Tesla: 22 nuovi Supercharger in Italia entro il 2019

12 Giugno 2018 20

Tesla annuncia l'arrivo di 22 nuove stazioni di ricarica Tesla Supercharger in Italia entro la fine del 2019. Il brand di Elon Musk si prepara così all'arrivo dell'attesissima Model 3, il modello più compatto ed economico della gamma, finora composta dalla berlina Model S e dal grande SUV Model X.

Tesla è l'unico Costruttore a offrire una rete proprietaria di ricarica ad alta potenza (120 kW, ma in futuro si salirà a 350 kW) per i propri veicoli elettrici a livello globale: sono 1.261 le stazioni 10.021 i punti di ricarica finora installati, un numero destinato a crescere (e di molto) in vista del progressivo ampliamento della gamma. In arrivo, infatti, non ci sarà solo Model 3, ma anche il crossover medio Model Y e la seconda generazione di Roadster, entrambi previsti dopo il 2020.


In italia attualmente sono presenti 29 Tesla Supercharger, per un totale di più di 200 colonnine di ricarica, a cui vanno aggiunti circa 500 punti di ricarica Destination Charging (colonnine con potenza massima di 22 kW), diffusi soprattutto nei parcheggi di hotel, luoghi di villeggiatura e centri commerciali. Come si può vedere sul sito ufficiale di Tesla, il numero delle stazioni di ricarica veloce nel nostro Paese salirà fino a 51, grazie all'aggiunta dei 22 nuovi Supercharger entro la fine del 2019.

Finalmente, anche Sicilia, Sardegna e Umbria saranno coperte dalla rete di ricarica di Tesla, con l'apertura delle stazioni di Campofelice di Roccella (Palermo, 2018), Catania (2019), Olbia (2018), Oristano (2019) e Perugia (2019). Molto attesi anche i Supercharger a Grosseto (2018), Civitavecchia (Roma, 2018), Genova (2019), Alessandria (2018), Sondrio (2018), Cortina d’Ampezzo (2018), Cesena Nord (2019), Monopoli (Bari 2018, secondo in Puglia), Aprilia (Latina, 2018), Bardonecchia (Torino, 2018), Carsoli Oricola (L'Aquila, 2018), Como (2018), Vicenza (2018), Lamezia Terme (Catanzaro, 2019), Porto San Giorgio (Fermo, 2019), Rho (Milano, 2019) e Udine (2019).

Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, in offerta oggi da ASUS eShop a 699 euro oppure da Unieuro a 899 euro.

20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vincenzo Corsaro

Questo commento è di un miopia assurda, la stessa che avevano quei contadini che agli inizi del novecento soffiavano sulle prime lampadine e imprecavano perché non si accedevano, ma è ovvio che ad OGGI l'attuale rete elettrica imploderebbe ad un utilizzo massivo di auto elettriche, ma piano piano aumentando di pari passo la richiesta aumenterà di pari passo l'importazione di combustibili fossili per fare fronte alla richiesta, e sempre durante tale transizione si attuerà un altra seconda transizione, cioè quella del passaggio sempre di più alle risorse rinnovabili, per cui inizialmente già solo per il fatto che la gente compra un auto elettrica sarà molto più predisposta a installarsi un impianto fotovoltaico in casa, magari anche con la trifase (visto comunque l'enorme risparmio rispetto alla benzina/diesel), così facendo già solo per questo la rete aumenterà in maniera graduale la produzione di energia pulita, anche perché con lo scambio sul posto tutta l'energia in eccesso che ognuno produce a casa sua andrà nella rete, di conseguenza i gestori avranno una richiesta di energia sempre più bassa dai clienti che mano a mano diventano "indipendenti" e così facendo avendo minori spese potranno aumentare gli investimenti nelle energie rinnovabili, per quanto riguarda il "giocattolino" costosissimo, è la stessa cosa di prima, lei si ricorda quando costava il primo "cellulare" alla fine degli anni 80 ? (in realtà era una valigia che si collegava alla presa della macchina) costava più di 1 milione di lire, ma appena la tecnologia prese piede il prezzo si abbassò drasticamente e si passò a dispositivi sempre più economici e con più funzioni, questo si chiama PROGRESSO, forse è una cosa che lei disconosce, è ovvio che per adesso le Tesla hanno un prezzo proibitivo per la massa, e che sopratutto essendoci ancora troppo poche colonnine di ricarica la gente non è invogliata ad acquistarle, ma se lei è d'accordo io gli vorrei proprio dare un appuntamento a 10 anni di oggi, e voglio proprio vedere se lei avrà cambiato opinione o se ancora la penserà alla stessa maniera.

Paride Orlando
Tullio

Informati!

Manlio Sartori

Ottimismo come piovesse

Renzo Baldo

Quanta stupidità in alcuni scarabocchi!

Renzo Baldo

Devi anche tenere conto delle autonomie Tesla con una ricarica. Fra 300 e 500 km.

Mauro79sisonoio

dal carbone

Austrian school

Un blog di tecnologia può alimentare i sogni dei tecnoentusiasti ma poi c'è quella stronza della realtà a dire cose diverse.
350kw sono una potenza smisurata per le attuali linee elettriche. Andrebbero completamente sostituite. Giusto per chi non lo sapesse oggi un'abitazione dispone di 3kw, giusto per un paragone.
Inoltre se vi fa eccitare l'idea che l'auto elettrica sia ecologica occorre valutare l'impatto della maggiore produzione di elettricità. Oggi le centrali elettriche esistenti non reggerebbero ad un utilizzo massivo di auto elettriche.
Quindi prima di godere di una masturbazione tecnologica occorre capire se è quando un giocattolino (costosissimo) come Tesla diventerà di comune adozione. Scommetto che Tesla fallirà prima di vedere questo risultato.

Tony Musone

In teoria sarebbe possibile, lo sarebbe anche in pratica dato che a quanto mi è dato sapere Musk propose ad altri costruttori di EV di condividere la rete Supercharges ma non mi risulta che ad oggi qualcuno abbia accettato. Però si possono usare (non so quanto legittimamente) i Power Wall (ma non tutti solo alcuni) a patto che abbiano lo stesso attacco.

Mauro79sisonoio

Dal carbone

Mauro79sisonoio

Onore al merito

GianlucaA

Ma con 350kw se accendo forzo e lavatrice assieme salta il contatore?

Merdslie

Che bella notizia

Marcomanni

E la ricarica gratuita per il 99 per cento delle tesla in circolazione in Europa

Marcomanni

No. C'è solo una vecchia risposta di musk in cui disse, "forse, un giorno"

Fabri Fina

ma il supercharger si può usare anche per altri veicoli che non siano tesla? In teoria si auto-adattano quindi l'eccesso di potenza non sarebbe un problema

Markk

Ottimo, i prezzi sono alti, solo per benestanti non per la maggioranza dei cittadini.

Palux

Che boiata, un po' come il tuo commento/sentenza.

Markiarom #FuoriController

È chiaro che siamo in piena evoluzione e che la tecnologia di accumulo di energia elettrica è destinata ad evolversi tanto. Tutto quello che abbiamo adesso è solo un modo per sviluppare, testare, progredire.

Austrian school

350 Kw di potenza per ricaricare le auto?
Questa tecnologia è fallita in partenza se ci vogliono simili potenze. Bisogna mettere una centrale elettrica per ogni stazione Supercharger, che boiata.

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren