Harley-Davidson LiveWire: oltre 1.700 Km in 24 ore con la moto elettrica

23 Marzo 2020 153

Le moto elettriche stanno progressivamente trovando sempre più spazio all'interno del mercato dei veicoli elettrificati. Tuttavia, per molti sono mezzi di trasporto ancora immaturi. Mettendo da parte il discorso prezzo ancora alla portata di pochi, una buona moto elettrica offre autonomie non ancora comparabili con quelle di una 2 ruote con motore endotermico. C'è comunque chi ha voluto dimostrare che con le moto elettriche è possibile viaggiare.

Michel von Tell, a bordo di una Harley-Davidson LiveWire, è riuscito a percorrere 1.723 km in poco meno di 24 ore. Un viaggio certamente impegnativo ma che ha permesso di dimostrare che con un minimo di programmazione anche una moto elettrica può percorrere molti Km. Ovviamente, per riuscire in questa impresa, il motociclista svizzero ha fatto affidamento sulle colonnine rapide trovate lungo il suo percorso.

IL VIAGGIO

Il viaggio è iniziato a Zurigo, in Svizzera. Il motociclista ha poi raggiunto Stoccarda, in Germania (200 Km). A quel punto ha percorso avanti ed indietro la strada tra Stoccarda e Singen, in Germania, sull'autostrada A81 (150 Km). Dopo aver ripetuto 6 volte questa tratta, il motociclista si è diretto a Ruggell, Lictenstein per terminare la sua impresa.

Questo viaggio a bordo della moto elettrica Harley-Davidson LiveWire ha infranto il precedente record di percorrenza ottenuto dalla Zero S che però era stato ottenuto in pista. In questo caso, invece, il viaggio è stato effettuato tutto su normali strade aperte al traffico. Tuttavia, questo record non sarà registrato in quanto Michel von Tell non ha voluto pagare la tassa necessaria per poter avere con lui il team del Guinness World Records per registrare la sua impresa.

Il suo record, dunque, rimarrà esclusivamente "ufficioso". Complessivamente, un'impresa davvero notevole che mostra che le moto elettriche stanno progressivamente andando nella direzione giusta. Una vera svolta arriverà solamente quando sarà possibile alloggiare batterie ad alta capacità all'interno dei telai, cosa oggi molto difficile. Solo a quel punto sarà possibile offrire moto con autonomie comparabili a quelle delle 2 ruote tradizionali.


153

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fili978

Premetto che a me non piace, ma mi piacerebbe provarla. Io ho un' HD del 94 con 75000 km. Sempre quella, e ho girato mezza Europa. Aldilà del fatto delle ricariche e della sua autonomia, per il momento queste moto elettriche sono da considerare per uso cittadino. Poi se vuoi andare a farti un giro più lungo ci puoi pure andare, ma attualmente non è nel "suo" concetto, tant'è che spazio per borse o accessori non ne hanno fatto...

Riccardo

scusa se ti rispondo in ritardo ma disqus continua a non notificarmi nulla-.-
capisco l esigenza di chi si muove in gruppo, ma non per questo reputo inadatte le elettriche per gite fuori porta. sono esigenze personali, condivisibili o meno ma non per questo valutazioni assolute per tutti.

lurdz

Questa notizia mi era scappata, ma uno dei vanti degli harleysti è il rombo della propria bambina, non a caso si sente già a centinaia di metri di distanza pur quando vanno ai 50 all'ora. Ok che c'è anche da considerare il potere del marchio, il fatto che ci sia il logo Harley-Davidson genera di per sè un velo di magia su una moto, però boh, secondo me molti harleysti la guarderanno schifati.

teo

Eh ma i tedeschi son furbi le cose le.fanno funzionare e fruttare

Federico

Fortuna che in fin dei conti il brand è legato come percezione al territorio in cui viene prodotto, altrimenti i tedeschi se lo sarebbero portato in Germania.

teo

Fortuna che dietro ha un colosso con le spalle coperte ....

Federico

Si Teo, ma di competitor ne ha a bizzeffe, e sono tutti in piena produzione e con i punti vendita aperti.
Ducati oltre a non produrre ha anche i negozi del mercato principale chiusi, perchè gran parte della produzione Ducati viene poi acquistata in Europa e tolta la Germania qui il commercio è tutto fermo.
E' un gran casino.

teo

Anche ducati è un prodotto per metà di nicchia visto i prezzi ... Monster a parte sono tutte altissimi

Federico

Perchè ogni volta che un produttore chiude ed i concorrenti diretti restano con gli impianti aperti c'è sempre il dubbio Teo.
Lamborghini di competitor ne ha pochi in quanto si tratta di produzioni semi artigianali particolarissime, Ducati al contrario ne ha a decine.
La preoccupazione è più che lecita.

teo

Percne non deve riaprire ???
Vende tanto fa utili ed è pure in MotoGP

Federico

Tu scherzi ma Ducati è chiusa e chissà se riaprirà.
Ai primi problemi di produzione qui in Italia il gruppo Volkswagen ha chiuso immediatamente gli stabilimenti Ducati e Lamborghini.
Lamborghini riaprirà sicuramente perchè unica al mondo, ma Ducati? boh...

teo
Federico
teo
Federico

Il Transalp era la versione 600, lo presi usato nel 1999 e non ricordo di che anno fosse, probabilmente il precedente. Lo feci trasformare così:
- Via cupolino con tutta la strumentazione faro etc etc... In pratica davanti finiva al serbatoio.
- Forcella a steli rivesciati ex Husqvarna montate su piastre fresate dal pieno fatte realizzare appositamente.
- Ammortizzatore Ohlins.
- Condotti di ammissione lucidati.
- Terminale Arrow (me lo andai a prendere di persona in fabbrica, la mia intenzione era quella di cambiare anche i collettori di scarico ma loro stessi me lo sconsigliarono).
- Cerchi e freni non ricordo più di che provenienza, l'impianto frenante anteriore era tutto Brembo.

Complessivamente sei mesi di officina, il tempo di farmi tornare nelle condizioni fisiche per poterlo guidare. Ne venne fuori la moto più divertente che io abbia mai avuto sotto le mani.
La mia fidanzata dell'epoca, una libanese tostissima e bravissima alla guida, la odiava.

Se fai tutti i chilometri che facevo io con ogni condizione meteo le BMW RT sono il massimo.
Mi sono trovato a cercare di star dietro ad una RT guidata dal mio ormai defunto amico Paolo Pileri sulle curve della Valnerina e non ci sono riuscito, quindi non pensare che vadano necessariamente piano. Vero che quello era un ex campione del mondo, ma vero anche che io avevo una volta e mezzo i suoi cavalli.

uncletoma

Io ho detto prima o poi, in pratica un secolo o l'altro :D

teo

Azzo che brutta cosa ... Dispiace ...
Cmq ti sei preso tutte auto "leggere" eh ma il Transalp di che anno ??
Io sono stato sempre più da Yamaha ... Mai avuto una BMW ma quelle poche provate non mi sono mai piaciute troppo strane da guidare ... Motore a parte il 1300 è una bestia
Ora raggiunta l età della calma sono rimasto con un cilindro solo

Andreunto

Esatto, hai centrato in pieno il punto :D

Federico

Ho avuto tantissime moto prima che i farmaci contro l'epilessia mi appiedassero.
Solo patente A perché detesto le macchine e visto che il mondo è pieno di donne che ne hanno una ho sempre preferito usare la loro.
Media di 60.000KM per anno, visto che era il mio unico mezzo ed ho sempre lavorato fuori dal luogo di residenza.
In genere ho sempre avuto un grosso enduro stradale ed una gran turismo veloce, in modo da avere la moto giusta un po' per ogni esigenze.
Delle tante ne ho veramente amate solo tre:
- Yamaha FJ 1100, difficilissima da guidare perché il retrotreno non sta a terra (si va più veloci con il passeggero che da soli) ma fantastica con il 4 in 1 Marving.
- Il mio stranissimo Transalp sul quale spesi in modifiche tutti i soldi che dopo un gravissimo incidente l'assicurazione mi dette pagandolo "per nuovo". Un mostro terrificante.
-La mia ultima moto, la Yamaha FJR 1300, pesantissima ma se la sai guidare fa cose inimmaginabili per un bestione simile.

La CBR XX era molto divertente, ma alla fine tutto sommato inutile per le mie esigenze.
Rimpiango di non aver mai avuto una BMW.

Slevin

Da Tirano all'ingresso della Super per Lecco ci sono ALMENO due hotspot, di cui uno di sicuro Tesla.

teo

Bhe già la 996 era un bel mezzo ..
In posta difficilmente si staccano in rettilineo contro i 4 cilindri ... Solo che danno una sensazione di prestazione differente .. non c'è quella botta e urlo di un 1.0 a 10.000 giro che sono goduria pura.

Andreunto

Ho avuto sia 650 che 1000 e la coppia in confronto ai 4 cilindri è incredibilmente più esplosiva per entrambe. Il mio gixxer si impenna anche in terza, ma sotto i 7000 giri è morta. Ho dovuto togliere un dente al pignone per avere un pelino più di spunto in basso.

Ho avuto una 996 10 anni fa. Niente, ho deciso di lasciare le campanelle in chiesa. Una V4 ora come ora la prenderei volentieri, ma sono povero...

teo

SV 650 ???? Ma non sono lontanamente paragonabili ... Il bicilindrico deve essere almeno di pari cubatura o superiore ... Prova il 1200 ducati li la senti la coppia e pure i CV in alto

teo
Federico

Anche.
Per un periodo ho avuto una Caponord... una vera schifezza di moro, ma la spinta era buona.
Però nulla rispetto alla mia vecchia Superuccellonero (CBR XX), spalancare con quella era una cosa incredibile.

di1188

Io mi fermerei all'ora di pranzo in un centro di un paese o di una cittadina (dove normalmente si trovano le colonnine), mi farei due passi e/o pranzerei; dopodiché ripartirei con la moto al 100%.
Posso capire con le macchine e con le limitazioni che al momento l'elettrico impone in caso di viaggi più lunghi, ma nel caso in questione (giro in moto) sinceramente mi sento molto più vicino al "non vedo il problema" che al "a batteria non ci si può muovere".
Parlo per me, non deve certo andare bene per tutti.

teo

L' eterno conflitto tra i 2 e 4 cilindri

Gark121

1) non conta niente che ci sia una colonnina ogni 2 distributori, non è un dato rilevante, perchè in realtà la maggioranza delle zone di ricarica ha molto più di una colonnina, solitamente si va da 2 a 6. quindi il rapporto che scrivi, lo devi dividere ancora per 3 se ti va bene, arrivando a 1 zona di ricarica ogni 4-6 benzinai. A ciò, devi sommare che oltre metà delle colonnine italiane è lenta da far paura. A 11KW, per caricare un'auto ci metto 6-8h e capace che nemmeno ho finito il "pieno". magari per una moto il problema è meno marcato, ma te lo immagini a metà di una bella scampagnata farti 45 minuti in un'area di sosta per caricare la moto? che due p a l l e...
2) è necessaria pianificazione, è la pura e semplice verità. 200km di autonomia nominale (che poi francamente vorrei vedere quanto in realtà dura se uno comincia a fare accelera e frena con una strada con un po' di curve) per fare 400km di giro significa pianificare un'ora fermo in posto specifico. e si, tutti si fermano in un giro in moto da 400km, ma non certo in una stazione di sosta: magari uno va in montagna, si butta in un prato, prende il sole, o che ne so, ma non ti passi un'ora in autogrill se puoi evitartelo.

3) il metano è veramente poco diffuso, io ho un'auto a GPL e già così ogni tanto sono infastidito dal dover cercare i distributori (specie fuori dall'italia), ma almeno una soluzione di backup c'è: vai a benzina. con l'elettrico non c'è nessun backup, o ti trovi la colonnina e aspetti il tempo di carica (immagina un futuro prossimo con anche delle code da fare...), o sennò puoi tranquillamente andare a piedi.

con ciò, non è un dramma, a maggior ragione per una moto, ma sicuramente dire "il problema non esiste" non è più intellettualmente onesto di dire "a batteria non ci si può muovere".

teo

Finito il metano passi a benzina e zero problemi ... Io giro in moto sulla Appennino tosco Romagnolo e (forse non ci ho mai guardato con attenzione) ma di colonnine non ne ricordo

di1188

Proprio sulle Alpi non credo sia un problema... Sia nelle Dolomiti dove sono stato lo scorso autunno, sia nel Trentino Alto Adige, ti assicuro che bisognerebbe impegnarsi seriamente per non trovare punti di ricarica...

di1188

Chiedo scusa, ho fatto confusione io. Ho letto da poco l'articolo che diceva che nel Regno Unito le colonnine hanno superato i distributori (peraltro ancora nel 2019), e per errore ho attribuito il primato all'Italia (adesso modifico il post).

Comunque la sostanza non cambia: il fatto che ci sia una colonnina ogni due distributori conferma che in gran parte del paese la diffusione delle strutture è sufficientemente capillare (almeno al centro-nord... ma sono stato un paio di mesi fa in Sicilia e non ho visto la situazione tragica che viene spesso descritta), e dire che è necessario una pianificazione per un giro in moto di 3-400km quando si hanno oltre 200km di autonomia è una polemica fine a se stessa.

I distributori di metano, tanto per dire, sono poco più di 1000, e non ho mai letto un'ostinazione denigratoria simile.

The_Th

perchè costo a parte è un grande problema quello dell'autonomia e della ricarica...
può non essere un problema una sosta di un'ora, ma se vai a farti un giro in moto non lo fai per fermarti all'ikea a caricare, ma per andare in qualche passo di montagna magari, dove la colonnina non la trovi, e se anche ci fosse ne servirebbero 50, no 1, per caricare tutte le moto...
se lo fai in macchina puoi anche fermarti al centro commerciale e caricare, ma se ti sposti in macchina per lavoro non hai tempo per fermarti 1 ora a caricare, sono mezzi che al momento non si sposano con le necessità di spostamento che abbiamo, quindi sono adatte come seconda auto da città (ma sono care) e come moto possono andare bene per la città come scooter, uno che prende la moto per fare il giro alla domenica non lo fa per spendere poco di carburante...

Riccardo

se ti senti offeso per quel "ciofeca" virgolettato chiedo scusa.

Riccardo

siamo finiti nella solito discorso, io non ci vedo nulla di cosi impossibile da risolvere ne tantomeno perdere 1 ora mi disturba tanto. non capisco però perche sotto questi articoli ce sempre chi è pro combustibile e viene a ritirare fuori sempre lo stesso discorso .

Everything in its right place.

Harley e autonomia nella stessa frase no però. Ci fai meno di 300 km con un HD (al netto dei millemila modelli).

luca bandini

allora vieni a toglieremo il tricliclo e non scrivere insulti senza giustificare le tue motivazioni

luca bandini

l'autonomia reale di questa sarà 130 (dichiarata 158 comunque)... non vedo la differenza francamente ah si! una a benzina fai il pieno in 30s!

luca bandini

cosa ho scritto infatti? inquinano? bene bloccate la produzione e pace perchè non produrre una mota ha meno impatto che produrre una elettrica e la stessa cosa vale per le auto. bastava leggere

Godzilla

"Una moto senza rumore è una ciofeca", un bambino di quattro anni potrebbe dire qualcosa di simile. "la moto è sinonimo di libertà" ma per favore. Ci stiamo estinguendo e la gente ancora cerca di difendere i catorci a benzina, vergogna.

The_Th

non siamo nel deserto, ma nelle strade tipiche "da moto" le colonnine scarseggiano...
inoltre molte sono a carica lenta, quindi devi fermarti in un punto che non ti frega nulla 1 ora (se va bene) per caricare la moto

Riccardo

si va bene ci sta, ma basta dare un'occhiata alle mappe di distribuzione delle colonnine per scoprire che non siamo mica nel deserto, obbligati a fare quell'unico percorso perchè senno tocca chiedere un passaggio al cammello di turno-

The_Th

peccato che molte colonnine siano in città o nei centri commerciali, zone dove solitamente non si va in moto per fare il giro alla domenica...
Inoltre al momento ci sono più benzinai, soprattutto se consideri che le colonnine quando ci sono sono raggruppate, quindi 4/5 colonnine magari, mentre le stazioni anche se hanno 4 pompe contano come 1...
Inoltre a fare il pieno alla pompa di benzina se va male ci metti 5 minuti, alla colonnina se va bene 1 ora...ammesso che ci sia quella rapida (rarissime e carissime), perchè se trovi una lenta la moto ci mette 2 ore, la macchina 10...

The_Th

sul fatto che i viaggi in moto non si programmano ha ragione, solitamente per un viaggio lungo si sceglie la meta finale, ma lungo il percorso si fanno soste in base a cosa si trova, un bel paese da visitare, un punto panoramico eccecc...
Non si parte in moto per fermarsi all'utogrill a Milano, poi a quello a Bologna, poi si torna a Milano, poi Torino visto che li ho la colonnina, ma a Varese meglio di no perchè la colonnina non c'è...

The_Th

ma se per ora non le riusciamo a vedere in autostrada...ad oggi fare un lungo viaggio con una macchina elettrica è follia, lo si può fare, ma più come sfida che come spostamento frequente, un pò come i primi pionieri che facevano 2000km con le auto di 80 anni fa...

uncletoma

https://www.youtube.com/watch?v=ynNQ_wfVabo

uncletoma

https://www.youtube.com/watch?v=qSZUaCNX_ZA

uncletoma

Prima o poi vedremo le colonnine su Stelvio, Gavia, Mortirolo, Diavolezza, Muraglione, Tomarlo (eccetera)

Everything in its right place.

Vabbè ma non parlo di moto di grossa cilindrata, parlo di moto per utilizzo cittadino a al massimo extraurbano.

di1188

Fermarsi due volte in un giorno, una a pranzo e una a sera, ipotizzando una percorrenza di 350-400km al giorno non riesco a trovarlo angosciante.
A te che piace girare i paesi del medio oriente consiglio una tradizionale HD a benzina, è ovvio che non tutti sono pronti per l'elettrico.

Andreunto

"i consumi di una moto sono già abbastanza contenuti"

Parla per te ahahahahah

Auto

La differenza tra kW e kWh e perché è importante | Guida auto elettriche

Auto

Fiat 500e elettrica 2020: caratteristiche, prezzi e i preordini | Video

Auto

Auto elettriche Italia 2020: modelli in commercio, prezzi e autonomia

Moto

Scooter elettrici 2020: guida completa, prezzi, incentivi elettrici e ricarica