Recensione Tesla Model Y: la migliore, ma ha dei difetti | Video e confronto Model 3

22 Settembre 2021 198

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Tesla Model Y è arrivata tardi in Europa e, per recuperare il tempo perduto, è arrivata da Shanghai, con tutti i problemi di percezione relativa alla qualità che il mondo cinese si porta dietro, non sempre a ragione.

Eppure, Model Y è il SUV/crossover elettrico da battere, quello che farà da riferimento nel suo segmento sorprendendo non solo per le solite cose a cui siamo abituati, efficienza e autonomia, ma anche per come si guida. Se consideriamo poi che la dinamica di guida è legata a stretto filo all'ingegnerizzazione innovativa che contraddistingue quest'auto, Model Y diventa un riferimento anche per quella nuova era delle auto che ci porterà all'elettrificazione totale e che costringerà un po' tutto il mondo a ridefinire il modo in cui si progetta un mezzo a quattro ruote.

COME VA? PROVA SU STRADA

Parto proprio dalla dinamica di guida, figlia dell'ingegneria dei materiali e dei processi produttivi. La storia nasce quando Idra, azienda italiana ed eccellenza nel mondo, si lega a doppio filo con Tesla che partorisce un'idea folle: realizzare i telai delle auto in un modo nuovo, che rompe più di cento anni di tradizione e che punta a ridurre il numero di componenti da assemblare in linea.

Si può realizzare in un unico stampo una fusione di alluminio che abbracci la gran parte del pianale della vettura? Idra accoglie la sfida e realizza la Giga Press che stampa un pezzo di telaio enorme rispetto a quanto fatto finora.


Model Y a sinistra, Model 3 a destra

Sfida ingegneristica affascinante, e l'ingegneria non è l'unica materia chiamata in ballo: bisognava creare una lega di alluminio studiata specificamente per questa esigenza. Il materiale serviva per quelle "formine giganti" dove il metallo liquido scorre a temperature fino a 850° in un sistema ad alta pressione e in uno stampo predisposto creando il vuoto al suo interno. Una delle Giga Press si trova a Shanghai, la terza Giga Factory; le prime due sono state installate a Freemont e la quarta entrerà in funzione a Berlino. .

Rimpiazzare decine di componenti con una singola fusione, specie se a livello di telaio, è una delle chiavi della dinamica di guida così soddisfacente per Model Y, un crossover che non si guida come un SUV e che unisce i vantaggi della seduta alta (e di una decente luce da terra, poco meno di 17 cm che non raggiungono i 21 cm di un vero SUV come Duster o EQA), con una dinamica inedita.


A sinistra Model Y, a destra Model 3: settanta parti ridotte ad un pezzo unico (due tecnicamente) significa poi fare a meno dei punti deboli: bulloni e saldature.

L'altro aspetto fondamentale è il passaggio all'alluminio che ha consentito di contenere il peso, 2 tonnellate a causa della batteria, trasformando Model Y in un mezzo divertente e affilato come la berlina grazie ad uno sterzo diretto, preciso, ben calibrato e con il giusto carico. Ed è anche variabile quando serve faticare meno, con la modalità Comfort che è quella giusta per la città.

La batteria abbassa il baricentro, il bilanciamento dei pesi è perfetto e i due motori elettrici, con la loro coppia, servono a farci dimenticare dei 2.000 kg che ci portiamo dietro: 0-100 km/h in 5 secondi veri, veloce abbastanza per rendere la Long Range (Dual Motor) quella giusta e bilanciata.

SPAZIO, PRIMA DI TUTTO

Confrontando Model Y con Model 3, si notano subito i vantaggi della filosofia crossover. La guida più alta aiuta nel traffico, ma è nel bagagliaio che la praticità viene esaltata. Con una bocca d'accesso enorme si risolve il problema delle berline, dove lo spazio è tanto ma bisogna piegarsi per sistemare i bagagli e lavorare con un'apertura nettamente inferiore, e la soglia di carico è perfetta, alta ma non troppo, in piano con i sedili che si abbattono tramite i tasti nella paratia sinistra.

Dietro il tetto in vetro rende l'abitacolo luminoso, non è interrotto come su Model 3 ed è poi affiancato da uno spazio adeguato anche per cinque passeggeri.

CONSUMI E AUTONOMIA

Tesla Model 3 e Tesla Model Y hanno lo stesso coefficiente di attrito, un Cx di 0,23 che rende il crossover in grado di ottime prestazioni anche alle alte velocità. La differenza di consumi va riscontrata chiaramente nella formula completa, che necessita di moltiplicare il Cx per A, la superficie frontale che su Model Y è chiaramente maggiore rispetto alla berlina.

La prova definitiva dei consumi è programmata per i primi giorni di ottobre, quando porteremo Model Y nel Brianza Ring insieme a Model 3 e quando affronteremo anche l'autostrada velocità sostenuta. Il primo dato è quello di una media tra i 18 e i 21 kWh / 100 km in un utilizzo misto con l'entusiasmo della prima recensione. Mi aspetto comunque dati nettamente inferiori nel mondo reale.

Tesla dichiara un'autonomia WLTP di 507 km con una ricarica contro i 614 km della Model 3 Long Range nella stessa configurazione (trazione integrale, due motori). Chiamando in causa i viaggi è probabile raggiungere tra i 350 km e i 450 km a seconda di quanta percentuale di autostrada inserite nel vostro tragitto, restate sintonizzati per i dati rilevati dalla strumentazione tecnica nelle diverse circostanze.

I LIMITI

Tesla Model Y non è un'auto per tutti, anche escludendo il fattore prezzo. Innanzitutto le dimensioni sono importanti, e questo può essere un problema se siete abituati ad auto più europee. Se non vi spaventa un muso largo, però, la soddisfazione è assicurata.

Poi c'è da considerare che la trazione integrale complica le manovre risultando in un raggio di sterzo che costringe a spendere più tempo nella classica inversione: non c'è un sistema a quattro ruote sterzanti che ci semplificherebbe molto la vita e che resta una finezza ingegneristica a cui gli americani di Musk non sono ancora arrivati su questo segmento. Il passo (virtualmente) variabile che le 4WS creano è qualcosa da "provare per credere".

L'altro limite riguarda la scelta di non permettere, neanche come optional, la scelta di un sistema adattivo per l'ammortizzazione, qualcosa in grado di rendere l'auto dinamicamente interessante quando guidiamo da soli in Sport e, al contempo, cambiare faccia nell'assorbimento quando bisogna privilegiare il benessere dei passeggeri con la modalità Comfort.

Il setup qui è unico, non variabile ed è di base rigido, restando simile a quello già evidenziato su Model 3 che non è certo la più dolce sulle buche. C'è a chi piace perché è quello più vero, da motorsport. Ma, ancora una volta, ci sono diverse esigenze quando si parla di auto: Model Y esclude gioco forza una fetta di pubblico abituata ad un certo comfort di viaggio "livello premium".

I PREGI

Non mi dilungo tanto sui punti di forza di Model Y relativamente a tecnologia, ricarica e dotazione. La prova di Model 3 ha già evidenziato le ottime prestazioni del sistema di intrattenimento di bordo, con Netflix e Twitch che arricchiscono l'esperienza ad auto ferma insieme ai giochi aggiornati e sempre più numerosi. La navigazione è facile, ottimi comandi vocali e basata sulle mappe di Google.

Tutto è immediato ed accessibile, lo stesso vale per la ricarica senza necessità di tessere o applicazioni, e per la guida semi-autonoma di Livello 2. Model Y ha tutti i sensori che in USA consentono, a chi è in beta, di raggiungere l'autonomia completa sotto la supervisione dell'occhio del conducente.

In Italia è limitata: il pacchetto base include di serie cruise control adattivo che centra anche l'auto in corsia e gestisce in autonomia le situazioni di traffico. Con quello più costoso, poco utile nel nostro Paese, si abilita il Navigate on Autopilot che aggiunge anche il cambio automatico di corsia in autostrada (previa attivazione degli indicatori di direzione): comodissimo, ma da solo non vale il pacchetto.

L'app per smartphone si è recentemente rinnovata ed è completa: controlla la vettura, avvia e interrompe la ricarica (o ne estende il limite in percentuale), localizza il mezzo e le stazioni di ricarica. Manca solamente la pianificazione, ma quella in auto è talmente ben fatta che non se ne sente la necessità.

Tesla Model Y costa 60.990€ in versione Dual Motor (trazione integrale, Long Range) con colorazione bianca di serie, interni scuri e cerchi da 19" La garanzia è di 8 anni o 192.000 km sulle batterie (al 70%) e di 4 anni o 80.000 km sull'auto. Model Y in allestimento base, comunque "full optional" è in grado di accedere gli incentivi statali... fondi permettendo.

VIDEO


198

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ottaviano Moretti

Salve...certi commenti nell'articolo e altri sotto sono strani.... Se non spaventa muso largo...mancano optional.... finiture... Sarà tutto quello che volete ma il mio ev oque Che poi non costa tanto di meno mi è stato consegnato con due bulloni su 4 ad una portiera e... Ma lasciamo perdere. Ora ho una model 3 integrale (4x4) con doppio motore (dual motor) long range (614km wltp) ed ha circa 400cv cioè quattrocento cavalli...accelera 0/100 in nemmeno 4sevondi. E posso accedere alla rete supercharger di Tesla ovviamente per caricare i circa 78Kw.
Un bagagliaio da 500lt Ed accede agli ecoincentivi. Quindi costa più attorno i 50mila che ai 62mila. Quando ho chiesto un chiarimento sulle impostazioni mi hanno chiamato da Freemont e mi hanno messo a punto l'account. Poi mi hanno richiamato dopo una settimana per sapere se era tutto ok e se necessitavo di altro....ecc ecc.... Se non ci fosse Tesla saremmo ancora qui tutto a gasolio....
Con cosa la confrontate? Con un aspirapolvere? Una utilitaria? Una di fascia alta da 80mila in su? Con le tedesche del dieselgate? Fate un test drive Tesla è gratuito è un alto universo. E chi se ne importa se non hai il cruscotto che non ti fa vedere i giri/minuto
o pressione del turbo o temperatura del radiatore....

Livio Penta

Scusa, ma per caso ricorda a questo "talebano teslaro" che tutto il resto del mondo automobilistico guarda anche alla sicurezza, vista la presentazione della nuova model y, omologata 5 posti e sul sedile posteriore non ha il poggiatesta centrale ( spero abbia almeno la cintura ), o ancor peggio, mentre le altre case installano o rendono sempre di più disponibile come optional head up display per evitare distrazioni alla guida, queste tesla ancora si presentano con un coso che anche per guardare a che velocità stai circolando ti costringono a distrarti e guardare in basso al centro della plancia. Ma ueste le definiscono "anche" auto sicure.....

Livio Penta

Se la persona come te che si vanta di "lavorare nell'azienda di grandi dimensioni" non arriva a capire che Tesla è una delle aziende con maggiore capitalizzazione "guadagnata" solo perchè: A) non aveva concorrenza fina a 2 fà. B) come del resto apple, vende prodotti anche abbastanza mediocri ma sa investire molto bene in marketing. C) la maggior parte della sua capitalizzazione negli scorsi anni derivava solo dalla vendita di "crediti verdi" e non certo per gli utili fatti con la vendita di auto. Forse sarai in alto nella tua "azienda di grandi dimensioni", ma se c'è qualcuno appena sopra spera che non legga questo tuo commento, la tua carriera potrebbe avere un brusco stop,

Andrea Lunigiana

Meglio per te...

accakappa

Gli auguri servono più a te.

Andrea Lunigiana

Ok, va bene.

accakappa

Veramente sei tu non hai capito nulla del discorso fin dal primo post e continui a divagare. Se fai parte di una società a sviluppo verticale dove contano solo numeri e performance e leccare il xxxx al capo affari tuoi. Per fortuna ci sono società anche con capitalizzazioni ridotte dove il cliente è al centro del loro business e con quello ci fanno numeri, soldi e soprattutto reddito. Ma ripeto se questo tipo di strategia è al di fuori del tuo schema mentale pazienza, ma almeno evita di andare in giro a insegnare ad altri come fare business e ottenere risultati senza neanche comprendere “il come”.

Andrea Lunigiana

Bene, hai cominciato a rispondere a quadri quando sul tavolo c'è picche...
Altro segnale che non potresti sedere a certi tavoli e nemmeno valutare le strategie di un'azienda simile.
Se in un CdA tu introducessi l'argomento improprio della "diversificazione", a confutazione della strategia di sviluppo e penetrazione in atto, e alle repliche dei manager rispondessi che Ferrari ha fondamentali migliori (erroneamente) e poi un bla bla bla sui servizi e qualità dei prodotti (tutte scelte definite e pianificate nella strategia con l'accettazione dei compromessi derivanti), calerebbe un silenzio imbarazzante nel board. Il giorno dopo il presidente del CdA ti si avvicinerebbe e ti suggerirebbe di prenderti una vacanza: naturalmente sarebbe l'ultimo mandato da consigliere.

accakappa

Uno nella tua posizione dovrebbe sapere che la capitalizzazione è pressoché scollegata dalla gestione e produzione. Ferrari è capitalizzata 23 volte meno ma riguardo a dinamicità, qualità, redditività, target della clientela, assistenza, iconicità, solo questi rendono Tesla al confronto una torta di letame.
D’altronde se sei l’azienda automobilistica dal più alto valore al mondo mi sembra giusto che il suo Ceo sottolinei che nelle sue 2 fabbriche escono prodotti qualitativamente diversi, sforni un’auto ogni 5 anni, aggiusta i bilanci con i crediti venduti alla aziende, abbia fatto pagare ad un sacco di clienti 5 anni fa 10 mila dollari per il FSD ed a oggi ne esiste solo una versione beta che tra l’altro viene concessa a pochi e solo a chi fa il “bravo”, capillarità e tempistica di assistenza da termo mondo, ecc.ecc. Queste sono alcune delle perle da casa automobilistica più valutata al mondo. Evidentemente tu pensi che bastano 3 ballerine, 2 scimmiette e una capitalizzazione spropositata per incantate la platea. Ma probabilmente, visto i ragionamenti, a quello che gira in torno ad un prodotto qualitativo, in tutti i sensi, è fuori dalla tua portata.

Andrea Lunigiana

Ah beh, come dicevo sopra: proponiti come CEO che vai bene.
Una serie di luoghi comuni non fa di te un manager: prova a sederti per qualche anno, come il sottoscritto, nel consiglio di amministrazione di una azienda con fatturati a nove cifre e migliaia di dipendenti, e, forse, capirai che le logiche di governo e pianificazione strategica di una grande azienda sono un poco diverse dall'impianto idrico di casa. Ma va bene così, in Tesla non sono tanto furbi...

accakappa

"non sono tanto furbi " ti fa ridere semplicemente perchè ragioni come gran parte delle persone che misurano la furbizia in relazione al successo e al "conto in banca", offuscando con il loro entusiasmo aspetti che meriterebbero una scelta migliore. Ergo se dal rubinetto esce poca acqua rivisiti tutto lo schema idrico per cercare eventuali perdite o problemi per aumentarne la portata. Invece se dal rubinetto escono litri a valanga, che lo schema idrico abbia o no delle falle o dei problemi tecnici questi passano inosservati e trascurati. Questo è Tesla, un rubinetto da cui sgorga molta acqua ma che nel contempo è anche un colabrodo, e non sto parlando di denaro. Anche Toyota con il suo TPS, detto anche "Toyottismo", sono decenni che sta facendo scuola con tanto di pubblicazioni accademiche applicate anche in molte aziende non necessariamente automobilistiche ma con questo non vuol dire che sono esenti da critiche e "malfunzionamenti" nella loro catena produttiva, di vendita e marketing. Bisogna essere obiettivi e tu non lo sei.

Andrea Lunigiana

Sono una persona che opera in una azienda di grandi dimensioni, non internazionale, e leggere di societa' come Tesla, una delle maggiori per capitalizzazione e successo a livello globale, che "non sono tanto furbi" mi fa ridere. Certamente con te alla guida le cose andrebbero meglio: avrebbero gia' superato il milione di auto al'anno vendute e la capitalizzazione supererebbe quella di Apple.

accakappa

No, non è più cool perchè non compro le auto per poi andare a fare il figo e farmi vedere alle feste con il macchinino.
Il succo è che per molti non basta le prestazioni e qualche gadget tecnologico per offuscare il resto.
Quindi ritorno al post iniziale, Audi come altre marche ti permetto di accedere alla marca con un'auto per le tue esigenze che costi di conseguenza, Tesla no. Prendere o lasciare. Io lascio, semplice...

The martian

Mi rispondo da solo, alcune bev lo vietano altre lo consentono con precise limitazioni.Accanto alla batteria di trazione c'è la classica batteria 12V che può andare in panne.Io pensavo fossero così evoluti da montare solo un tipo di batteria che erogasse energia per tutto.

kasperbau

Potevi dire direttamente, per me l'Audi è più cool a prescindere, avremmo risparmiato tempo ;)

papau

Se può esserti di conforto, il corredo culla passeggino mi ci stava sulla Peugeot 206.

accakappa

Mettiamola così :
A molti, delle prestazioni pure estreme non glie ne frega niente visto che il Q4 E-Tron Quattro fai 6,9 sullo 0-100, più che accettabile visto che il suv che ho fa gli 8 secondi.
La versione business plus costa quanto la Y ed ha gli accessori che servono.
La qualità la Y ne esce distrutta.
Lo spazio è maggiore.
La ricarica ? Beh dove abito io il più vicino SC è a 50 km, te lo scordi che faccio 100 km per ricaricare, quindi.
Le vacanze ? Vado in aereo.
I Week End, beh con l'autonomia che ha il Q4 basta e avanza. Anche perchè le località che frequento di solito, montagna, sono il regno di Audi (come sponsor) e le ricariche eventuali non sarebbero un problema.

accakappa

Cos'è sei un fan ferito nell'orgoglio ?

esbfjmhedbfmhsd

Ritorna a commentare il giorno che te la potrai permettere.

esbfjmhedbfmhsd

Meno prestazioni? Chi la prenderà probabilmente possedeva prima un diesel da 150-180 cavalli, roba peggio di un cancello al confronto.

Andrea Lunigiana

No ma infatti sono una banda di gonzi...Proponiti come futuro Ceo ma sbrigati che il prossimo mese vanno falliti.

Andrea Lunigiana

Lascia perdere "occhio di falco"...

Massimo

Non direi... gli accoppiamenti sono sempre pessimi e lo si vede nel video

kasperbau

Per come la vedo siamo schiavi dei ragionamenti premium de noaltri.
Vorrei ricordare che in Usa cose tipo vetri elettrici ed aria condizionata son di serie sulle berline quando da noi a malapena ti davano le ruote.
Son semplici stratégie di marketing, prendi una Q4 ed una Tesla le metti a parità di optional poi le raffronti.
Però c'è anche da dire che ad oggi Tesla ha tra i powertrain migliori ed una rete di carica (fin ora esclusiva) che fa la differenza con i competitor

accakappa

"Tesla non offre optional ma un'auto completa...". Tesla non offre optional perchè non è in grado di gestire in produzione una tale diversificazione.
E' il solito discorso, è meglio un'auto più piccola ma imbottita di optional o un'auto più grossa ma solo con il necessario.
Quindi a differenza di altre marche se voglio un'auto "spoglia" e meno costosa non posso.
E' come per gli smartphone, in una ricerca l'85% lo usa per il 20% delle sue potenzialità, ma per un cellulare al massimo ti partono mille euro non 60.
Ergo, meglio un' Audi Q4 a questo punto, se le voglio imbottita la pago se non mi interessa nulla la pago molto meno ma ho la stessa vettura qualitativa.
Non sono molto furbi in Tesla, pensano solo a "vomitare" una fracassata di auto per raggiungere gli obiettivi quando invece se la produzione fosse gestita in maniera coerente si potevano permettere una qualità più alta e di raggiungere una forbice più ampia di fasce di reddito anche senza incentivi.

Mercury

Bah, io potevo prendere entrambe. Ma la linea Tesla mi piace di più. È molto sportiva per mio gusto. Q4 bellissima, ma più o meno era sempre quella la sostanza.

ericantona5

Date la tecnologia Tesla con l’estetica Maserati!

MatitaNera

sessanta

MatitaNera

L'estetica non è per nulla personale. Non c'è confronto tra le due.

Rocky

Bella

Andrea Lunigiana

Ho capito, non hai argomenti concreti ma solo opinioni personali: le accetto ma non le condivido

Mercury

Anch'io ho model 3. Però sono preoccupato se un giorno quando avrò figli ci starà il corredo culla passeggino ecc senza impazzire. Qualvuno ha già esperienza a riguardo? La bocca di carico mi pare piccola

Mercury

Prima di scelgiere Tesla ho provato la Q4. Bellissima, finita bene, curata. Tuttavia tecnologicamente obsoleta al confronto con Tesla. Autopilot tesla 5 anni avanti forse più. Consumo molto più alto per audi. Se va bene bene con la 50 porti a casa 400km stando molto molto attento. Testa consuma un 30% in meno. Tantissima differenza te lo assicuro. Poi per l'estetica non entro nel merito sono gusti personali. Preferivo audi ma apprezzando poi nel dettaglio le curve e le linee della mia model 3 nel tempo, nera con inserti neri e cerchio nero, non tornerei più indietro. Soprattutto per la guida, incollata al suolo. Qualche volta la faccio scodare su qualche curvone ma sempre in assoluta sicurezza. Macchiana strepitosa.

Giangiacomo

Gli assemblaggi son sufficienti. La concorrenza con peso e autonomia offre molte più cose all'interno dell'abitacolo. Magari una ricerchina veloce la si può fare. Inoltre la concorrenza sa come si crea una macchina di design. Questi non sanno neanche cosa sia il design (ma dagli americani non che ci si possa aspettare altro, di macchine vere non se ne sono mai viste, solo macchinoni per far gli "sb0r0ni".)

Super Mario Bertozzini

No, non sbaglia nessuno ad avere dei gusti diversi, dico solo che sono altamente irrazionali.
Lo spazio a bordo di una berlina non basta a una frazione molto bassa della popolazione, molto più bassa dei SUV che vedi in giro, e anche a quel punto una SW è una soluzione oggettivamente migliore a livello di spazio utile (anche perché ormai i SUV hanno sempre più spesso il posteriore tagliato tipo coupé per ragioni estetiche).
Sul sentirsi a proprio agio con una guida più alta è proprio il classico controsenso irrazionale, non è sbagliato ma irrazionale. Essere in alto fa sentire alcune persone più sicure e in controllo, quando è esattamente l'opposto.

ACTARUS

Indubbiamente...ma conta anche la qualità costruttiva...va visto tutto nel complesso, alle super prestazioni si può anche rinunciare, non servono a tanto.

Andrea Lunigiana

Meno costa la versione base non paragonabile per prestazioni e accessori.

Andrea Lunigiana

Beh, una differenza con gli altri produttori è proprio questa: il listino è questo e non ci sono trattative in filiale. Nel bene e nel male...

Andrea Lunigiana

Valutatela dopo averla vista dalla vero: anche a me non sembrava gran che ma dal vivo fa un effetto diverso. Comunque sui gusti personali non si discute, fortunatamente.

Andrea Lunigiana

L' oggettività abita solo da una parte...Dirò a mia moglie che sbaglia a sentirsi a suo agio con una guida rialzata, a chi preferisce Model Y che sono solo dei modaioli, e a chi ha bisogno di più spazio (per il cane o per quello che gli pare) che hanno solo delle fisime.

Andrea Lunigiana

Mi pare che non sono il solo a non "voler sapere"...

Super Mario Bertozzini

La Model 3 ha un bagagliaio decisamente capiente, ok non come la Model Y ma lo spazio di carico è più che sufficiente per 4 persone.
L'unico eventuale vantaggio è se si è in 6 in famiglia e allora la Model Y può avere 7 posti

MisterB

Appunto -10km totali sulla etron prendendo questi dati non come oro colato.

MisterB

Ci sono 20 km in meno per la 50. 487 contro 507

Francesco Zerbini

forse perché la model 3 ha un bagagliaio troppo piccolo per una famiglia di 4 persone? poi se tu riesci ad andare in giro con una panda e farci stare tutto ben per te...

Francesco Zerbini

dovresti paragonare la 50 non la 40

PCusen

Esteticamente è un pugno in un occhio anche se la model 3 è ancora più brutta.

Super Mario Bertozzini

La posizione di guida in realtà è la stessa se uno mette volante e sedile nella stessa posizione, cambia solo che è traslata più in alto, la seduta quindi non è più comoda, salvo forse solo nelle fasi di salita e discesa dalla macchina.

Super Mario Bertozzini

Più che un punto di vista è una serie di considerazioni oggettive, il punto di vista è quella parte irrazionale che può portare a comprare una macchina più costosa, con meno autonomia, con minori prestazioni e una dinamica peggiore, un'abitabilità e una comodità di bordo paragonabili e poco spazio di carico in più.
Salvo casi particolari, e l'esempio dell'altro utente dei viaggi lunghi con il cane è uno, la scelta della Model Y sulla 3 è prettamente irrazionale e non supportata da dati oggettivi.

MisterB

Q4 etron 77kw 40 è data per 520km conto i 507 d model Y. Esteticamente non c’è confronto

Elettriche

Monopattini elettrici, in arrivo nuove regole: indicatori di svolta obbligatori

Auto

I pericoli che non ti aspetti in tema di sicurezza, hacking e ricarica auto elettriche

Economia e mercato

Crisi dei chip e ritardi consegne auto nuove in Italia | Risultati sondaggio

Auto

Gomme invernali, quando si cambiano. Regole e sanzioni