KYMCO RevoNEX: si avvicina la produzione della moto elettrica

09 Luglio 2020 13

KYMCO aveva presentato la sua moto elettrica RevoNEX nel 2019 a EICMA. Si trattava di una naked sportiva e le poche specifiche condivise dal costruttore l'avevano resa interessante, almeno sulla carta. Il marchio aveva promesso che da quel prototipo sarebbe derivata, in un secondo momento, una versione di serie che sarebbe scesa su strada nel corso del 2021. Da allora, però, se ne è saputo molto poco.

Dalle rete sono, adesso, emerse alcune immagini di brevetti di KYMCO che mostrano la versione finale della RevoNex. Questa scoperta fa capire che il progetto sta andando avanti e che la moto elettrica potrebbe essere molto vicina alla produzione. Da quello che traspare, il design finale non dovrebbe differire molto da quello del prototipo visto a EICMA.

Se anche le prestazioni annunciate al Salone di Milano rimarranno immutate, questa nuova 2 ruote ha tutte le carte in regola per diventare un punto di riferimento della categoria e potersi confrontare alla pari con i modelli di marchi come Energica e Zero Motorcycles.


KYMCO, per la sua RevoNEX, aveva dichiarato tempi di accelerazione davvero notevoli: 3,9 secondi per raggiungere i 100 Km/h a cui si devono aggiungere altri 8,7 secondi per i 200 Km/h. La velocità massima dovrebbe superare di poco i 200 Km/h. Quello che aveva colpito maggiormente della moto elettrica era la presenza di un cambio a 6 rapporti. Una scelta fatta anche per avvicinare i "puristi" delle 2 ruote che non rinuncerebbero mai alla trasmissione manuale. Inoltre, la moto è dotata di un generatore di acustica che permette di simulare il rumore di un vero motore.

Purtroppo, precise specifiche tecniche non ce ne sono e quindi non è dato di sapere, per esempio, quale sarà l'autonomia massima. Per scoprire i dettagli, probabilmente bisognerà attendere l'annuncio ufficiale da parte di KYMCO. Nel corso dei prossimi mesi se ne saprà molto di più.


13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
teo

Su una moto ??? Divertimento ... Per tutte le altre 2 ruote ok automatizzato

StadiaReborn

Non lo fanno certo per strizzare l'occhio ai patiti di moto, ma semplicemente per essere conformi alla nuova normativa europea sui veicoli elettrici.

StadiaReborn

Non capisco il cambio in un mondo digitale e automatizzato.

Mattia Alesi

Non capisco una trasmissione cvt (variatore) su una moto

greyhound

Non capisco il cambio in un motore elettrico

GePaCa

Le batterie si stanno evolvendo ma non abbastanza velocemente per sbarcare in un mondo, quello delle moto sportive, in cui il rapporto peso/potenza è tutto. Almeno per adesso, vedo molto meglio gli scooter elettrici a vocazione cittadina che non hanno bisogno di autonomie superiori ai 100 Km reali.

DeepEye

Sono comunque moto che costano quanto un auto, pesano come un elefante e rimani comunque a piedi perche non sai dove caricarla. D'altro canto una super sportiva normale, pur avendo autonomie di poco superiori, la puoi 'ricaricare' in 5 minuti in uno dei 25 mila distributori anche in mezzo al nulla.

Alexcasa

Purtroppo finché non ci sarà un'evoluzione importante delle batterie, le moto elettriche rimarranno molto penalizzate da autonomie non adeguate.
Fisicamente non c'è spazio, oltre a non poter aumentare il peso a cuor leggero come si fa con le auto. Energica e Zero, soprattutto la SR/F sono veramente belle ed interessanti, vedremo come evolvono.
Questa con il cambio sarei curioso di provarla.

uncletoma

Basta non rimangano a Taipei come gli scooter

DeepEye

La Honda Hornet del 2007 che avevo fino all'anno scorso, accelerava piu velocemente.
Risolvessero il problema della carica e autonomia, le accelerate dal semaforo lasciamole agli americani.

gioboni

Autonomia? Sulle moto penso sia ancora più penalizzante che sulle auto, a meno che uno non la prenda solo per arrivare al baretto.

Comitato_no_Disqus

Tutto molto bello, tranne il simulatore acustico che scimmiotta un motore termico. Se decido di buttarmi su una moto elettrica, ne abbraccio anche la filosofia, quindi zero rumore. Ovvio che a basse velocità, nei centri urbani, deve far percepire la tua presenza ai pedoni

Snapdragon

Non mi piacciono i fanali anteriori, per il resto non sembra male, ovvio vorrei vedere la scheda tecnica...

Recensione NIU N-Series: è arrivata l'ora dello scooter elettrico