Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

NIO, 900 stazioni per il battery swap in Cina

20 Aprile 2022 9

NIO continua ad espandere la sua rete di stazioni per il battery swap in Cina. La casa automobilistica ha annunciato di aver attivato la stazione numero 900 il 18 aprile e precisamente a Nanchino che si trova a circa 300 km a ovest di Shanghai. Si tratta di una notizia molto interessante, soprattutto pensando che alla fine di gennaio 2022, NIO poteva contare su 828 stazioni per il battery swap. Dunque, in pochi mesi questa infrastruttura è cresciuta molto.

Annunciando questo nuovo traguardo, il costruttore ha ricordato che grazie alla sua rete di stazioni per il battery swap, sono stati effettuati 8 milioni di cambi batteria.

LA RETE CONTINUERÀ A CRESCERE

Ovviamente, il lavoro di ampliamento di questa infrastruttura non si ferma qui. Come sappiamo, l'obiettivo del costruttore cinese è quello di arrivare a rendere disponibili 4.000 stazioni per il battery swap entro il 2025, di cui 1.000 al di fuori della Cina. NIO vuole portare questa infrastruttura anche in Europa e ha già iniziato ad installare le prime stazioni in Norvegia, il primo Paese del Vecchio Continente dove ha iniziato a vendere le sue auto elettriche.

In Cina, il battery swap sta crescendo rapidamente anche grazie ad un modello di business in cui la batteria diventa un servizio. Il cliente compra l'auto elettrica senza acquistare la batteria e poi va a pagare un canone mensile per il noleggio dell'accumulatore. Compresa nel canone anche la possibilità di poter utilizzare il sistema di battery swap. Questa soluzione consente agli acquirenti delle auto di non doversi preoccupare del degrado delle batterie.

Ricordiamo che, attualmente, NIO sta installando le stazioni per il battery swap di seconda generazione che, in completo automatismo, permettono la sostituzione dell'accumulatore scarico con uno carico in una manciata di minuti. NIO, comunque, non sta lavorando solamente all'ampliamento della sua rete di stazioni per lo scambio delle batterie.

Infatti, la casa automobilistica sta progressivamente ampliando in Cina pure la sua rete di ricarica composta da oltre 740 stazioni per oltre 4.100 colonnine. Presenti anche quasi 3.900 destination charging collocati in poco meno di 690 località.


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Signor Rossi
Massimo

scusa ma quante ne riesci a ricaricare in 1 ora?
a conti fatti queste battery swap in autostrada sono una manna dal cielo

Tommers0050

in futuro si

Manu

con 13 swap ad ora ne servirebbero veramente infinite.....

Signor Rossi
Tommers0050

è ancora una tecnologia agli albori, ci sarà un grande miglioramento nel breve periodo cosa che non si potrà fare con la ricarica classica dove ormai si è arrivati ad un punto morto fin quanto non si faranno batterie migliori

Signor Rossi
Tommers0050

questo è il futuro, le ricarica da 3 ore per fare 200km le lasciamo agli americani

Undertaker

Insomma, i Cinesi ci fanno strada e insegnano come le cose vanno fatte?

Auto

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Motorsport

Formula 1: ufficiale, Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025

Auto

Hyundai Kona Electric (2024): prova consumi d'inverno e ricarica rapida | Video

Auto

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video