BMW tra guida autonoma, eSIM e chiave digitale | video MWC

28 Febbraio 2018 19

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Un'esperienza connessa per assaporare sul serio cosa voglia dire "auto connessa" e "guida autonoma". Così BMW si presenta al Mobile World Congress di Barcellona, la fiera dell'elettronica di consumo che ogni anno si svolge nella capitale catalana.

La prima soluzione per la mobilità del futuro proposta da BMW, tramite il suo brand sostenibile BMW i, è quella di offrire un'esperienza totalmente digitale agli automobilisti di domani. Già oggi, i clienti BMW hanno la possibilità di sfruttare numerosi servizi digitali che si integrano con l'ecosistema connesso presente nei dispositivi mobili. Grazie a Microsoft 360, per esempio, isi sincronizzano le mail, le chat di Skype for Business e gli indirizzi presenti nel nostro smartphone, che vengono importati direttamente nel navigatore della vettura.

Il prossimo passo per BMW verso la digitalizzazione è sbarazzarsi della chiave fisica - che sulle più recenti vetture del marchio è costituita da un ingombrante dispositivo con tanto di schermo touch - sostituendola con lo smartphone. Una volta a bordo, l'auto si apre appoggiando il telefono alla base di ricarica wireless, e sempre dai dispositivi (inizialmente solo Samsung dotati di NFC) è possibile condividere con 5 amici il codice per aprire l'auto. Questa funzione - nota come BMW Digital Key - sarà disponibile a partire da luglio 2018.


La guida autonoma è l'altro grande tema di questo MWC per BMW, che a Barcellona arriva con un prototipo dimostrativo su base BMW i3, in grado di guidare da sola rispettando i parametri dei livelli 4 e 5 definiti dalla SAE.

Sempre con il controllo dello smartphone, la BMW i3 presente alla fiera catalana è in grado di avvicinarsi in maniera autonoma al proprietario (come le Tesla con modalità Summon) che l'ha "convocata". Il veicolo può essere inoltre indirizzato verso un punto di ritrovo prestabilito. Il tutto si gestisce tramite l'autenticazione via smartphone, oltre che sul display esterno montato sull'auto dimostrativa, che accoglie il visitatore. Una volta salito a bordo di questa i3 a guida autonoma, il passeggero può godersi le funzionalità del Rear Seat Entertainment System. L'auto, però, non parte finché tutti i passeggeri non hanno allacciato le cinture.


Tutte queste funzionalità saranno rese possibile dall'implementazione della connettività avanzata sulle vetture tramite le tecnologie BMW eSIM, che si baseranno sulla rete 5G. La connettività è già ampiamente disponibile sulle BMW di oggi, ma in futuro sarà possibile integrare una SIM presente in auto con quella del proprio smartphone, avendo così due SIM a disposizione. Una di queste, per esempio quella dell'auto, può essere così destinata ai soli servizi prioritari come la chiamata d'emergenza.

A partire dal 2019, le BMW connesse riceveranno nuovi servizi in tempo reale, come le informazioni sui cantieri stradali, gli avvisi inviati dai veicoli di emergenza per liberare il passaggio e altri messaggi importanti provenienti, per esempio, dalla segnaletica stradale connessa. Questo tipo di connettività "cooperativa" bidirezionale (l'auto invia e riceve informazioni con il protocollo C-V2X) è ritenuta essenziale da BMW per arrivare ad una guida autonoma realmente sicura.


19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Adriano

Appunto, ovvio che si sposterà verso l'informatica, è quello che sto dicendo insieme al fatto che sarà sempre più naturale crackare un sw o captare una frequenza rispetto a forzare una serratura. Nulla di strano mi pare

Ikaro

E non pensi che con queste nuove generazioni non si evolverà a pari passo la sicurezza informatica e i reati ad essa collegata... o pensi davvero che siccome non ti "sporchi le mani" sia tutte più semplice? ciao

Adriano

Tutto si sta spostando sull'informatica, dato di fatto. Sta diventando la normalità e le nuove generazioni troveranno più semplice avere a che fare con cose intangibili che sporcarsi le mani. Ciao

Ikaro

Trovo più semplice la seconda... Sto fatto che mo i ladri debbano essere anche supermega hackers è una convinzione illogica, ciao

Adriano

Trovi più semplice e comodo crackare un'app o andare in mezzo alla strada, rischiare di essere visto, rompere una serratura, far partire un antifurto e tutte le puttanate annesse? Pensaci, ti fottono la macchina aprendola e portandosela come se fosse la loro. Ottimo

Ikaro

"Quindi basterà crackare l'app invece di rompere la serratura, great"
A casa mia significa che pensi che sia più semplice "crackare l'app" che forzare la serratura
Per questo ho risposto "certo vai e provaci" ti basta o vuoi un disegnino?

Adriano

Perché hai risposto allora? Io non l'ho mai detto. Ho solo sottointeso che spostano un problema molto sentito, senza attenuarlo. Ergo, critico lo spacciare come avanzamento tecnologico un qualcosa che è un semplice cambio di modalità, ipoteticamente aggirabile senza nemmeno sporcarsi le mani

Ikaro

Ma nessuno ha detto che l'app è più sicura ;)

Adriano

Beh prendi una macchina con satellitare e quant'altro (una BMW non la comprerei solo con la chiusura centralizzata, visto che infotainment e sterzo sono molto ambiti). Non credo sia molto più difficile con l'app. Senza considerare che se si apre con l'app, non è che spariscono le portiere, al massimo il nottolino

Ikaro

Te hai detto che è più semplice di copiare la chiavec.. È un pò diverso dal non riuscirci

Adriano

Secondo te non ci riescono?

Ikaro

Certo vai e provaci ;)

sopaug

bmw deve darsi una mossa e supportare androidauto. Perchè ad iphone non passo di certo piuttosto al prossimo giro cambio marchio.

Francesco

mettili su prese diverse

linix86

netflix o i social sul display dell'abitacolo sarebbero fuorilegge, altro che distrazioni col cellulare

linix86

effetto spike se non ricordo male

Adriano

Quindi basterà crackare l'app invece di rompere la serratura, great

Jawdj Dijadj

l'unica che mi viene in mente è provare una lampadina a basso consumo

Amen

OT: quando spengo la luce della stanza o le casse del PC, il monitor diventa nero per un paio di secondi e poi torna a posto. Qualcuno ha idea del perché? Ho già controllato i cavi e anche cambiato la ciabatta, ma il problema persiste.

Auto ibride 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

Volkswagen

Volkswagen T-Roc: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: recensione auto elettrica, consumi e autonomia | VIDEO

Mercedes benz

Mercedes AMG GT R: prova su strada alla 1000 Miglia 2018 | VIDEO