Recensione Hyundai Kona N Performance: un crossover davvero sportivo | Video

03 Gennaio 2022 144

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Hyundai Kona N è un'auto molto particolare. Può essere definita sfruttando le categorie oggi disponibili, ma in realtà sarebbe più corretto analizzarla come un esempio dei tempi che cambiano, della storia che evolve. E come tutte le storie, bisogna iniziare dal classico "c'era una volta".

COSA SIGNIFICA AUTO SPORTIVA

C'era una volta il mondo delle auto sportive. Il termine si è evoluto nel tempo perché si è partiti da modelli esclusivi per la pista o per le competizioni su strada e, poi, il mercato ha accettato l'esistenza di auto stradali modificate nell'assetto e nel motore per riproporre nella guida di tutti i giorni alcune delle sensazioni che si potevano provare in pista.

Da quel momento in poi, il termine auto sportiva è stato associato a potenza, prestazioni, piacere di guida, reattività. Si sacrificava il comfort, ma era un prezzo accettabile per il pensiero comune. La sportiva doveva essere grezza, dura, anche spoglia negli interni perché il peso andava ridotto ai minimi termini. Non importava che fosse facile, doveva coinvolgere e rappresentare una sfida per il conducente.

Parallelamente all'evoluzione dei motori, però, il mercato delle auto ha lavorato su due fronti: comfort, perché le strade non sono tutte perfette, e sicurezza, anche attiva. Nascono setup di compromesso anche nel mondo delle auto sportive, dove le sospensioni con ammortizzatori adattivi permettono di cambiare il comportamento della vettura in base alle situazioni di guida: qui vi racconto come la AMG GT R lo fa divinamente. Meccanica ed elettronica lavoravano insieme, con l'elettronica a gestire la diversa risposta di tutti gli elementi dell'auto per trasformarla da rigida sportiva pronta a mangiare le curve, ad auto facile da manovrare e gestire durante le commissioni quotidiane.


L'elettronica ha poi portato anche la sicurezza: non si tratta solo di ADAS e sistemi anti-collisione ma di una centralina che comunica con la miriade di sensori dell'auto ed è in grado, oggi, di farci sentire dei piloti minimizzando il rischio di farci del male... o di farlo agli altri. Salvo rare eccezioni, è questo il motivo per cui oggi circolano molte auto con potenze inimmaginabili qualche decennio fa, eppure il numero di quelle accartocciate nei tornanti o nel fosso a bordo strada è inferiore.

Tempo fa ho provato le Peugeot 205 più sportive, quelle di un tempo, e ai più giovani assicuro che si tratta di auto che, pur fermandosi ad un massimo di 160 CV, porterebbero al disastro la maggior parte dei conducenti che oggi guidano auto da 300 CV o più.

Insomma, il mondo cambia e le generazioni con esso. Possiamo soffermarci quanto vogliamo a rimpiangere una 205 Rallye o una Gutmann che su strada è una sfida che pochi possono affrontare, ma la verità è che il concetto di auto sportiva deve evolversi e abbracciare nuove categorie. E oggi vanno di moda SUV e crossover perché sono comodi.

Facciamocene tutti una ragione: possiamo raccontarcela quanto vogliamo, ma le auto sportive da strada sono nate nel segno del marketing anche quando erano grezze, senza elettronica e rappresentavano una vera sfida. Servivano e servono a venderci l'eco delle imprese della pista, un sogno... e se oggi c'è qualcuno che vuole sognare stando un po' più in alto e un po' più comodo, perché dovremmo impedirglielo?

GEMELLA DIVERSA

Nasce così Hyundai Kona N e lo fa portandosi dietro tutta la passione e la tecnica di un marchio come Hyundai che ha saputo essere versatile. Si è adattato alle auto elettriche creando una delle più efficienti (pur su piattaforma non dedicata), la Kona Electric. Allo stesso tempo ha portato in strada l'idrogeno con un modello da produzione, e non si è affatto dimenticata dei petrolhead grazie ad un'azzeccatissima gamma N che trova in i30 N il giocattolo perfetto per molti appassionati che non possono permettersi un'auto da pista e una da strada, ma ne vogliono una che faccia tutto e che sia anche moderna.

Stiamo parlando di un marchio che i compiti li fa bene, giusto per contestualizzare. Detto questo, quindi, la base di partenza per fare il crossover sportivo era quella giusta: un benzina quattro cilindri 2.0 da 280 CV e 392 Nm, lo stesso della sorella a ruota bassa. Il cambio? Doppia frizione a 8 rapporti con palette al volante, quello introdotto anche nel restyling di i30 N.

Manca il manuale, ma è giusto così. Se lo volete andate sulla i30 N che è un'auto più estrema, vero, ma che vi fa pagare pegno già nelle operazioni di accesso e uscita dall'abitacolo.

COME VA: PROVA SU STRADA

Oltre al motore, uno degli ultimi considerato questo annuncio, la ricetta è quella delle sospensioni a controllo elettronico con 3 livelli di risposta degli ammortizzatori, rarità nel segmento B. A queste si aggiungono un assetto ribassato che però mantiene quella facilità di accesso in auto tipica dei crossover e apprezzata da sempre più persone. MacPherson anteriore, Multilink posteriore e una posizione di guida che resta alta e quindi, ancora una volta, è quella preferita da chi vuole vedere più in la del proprio naso nel traffico di oggi. Altrimenti guidate senza sapere cosa succede ad un'auto di distanza... ed è snervante.

Kona N mantiene quindi le caratteristiche apprezzate nel mondo SUV, ma sarà in grado di dimostrarsi una vera sportiva? Partiamo dal motore che c'è tutto: il sound è modulabile a seconda della modalità, lo scarico è di quelli veri con la valvola controllata elettronicamente, il quattro cilindri è corposo, pieno, reattivo e sposa alla perfezione il doppia frizione automatico: su un SUV compatto non ha più senso mettere un cambio manuale e l'abbinamento scelto dai coreani è quello giusto.

In curva è impressionante quando gli date fiducia. La generazione dell'elettronica ha permesso di guidare i crossover quasi come le hot hatch o le berline. Inserimento rapido, stabilità e tenuta ottime: il differenziale lavora sempre per massimizzare il rapporto prestazioni/sicurezza e poi c'è un rollio sorprendentemente contenuto. Rispetto ad i30 N Performance si percepisce, chiaro, ma tra i SUV è davvero una goduria.


L'altra faccia della medaglia è il costo da pagare per queste prestazioni. In primis il comfort: Kona N è un'auto rigida che sul nostro sconnesso cittadino saltella quasi come se fosse un kart da competizione.

Certo, intervenendo con le regolazioni potete creare la mappatura Custom a cui associare la taratura più morbida per le sospensioni ad un setup estremo a livello di sterzo e motore, ed è quella che preferisco per la vita di tutti i giorni, ma scatta poi il secondo pegno. I consumi.

Kona N beve come un'irlandese in birreria: in modalità Normal avete un pedale del gas meno sensibile, ma si tratta comunque di un'auto da 280 CV che, per giunta, vi invoglia ad attivare la modalità N anche quando andate al supermercato, a ritirare la pensione, a spedire una raccomandata... o a pagare una multa per eccesso di velocità.


Quel tastino sul volante è come il miele per le mosche, una calamita talmente potente da cambiare l'asse di rotazione delle vostre finanze con frequenti appuntamenti romantici alla pompa di benzina. Eppure ve ne importerà poco, perché sarete sempre felici con un sorriso ebete stampato in faccia.

Lodevole anche il lavoro nell'impianto freni: dischi anteriori da ben 18" e posteriori da 17" assicurano di fermare i 1.500 kg in un fazzoletto: attaccano bene e sono modulabili, pur trattandosi di un impianto che va bene per la strada ma non regge i ritmi forsennati della pista. Dopo un po' perdono qualcosa per il calore e l'attacco diventa un po' più "spugnoso": se li stressate non raffreddano come impianti dedicati al circuito e, se avete in mente quell'utilizzo estremo, bisogna entrare nel favoloso mondo del tuning. Il vantaggio è che non dovrete stravolgere il resto dell'auto perché è già "pronta all'uso".


Kona N è fatta per dare dipendenza, lo dimostrano tanti piccoli aspetti. La gestione del cambio con quel colpetto alla schiena automatizzato e attivabile dal menu di bordo, fatta apposta per farvi sentire dei piloti. Oppure gli scoppiettii dello scarico.

La gamification della guida sportiva è quasi una droga che trova la chiave di volta nel tasto rosso chiamato N Grin Shift. L'auto si predispone per 20 secondi di massime prestazioni, ma la maggior parte non se ne accorgerà neanche.

Anche senza premere il tasto rosso, comunque, Kona N è già una bestiolina divertente. Eppure sapere di avere 20 secondi di prestazioni "estreme" ci fa sentire tutti piloti ed è un attimo immaginarsi come Toretto che preme il tasto del NOS.



Qualche punto debole c'è. Lo sterzo è diretto ma meno affilato della i30 N Performance e il limite della hot hatch è maggiore di questo crossover che soffre di più il sottosterzo nelle situazioni estreme. Di contro, però, compensa con la facilità di correzione: basta alleggerire sul gas per sfruttare i trasferimenti di carico e lasciare poi lavorare telaio ed elettronica. Altri crossover con setup meno curati richiedono di sudare maggiormente o tagliano in maniera brusca la potenza. Lei no.

Dove Kona N perde punti è negli interni: le caratteristiche sportive ci sono (volante, sedili, strumentazione dedicata), ma manca quello sforzo in più nel personalizzare l'abitacolo con materiali che possano rendere più digeribile il prezzo, comunque giustificato dalla scheda tecnica.

LA GAMMA KONA: PER TUTTI I GUSTI

Qualche parola va spesa per la gamma Kona, una delle più variegate in termini di proposte e motorizzazioni. C'è quella estrema e sportiva, c'è la micro ibrida a 48 V e l'ibrida tradizionale (Full Hybrid) con cambio doppia frizione. C'è Kona Electric che è a zero emissioni locali ma ci sono anche le classiche versioni a benzina. E c'è anche ibrida-diesel a 48 V (anche 4WD), una rarità nel segmento B.

PREZZO E DOTAZIONE: TUTTO DI SERIE

Rispetto ad i30 N, poi, Kona N è categorica e non offre la possibilità di scegliere la versione "anti-superbollo": i 280 CV ci costringono a pagarlo e il listino la posiziona a 42.500€. Cifra unica che vi restituisce un'auto full optional ma, come anticipato sopra, per queste cifre il cliente medio si aspetta un abitacolo più curato... non importa se sotto alla scocca c'è un differenziale, un ottimo doppia frizione o un motore fatto apposta per soddisfare i desideri degli appassionati.

N Performance è l'unico allestimento, full optional. Differenziale elettronico a slittamento limitato, sospensioni a controllo elettronico, vetri oscurati, Full LED, retrovisori elettrici (riscaldati, ripiegabili, regolabili), cerchi in lega da 19", sedili anteriori elettrici (riscaldati e ventilati), sedili in pelle e scamosciato, riscaldamento anche per i sedili posteriori, HUD, infotainment e strumentazione digitale, tutti gli ADAS LVL 2, sensori di parcheggio davanti e dietro, retrocamera, caricatore wireless per smartphone, keyless, audio Krell Premium a 8 canali con subwoofer e via dicendo.

Costa tanto, è vero. Ma ha tutto e confrontata con le tedesche il vantaggio è nella quantità di optional costosi che qui sono inclusi. 700€ per la vernice alternativa al rosso di serie, unico optional a catalogo.

HYUNDAI KONA N (2021): SCHEDA TECNICA

TECNICA

  • MOTORE: quattro cilindri turbo (benzina)
  • CILINDRATA 1.998 cc
  • POTENZA MASSIMA: 280 CV/206 kW (5.000-6.000 giri)
  • COPPIA MASSIMA 392 Nm (tra 2.100 e 4.700 giri)
  • TRAZIONE: anteriore
  • CAMBIO: N DCT doppia frizione a 8 rapporti
  • EMISSIONI CO2: 194 grammi al km (WLTP combinato)
  • SOSPENSIONI: MacPherson + Multilink
  • EXTRA: E-LSD

DIMENSIONI

  • LUNGHEZZA 4.215 mm
  • LARGHEZZA: 1.800 mm
  • ALTEZZA: 1.565 mm
  • PASSO 2.600 mm
  • BAGAGLIAIO: 361-1143 litri
  • CERCHI E PNEUMATICI: 19", 235/40 R19 96Y

PRESTAZIONI

  • VELOCITÀ MASSIMA: 240 Km/h
  • ACCELERAZIONE 0-100 Km/h: 5,5 secondi
  • PESO: 1.585 Kg (in ordine di marcia)
  • PREZZO: 42.200 Euro

LE ALTERNATIVE

Rispetto alla T-Roc R questa Kona N è più giocosa, si prende meno sul serio e lo fa anche proponendo una guida più "ignorante", di quelle che piacciono agli appassionati. Più vicina alla i30 N che al mondo dei SUV, Kona sotto steroidi costa di più della Puma ST che è una rivale meno potente, altrettanto divertente ma di gran lunga più grezza.

Il livello di sofisticazione che c'è su Kona N Performance, dal motore all'elettronica, giustifica la differenza, anche se il prezzo non è per tutti.

VIDEO

Un Computer dentro uno Smartphone? Motorola Moto G100 è in offerta oggi su a 364 euro.

144

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Phabio

Il carburante costa più o meno quanto gli altri paesi, ma che per la mia macchina io pago poco più di 200 euro quando in Italia sarebbe 5200 è assurdo!

DefixRoot

All'Italia piace tassare!
Tra bollo e carburante ormai è diventato un lusso l'automobile.

luca bandini

è il mio sogno nel cassetto avere un segmento B rialzata, 5 porte, con 280cv a 43K...meno male che ho perso le chiavi per aprirlo

peyotefree

ahahahah ahahahah

italba

Sicuro, ma certo certissimo, tu non sei un analfabeta senza speranza ma fai solo finta di esserlo per "prendere per il kulo!" Ci crediamo tutti, sississsì!

P.s. Se "non te ne frega un #####" di passare da capra fai pure, eh, ognuno ha le sue perversioni...

peyotefree

perché ancora nn hai capito che ti sto prendendo per il kulo da 2gg ?
e che nn me ne frega un caxxo delle tue correzioni da professorino ?

italba

Inutile fare finta che ci fai se ci sei...

peyotefree

vabbene professsori . spaco botilia amazo familia

italba

"si" => "sì"
"." => ","
"vabbene" => "va bene"
"professo" => "professore o, se dialettale, professò"
Prima lettera del messaggio minuscola

Complimenti, cinque errori in tre parole. Deve essere il nuovo record mondiale, scrivi subito alla Guinness! Anzi no, forse è meglio se scrivo io, tu non sei capace...

peyotefree

si. vabbene professo

Johnny

Dai, lentissimo è un esagerazione. È più lento di un DCT, senza dubbio.
Ma una hot hatch non è una supercar e, come per tutto, dipende da quali sono le proprie priorità. Anche perché, a meno di andare in pista, la differenza di velocità tra un automatico e un manuale sarà insignificante.

Francesco

ma è lentissimo, con le palette è un'altra guida e reattività. Le supercar mica hanno la leva manuale

Johnny

Su questa boh, poco?
Su hot hatch o sportive in generale, perché un bel cambio manuale è un piacere da usare.

Francesco

sta moda del total black tamarro deve finire

Francesco

ma infatti che problemi sono? Forse la gente è ingrassata? Un suv è appena 10 cm più alto di una berlina, eh...

Francesco

d10 santo che senso ha prendere il manuale su un'auto del genere? Già ha poco senso per una utilitaria che viene usata per lo più in città...

italba

Per "sì" la vocale deve essere accentata, e non ti dimenticare la maiuscola all'inizio della frase. Segue fattura

Luigi

"Vi invoglia ad attivare la modalità N anche quando andate... a ritirare la pensione".
ahahahah!!!

Massimo Carra

scordi la nuova supra e la nissan Gtr anche se soprattutto la nissan è costosissima!ma che mezzo...

FCava

Ti posso dire che negli anni passati la Toyota aveva due divisioni sportive, La trd in America e la tte in Europa. In Germania veniva venduta nei concessionari Toyota La Corolla e12 1.8 TS turbo modificata direttamente da Tte. In Svizzera è in Croazia trovavi i componenti tte nei concessionari Toyota. In Italia ne era invece vietata la vendita in quanto Toyota Italia non riconosceva tte punto addirittura se sostituibili ammortizzatori originali con quelli Tte in Italia la garanzia Toyota su tutto il gruppo ammortizzatori scadeva e te la dava direttamente la Tte. L'unico concessionario italiano che so per certo rivendeva tali componenti era il concessionario di Lecco gestito da un ex pilota di rally

Fabrizio

Della Yaris GR sono alquanto contenti, si è creata una delle community più attive in Europa e sono ovviamente tutte sold out.
Hanno anche investito nei Gazoo Garage.
La scelta semmai è fatta a livello global dal HQ, e ogni tanto prendono decisioni strane (come appunto non commercializzare la Yaris GR in America)

peyotefree

beh secondo sti fenomeni qui basta che una macchina (qualsiasi anche un suv) abbia più di 150cv che diventa "sportiva"..
mettici un paio di led e 2 bocchette "finte" in più all anteriore.. ed anche una macchina di 160cm di altezza diventa sportiva. ahahahahah

beata la (loro)ignoranza

FCava

a toyota italia il mercato "sportive" non è mai interessato

Johnny

No, se vai a più di 30km/h si ribalta.
Dai, non ha neanche senso discutere così.

peyotefree

perché sto ferro da stiro va forte ?

peyotefree

si, meno male che ci sei tu a correggermi però

Fabrizio

Corolla GR esiste e già leaked in video ufficiali, rimane il grande dubbio se venga importata in Europa. Potrebbe essere US-only, al contrario della Yaris

tulipanonero1990

Si anche io ho cambiato idea sull'automatico provando i moderni a doppia frizione. Io cercavo il modello 200cv ma a quanto pare chi la compra si guarda bene dal venderla, un motivo ci sarà :-)

Tiwi

troppo cara

Simone

anche maleducato. Il mio sospetto è fondato

cuccuruccu

No purtroppo la benzina 200cv più economica che avevo trovato era sui 30000 ed aveva circa 120.000km. Sull'usato le benzina sono pochissime. Ho preso una diesel in versione super, 180cv automatica abbastanza bene accessoriata con un ottavo dei km ed 8000eur in meno. È comunque un bel motore e devo dire che sull'automatico, se abbinato alle leve al volante, mi sono ricreduto.

tulipanonero1990

Ti sei portato a casa una gran bella auto. Se a benzina, non ho dubbi che in futuro varrà molto essendo l'ultima ammiraglia Alfa benzina a trazione posteriore, i modelli manuali poi si stanno già rivalutando ora, fai te.

Bless TheQueer

che commento idiota

Maicol.Mar

Più che altro la realtà dei fatti è che essendo oramai prevalentemente dei SUV a circolare, qualunque auto tu possa guidare, se davanti ti trovi un SUV la sensazione di vedere solo il retrotreno di quello ce l'hai quasi sempre.
Quindi IMHO il senso della frase che hai quotato sta sempre più perdendosi.

italba

Ma per mettere gli accenti tiri la monetina?

Rollo Tommasi

Non direi coomento da duro di altri tempi, ma realtà dei fatti…. Le auto di una volta non avevano nessun aiuto alla guida, e TUTTI dovevano saper modulare gas e freni, lasciamo perdere la stabilità…. I controlli a bordo delle auto odierne svolgono un lavoro che ora permette a chiunque di spalancare il gas come Hamilton, anche se poi magari è realmente un perfetto incapace. Quello che ha fatto la differenza è che una volta prima di fare certe cose dovevi giocoforza andare per gradi, ora hai tutto subito, ma quando per incapacità superi il limite fisico, che prima arrivavi a conoscere per tirocinio forzato ti stampi…..

ormonello

Provata nella cornice dell’U-power Stadium di Monza… solo per quello dovrei dire che è stupenda… e invece sta kona non me gusta…

lb felix

Interessante; poi ho sentito "trazione anteriore" e ho smesso di guardare

Vae Victis

Se vedete in inverno la pubblicità di una macchina nera, ricordatevi che siamo in Italia e poi arriva l'estate.

Ciccillo73

OMG!

FCava

fino a qualche anno fa ero più giovane e con meno soldi.... :D Comunque l'unica è provare a entrare e uscire.... E' soggettivo....

Fabrizio

Sarà anche una questione di abitudine, certo, ma ogni volta che guido un Suv mi sembra di essere su un pullman con zero feeling sulla tenuta, con conseguente peggioramento della guida anche a livello di comfort (con continui rallentamenti/accelerazioni in curva).
Vivendo in montagna sono circondato da SUV ma a meno che ci sia davvero tanta neve non ne vedo una reale utilità, nel traffico magari hanno più senso

Un po' come mettere minigonne e tacchi a spillo su Luxuria, poi per carità gusti sono gusti...

Johnny

Mi pare di aver letto che per fare spazio all'albero di trasmissione e al differenziale posteriore l'assetto dovesse essere necessariamente rialzato, per quello non lo misero su versioni più sportive.

Non prenderlo come una certezza però, si tratta di cose lette su un forum.

Fabrizio

Ok ma non stiamo parlando di una supercar con la seduta rasoterra, fino a qualche anno fa non sembrava un gran problema entrare ed uscire da una normale segmento C.
Giustifico 2 casi: chi deve entrare/uscire spesso (taxisti) e chi ha problemi di salute. Per il resto mi sembrano tutte manfrine, il tutto a discapito della dinamica di guida.
Ogni volta che guido un suv mi sembra di stare su un pullman, sensazione terribile soprattutto su strade di montagna con un po' di curve

cuccuruccu

E la cosa ridicola è che 156 e 147 potevano essere equipaggiate con trazione integrale, infatti fecero la 156 crosswagon e dei prototipi di 147 q4 poi mai entrata in produzione. Nel telaio della sospensione posteriore Lancia un differenziale ci stava. Avrebbero dovuto fare le gta a trazione integrale. Meglio che solo ta.

Johnny
Avevano fatto la diesel ducati corse con il torsen, e sulla GTA non l'avevano messo?

Il magico mondo dell'Alfa Romeo :)

Su di un auto moderna oltre ai controlli elettronici ed ai differenziali (che comunque per TA oltre una certa potenza sono imprescindibili) ci sono pneumatici più larghi con mescole diverse e migliori. Sulle Golf GTI non c'é la spia del controllo trazione costantemente accesa.
Se cerchi su YouTube ci sono prove di 147 GTA con autobloccante e pneumatici moderni, e fanno un mondo di differenza.

cuccuruccu

Avevano fatto la diesel ducati corse con il torsen, e sulla GTA non l'avevano messo? Questa mi era sfuggita.
Cmq quelle erano ancora auto senza tutta l'elettronica di controllo di oggi. disattivavi l'asr ed eri apposto. Fallo su una ta moderna e senza differenziale e antislittamento e penso proprio che il risultato non sarà diverso...

FCava

beh dai... non è come guidare un land rover del 1980... Ci sono auto normali con ammo scarichi che sono più pericolosi. Comunque se la i30N è bassa come la mia proceed (o oltre...) entrare ed uscire proprio comoda non è, rispetto ad esempio, ad una EV6 (che è simile come abitacolo ma più spaziosa e molto comoda come ingresso

Johnny

Odd1o, ho in mente la recensione di TopGear di 147 GTA: https://www.youtube.com/watch?v=P9-oE4k4axs No autobloccante. Ha il controllo trazione costantemente in funzione o, se lo disattivi, si mette a fare burnout con le ruote anteriori :D
Auto bellissima e con un motore divino, ma 250cv erano decisamente troppi per una TA all'epoca :)

Auto

Recensione Dacia Sandero Streetway TCe 90 CVT, quella automatica | Video

Auto

Recensione Jeep Compass 4xe PHEV: SUV ibrido plug-in a trazione integrale | Video

Auto

Recensione Audi Q2: il restyling della #untaggable. Test 35 TDI 150 CV | Video

Auto

Recensione Volkswagen ID.4 GTX: sportività "elettrizzante"