Renault-Nissan: divorzio sempre più vicino?

13 Gennaio 2020 5

Non è un mistero che da tempo si rincorrano voci su di un possibile divorzio tra Renault e Nissan. Tuttavia, secondo quanto ha riportato il Financial Times, il costruttore giapponese avrebbe accelerato sensibilmente i suoi piani di separazione dal suo partner francese.

Secondo quanto riporta la fonte, il piano di Nissan prevederebbe una netta separazione delle attività congiunte a cominciare dalla progettazione e dalla produzione dei veicoli. Inoltre, un secondo passaggio riguarderebbe la modifica della composizione del consiglio di amministrazione di Nissan.

Ad imprimere un'accelerazione dei piani di divorzio della Casa giapponese la fuga del suo ex presidente Carlos Ghosn arrestato per evasione fiscale che si è rifugiato in Libano. La vicenda che ha toccato Ghosn che in qualche modo teneva ancora insieme i due costruttori, ha poi messo alla luce tutti i problemi tra le due società.

A tutto questo si aggiunge anche il fatto che alcuni dirigenti Nissan pensano da tempo che l'alleanza con i francesi non sia più utile e solo un freno per lo sviluppo della società.

Anche sul lato francese ci sono da tempo molti dubbi sulla durata dell'alleanza. Il presidente della Renault, Jean-Dominique Senard, nominato proprio dopo l'addio di Ghosn, ha manifestato i suoi dubbi sulla durata della collaborazione subito dopo la sua investitura lo scorso anno.

Una situazione quindi molto tesa che si trascinava già da un po'. Non è un mistero poi che ai giapponesi non fosse andata giù la trattativa dei francesi con FCA per la fusione. Discussione che poi, come tutti sanno, è naufragata nel nulla anche per colpa dei giapponesi tanto che FCA, adesso, ha trovato un accordo con il Gruppo PSA.

Tutto questo arriva in un momento delicato con tanti progetti comuni che dovrebbero venire annunciati già nel giro delle prossime settimane. Progetti che sulla carta dovrebbero rinsaldare l'alleanza tra i due costruttori.

L'eventuale separazione di Nissan e Renault potrebbe avere delle conseguenze importanti per le due società. Come riporta la fonte, sicuramente sia i francesi che i giapponesi andranno in cerca di nuove alleanze in quanto il settore dell'auto è oggi in forte evoluzione e rimanere da soli per troppo tempo potrebbe avere delle ripercussioni non certamente positive per il futuro.

Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e è in offerta oggi su a 419 euro.

5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Desmond Hume

infatti la scelta deve essere lasciata agli acquirenti non che o ti va bene così o ti pigli la Captur.

turbognu

Esatto, la juke solo 3 cilindri benzina non ha veramente senso. Quel motore va bene su una clio ma serviva un'alternativa più potente, oltre ad un diesel

turbognu

Ci farebbe solo che bene

Desmond Hume

beh... basta prendere Renault Captur e Nissan Juke...
sulla Captur motori benzina, diesel, ibrido plugin e sulla Juke solo quella chiavica di 3 cilindri benzina. Negli anni scorsi discorsi simili avvenuti per Clio & Micra.
Alleanza troppo sbilanciata.

Vae Victis

I Giapponesi buttano fuori i francesi ma non c'è problema. I francesi possono consolarsi colonizzando l'Italia.

Eventi

Porsche è sempre più Experience

Auto

Tarraco: il nuovo stile di Seat nel SUV spagnolo più comodo di sempre | Video

Curiosità

Aerei troppo inquinanti: quali le alternative e come sceglierle | Storie

Articolo

Un’Alfa Romeo Giulia elettrica affronta la sfida dell’ETCR