Nissan-Renault-Mitsubishi: il CEO Carlos Ghosn in arresto per evasione fiscale

19 Novembre 2018 4

L'Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi potrebbe presto perdere il proprio CEO e Presidente Carlos Ghosn, finito nelle ultime ore al centro dello scandalo dopo essere stato arrestato per evasione fiscale e appropriazione indebita di asset aziendali.

Secondo quanto riporta Automotive News Europe, che sta seguendo da vicino la vicenda, il CEO di Nissan Hiroto Saikawa ha già formulato le dimissioni per Ghosn dal consiglio di amministrazione della Casa giapponese, insieme a quelle di Greg Kelly, il direttore delle risorse umane ritenuto anch'egli coinvolto nello scandalo insieme a Ghosn.

Ghosn, secondo il report, avrebbe omesso di dichiarare parte dei suoi redditi per diversi anni (in gioco ci sono svariati milioni di euro). In più, il manager brasiliano si sarebbe servito di alcuni asset del colosso automobilistico per usi personali. Tutto questo è il frutto di un'indagine interna avviata da Nissan negli scorsi mesi nei confronti di Ghosn e Kelly.

Nissan ha offerto piena collaborazione alle autorità, scusandosi con gli investitori per il terremoto di queste ultime ore.

Ghosn, classe 1954, è l'uomo che nel 1999 - anno della nascita dell'Alleanza Renault-Nissan - ha dato nuova linfa ad una Nissan in pessime condizioni economiche e identitarie, diventandone Presidente nel 2000 e CEO nel 2001.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Igi

Giusto, non è una congiunzione negativa... Grazie

RavishedBoy

"ne" senza accento.

Igi

... più soldi hanno e più né vogliono.

Ibenfeldan

E bravo Carletto...

Auto

Ferrari, per le strade della Sardegna guidando una Roma Spider

Auto

Fiat 600e, ecco come va il nuovo B-SUV elettrico | Video

Auto

Fiat 600, ecco la versione ibrida: motori e prezzi

Auto

Peugeot E-3008 ufficiale, il SUV elettrico da 700km di autonomia arriva a febbraio 2024