Electrify America: installate le prime colonnine di ricarica a 350 kW

07 Dicembre 2018 35

Electrify America, la società della divisione americana di Volkswagen Group, ha dato il via all'installazione delle prime colonnine di ricarica ad alta potenza negli Stati Uniti. Un progetto che è parte di un investimento del valore di 2 miliardi di dollari (dal 2017 al 2027) volto a promuovere non solo il potenziamento delle infrastrutture di ricarica ma anche una nuova sensibilità al tema della mobilità elettrica.

La prima stazione di ricarica in grado di accogliere colonnine con potenza di 350 kW è stata realizzata in California, nel San Francisco Premium Outlets e più precisamente nel parcheggio della catena Simon, accanto ad un Tesla Supercharger. In totale la stazione offre, 10 punti di ricarica con corrente continua: 8 possono erogare una potenza massima di 150 kW, mentre i restanti 2 sono pronti per la ricarica a 350 kW.

Questo significa poter fornire circa 320 km di autonomia in soli 10 minuti di ricarica, il tempo di un caffé. Il tutto a livello teorico, perché al momento non esistono veicoli elettrici in commercio in grado di supportare tale potenza di ricarica: i primi saranno la nuova Porsche Taycan (la berlina sportiva in arrivo a fine 2019) e la "cugina" Audi e-tron GT (attesa nel 2020). Attualmente, tra i veicoli in grado di supportare potenze di ricarica elevate ci sono il SUV Audi e-tron (150 kW), tutta la gamma Tesla (120 kW) e il SUV Jaguar I-PACE (100 kW).

Electrify America ha annunciato che proseguirà l'installazione di colonnine nei punti vendita Simon sparsi negli USA, aggiungendo ulteriori 95 punti di ricarica.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 544 euro oppure da ePrice a 633 euro.

35

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
werner
andrea55

Cambia poco in confronto a 350kw

Tony Musone

Tutte le utility ci stanno lavorando e investendo ma:

- la trasformazione del parco macchine è/sarà lenta;
- oggi consumiamo (almeno in Italia ma credo che il dato sia simile in tutta Europa) tanta energia quanta ne consumavamo negli anni '90 (un po' dovuto alla crisi ed un po' grazie all'efficientamento energetico);
- inizialmente non ci saranno problemi, invece domani per gestire i picchi ci saranno le batterie collegate in rete (sia quelle delle auto che quelle adibite allo stoccaggio), le smart grid, i contatori intelligenti e l'incentivo ai rifornimenti diurni (quando le rinnovabili producono di più) e in futuro non ho dubbi che arriveranno nuove tecnologie, di motori e batterie, tali da ridurre la richiesta di energia.

Comunque, a leggere quanto influisce il traffico sull'inquinamento delle aree urbane e quanto costi al sistema sanitario coprire le spese mediche dei cittadini che si ammalano (il 5% del PIL), sembrerebbe che malgrado tutto, passare alla mobilità elettrica sarà sia un risparmio economico che di vite umane.

TomsHateMe

E da mò che lo dico ma sembra che sia io il pazzo. Voglio ridere quando qui da noi verso le 7 di sera arriveranno botte da 50 e passa milioni di kw sulla rete .... stabilissima e già pronta a tutto !!!!

Tom Smith

Quale auto carica a 100kw? Per ora solo la ipace. Le tesla arrivano a 120 e la audi eton a 150 mi pare.

andrea55

Appunto e con temperature esterne elevate e forzando un po' l'andatura scalda anche lei, senza considerare che carica "solo" a 100 kw e mentre ricarica sembra un aereo dal rumore che fa

DefinitelyNotBruceWayne

Cosa che richiede solo un aumento della produzione ed una riduzione dei costi di produzione.

DefinitelyNotBruceWayne

Eh perché invece per le raffinerie e tutta l'energia necessaria per estrazione, lavorazione e distribuzione dei derivati del petrolio sono più convenienti?

werner

Consideriamo che produrre energia elettrica sostenibile, non passa soltanto a mettere pale eoliche o pannelli fotovoltaici, perché questi sistemi hanno il grosso difetto di produrre energia quando vogliono loro, non quando vogliamo noi.
Bisogna ripensare a tutto l'impianto elettrici e scambiare energia con l'Europa per scambiare eccessi o chiederne se manca

Tom Smith

Non vi sono ventole. Prendi ad esempio una Renault Zoe che ha un costo modesto anche quella. Ha un sistema di dissipazione a liquido come tutte le auto elettriche moderne e consente di raffreddarsi in pochissimo tempo.

werner

Immagino gli investimenti nelle linee elettriche e di come gestire questi picchi di corrente

werner

Ma la leaf è stato preso come esempio perché ha un costo almeno decente.
Vorrei vedere la tesla come si comporta in un test, perché a prescindere dal tipo di raffreddamento, è dura smaltire tutta questa Potenza elettrica che si trasforma in calore con la vettura ferma. Immagino che ci saranno super ventole

Tom Smith

Le Tesla montano un sistema di dissipazione a liquido come tutte le auto moderne.

Austrian school

Bene ci vorrà una centrale elettrica per supportare gli 1,9 Mw che consuma questo impianto di caricamento. Ma ci rendiamo conto della dimensione della stron.ata che va sotto il nome di auto elettrica?

Teomondo Scrofalo

C'è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.

andrea55

La leaf monta un dussipatore passivo ma anche la Tesla ne soffre con andature spinte

Fede64

Così oltre all' inquinamento si combatte anche la povertà, tutti in Porsche e via

realist

oppure il contrario, dipende a quanto venderanno la corrente nelle colonnine.
un po come il metano a casa e quello al distributore..

realist

insomma... tutte macchine popolari.
i porsche andranno a ruba.

Igi

Infatti, non c'è paragone ...

Tom Smith

Le leaf hanno un sistema di dissipazione pessimo. Non sono un esempio da seguire...

Tony Musone

A leggere in giro sembrerebbe che le Fast Charge oggi (domani dovrebbero costare sempre meno) costino circa 50 mila dollari.

Francesco Renato

Non lo puoi dire, non sai quante ne fanno con 2 miliardi.

BM

Infatti le nuove tecnologie, storicamente, sono sempre state prima per il popolo... Ma ragionare prima di sparare idiozie mai?

Michele

Il tutto per venire incontro alle esigenze di tutt.....ops solo di quella 'elite' di persone ricche che si potranno permettere una porsche o una Tesla....evviva il capitalismo!!!!!

deepdark

Esagerato. Basta un palo della luce.

werner

Ma quando uno arriva da un viaggio e le batterie molto calde, siamo sicuri che queste vetture riusciranno ad assorbire questa Potenza elettrica?
Dai test fatti su questo sito sembra di no, che per esempio con la leaf, in queste condizioni al massimo la batteria assorbiva una ventina di kw

Tom Smith

Hahaha vero!

Tom Smith

È una cosa positiva. Vuol dire che fare le colonnine non è molto costoso.

Francesco Renato

Due miliardi in 10 anni sono pari a 200 milioni l'anno, nulla di eclatante.

Top Cat

Sapevo che gli Usa avevano raggiunto l'autosufficienza energetica.

Top Cat
Garrett

A questo punto mi inizierei a porre la questione della produzione di energia in modo il più possibile sostenibile.
Dato che recentemente si è anche parlato di ambiente

SoUlSnAkE

gia mi immagino a napoli tutti attaccati alle colonnine invece che ai contatori dell'enel...xd

Tom Smith

Questo è il vero futuro per l'auto elettrica.

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE