Honda fa come FCA, pool con Tesla per evitare le multe sulle emissioni

03 Novembre 2020 4

Honda ha deciso di seguire le strada di FCA e di "unire la sua flotta di autovetture" al pool formato da FCA e Tesla con l'obiettivo di evitare le pesanti sanzioni dell'Unione Europea per chi non rispetta i nuovi limiti sulle emissioni inquinanti. A quanto si apprende, l''arrivo del costruttore giapponese non dovrebbe cambiare l'accordo tra il marchio americano di auto elettriche e FCA. Questa interessante novità è emersa all'interno di un documento inviato alla Commissione Europea.

Non ci sono dettagli precisi su questo accordo. Per esempio, non si sa nulla su quanti soldi dovrà pagare Honda per entrare a far parte del pool in cui sono presenti le auto elettriche di Tesla. Difficile, comunque, che emergano informazioni precise. Con l'entrata in vigore delle ultime normative sulle emissioni, alcuni costruttori stanno facendo fatica a rientrarvi. Per evitare di incappare nelle multe previste dall'Europa per chi non le rispetterà, è possibile per i costruttori "riunire" le loro flotte di autovetture utilizzando lo strumento del pooling per abbassare i livelli medi di emissioni e rientrare nei limiti.

Si tratta di uno strumento legale previsto dalla legge. In questo modo, Honda, in attesa di lanciare sul mercato nuovi modelli elettrificati in grado di abbassare il livello medio di emissioni della sua flotta di autovetture, potrà evitare di incorrere in pesanti multe. Per Tesla, invece, un nuovo grande affare. Il costruttore americano, infatti, nel 2020 ha già guadagnato circa 1,2 miliardi di dollari da questa prassi.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sepp0

E' uno strumento necessario finchè il prezzo delle elettriche non si allinea a quello dei modelli con motore endotermico.

Vae Victis

Elon musk. Tutto il suo progetto si basa su questo.

Gianluigi

La cammissione europea. hanno previsto limiti progressivi ma subiscono la pressione delle lobby, da cui la via d'uscita.
Un accordo del genere è meglio di nessun accordo, anche perché le case auto sono comunque spinte nella direzione voluta.

DjMarvel

ma chi è il beota che ha partorito questa possibilità?

Auto

Recensione Jeep Compass 4xe PHEV: SUV ibrido plug-in a trazione integrale | Video

Auto

Recensione Audi Q2: il restyling della #untaggable. Test 35 TDI 150 CV | Video

Auto

Recensione Volkswagen ID.4 GTX: sportività "elettrizzante"

Motorsport

WRC 2022: nasce la nuova era ibrida