Electrify America: installate le prime colonnine di ricarica a 350 kW

07 Dicembre 2018 50

Electrify America, la società della divisione americana di Volkswagen Group, ha dato il via all'installazione delle prime colonnine di ricarica ad alta potenza negli Stati Uniti. Un progetto che è parte di un investimento del valore di 2 miliardi di dollari (dal 2017 al 2027) volto a promuovere non solo il potenziamento delle infrastrutture di ricarica ma anche una nuova sensibilità al tema della mobilità elettrica.

La prima stazione di ricarica in grado di accogliere colonnine con potenza di 350 kW è stata realizzata in California, nel San Francisco Premium Outlets e più precisamente nel parcheggio della catena Simon, accanto ad un Tesla Supercharger. In totale la stazione offre, 10 punti di ricarica con corrente continua: 8 possono erogare una potenza massima di 150 kW, mentre i restanti 2 sono pronti per la ricarica a 350 kW.

Questo significa poter fornire circa 320 km di autonomia in soli 10 minuti di ricarica, il tempo di un caffé. Il tutto a livello teorico, perché al momento non esistono veicoli elettrici in commercio in grado di supportare tale potenza di ricarica: i primi saranno la nuova Porsche Taycan (la berlina sportiva in arrivo a fine 2019) e la "cugina" Audi e-tron GT (attesa nel 2020). Attualmente, tra i veicoli in grado di supportare potenze di ricarica elevate ci sono il SUV Audi e-tron (150 kW), tutta la gamma Tesla (120 kW) e il SUV Jaguar I-PACE (100 kW).

Electrify America ha annunciato che proseguirà l'installazione di colonnine nei punti vendita Simon sparsi negli USA, aggiungendo ulteriori 95 punti di ricarica.


50

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
werner

Invece di stare chiuso in casa a leggere che ti fa male, ed esci che c'è un bel sole a farti due passi, ne hai estremamente bisogno

werner

Poi ho letto le 90 pagine del bel report, ma non dice nulla di come soddisfare i picchi energetici, visto che siamo già in difficoltà a soddisfare l'attualità picchi energetici.
Visto che si passa dai 50 mila mW di giorno ai 15 mila MW notturni.
Infatti nel report si parla di ricaricare le vetture a casa, ma allora queste macchine non vanno bene per le vacanze hai presente ad agosto??

werner

A parte che puoi smettere di offendere, perché l'educazione è la prima cosa importante.
Secondo non mi hai ancora spiegato, a parte sigle, a quali sono le famose energie rinnovabili che producono più energia di giorno, visto che il fotovoltaico è ancora al livello molto basso nel totale della produzione rinnovabile

Tony Musone
Mi parli che di giorno non c'è problema di produzione di energia elettrica per ricaricare le auto a batteria, perché le rinnovabili producono più energia di giorno, anzi hai asserito che andrebbe incentivato questo. Perciò non fai riferimento alle FER,


In un caso, quando parlavo di incentivi per la ricarica diurna, facevo riferimento al futuro, quando il parco circolante di EV sarà numeroso *. Nell'altro facevo riferimento alla produzione attuale e quindi alle FER

Poi fai riferimento ad uno studio del politecnico, senza link questa volta


E questo cos'è?
https://www.enelfoundation.org/content/dam/enel-foundation/download/Libro-e-mobility-PoliMi-EF.pdf

Per non parlare del resto dei link abbastanza pittoreschi e basati su ipotesi future.


Eurostat è pittoresca? Riguardo ad un tecnologia in divenire, di quali ipotesi vorresti discutere a quelle passate?

Mi rimane solo un dubbio: se tu ci faccia o ci sia?
In entrambi i casi, passo e chiudo. Adieu.

International Energy Agency - 2018
https://www.researchgate.net/publication/324703156_2018_SNAPSHOT_OF_GLOBAL_PHOTOVOLTAIC_MARKETS

https://uploads.disquscdn.c...

werner

Mi parli che di giorno non c'è problema di produzione di energia elettrica per ricaricare le auto a batteria, perché le rinnovabili producono più energia di giorno, anzi hai asserito che andrebbe incentivato questo. Perciò non fai riferimento alle FER, cioè il complesso di energie rinnovabili come biomasse, fotovoltaico, eolico, e etc ma al fotovoltaico, che produce solo se c'è io sole.
Poi fai riferimento ad uno studio del politecnico, senza link questa volta, dove non si capisce su cosa hanno basato gli studi per il calcolo.
Per non parlare del resto dei link abbastanza pittoreschi e basati su ipotesi future.
Mi sa che non sono io che non leggo o non capisco

Tony Musone

Potevi fermarti a "Poi non capisco". Sarebbe stato sufficiente. Perchè contestare il POLIMI, Enel ma anche Terna che è arrivata alle stesse conclusioni, senza uno straccio di studio a supporto, è un po' eccessivo, almeno per me ma evidentemente non per te, che la sai lunga ;)

Salùt.

Tony Musone
Sui dati che hai dato sono sbagliati

Non basta dire "i dati sono sbagliati" per confutarli. Allegami un link. Altrimenti posso pensare che quella percentuale l'haipresa su Topolino. E poi quel dato non fa riferimento al solo FTV ma a tutta l'energia rinnovabile, biomasse comprese, che non è il pellet di bassa lega, bruciata in piccole caldaie residenziali poco efficienti.

Tony Musone
Continui a dire che di giorni c'è maggiore energia rinnovabile, ma se c'è nuvoloso che fai?


Le FER non sono solo FTV

Riguardo al resto o non leggi o non capisci quel che scrivo

werner

Poi non capisco su che base hanno fatto lo studio il politecnico di Milano, perché noi consumiamo una Potenza di circa 40000 MW di corrente.
Se prendi questo milione di vetture e pensi di attaccarlo tutte insieme alle colonnine per ricaricare le batterie con una Potenza di 20 kW, risulta un consumo globale di 20000 MW, pari alla metà dell'attuale consumo.
Certo non tutti ricaricano le batterie insieme, ma capisci che lo 0.1% risulta un po' fuori luogo

werner

Sui dati che hai dato sono sbagliati, metà del rinnovabile sono biomasse e il fotovoltaico non arriva al 10% per la parte rinnovabile, considerando che il l'energia pulita rappresenta circa un terzo, capisci che dire che di giorno grazie al fotovoltaico produciamo più corrente non sta in piedi

werner

Leggo, ma preferisco mettere insieme più informazioni.
Bella l'energia rinnovabile, ma considera che uno dei grossi difetti dell'energia verde è che non è controllabile, produce quando vuole.
Continui a dire che di giorni c'è maggiore energia rinnovabile, ma se c'è nuvoloso che fai?
Si parla di connettere l'Europa con l'Asia per stabilizzare la richiesta energetica.
Pensa se tutte le vetture fossero elettriche, avremmo dei picchi enormi.
Perché attualmente non siamo in grado di immagazzinare l'energia elettrica in modo conveniente e in grande quantità

Tony Musone
Ok rimango parcheggiate ma non connesse alla rete.

Evidentemente non leggi i link che ti allego. Comunque sia, oggi non sono connesse ma un domani, quando magari gli EV saranno milioni, come il numero delle colonnine elettriche (anche wireless) lo saranno. Altrimenti si dovrebbe credere che la tecnologia V2G e le smart grid, siano solo esperimenti fine a se stessi

Pensa che da uno studio fatto recentemente


Non è che non mi fidi di quel che scrivi ma se mi alleghi lo studio me lo leggo e traggo da solo le mie conclusioni, perchè quei numeri non mi tornano.

Anche perchè uno studio simile lo fece POLIMI ed ENEL, stabilendo che in Italia, il surplus per 1 milione di auto sarebbe pari allo 0,3%.
https://www.enelfoundation.org/content/dam/enel-foundation/download/Libro-e-mobility-PoliMi-EF.pdf

E ripeto, oggi sia noi che tutta Europa, un po' per la crisi ed un po' grazie all'efficientamento energetico consumiamo quanto consumavamo nel 1990 ma il picco del 2006 corrispondeva ad una produzione di circa il 10% superiore ad oggi.

Quindi oggi (con la tecnologia odierna e presupponendo che in futuro non ci sia alcuna evoluzione delle batterie e il numero di auto sia stabile o aumenti invece che diminuire come si prospetta) il problema è rappresentato solo dalla gestione dei picchi di potenza laddove ci siano migliaia di ricariche contemporanee, magari superfast. Invece si ipotizza che la maggior diffusione della mobilità elettrica sia in città, con percorrenze ridotte.

come energia rinnovabile continui a far riferimento al fotovoltaico


Faccio riferimento al FTV perchè con quella tecnologia l'Italia ha ampi margini di miglioramento, basti pensare che paradossalmente ne produce molta più la Germania di quanta non facciamo noi.
http://appsso.eurostat.ec.europa.eu/nui/submitViewTableAction.do

E comunque l'energia elettrica europea prodotta da fonti rinnovabili non è pari al 6,3% ma al 27,8 *. E ne riusciamo a consumare 17% il doppio di quanto non fosse 10 anni prima.
https://ec.europa.eu/eurostat/cache/infographs/energy/bloc-2a.html
Ma secondo tutti gli analisti, la produzione tramite FER è destinata a crescere sempre di più, grazie al suo costo oramai divenuto concorrenziale rispetto a qualsiasi altra fonte. Così come dovrebbe crescere il suo consumo, grazie alle batterie sempre più economiche e anche grazie alle stesse auto elettriche.

*
https://uploads.disquscdn.c...

werner

Ok rimango parcheggiate ma non connesse alla rete.
Se parliamo di 4 macchine ok, ma come pensi di fare se diventano tante come quelle che abbiamo adesso?
Pensa che da uno studio fatto recentemente, se le attuali 30 milioni di auto presenti in Italia fossero elettriche, avremmo un aumento del 16% di consumo elettrico, ma se di queste vetture anche solo 1% fossero attaccate alla rete, il consumo elettrico aumenterebbe del 33%!!
Pertanto come vedi avremmo dei picchi enormi con rischio di blackout.
E poi, come energia rinnovabile continui a far riferimento al fotovoltaico, che rappresenta in Europa solo il 6,3% del totale di energia rinnovabile, pertanto non vedo grande contributo durante il giorno, ammesso che ci sia il sole.....

werner

Non sono un esperto di auto elettriche, ma il sistema di dissipazione a liquido sarà come il sistema di raffreddamento dei motori a scoppio.
Pertanto chi raffredda poi questo benedetto liquido?

Tony Musone

L'energia non la compriamo di giorno ma di notte, quando le centrali nucleari europee la svendono e a noi costerebbe di più tenere accese le nostre centrali.

Comunque, la risposta alle tue domande sono nei due articoli che ti allego: per "tenerla collegata alla rete per cedere energia" ci sono le ricariche wireless e il V2G (considera che la maggior parte delle macchine, una volta arrivata sul posto di lavoro, rimane parcheggiata tutto il giorno). Riguardo agli "incentivi" dimentichi le rinnovabili, che producono di più di giorno.

http://www.hdmotori.it/2018/08/03/honda-smartcharge-bonus-ricarica-elettriche/
http://www.hdmotori.it/2018/12/12/honda-ces-2019-adas-sicurezza-ricarica-wireless-ev/

werner
andrea55

Cambia poco in confronto a 350kw

Tony Musone

Tutte le utility ci stanno lavorando e investendo ma:

- la trasformazione del parco macchine è/sarà lenta;
- oggi consumiamo (almeno in Italia ma credo che il dato sia simile in tutta Europa) tanta energia quanta ne consumavamo negli anni '90 (un po' dovuto alla crisi ed un po' grazie all'efficientamento energetico);
- inizialmente non ci saranno problemi, invece domani per gestire i picchi ci saranno le batterie collegate in rete (sia quelle delle auto che quelle adibite allo stoccaggio), le smart grid, i contatori intelligenti e l'incentivo ai rifornimenti diurni (quando le rinnovabili producono di più) e in futuro non ho dubbi che arriveranno nuove tecnologie, di motori e batterie, tali da ridurre la richiesta di energia.

Comunque, a leggere quanto influisce il traffico sull'inquinamento delle aree urbane e quanto costi al sistema sanitario coprire le spese mediche dei cittadini che si ammalano (il 5% del PIL), sembrerebbe che malgrado tutto, passare alla mobilità elettrica sarà sia un risparmio economico che di vite umane.

TomsHateMe

E da mò che lo dico ma sembra che sia io il pazzo. Voglio ridere quando qui da noi verso le 7 di sera arriveranno botte da 50 e passa milioni di kw sulla rete .... stabilissima e già pronta a tutto !!!!

Tom Smith

Quale auto carica a 100kw? Per ora solo la ipace. Le tesla arrivano a 120 e la audi eton a 150 mi pare.

andrea55

Appunto e con temperature esterne elevate e forzando un po' l'andatura scalda anche lei, senza considerare che carica "solo" a 100 kw e mentre ricarica sembra un aereo dal rumore che fa

DefinitelyNotBruceWayne

Cosa che richiede solo un aumento della produzione ed una riduzione dei costi di produzione.

DefinitelyNotBruceWayne

Eh perché invece per le raffinerie e tutta l'energia necessaria per estrazione, lavorazione e distribuzione dei derivati del petrolio sono più convenienti?

werner

Consideriamo che produrre energia elettrica sostenibile, non passa soltanto a mettere pale eoliche o pannelli fotovoltaici, perché questi sistemi hanno il grosso difetto di produrre energia quando vogliono loro, non quando vogliamo noi.
Bisogna ripensare a tutto l'impianto elettrici e scambiare energia con l'Europa per scambiare eccessi o chiederne se manca

Tom Smith

Non vi sono ventole. Prendi ad esempio una Renault Zoe che ha un costo modesto anche quella. Ha un sistema di dissipazione a liquido come tutte le auto elettriche moderne e consente di raffreddarsi in pochissimo tempo.

werner

Immagino gli investimenti nelle linee elettriche e di come gestire questi picchi di corrente

werner

Ma la leaf è stato preso come esempio perché ha un costo almeno decente.
Vorrei vedere la tesla come si comporta in un test, perché a prescindere dal tipo di raffreddamento, è dura smaltire tutta questa Potenza elettrica che si trasforma in calore con la vettura ferma. Immagino che ci saranno super ventole

Tom Smith

Le Tesla montano un sistema di dissipazione a liquido come tutte le auto moderne.

Austrian school

Bene ci vorrà una centrale elettrica per supportare gli 1,9 Mw che consuma questo impianto di caricamento. Ma ci rendiamo conto della dimensione della stron.ata che va sotto il nome di auto elettrica?

Teomondo Scrofalo

C'è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.

andrea55

La leaf monta un dussipatore passivo ma anche la Tesla ne soffre con andature spinte

Fede64

Così oltre all' inquinamento si combatte anche la povertà, tutti in Porsche e via

realist

oppure il contrario, dipende a quanto venderanno la corrente nelle colonnine.
un po come il metano a casa e quello al distributore..

realist

insomma... tutte macchine popolari.
i porsche andranno a ruba.

Igi

Infatti, non c'è paragone ...

Tom Smith

Le leaf hanno un sistema di dissipazione pessimo. Non sono un esempio da seguire...

Tony Musone

A leggere in giro sembrerebbe che le Fast Charge oggi (domani dovrebbero costare sempre meno) costino circa 50 mila dollari.

Francesco Renato

Non lo puoi dire, non sai quante ne fanno con 2 miliardi.

BM

Infatti le nuove tecnologie, storicamente, sono sempre state prima per il popolo... Ma ragionare prima di sparare idiozie mai?

Michele

Il tutto per venire incontro alle esigenze di tutt.....ops solo di quella 'elite' di persone ricche che si potranno permettere una porsche o una Tesla....evviva il capitalismo!!!!!

deepdark

Esagerato. Basta un palo della luce.

werner

Ma quando uno arriva da un viaggio e le batterie molto calde, siamo sicuri che queste vetture riusciranno ad assorbire questa Potenza elettrica?
Dai test fatti su questo sito sembra di no, che per esempio con la leaf, in queste condizioni al massimo la batteria assorbiva una ventina di kw

Tom Smith

Hahaha vero!

Tom Smith

È una cosa positiva. Vuol dire che fare le colonnine non è molto costoso.

Francesco Renato

Due miliardi in 10 anni sono pari a 200 milioni l'anno, nulla di eclatante.

Top Cat

Sapevo che gli Usa avevano raggiunto l'autosufficienza energetica.

Top Cat
Garrett

A questo punto mi inizierei a porre la questione della produzione di energia in modo il più possibile sostenibile.
Dato che recentemente si è anche parlato di ambiente

SoUlSnAkE

gia mi immagino a napoli tutti attaccati alle colonnine invece che ai contatori dell'enel...xd

Tom Smith

Questo è il vero futuro per l'auto elettrica.

Hyundai

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO