Tesla pronta ad aggiornare la Gigafactory di Shanghai per aumentare la produzione

28 Giugno 2022 149

La Gigafactory di Shanghai è molto importante per Tesla visto che il costruttore americano ha più volte ribadito l'obiettivo di volerla rendere il suo principale hub per l'esportazione delle sue auto elettriche. Sembra che il costruttore americano si stia preparando ad effettuare una serie di importanti modifiche a questa fabbrica per incrementare sensibilmente in tempi rapidi la produzione di vetture.

PRODUZIONE ANNUA DI 1 MILIONE DI AUTO

Secondo un rapporto di Bloomberg, Tesla si starebbe preparando a fermare parzialmente la produzione all'interno della sua fabbrica cinese per effettuare una serie di miglioramenti che consentiranno di arrivare ad una produzione di quasi 22.000 vetture a settimana.

La società di Elon Musk interromperà la maggior parte della produzione delle Model Y nelle prime due settimane del mese di luglio per poter portare a termine questi aggiornamenti tecnici. Successivamente, a partire dal 18 luglio, toccherà alle linee produttive della Model 3 ad essere aggiornate. Complessivamente, secondo il rapporto, i lavori dovrebbero essere completati attorno al 7 di agosto. A quel punto, la produzione delle Model Y salirà a circa 14.000 unità a settimana (11.000 in precedenza) e quella delle Model 3 a 7.700 vetture a settimana (5.500 in precedenza).


Grazie a questo ampliamento della produzione, la Gigafactory di Shanghai dovrebbe essere in grado di arrivare a disporre di una capacità produttiva potenziale annua di circa 1 milione di vetture elettriche. Si tratta di una notizia molto interessante perché a seguito di tali miglioramenti alla produzione, questo stabilimento diventerebbe sempre più importante per la strategia di crescita dell'azienda americana.

Vale la pena di ricordare che negli ultimi mesi il sito di Shanghai ha dovuto affrontare una serie di problematiche a causa di alcuni fermi produttivi dovuti alla ripresa dei contagi del coronavirus. Secondo Elon Musk, solo da poco tempo le attività erano tornate a regime. Tuttavia, gli aggiornamenti alle linee produttive erano già stati programmati da tempo. Effettivamente, in passato avevamo già parlato della volontà di Tesla di ampliare la capacità di produzione di questa fabbrica.

Non rimane che attendere le prossime settimane per capire meglio i piani di Tesla per la Gigafactory cinese.


149

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Dark!tetto

Non è mica solo una questione di stipendi però, anche se concordo e rilancio che comunque un'operaio cinese più qualificato e motivato lo paghi comunque ancora meno di uno europeo qualificato e meno motivato. Ci sono tante altre questioni che rendono ancora oggi allettante per la produzione di tecnologia, se fosse solo una questione di operai allora converrebbe più l'india. Non sono così ingenuo, so bene che non è come 10 anni fa la differenza, ma nemmeno siamo al punto che i costi di esportazione superano il profitto e Tesla ne è un'esempio se guardi l'export e il margine operativo da record, hanno fatturato quanto Audi (poco più) ma hanno venduto poco più della metà delle loro auto guadagnanto mantenendo lo stesso margine operativo.

Signor Rossi
Dark!tetto

Si e ancora è al 10%, ma intanto espande Shangai e questo è un progetto avviato, mente berlino al momento è un'intenzione. Nel frattempo mister dico di tutto e faccio di tutto ha "un brutto presentimento" e sulla base di questo licenzia il 10% della forza lavoro, mentre fa dormire gli operai cinesi nei sacchi a pelo. Quindi dice che vuole portare gli obiettivi di berlino da 150k di vetture l'anno a 500k, nel frattempo però aumenta la portata di shangai a 1 milione di veicoli l'anno, mentre parla di licensiamenti. Tutto questo però considerando che di quel milione lui ne esporta almeno la metà (oltre il 60% in alcuni mesi del 2022), ma secondo gli analisti qua nel blog gli conviene invece produrre in europa ? A me c'è qualcosa che cozza terribilmente in tutto questo, io penso che il fulcro (come anche detto da Musk tra l'altro) sia Shangai e berlino è secondaria, magari un giorno produrrà realmente 500k di auto l'anno, ma chissà quando e rimango dell'opinione che se parliamo di dollari conviene comunque produrre in Cina ed esportare. Non sono complottista, ma per quello che ne sappiamo può anche avere un accordo con il governo locale favorevole economicamente, non sarebbe una novità per i cinesi e non credo che Musk si faccia scrupoli quando si tratta di raggiungere i suoi obiettivi.

Signor Rossi

Guarda che ha appena aperto una Gigafactory a Berlino, il cui obbiettivo è di arrivare a produrre ben oltre 500’000 vetture all’anno.

Signor Rossi
Dark!tetto

E allora o non hai ben capito cosa ho scritto o come al solito prendi spunto per dire qualcosa che non ha nulla a che vedere con la discussione. Dimmi, secondo te è più conveniente costruire in Germania e vendere in Germania o Costruire in Cina e vendere in Germania ? Perchè qualcuno qua pensa che Musk è stup1do a produrre in Cina e vendere in europa perchè in europa gli costerebbe meno...

Signor Rossi
Carlito

L'ho scritto anche io che sono le solite sparate Eloniane e che l'obbiettivo vero è vendere come Toyota e VAG

Dark!tetto

il "problema" che state sempliemente sorvolando è che Shangai fornisce tutti (tranne forse gli USA) e che hanno ridotto le auto vendute localmente per esportarle. Continui a dare per certo che siano 473.000 le auto vendute, ma secondo fonti locale sono ben di meno sempre CPCA riporta i dati che ti ho descritto sopra e con i quali hai fatto confusione, in cina sono state immatricolate 169.153 Model Y e 150.893 Model 3 da Gennaio a Dicembre 2021, qui 2 fonti a caso

https://insideevs.com/news/560109/china-mic-tesla-sales-december2021/

https://www.auto21.net/2022/01/15/cina-auto-elettriche-piu-vendute-anno-2021/

Io continuo a sostenere che produrre in Cina e spedire in Europa gli conviene di più, poi pensate quello che volete, ma almeno fatelo su dati corretti perchè quei 473.130 sono il totale dei veicoli usciti dalla fabbrica di Shangai dei quali 160.000 spediti fuori. Ovviamente Austin e Berlino producono anche vetture e vanno a coprire i mercati di riferimento, ma guardacaso l'uomo più ricco del mondo vuole espandere Shangai e renderla il principale esportatore invece di ampliare quella di Berlino o costruirne altre in Europa, eppure voi sostenete che gli conviene...chissà perchè è lui quello ricco e non noi voi a sto punto.

PS: Sempre pronto a ricredermi, ma temo che hai confuso i veicoli prodotti in Cina con quelli immatricolati.

Dark!tetto

Si, intanto rimane un dato di fatto, oltre il 50% delle auto prodotte in Cina quest'anno è stato esportato, anche in Germania il resto al momento son chiacchiere.

Dark!tetto

Io non mi sono perso nulla e uno come te che vanta così tanta esperienza internazionale dovrebbe arrivarci che se le fanno meglio, gli costano meno e le producono prima in Cina la mossa Americana ed Europea è di pura facciata, tanto che la fab di Shangai manda vetture in Germania...

Signor Rossi
Signor Rossi

Tesla non ha alcun bisogno di vetture “economiche” visto che il loro utile netto in data odierna supera quello del gruppo VW e se l’anno prossimo parte la produzione del Cibertruck e riescono ad aumentare la produzione delle Model S e X, vetture per cui tocca attendere oltre un anno, andranno ad incrementare i già lauti guadagni.

ps. attualmente sono circa 5’000 le Model S Plaid prodotte al mese ...

Signor Rossi

Guarda che stanno facendo un sacco di soldi ed è proprio per questo che adesso aziende come Mercedes ed Audi hanno deciso di mettere fine alla produzione di vetture “economiche” e seguire la strategia imposta della Tesla.

Signor Rossi
Signor Rossi
Signor Rossi

Mi sa che ti sei perso. alcune notizie pubblicate su tutti i giornali del pianeta, proprio ultimamente hanno aperto una nuova Gigafactory in Texas ed una in Germania ... mentre la stragrande maggioranza delle case automobilistiche delocalizza in paesi dove il stipendio mensile corrisponde al costo di una cena per due in un locale chic di Milano.

Forse non ci hai fatto caso, ma un sacco di prodotti del nostro quotidiano vengono dalla Cina, esattamente come TUTTI i tuoi gadget che utilizzi ogni giorno per comunicare ...

ps. scarpe di marca, magliette firmate, calzini di un designer famoso, mutande che prima indossava qualche calciatore conosciuto e no ...

Rick Deckard®

In realtà il problema c'è.
Da noi avevamo delle ragazze, per lo più studentesse, pagate a voucher... Ora son cambiate ancora le regole e ti assicuro che è un gran poccio.
Ora sostanzialmente le devi prendere con un lavoro regolare ma siccome sono tutte universitarie, con obblighi di frequenza e tirocini, non riusciamo più a trovare una quadra.

Ricompensavamo anche dei segnalatori occasionali, che oggi non possiamo più pagare se non hanno una partita iva (che non aprono certo per 500€ ogni 2 anni o una volta nella vita)

Alla fine ci sono tanti costi nascosti nei dipendenti e a volte dovremmo assumere ma non torna il conto economico sulla mansione.. in sostanza dovremmo aggiungerci qualcosa per pagare le tasse aggiuntive rispetto a quanto ci rende...

In compenso nelle mansioni full time, ben pagate e tempestivamente, con premi, incentivi ecc la gente molla... Perché 1/2 volte a settimana ha di meglio da fare che lavorare.

Il mercato del lavoro oggi è un caos

PyEr

Non costano ste cifre neanche quelle a combustibile nuove...

PyEr

E se i cinesi dispettosi montano batterie scariche, come farà l'auto a muoversi?

Canvas

Alla GigaBerlin da agosto aumenteranno i salari dei livelli da S1 a S6 del 6%.

Oramai la frase "In Italia il problema è il costo del lavoro" mi sembra equivalente a "Non esistono più le mezze stagioni", si dicono tanto per dire.

R_mzz

Forse non ti rendi conto di quanto sono alti i costi di spedizione di un’auto.

R_mzz

La Cina rappresenta il più grande mercato mondiale per le auto elettriche.
In Cina attualmente si vendono più auto elettriche che in Europa e Nord America messi insieme.
Dopo Fremont la Cina era la scelta più ovvia.
Berlino e Austin producono solo Model Y, quindi l’Europa per gli altri modelli deve necessario affidarsi alle esportazioni, per ora.
In Cina potrebbero anche aprire un’altra fabbrica, la domanda di auto elettriche in Asia cresce sempre di più.
1 milione di auto non è sufficiente a soddisfare la domanda interna.
Anche al Giga Berlin dovrà crescere ulteriormente, probabilmente invieranno a breve la costruzione di un secondo edificio gemello (Model 3 o altri progetti).

Carlito

Io avevo altri dati
321k mercato interno e più di 163k esportati

giovanni

Ultimamente i cinesi stanno accusando la Starlink di Musk di avere lanciato troppi satelliti, inoltre l'utilizzo della rete satellitare di Starlink a favore del regime ucraino contro la Russia, alleata informale della Cina, sta guastando molto i rapporti tra Musk e il regime cinese.

an-cic

quindi per te è strano che la fabbrica cinese, che è quella più vicina a giappone e australia, produca le auto da esportare in quei paesi? sei anche sorpreso che le model y di austin non arrivano in italia ma ci arrivano quelle tedesche?

poi mi stai dicendo che nel 2021 hanno importato in cina tesle prodotte al di fuori della cina? no, perchè i dati sulle produzioni magari possono non essere tanto attendibili, ma che in cina nel 2021 siano state immatricolate 473.000 auto è un dato certo ed ufficiale. quindi se solo 324.130 provengono dalla fabbrica cinese significa che 148.870 le hanno prodotte in america e vendute in cina. credibile si.

altro problema è il ritardo sui ritmi di produzione di berlino e austin, se oggi pensavano di poter produrre x da queste fabbriche ma ne produci la metà, quella differenza devi prenderla altrove.

Dark!tetto

Già, ma siamo nel 2022 il tempo passa, le cose cambiano e già ora....

La Tesla non ha diffuso una nota al riguardo, ma è chiaro che questo
stop alla fabbrica di Shanghai rappresenti un problema per l'azienda
americana. Qui infatti vengono prodotte auto per il mercato cinese oltre
a essere un hub di esportazione per la Germania e il Giappone. La Tesla
lo scorso mese ha consegnato 56.515 veicoli, tra cui 33.315 destinate
all'esportazione, con una media di circa 2.018 veicoli al giorno.


Inoltre nel 2021 risultano esportati 160.000 veicoli di 484.130 e quest'anno siamo già oltre il 50% che esportano per mercati diversi dalla cina
Citando China passanger car association

"Nel solo mese di maggio, il volume di vendita all'ingrosso di Tesla ha
raggiunto quota 32.165 veicoli, di cui 22.340 esportati in
Europa, Australia, Giappone e altri mercati."

Come detto, specchietto per le allodole, capisco però che funziona bene

an-cic

Nel 2021 tesla ha venduto in Cina 473.000 auto delle 484.100 prodotte a Shangai. No, non è sicuramente per il mercato interno la fabbrica di Shangai

an-cic

Deve essermi sfuggita

Dark!tetto

Già, chissà perchè però investe in Cina per produrre 1 milione di auto l'anno, e non sono certo per il mercato interno...

La Gigafactory di Shanghai è molto importante per Tesla
visto che il costruttore americano ha più volte ribadito l'obiettivo di volerla
rendere il suo principale hub per l'esportazione delle sue auto elettriche.

Siete l'esempio lampante di come funziona il mondo oggi ed è esattamente per voi che sono aperte questi 2 stabilimenti o credi veramente che Tesla venderebbe ugualmente con stabilimenti esclusivamente in Cina ?

Dark!tetto

La risposta è sotto

Dark!tetto

Quindi l'uomo più ricco del mondo è ingenuo se vuole che Shangai sia il fulcro del suo modello di Business ? Dai per favore, ma come siete messi solo voi lo sapete se veramente credete veramente a quello che dite, perchè in Cina produciamo solo iPhone ? Niente di più grande eh, bah lasciamo stare.

Dark!tetto

No, perchè ha un'immagine che le fa vendere auto, questi sono investimenti in mercati strategici per Tesla, gli investimenti di questo tipo si sono sempre fatti in tutti i settori. È molto più facile essere presente in Eu e USA se ci hai investito e se crei posti di lavoro e gettito, gli basta andare in pari, tanto poi a Europei ed Americani venderà le auto prodotte in Cina, che sembrano pure fatte meglio -.-

an-cic

quindi perchè hanno aperto la fabbrica in germania se come dici tu gli conveniva di più aprirne una seconda in cina/india/nigeria/dovetipare?

R_mzz

Il 100% delle auto vendute da Tesla negli Stati Uniti sono prodotte negli Stati Uniti.
Perfino le batterie sono costruite negli Stati Uniti, anche le celle delle batterie.
Perfino il litio è estratto negli Stati Uniti.
Anche i motori e gli inverter sono prodotti negli Stati Uniti.

Dark!tetto

Si ho capito, l'ipocrisia sta proprio nel chiamarle Made in USA, non ho mica detto che è quella con più componenti americani. Paradossalmente se le altre sono prodotte per il 90% in Messico a Tesla basta avere il 20% della produzione in America.

R_mzz

Secondo te spedire un’auto costa come spedire un iPhone?

Un solo container può contenere iPhone per oltre 800 milioni di $.
Per la spedizione di un auto dalla Cina si parla di qualche migliaio di dollari.
È più economico produrre direttamente in Europa.

Dark!tetto

Si l'ipocrisia sta nel pensare che sfruttare manodopera e leggi cinesi sia equiparabile a quella percentuale, evidentemente non è così.

Rigelleo

Quale ipocrisia? Semplicemente è l'auto i cui componenti sono in percentuale maggiore prodotti in USA. Tutte le altre aziende americane vendono in USA auto prodotte in percentuale minore in USA.

Rigelleo

Quindi la Tesla ha aperto la fabbrica in Germania (con tutti gli scassamenti di balle che si è trovata davanti) invece che aprirne una seconda in Cina perchè ama perdere soldi ;-)

an-cic

Non si tratta di essere ingenui, ogni prodotto ha un codice doganale ed in base al codice si applicano o meno i dazi. Sulle auto c'è il dazio del 10% calcolato su valore +trasporto. Lo scenario che descrivo è in vigore da anni

Dark!tetto

Già, ma tu apporti mai un contenuto vagamente utile e inerente che non sia "Teslaq gne gne gne" ?

Dark!tetto

Dovrei stupirmi dell'ipocrisia made in USA ?

Dark!tetto

Ma va smettiamola di fare gli ingenui, se così fosse oggi non delocalizzerebbe nessuno, ovviamente la situazione è cambiata e questo è palese, ma non a questo punto. Anche i cinesi sono cambiati e sarcasmo a parte, hanno anche loro degli operai specializzati che costano meno del 25% rispetto ad un tedesco. Quando e se mai si verificherà uno scenario come quelli che prospetti o siamo diventati noi gli "schiavi" della Cina o semplicemente ci si sposta come ha fatto Apple, in India, non mancano i paesi da sfruttare e che crescono velocemente, a breve i nigeriani saranno 1 miliardo con sto ritmo e avranno bisogno di lavoro.

luc tresson

Certo, vale per tutti e infatti tutti hanno problemi con la produzione e le consegne in questo periodo nonostante gli altri abbiano numeri nettamente inferiori se si parla di BEV. Quando è stata introdotta la y la capacità produttiva non arrivava al mezzo milione se in quel periodo avessero fatto uscire un’auto da 25k avrebbe ricevuto dai 3 ai 5 milioni di ordini. Per soddisfare una domanda del genere servono fabbriche e linee di produzione che si costruiscono in 5/6 anni non certo in un semestre.

PositiveVibes

Dieci anni avanti a tutti

Rigelleo

Mi spiego: adesso con una produzione di 1.5 milioni di automobili all'anno non riescono a stare dietro agli ordini. Questo rimarrà vero anche quando ne produrranno 4 milioni? Non credo. Quando la produzione sarà salita oltre un certo valore inizieranno ad abbassare i prezzi per poter continuare a vendere sempre più automobili mantenendo la domanda. L'unico motivo per cui non dovrebbero riuscire a fare così è se vendendo ai prezzi attuali non avessero margini di guadagno positivi, ma si da il caso che hanno margini elevatissimi che con i grandi numeri aumenteranno ancora più e che gli permetteranno di abbassare i prezzi quando ce ne sarà la necessità

nickmot

Il punto non è se possa farlo, il punto è, perché dovrebbe farlo.
Terranno il prezzo più alto possibile per non intaccare i guadagni, quando calano troppo per vendite scarse caleranno i prezzi, altrimenti starà nel punto in cui massimizzano i guadagni, non calano certo perché sono buoni.

Rigelleo

entro la fine del 2024 Tesla sarà arrivata a produrre al ritmo di 4 milioni di automobili all'anno, in quel momento la produzione sarà perfettamente in grado di compensare la domanda e ansi è plausibile che inizierà a calare i prezzi per poter vendere tutte le automobili, cosa che comunque non avrà problemi a fare visto che già ora ha i margini di guadagno per auto venduta più alti di tutta l'industria automobilistica che pur vendendo di auto a combustione le altre aziende non riesce ad ottenere margini paragonabili

nickmot

Ok, quindi un 3% circa dei dipendenti totali.

Comunque non era quello il punto, scusa se ho portato il discorso un po' fuori, era per dire che lui spara sempre alto, i suoi discorsi vanno presi con le pinze.
Che tanto finché vende e macina utili, nessuno va a contestargli se vende 10milioni di auto invece di 20.

Auto

Honda HR-V eHEV: spaziosa, pratica ed efficiente | Recensione e Video

Auto

La nostra avventura con un van camperizzato (e che van!) | Video

Auto

10 auto elettriche interessanti con prezzi sotto i 35 mila euro

Auto

Mercedes C300 e, una wagon ibrida plug-in come si deve | Recensione e Video