Brexit, Honda ferma l'impianto di Swindon: c'è tanta incertezza per il settore auto

10 Dicembre 2020 13

La Brexit rischia di causare danni molto pesanti al settore auto. Dal primo gennaio del 2021 il Regno Unito uscirà definitivamente dall’Unione Europea. Un accordo sull'uscita, però, non è stato ancora trovato. I negoziati continueranno sino al prossimo 13 dicembre e poi si prenderà una decisione anche se da più parti si pensa che una "Hard Brexit" sia inevitabile. Le divergenze sarebbero, infatti, ampie e difficilmente colmabili in così pochi giorni. Il "no deal", però, fa molto paura perché potrebbe costare davvero tanto a livello economico.

Le aziende automobilistiche che operano nel Regno Unito solo particolarmente preoccupate di quello che potrebbe accadere. Infatti, un mancato accordo potrebbe costare diversi miliardi sia in termini di dazi che in termini di crollo della produzione. Secondo quanto calcolato un po' di tempo fa dalla Society of Motor Manufacturers and Traders (SMMT), l'associazione dei costruttori britannici, il "no deal" costerebbe all'industria automobilistica inglese oltre 55 miliardi di sterline, pari a circa 62 miliardi di euro in 5 anni. Il tutto, mentre il settore dell'auto è già in forte difficoltà a causa della pandemia.

E vista la grande incertezza politica, diverse case automobilistiche e non solo, si stanno pure affrettando a fare incetta di parti che servono per la costruzione di auto prima che arrivino rallentamenti o eventuali dazi. Gli effetti di questo "caos", però, si stanno già manifestando.

TANTA INCERTEZZA

Honda, infatti, è stata costretta ad interrompere il lavoro presso lo stabilimento di Swindon, dove produce la Civic, a causa dei ritardi nella consegna delle componenti. Honda conta di riprendere le attività il prima possibile, forse già da lunedì se tutto andrà bene. Il porto da cui sbarcano i container destinati alla fabbrica del costruttore giapponese, è congestionato dalle aziende che cercano di fare scorte prima che possano entrare in vigore le nuove tariffe doganali.

Un problema che potrebbe rientrare se Regno Unito e Unione Europea riusciranno a trovare un accordo ma, come detto, i segnali non sono certamente positivi. Honda lavora con un metodo chiamato "just-in-time", cioè con le componenti che arrivano nella catena di montaggio solo quando effettivamente necessario. Ovvio che se manca anche un solo elemento, tutto si blocca. Il costruttore giapponese sta valutando anche una strategia alternativa, magari puntando sul trasporto aereo. Comunque, Honda ha già deciso di chiudere nel 2021 questa fabbrica, ufficialmente per un suo piano di ristrutturazione ma, in realtà, anche a causa delle incertezze proprio in tema di Brexit.

Per il momento non si segnalerebbero altre problematiche con le catene di approvvigionamento degli altri costruttori nonostante i ritardi nei trasporti. Bentley, addirittura, ha prenotato ben 5 aerei cargo per superare eventuali problemi di forniture. Il vero nodo da risolvere, però, sarà la Brexit. Già diverse case automobilistiche hanno messo in forse le loro attività in caso di "no deal". Nissan, ad esempio, ha avvertito delle possibili conseguenze disastrose per le sue attività nel Regno Unito in assenza di un accordo commerciale. L'operatività dello stabilimento diventerebbe a rischio.

Anche Toyota in passato aveva più volte sottolineato il rischio della sua uscita dal Regno Unito in caso dell'arrivo di dazi. E questi sono solo alcuni esempi. C'è poi il caso di Ineos che ha deciso di acquistare la fabbrica della Smart ad Hambach, nella Francia per costruire il suo 4X4. In origine, parte della produzione doveva avvenire in Galles tanto che era prevista la creazione di molti nuovi posti di lavoro. La vicenda è molto più ampia ma alla fine i piani sono cambiati. Il dato più curioso di questa vicenda è che Jim Ratcliffe, miliardario e fondatore di Ineos, è stato da sempre uno più grandi sostenitori della Brexit.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da Phone Click a 405 euro oppure da Amazon a 478 euro.

13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vae Victis

L'ultimo regalo ai Benetton lo ha fatto lui, allungando le concessioni per decenni e riducendogli l'importo dell'affitto. Così ora sono i Benetton sono in una botte di ferro e se vuoi riprenderne la gestione devi pagargliele miliardi, come se fossero di loro proprietà.
Craxi non avrebbe mai fatto delle privatizzazioni sciagurate come queste. Anzi, senza condizionale: non LE HA fatte.

Chiedo_schiuma!

LOL!!!

Chiedo_schiuma!

no mai!

sopaug

posa il fiasco.

sgarbateLLo

Per dire che non ha fatto bene il ministro (che poi non è il presidente del consiglio) dovresti portare argomenti nel merito delle azioni fatte. Sul figlio non mi esprimo, andrebbe anche questo valutato nel merito e non abbiamo elementi per farlo. In quanto a opportunità delle scelte fatte non è né il primo né l’ultimo figlio noto finito in partecipate e altri si sono comportati peggio, se proprio vogliamo fare facili moralismi.
Sul finale la vuoi mandare in vacca e quindi non ha senso continuare. Ti preferisco quando parli di Fiat, anche se ultimamente trolli parecchio su teslon Musk.

Vae Victis

Ministro delle infrastrutture.
E stranamente ora è dirigente di una autostrada, e anche il figlio era stato assunto in una azienda che riceveva appalti pubblici.

sgarbateLLo

Al di là delle opinioni personali, Di Pietro non ha governato affatto.

Vae Victis

Guarda i debiti fatti dopo Craxi e vedi l'andamento del PIL dopo Craxi.

Mi pare che non abbia governato molto bene l'onesto Di Pietro, quello che ha abusato del suo potere di magistrato per farsi eleggere in parlamento. Uno che non sa nemmeno la grammatica delle scuole elementari. La lista dei clown che abbiamo avuto dopo Craxi è lunga, non se ne salva uno. Tutta gente da circo.

sgarbateLLo

Stai ribaltando la realtà, stiamo ancora pagando quei debiti.
Hai presente le pensioni col retributivo?

Vae Victis

Honda in Europa non durerà a lungo.

Vae Victis

Ne dubito. E comunque è meglio far fallire lo stato piuttosto che continuare a lavorare per stipendi indegni.

Negli ultimi 30 anni il potere di acquisto degli italiani si è ridotto del 30%. Evidentemente il ladro non era Craxi, ma quelli che hanno organizzato il golpe per sostituirlo.

Aristarco

quelli risorgono sempre

Chiedo_schiuma!

il fallimento dell'UK è vicino...

Auto elettriche e app di ricarica colonnine pubbliche: guida per principianti | Video

Hyundai Kona Electric 2021, arriva il restyling: tutte le novità | Video

Vado a fare il pieno di idrogeno in Svizzera e (forse) torno | Video

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI