionato poteva fornire dieci tonnellate di carne; vale a dire, in termini attuali, 10.000 porzioni!

E stiamo parlando di bande di cacciatori nomadi, che erano composte da non più di una o due centinaia di persone. Si tratta di gruppi specializzati di cacciatori che catturavano, scuoiavano, macellavano e trasportavano la carne nei loro accampamenti. La maggior parte dei loro habitat erano a cielo aperto o, in alcuni casi, erano ripari sotto roccia. Questi campi erano spesso situati lungo le rive dei fiumi, su alcuni terrazzi fluviali o in piccole valli dominanti o in bacini chiusi, di moderata altitudine. In ogni caso, si trattava di aree dove erano presenti fonti d’acqua. Spesso erano coperte da una fitta vegetazione erbacea che attirava mandrie di animali, come uri, cavalli, elefanti e altri. Questi luoghi spesso non erano lontani dai siti di caccia, vale a dire quelle aree in cui le varie specie animali venivano catturate, a seconda delle stagioni.

Teomondo Scrofalo

Infatti hai scritto una cretinata GIGANTE!!!!
Le lancie e l'arco con frecce l'uomo le ha inventate per cacciare i scoiattoli? Infatti i nativi americani non cacciavano i bisonti vero non si nutrivano di bisonti vero? Possibile che hai la mente così limitata?
Mi dici in nord europa l'uomo primitivo dove trovava frutta e verdura d'inverno? Secondo te l'uomo ha sviluppato questo cervello enorme nutrendosi principalmente di bacche? Veramente non ti vergogni a distorcere così la scienza per i tuoi scopi?
Attenzione io parlo dall'homo erectus in poi!
Li sai i danni che crea una dieta totalmente vegana all'ambiente e alla crescita dei bambini? Non si vive bene in assenza di proteine animali!!!
Lo sai che i figli dei vegani crescono con un ritardo?

Teomondo Scrofalo

Ti prego citami dove ho scritto che l'uomo del paleolitico è un vegano. Non puoi perché non l'ho mai detto, e con questo hai detto un altra fesseria.
Ho scritto che l'uomo è onnivoro, ma per onnivoro non s'intende 50% frutta e verdura e 50% carne di mucca e maiale, s'intende più dell' 80% frutta e verdura e per il restante UOVA, INSETTI e ANIMALETTI DI PICCOLA TAGLIA. E questa è un ENORME differenza. Essere vegani è una scelta per il pianeta, per i diritti degli animali e per la salute. E ti ricordo che non è una religione come hai precedentemente scritto in quanto non si venera nessuno, è una scelta per difendere la vita sulla terra, contro le deforestazioni e la distruzione degli habitat e della biodiversità, contro i campi di sterminio per decine e decine di miliardi di animali, e per una buona salute visto che gli scienziati sono concordi che le carni rosse ad esempio oltre che essere super inefficienti dal punto di vista alimentare fanno malissimo, oltre a favorire la proliferazione dei superbatteri.
Per dar da mangiare carne a 8 miliardi di persone con uno stile di vita occidentale ci vogliono 4 pianeti. Visto che non abbiamo 4 pianeti continuerò a rompervi le p@lle per rendere questo pianeta un mondo migliore, e con questo chiudo.

Teomondo Scrofalo

Si bravo

Teomondo Scrofalo

Infatti hai scritto una caxxata GIGANTE!!!!
Le lancie e l'arco con frecce l'uomo le ha inventate per cacciare i scoiattoli? Infatti i nativi americani non cacciavano i bisonti vero non si nutrivano di bisonti vero? Possibile che hai la mente così limitata? Mi dici in nord europa l'uomo primitivo dove trovava frutta e verdura d'inverno? Secondo te l'uomo ha sviluppato questo cervello enorme nutrendosi principalmente di bacche? Veramente non ti vergogni a distorcere così la scienza per i tuoi scopi da religioso? Attenzione io parlo dall'homo erectus in poi!

Matt3Franc3

Ti prego citami dove ho scritto che l'uomo del paleolitico è un vegano. Non puoi perché non l'ho mai detto, e con questo hai detto un altra fesseria.
Ho scritto che l'uomo è onnivoro, ma per onnivoro non s'intende 50% frutta e verdura e 50% carne di mucca e maiale, s'intende più dell' 80% frutta e verdura e per il restante UOVA, INSETTI e ANIMALETTI DI PICCOLA TAGLIA. E questa è un ENORME differenza. Essere vegani è una scelta per il pianeta, per i diritti degli animali e per la salute. E ti ricordo che non è una religione come hai precedentemente scritto in quanto non si venera nessuno, è una scelta per difendere la vita sulla terra, contro le deforestazioni e la distruzione degli habitat e della biodiversità, contro i campi di sterminio per decine e decine di miliardi di animali, e per una buona salute visto che gli scienziati sono concordi che le carni rosse ad esempio oltre che essere super inefficienti dal punto di vista alimentare fanno malissimo, oltre a favorire la proliferazione dei superbatteri.
Per dar da mangiare carne a 8 miliardi di persone con uno stile di vita occidentale ci vogliono 4 pianeti. Visto che non abbiamo 4 pianeti continuerò a rompervi le p@lle per rendere questo pianeta un mondo migliore, e con questo chiudo.

Teomondo Scrofalo

Copi incolla dal tuo post:
"L'uomo è onnivoro ma si è evoluto mangiando al 90% frutta e verdura e per il 10% insetti e animaletti di piccola taglia"
Sei falso ed ipocrita per non parlare che non sai comprendere un testo scritto.

Teomondo Scrofalo

Allora hai scritto quello che ho già ribadito prima io, quindi chi è quello che non in grado di comprendere il testo? Quando mai avrei scritto che l'uomo primitivo mangiava solo ed esclusivamente carne ed era un carnivoro come il lupo? Dove? Lo vedi quanto sei ridicolo e quanto ti arrampichi sugli specchi? Tu invece hai cercato di far passare l'uomo del paleolitico come un vegano che ah volte mangia insetti, oltre che ridicolo sei anche falso.

Teomondo Scrofalo

Però rompete sempre con le automobili, non ho mai visto nessuno a Civitavecchia protestare contro le navi container o da crociera, come mai?

Matt3Franc3

Sono ANCHE quello un grandissimo problema INSIEME alla carne e alle automobili.

Matt3Franc3

A quanto pare oltre a non aver imparato a leggere hai qualche problema anche a comprendere cosa scrivo. Non ho mai scritto da nessuna parte che l'uomo è vegano per natura.
Rileggiti cosa ho scritto sopra e non farmi perdere altro tempo grazie. Se qui c'è qualcuno che si rende ridicolo sei solo tu fidati, ti commenti da solo.

Teomondo Scrofalo

Visto che sei così informato come mai hai dimentica le navi container e le navi da crociera dove una singola nave può inquinare come 30'000 automobili? Per non parlare del riscaldamento a pellet diffusissimo nel nord italia dove una sola caldaia a pellet inquina come un centinaio di automobili. Smettetela di attaccare le automobili e rompete le scatole a chi veramente inquina.

Teomondo Scrofalo
Teomondo Scrofalo

Giustamente con le lancie e le frecce ci facevano i tornei vero?
Non ti rendi conto di quanto sei ridicolo? Quindi allora ammetti che l'uomo primitivo cacciava e si nutriva di carne, non era vegano come volevi far passare tu, io non ho mai scritto che si nutriva solo di carne ma che si nutriva anche di carne, anche di bestie immense come il mammut, cosa pensi che la maggior parte dell mega fauna si sia estinta per noia? Pensi che i nativi americani tribù che vivevano come l'uomo del paleolitico, cacciavano i bisonti per sport?
Questa è scienza non come la tua pseudo religione, lo capisci ora?

Teomondo Scrofalo

Sento arrampicata di specchi da casa mia...

Teomondo Scrofalo
Matt3Franc3

Ma non dire fesserie, più dell'80% dei campi coltivati servono per il mangime destinato agli animali da allevamento, i migliaia di ettari di foresta distrutti ogni anno sono a causa della carne per mano delle lobby criminali degli allevatori. Lo dice la scienza informati.

Matt3Franc3

NO, hai scritto una marea di falsità e fesserie, l'evoluzione nell'uomo è un processo molto lento, per decine di milioni di anni abbiamo mangiato per più dell'80% frutta e verdura e per il restante uova, insetti e animaletti di piccola taglia. Negli ultimi migliaia di anni con la nascita delle prime civiltà con l'ausilio di lance, coltelli e del fuoco alcuni gruppi hanno iniziato a cacciare e poi ad allevare animali di grossa taglia soprattutto in zone in cui frutta e verdura scarseggiavano. Il nostro apparato digerente però non si è evoluto al passo delle nostre recenti abitudini così come la nostra struttura anatomica. Ti sfido senza lancia coltelli e fuoco ad attaccare, azzannare, uccidere un Mammut o una mucca con le tue stesse mani e a mangiare la loro carne cruda senza cuocerla. Un leone può farlo perché é carnivoro, tu no perché ti sei evoluto per mangiare altro. È inutile che ti sforzi è così, fattene una ragione e inizia a cambiare stili di vita per il bene di tutti.
"Quindi per favore se sei ignorante in materia non spargere la tua ignoranza nel web, che poi le menti deboli ci possono credere a quello che scrivi.
Scusami ma lo fai apposta a spargere cose palesementi false?" Scusa non potevo che ricondividere, sono le tue citazioni.
Quello che ho scritto lo dice la scienza informati.

Matt3Franc3

No appartengo alla specie degli Homo Sapiens in cui purtroppo ci sei anche tu. Si esatto gli chimpanzee mangiano uova, insetti e alcuni animali di piccola taglia. L'ho scritto sopra sai leggere? Non ho scritto niente di falso lo dice la scienza informati.

Matt3Franc3

Più dell'80% dei campi coltivati servono per il mangime destinato agli animali da allevamento, i migliaia di ettari di foresta distrutti ogni anno sono a causa della carne per mano delle lobby criminali degli allevatori. Lo dice la scienza informati.

Matt3Franc3

Il problema più grande per l'inquinamento di CO2 sulla terra è la carne che incide di circa un 35/50%. Poi c è il riscaldamento e infine i trasporti che incidono di un 18/24%. L'auto elettrica è molto più efficiente di un auto a combustione termica ed è tecnologicamente molto più evoluta, inoltre avremmo città con aria più pulita e costi sanitari molto più bassi oltre che meno morti legate all'inquinamento. Lo dice la scienza informati.

Teomondo Scrofalo

E si sa che l'auto elettrica è la panacea da tutti i mali, infatti in questi giorni di blocco totale stranamente l'inquinamento è calato di pochissimo, il che mi fa pensare che la fonte di inquinamento sia altro che le automobili.

Teomondo Scrofalo

Vai a vivere in papua nuova guinea e respira a pieni polmoni, ah non puoi perché ogni anno distruggono con il fuoco migliaia di ettari di foresta per coltivare le verdure che tu mangi, per fare finta di salvare il pianeta.

Teomondo Scrofalo

Questa è un'altra storia che condivido in pieno con te, gli animali devono morire bene e vivere ancora meglio, ma noi non siamo mai stati ne saremo mai ne vegani ne tanto meno vegetariani, ma carnivori\onnivori.

Teomondo Scrofalo

Quindi tu sei un gorilla? Perchè anche gli chimpanzee cacciano e uccidono molti animali specie le scimmie delle specie più piccole, scusami ma lo fai apposta a spargere cose palesementi false?

Teomondo Scrofalo

Vegani mai, ma la carne sintetica sicuramente.

Teomondo Scrofalo

No si è evoluto cacciando la megafauna Mammut in primis e cervi giganti ecc. Quindi per favore se sei ignorane in materia non spargere la tua ignoranza nel web, che poi le menti deboli ci possono credere a quello che scrivi.

Teomondo Scrofalo

Invece per coltivare la quinoa non si deforesta niente vero?

Teomondo Scrofalo

Ma non è pezzentaggine per lavare un auto ci vorranno si e no 10 centesimi di acqua, c'è chi gli piace lavarsela da solo come me, e se abiti in condominio come fai? Chi è più pezzente il condomino che pensa che venga rubati i 30 millesimi su 10 centesimi di acqua o colui che usa i 10 centesimi di acqua per suo hobby??? A voi l'ardua sentenza.

lui la plume

Vediamo la cosa in positivo .... che ne pensate se il condominio o il supercondominio si prendesse in carico il problema .... per abbassare le spese condominiali?

Magari non si può ancora fare ... o forse sì ... con qualche piccola modifica ... ma con lo scambio sul posto l’energia che si genera sul tetto di casa o su qualche parete ben esposta potrebbe essere tutta consumata per ricaricare ecologicamente le auto del condominio (scrivo così ... per aggirare momentaneamente eventuali problemi)

e se autoconsumata ... non è soggetta a molte gabelle (costa la metà).

Beh se gli impianti li fà il condominio e consuma l’energia prodotta ha un buon vantaggio ... viaggia gratis.

Al momento forse non si può vendere la corrente .... quindi non si può ... domani probabilmente si .

(Certo che forse qualcuno chiedesse al condominio di acquistare una vettura da mettergli a disposizione per ad un affitto pluriennale pagato in anticipo ... più ovviamente i consumi elettrici il problema potrebbe essere risolto ...
e forse domani .....

Matt3Franc3

E invece li rompo eccome perché non ho più voglia di respirare smog nelle strade, di vedere animali soffrire per colpa dell uomo e di regalare un mondo infernale pieno di spazzatura ai miei figli per colpa di gente ignor@nte come te, ci siamo capiti?

Teomondo Scrofalo

Tu puoi anche smettere di mangiare e andare a piedi basta che non rompi i cojoni a chi non vuole o può farlo, ci siamo capiti?

Teomondo Scrofalo

I primati come gli scimpanzé usano cacciare e sbranare le scimmie più piccole abbastanza spesso, senza neanche fargli il favore di ucciderle prima di dilaniarle, ancora continuiamo con questa ignoranza?

Teomondo Scrofalo

Ah e tutti gli uomini primitivi che cacciavano mammut cervi bufali e compagnia bella? Tu si che sei esperto di biologia e storia! Infatti le lance sono state inventa per cacciare gli scoiattoli vero? Quanta ignoranza vedo nelle persone estremiste come te......

Teomondo Scrofalo

Io non ho nulla contro gli animali, sono buonissimi!!!!! ;)

Teomondo Scrofalo

WOW sarà fallito il condominio? Chissà che spese poveri condomini del mostro ruba acqua.....

eMobility-Schweiz

https://uploads.disquscdn.c...

ecco sotto la 3a edizione della "Guida all'installazione di sistemi di ricarica per auto elettriche". Visitate il sito ed il suo blog.

Berserker02

50/100K in più solo se abiti a canicatti.
A Bologna una villetta supera agevolmente il DOPPIO del costo di un appartamento in condominio. E partiamo da 150/200k, eh ....

Apocalysse

Ci sono contratti apposta dell'ENEL, una tantum al mese per la ricarica della macchina.

Apocalysse
E abbiamo sole e vento da vendere.


Non abbiamo nè l'uno nè l'altro, è solo un luogo comune che ogni tanto salta fuori.
Le cartine di irragiamento solare sono pubbliche, le cartine del vento idem, per le prime abbiamo così tanto sole che la centrale sperimentale di Rubbia è stato un fallimento (ed un successo in Spagna), per le seconde abbiamo così tanto vento che in molte zone i generatori eolici manco partirebbero per mancanza di velocità minima del vento.

Apocalysse

Non puoi non pagare la quota comune, le luci di illuminazione e/o i cancelli automatici tu li usi lo stesso usando, appunto, l'elettricità condominiale, ovvero la quota comune.

Daniele Ricci

Il problema nascerà in quei silos/condominio da 80/100 auto in cui NON ci sono prese di corrente personali nè pubbliche ma solo una luce interna con divieto di utilizzare privatamente l'energia elettrica. Chi vorrà acquistare l'auto elettrica si troverà nella situazione di doversi confrontare con molti che non la vogliono. Dovrà sobbarcarsi la spesa di staccarsi elettricamente dal condominio pur continuando a pagare una quota comune (come quelli che si staccano dal riscaldamento condominiale). La nuova legge avrebbe dovuto prevedere questo tipo di situazione e, per incentivare l'elettrico, dare la possibilità di staccarsi SENZA dover continuare a pagare una quota comune !!!!

beneamicidihdblog

allora io i miei vicini a malapena li saluto quindi della cosa in comune non mi passa neanche per l'anticamera del cervello. ho il box ma è stile tetris, la wallbox mi sembra abbastanza ingombrante. alla fine tutto questo dscorso dell'elettrico mi sembra ancora in stato embrionale, i prezzi sono abbastanza impegnativi soprattutto per l'automobile, un mezzo che io uso come un elettrodomestico non come molta gente che lo ritiene un componente della famiglia (tradotto non me fotte granchè)

AlphAtomix

fino a prova contraria...cosa? E' conclamato che nell'onorario ordinario non siano incluse spese straordinarie.

Gios

Appunto hai appena descritto tutti i problemi delle auto elettriche in italia. Spiegali ai genitori che qui vogliono le auto elettriche domani senza batterie allo stato solido o supercondensatori.
In Italia la stragrande maggioranza degli edifici non ha garage

Tony Musone

Fino a prova contraria quello che spara numeri a caso sei tu.

Posa il fiasco... Va'! ;)

AlphAtomix

Vedo che prendi un esempio per un dato di fatto, si vede che ti sei accorto di averla sparata. Saluti.

Mario

Io vivo in un condominio di 36 appartamenti, senza spazzi comuni se non il tetto, ed un piccolo cortile dove sono stati posizionati i serbatoi dell'acqua. Non ci sono parcheggi, non c'è un box. Parcheggio per strada se trovo posto. Diciamo che il mio amministratore non avrà problemi del genere.

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren