Governo apre agli incentivi auto nella Legge di Bilancio. Revisione pacchetto Fit for 55

25 Novembre 2021 175

Gli incentivi per le nuove auto sono andati esauriti da tempo in Italia. Da più parti si chiede che il Governo intervenga per ripristinarli, per andare così a sostenere il settore auto che sta vivendo un momento di forte difficoltà a causa di diversi problemi tra cui la pandemia e la crisi dei chip. Come sappiamo, inizialmente, si parlava di rendere strutturali gli incentivi per i prossimi anni in modo da evitare manovre "stop ad go".

Eppure, all'interno della Legge di Bilancio non è ancora mai stato inserito alcun riferimento agli aiuti per il settore automotive. Una decisione che ha portato le principali associazione del settore a scrivere una lettera aperta al Governo chiedendo un intervento urgente. A quanto pare, sembra che il Governo stia tornando a valutare la possibilità di rifinanziare l'Ecobonus.

Nel corso di un Question Time alla Camera, il Ministro Giorgetti ha ribadito che il Governo ritiene prioritario il settore automotive e che "non è da sottovalutare la possibilità, che il governo appoggerà e che sta promuovendo, di inserire in Legge di Bilancio una misura di rifinanziamento per il 2022, tenendo conto delle ultime evoluzioni di mercato".

Il Ministro, dunque, sempre aprire alla possibilità che il Governo possa decidere di rifinanziare gli incentivi. La sensazione, però, è che non si tratterà di quella misura strutturale richiesta da più parti. Non si può fare altro che attendere ulteriori novità.

NO ALLO STOP DELLE ENDOTERMICHE PER IL 2035

Il Ministro Giorgetti ha poi affrontato anche il tema del pacchetto "Fit for 55" proposto dalla Commissione Europea. Pacchetto che include anche lo stop alla vendita delle auto endotermiche dal 2035. Nel corso del Question Time alla Camera, il Ministro ha evidenziato "che ritiene necessario proporre alla Commissione una revisione del pacchetto Fit for 55 al fine di favorire una gestione della transizione ecologica che tenga conto delle caratteristiche dell'industria Italiana e degli aspetti sociali ad essa legati, tematiche anche di recente ribadite alla Cop26 di Glasgow".

In altri termini, il Ministro dice "no" alla proposta della Commissione dello stop alle endotermiche per il 2035. Non si tratta di una dichiarazione inattesa visto che l'Italia, come abbiamo avuto modo di vedere, non aveva firmato alla COP26 il patto per la fine delle vendita delle auto endotermiche al 2035 (almeno per i principali mercati).

Il Ministro, dunque, ha ribadito la posizione del Governo che ritiene che il Paese non sia pronto a mettere da parte le vetture benzina e diesel in tempi così stretti. In caso contrario, ci sarebbe una pesante ripercussione per la filiera automotive italiana.

Il migliori Smartphone Apple? Apple iPhone 12, in offerta oggi da Cellularishop a 709 euro oppure da Unieuro a 789 euro.

175

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mashiro84

Da 30 anni il "terrorismo verde" permette alle case di vendere auto inquinanti con incentivi statali.

J0k3r_IT

il marketing crea la domanda... e il terrorismo verde è assai martellante.

Gianni P.

Spero tornino i famigerati 10.000 euro statali + 8.000 lombardi così la Model Y sarà mia

Davide

Chiaro, ma non puoi bruciare un settore senza avere il suo rimpiazzo. Ad oggi io mondo dell'elettrico in Italia ha numeri bassissimi

Maicol.Mar

E tu che riscaldi a gasolio sei anche virtuoso rispetto ad altre realtà.

Mia moglie è polacca e quindi conosco sun po' il loro paese. Parlando con le persone di là le informazioni che ho io sono che almeno il 30/40% delle abitazioni sono scaldate con stufe a carbone.
E a girare puoi chiaramente distinguere l'accensione della stufa di molte casette sia dal fumo emesso che dall'odore (che a me ricorda molto la polvere pirica).

Ma il problema restano le ICE... Tutte!! (l'Evangelist EV -termine che ammetto, sto copiando da qualche altro utente- non discerne tra Euro 1 o Euro 6dTemp...)

Antsm90

Ma infatti non ho mai detto di non fare nulla. Semplicemente va messo su un piano ben preciso e soprattutto realistico (e votare sì al nucleare, tanto gira che ti rigira senza quello non si va da nessuna parte. Se non abbattendo foreste per fare centrali solari e rovinando ecosistemi per fare centrali idroelettriche)

Antsm90

Eh certo, chi costruisce le centrali lo fa per la gloria...

Antsm90

Ne dubito. Probabilmente moltissime ibride (anche perchè tra poco probabilmente le Mild Hybrid diverranno la base), ma di elettriche non così tante, di certo non la maggior parte

Moreno

facciamo che non hanno senso gli incentivi sopra ai 15k altro che 30, soprattutto se l'obiettivo é far cambiare il parco auto circolante.

la mia famiglia (mio nonno) circa 10 anni fa con gli incentivi rottamó un vecchio pandino per prendere la nuova panda (super base, che quasi non si poteva comprare all'epoca) a 4k euro, questi si che sono incentivi validi e sensati.
ps: la panda é ancora in famiglia, non ci sognamo nemmeno di cambiarla, forse tra 10 anni....

Maicol.Mar

Se ti comporti ancora da superstar continuando più o meno velatamente ad offendere a cosa serve dialogare?
Oltretutto non arrivi per nulla a capire quello che ho detto, vedo che proprio non nè capisci il senso.
Forse sono io che sono stato poco chiaro o forse come ho detto prima sei troppo impegnato a voler sembrare furbo offendendo il tuo interlocutore.
Non spreco tempo per indicare le percorrenze mie e in famiglia poichè dubito mi crederesti ed inoltre io non mi sento così importante da credere di far statistica.
Vai pure avanti per la tua strada, è sicuramente quella giusta per una persona inmedia come te.

accakappa

"Nel 2035 trovare un'auto a combustione sarà un'impresa anche volendo." Le Plug-in hanno il motore a combustione, oltre che si riverseranno sul mercato qualche milione di auto usate. Il discorso può essere corretto se tutti potrebbero gestire le Ev pure, ma l'infrastruttura di ricarica per capillare che sia (ma vedendo come procedono dubito) non spingerà chi, e sono moltissimi, non ha il box a comprare una ev e caricare alla "cieca". E neanche tirare fuori la balla che in Italia si percorrono mediamente 30 km al giorno, perchè nella realtà uno non usa la macchina a media. Oltre al fatto della gestione, se in famiglia poi di auto ce ne una sola.

Luigi

Io ho più di 50 anni ma non vedo l’ora di abbandonare il brumbrum. Aspetterò 1-2 anni per poi passare all’elettrico.

Pollo

Io sono per il no agli incentivi. Incentivi che in pratica non agevolano chi acquista ma chi vende e che hanno l'effetto di aumentare l'inflazione. Tantomeno hanno senso incentivi su auto sopra 30000 euro che favoriscono chi ha disponibilità economica in cui l'incentivo non serve per aumentare i numeri.

Nic0m

Prova a chiedere in qualche concessionaria, per alcuni modelli i tempi di consegna del nuovo viaggia oltre i 4 mesi... Ho visto preventivi per mezzi professionali con consegna a 12 mesi!

mattopp

Sono d'accordo sulle potenzialità dell'elettrico e io non dico che deve essere una lotta all'ultimo sangue, ma anzi lasciare che le due tecnologie convivano. Il problema è l'inquinamento? Posso essere sostanzialmente d'accordo che le combustioni inquinino, ma perché sacrificare l'autotrazione in toto e lasciare treni, grandi navi, acciaierie e fabbriche varie inquinare come al solito. Gli incentivi sull'elettrico mi stanno bene, la demonizzazione dei diesel meno (considerando che particolato ne buttano fuori anche le auto a benzina a iniezione diretta). Io lo so che non faccio statistica ma vivo in affitto, per pagarlo il meno possibile sono in una casa vecchia, anni 70, riscaldamento a gasolio, fornelli con bombola a GPL, no garage, no posto auto di proprietà. Nel quartiere sono così la maggior parte delle case. Cinicamente sono convinto che anche quando metà delle auto sulle nostre strade saranno elettriche non avremo comunque risolto con l'inquinamento.

Aiitu kurosawa

Incentivi solo alle elettriche pure con prezzi di listino inferiore a 40.000 euro e peso complessivo non superiore a 1,9t.
Semplice e lineare…

acitre

Non si può paragonare l'impatto sull'inquinamento del cucinare (discorso diverso per il riscaldamento) con l'auto a combustione che è responsabile di una marea di morti l'anno. "i toni" dipendono anche da quello. Poi è anche molto difficile cambiare i fornelli nelle case mentre l'auto prima o poi la devi cambiare. Ovviamente parli con uno col piano ad induzione, la pompa di calore, i pannelli fotovoltaici, il riscaldamento a pavimento e deve mettere una 10kw di batterie di accumulo quindi figurati se non sono d'accordo anche su fornelli & co.

Sul discorso elettrico attuale io non dimentico niente. Peso, autonomia, costo e velocità di rifornimento sono gli attuali limite dell'elettrico che a qualcuno possono andare stretti. Ma c'è tanta leggenda intorno a questi difetti. Gente che fa 800km senza fermarsi mai, genitori che si sontono male in piena notte e figli che devono fare migliaia di km per portarli all'ospedale più vicino. Altri che si fermano solo per fare pit stop da 3 minuti netti quindi è un problema fermarsi 15/20 minuti a ricaricare etc. Gli attuali limiti toccano molto chi non ha dove ricaricare a casa o fa davvero chilometraggi molto elevati autostradali... Per gli altri i limiti sono solo nella conoscenza di ciò di cui parlano.

Detto questo i limiti del termico sono quelli ed insuperabili, sull'elettrico siamo solo all'inizio. E' vero che il motore elettrico è sostanzialmente quello da più di cento anni (anche se intrinsecamente più efficiente per sua stessa natura) ma batterie, elettronica etc no. Siamo ancora al punto in cui con banali aggiornamenti software si sbloccano decine di km di autonomia e decine di cavalli, pensa quanto potenziale inespresso c'è.

Senza considerare che i veri "big money" li stanno investendo solo ora in ricerca e sviluppo su nuove batterie (chimica e form factor) e ne vedremo delle belle con le prossime generazioni di auto.

mattopp

Guarda che avere minore efficienza non implica essere inutile o a fine vita. Ti faccio un esempio: è noto che le piastre a induzione siano il modo più efficiente e meno energivoro per cucinare. Eppure non si usano le parole e i toni che tu hai appena usato per i motori a combustione interna per denigrare fornelli a gas, forni a microonde o altre tipologie fornelli? Perché? Perché non si fa una guerra ideologica per quelli. Senza contare che è troppo comodo dimenticarsi di citare i problemi introdotti dall'attuale tecnologia elettrica che sono nell'ordine: costo, peso, autonomia e velocità di rifornimento. Magari sulle auto, per alcune persone, i compromessi dell'elettrico sono accettabili, ma guarda un attimo cosa sta succedendo alle moto: barconi lenti e pesanti dalle autonomie ridicole e prezzi fuori di testa.

acitre

Ah, tu sei un oratore concettuale, capisco... Comunque concettualmente ti ho spiegato che l'incidenza degli eccessi e dei difetti della media chilometrica italiana è statisticamente meno incisiva delle stesse eccezioni statistiche sulle medie dei redditi mondiali.

Sul resto io davvero

acitre

Il motore termico è un gioiello di meccanica che oggi ha un'efficienza ridicola rispetto ad un qualsiasi motore elettrico e come tutto prima o poi è destinato alla pensione ed ai musei. Pure le macchine a vapore erano gioielli per l'epoca.

Restare "tifosi" di roba con millemila parti meccaniche, iniettori sempre più complessi, mille filtri e tappi, elettronica a non finire, ridicoli frullini 3 cilindri sovralimentati fino al midollo e additivi vari pur di continuare a strizzare una tecnologia arrivata al capolinea è accanimento terapeutico.

Maicol.Mar

Vedo che non hai afferrato. I numeri erano buttati lì senza valore.
Ti ho chiesto dove sta la differenza concettuale!

Ma se invece di perdere tempo a cercare offese più o meno velate impiegassi il tuo tempo a capire quello che ti viene detto presumibilmente arriveresti prima al nocciolo della questione.

Il punto è capire che la media a volte non tiene conto di nessuno se non quello zero virgola (per dirla come te) che sta proprio in media, tutti gli altri sono da altre parti, chi avrà troppa autonomia da EV con 150Km chi troppo poca con EV da 600Km...
Ma secondo la media entrambi sbaglierebbero, dovrebbero tutti prendere EV da 220Km per farci la loro settimana senza patemi...

Quindi il tuo ragionamento equivarrebbe a sostenere che le EV disporrebbero, sempre decidendo di seguire la media, di autonomie estremamente superiori alle necessità...

ermete74

Mentre l'anno prima è sceso del 9%.

acitre

Ma tu veramente fai? Ma vuoi paragonare l'incidenza sulla media di paesi enormi e poveri/poverissimi come africa e cina sul totale con l'incidenza, in italia ed in europa, dei 4 gatti che fanno nientedimeno che 300k chilometri l'anno (ammesso che esistano personaggi mitologici da 822km al giorno sabato, domenica e festivi tipo natale compresi)?

Rimangono 3 opzioni: 1 - hai 15 anni e spari numeri un pò a sentimento. 2 - hai confuso auto con aerei e quindi il chilometraggio ci sta. 3 - Ti è morta la maestra a scuola e fai fatica a gestire certi ordini di grandezza.

Maicol.Mar

Mi dovresti spiegare dove sta la differenza tra medie tra paesi super ricchi/super poveri e nell'altro verso persone da 300.000Km/anno e pensionati da 2500Km/anno...

acitre

Ok, la media europea non ti piace... Quella italiana va bene?

https://www. facile. it/news/quanti-km-hanno-percorso-in-auto-gli-italiani.html

Nel 2016 (il primo dato che ho trovato ma non è cambiato negli ultimi 5 ricordo cifre simili pre pandemia) 11.125 km. Ma tu guarda un pò il caso proprio 30,48 km al giorno... Alle volte che ti combina la matematica.

Ma secondo te basiamo il discorso sullo zerovirgola che fa 100k km l'anno? E' ovvio che quelli tireranno a campare con i diesel, i benzina e le ibride finché potranno e passeranno alle elettriche quando potranno permettersi auto da 60k euro con 1000km di autonomia o tra 10 anni quando anche auto dal costo non spropositato avranno autonomie adeguate al loro caso d'uso di nicchia. Nel metro il mercato che fà secondo te? Aspetta che le elettriche arrivino a soddisfare il caso d'uso dello zerovirgola o si occupa del 95% restante a cui vendere l'auto?

Se ami i telefoni compatti quanta scelta hai a disposizione? Ecco, è la stessa cosa... Quando rientri nello zerovirgola non ti si inxula nessuno in ambito business. Succede coi telefoni, succede se non conviene portarti la fibra, succede se sei disabile... Si chiama discriminazione delle minoranze. E' il mercato bellezza.

mattopp
il motore termico è un morto che cammina


Il motore a combustione interna è un gioiello ingegneristico che riassume decenni di investimenti e ricerca e sviluppo che si sta politicamente cercando di buttare alle ortiche. Improvvisamente è diventato il capro espiatorio per eccellenza. Subito dopo la questione pandemia, il male del mondo sono diventati tutti i motori non elettrici. Nel frattempo ora che è inverno dalle mie parti si vedono sovente furgoni per il trasporto di gasolio da riscaldamento, legna da ardere, sacchi di cippato e pellet e così via. Ma fare fuori le auto accontenta un po' tutti: i feticisti del green, i produttori di auto che vedevano le vendite in stagnazione, i politici in cerca di consensi, i magnati del petrolio che vogliono essere anche i leader delle rinnovabili del domani, ecc... Resta il fatto che, per quanto rinnegato da tutti i felici utilizzatori e dagli EV evangelist, il termico sarà protagonista ancora per un bel po'.

https://uploads.disquscdn.c...

mattbra

Tranquillo.
Il PIL cresce del 6%.
Ahahah

darkschneider

Oddio, se si parla di auto, non è solo una questione economica.
Le medie di percorrenza possono cambiare parecchio da stato a stato.
Una nazione come il belgio, non avrà la stessa media dell'italia, per tanti fattori, uno tra tutti quello di avere la popolazione pari ad una regione.
Idem la norvegia con il lussemburgo.
IMHO, il discorso media Km è un non argomento, ogni automobilista ha esigenze diverse, dire che, sicccome in media tutti fanno pochi km, l'autonomia delle elettriche non è un problema, è fondamentalmente sbagliato.
Non lo è per chi rientra in media, ma essendo tale ci sono gli outliers.
Per loro che si fa? Non è che, siccome la media è bassa, questi si attaccano, o sbaglio?

acitre

Che con le medie, le percentuali, ed in generale manipolando i dati, puoi portare il discorso dove ti pare è indubbio. Un pò come fai tu con l'esempio che porti che c'entra come i cavoli a merenda nel discorso che sto facendo. Le medie mondiali di reddito tengono conto di paesi super ricchi ma anche e soprattutto di enormi paesi super poveri. Dati così eterogenei che ovviamente quando li paragoni ad un paese tutto sommato ricco come l'italia stonano.

I dati di percorrenza automobilistici europei non tengono conto di chi sta in africa e vive con 1 dollaro al giorno... Tiene conto di una serie di nazioni tutto sommato "vicine" economicamente e non devi avere la ferrari per fare tanti km. Nei paesi europei più poveri avrai uno scassone ma il tuo reddito magari non sarà nella media europea ma magari il chilometraggio medio è più probabile che lo sia. Insomma può cambiare molto il tasso di sostituzione dell'auto, il mercato dell'usato e tante altre variabili figlie del benessere ma in europa il chilometraggio medio ha molto più senso di essere preso in considerazione come dato nel nostro discorso di quanto ne abbia il reddito pro capite mondiale in altri discorsi preso così a muzzo.

R_mzz

Dimmi tu, non è vero vero che la C-Zero (insieme alle sue due gemelle) è stata per anni l’auto elettrica più economica?

Zoe e Leaf sono sempre state più costose.

Maicol.Mar

La media è fantastica in certi contesti e una fregatura in altri, basta saperla usare e si prende per il naso una moltitudine di persone.
Secondo la media tu dovresti guadagnare 11.183$ l'anno (media pro-capite a livello mondiale anno 2018)

Vedresti di buon occhio se adeguassero il tuo stipendio all'infallibile media?

Maicol.Mar

Prima che io posti altro ti chiedo: vuoi rettificare/correggere/chiarire quello che hai appena detto? Sei totalmente sicuro di quello che hai appena affermato?
Chiarisci quantomeno l'anno in cui non lo sarebbe più stata poi ne riparliamo....

acitre

Ma stavamo parlando di te personalmente quindi? A me di quello che farai tu non è che interessa granché. Come agli altri giustamente non interessa ciò che farò io... Io parlavo in generale del mercato che verrà, conti alla mano, basandomi su statistiche di percorrenza europee con non limitano minimamente la diffusione di elettriche anche dal chilometraggio non stratosferico. Fine.

Io domani comprerò quello che ritengo opportuno basandomi sul mio uso e sulla mia disponibilità economica, tu idem... Potremmo rientrare nelle medie come no ma, ripeto, io e te non spostiamo nulla. I conti si fanno in generale ed in generale il motore termico è un morto che cammina. Fine del discorso.

R_mzz

Ti rendi conto che la C-Zero (insieme alle sue due gemelle) è stata per anni l’auto elettrica più economica nonostante il listino abbondantemente sopra i €30.000?

Maicol.Mar

Se tu capissi qualcosa...
Indicavo che hai preso ad esempio una vettura totalmente fuori target che è rimasta invenduta (per tentare di venderla hanno tagliato di circa il 40% il prezzo di listino!!!).
Ma tu addirittura la prendevi come riferimento del prezzo minimo per la categoria di appartenenza!!!
Scusa ma a questo punto risulta al limite del patetico questo ragionamento.

No, pare che proprio non capisci.

P.s. Zoe non mi pare abbia subito tagli di listino, ma come altre volte mischi discorsi differenti nel (vano) tentativo di mescolare le molteplici inesattezze precedentemente dette.

Maicol.Mar

Comunque di esempi pratici non ne fa e come più che spesso R_mzz abbandona la discussione quando si ritrova la faretra vuota...

R_mzz

Almeno hai letto l’articolo?

È un articolo del 2019.
Si parla di un costo di €18.890 grazie a €12.000 di sconto sul listino.
Poco dopo sono definitivamente terminate le vendite della C-Zero.

Stai dimostrando che i costi delle auto elettriche sono calati.
Anche Zoe attualmente è venduta con €6000 di sconto rispetto ai listini.

mashiro84

Probabilmente avremmo bisogno di un'Unione Europea un po' più aggressiva nel legiferare in tal senso.
Ogni auto immatricolata in Europa dovrebbe rimanere in Europa fino al completo "smontaggio" si tutte le componenti ritenute critiche.

Maicol.Mar

https://www.dmove.it/news/le-auto-elettriche-sono-troppo-care-la-citroen-c-zero-puo-costare-solo-6-890-euro

Roman

sono entrambi dei wc detto tutto

gaelom

Per il 2035 spero di andare solo in bici, hanno rotto le balle

Roman

sembri Nostradamus, le sue uniche previsioni che si sono avvenute sono la sua morte e tutte quelle che avevano una data incerta, leva quel 2030-2035 e le tue previsioni saranno veritiere

Maicol.Mar

Sarò onesto: mi fai davvero ridere.
Era la più economica nella sua categoria? Perchè TU hai detto che era quello il senso...

darkschneider

Le auto da 200/300 km di autonomia non soddisfano il 100% dell'utenza?
Certo, e quindi? La media europea è di 30km al giorno di percorrenza estai largo con una ricarica a settimana con la maggior parte delle auto.
C'è un blocco mentale di molti più che un reale problema di autonomia ma, ripeto, ci si abituerà come a tutti i grossi stravolgimenti epocali.

E quindi cosa? Se l'auto da 200Km di autonomia non mi soddisfa cosa dovrei fare? Quando resto a bordo strada senza ricarica la fisso intensamente e ripeto come un mantra "è solo un blocco mentale, è solo un blococ mentale" finché la batteria non si ricarica magicamente?
Ma invece di immaginare trollaggi continui non è più semplice ammettere che esistono persone che hanno effettivamente il problema e con le medie europee ci si puliscono il lunotto?
Nessuno si deve abituare proprio a nulla, devono vendere l'auto che risponde alle esigenze.
Lo fa?
La compro
Non lo fa?
Piazzale.

Dubito che chi fa 30Km al giorno si faccia troppi problemi sull'autonomia, al massimo si preoccupa di più dei tempi di ricarica se non può caricare a casa.


10 anni sono un tempo enorme. Gruppi come VW non investono decine di miliardi (un sostanziale all in) per vendere in volumi tra 10 anni.
Vorrebbe dire chiudere baracca e burattini. Entro 5 probabilmente più della metà delle auto immatricolate saranno elettrificate con una quota sostanziosa di elettriche pure.


Elettrificate è un conto, elettriche è un altro, senza contare l aprobabile ampia riduzione dei numeri di vendita.
Potrebbero pure essere il 100% di BEV, ma le comprerebbero solo chi può, con gli altri che invece di cambiare auto si terrebbero la vecchia carretta.
VAG ha fatto all-in, altri gruppi no (toyota, Hyundai, Stellantis, etc.), quindi tutta sta certezza sui tempi nel settore non c'è.

Il futuro è segnato, è già qui, ma continuate a vederlo lontanissimo. Ve ne accorgerete, forse, quando vi sbatterà contro.


La fai troppo ideologica, come molti altri EV evangelist.
E' tutto molto più semplice, come chiunque altro posso spendere X per un'auto e devo farci Y Km/giorno.
Continuerò a comprare l'auto che mi permetterà di farlo, al costo minore possibile, entro il mio budget, e che possa rifornire.
Quando l'elettrico mi permetterà di farlo, prenderò elettrico, fino a quando non lo farà non lo prenderò.
Siano 2-5-10-50 anni, a me non cambia niente.

mattopp

Incentivi che al momento non ci sono.

Comunque volevo solo dimostrarti che la c-zero era un'auto totalmente sovrapprezzata e che spero non diventi l'esempio del futuro elettrico per quelli povery come me. Io l'ho provata una Dacia Spring e preferisco di gran lunga la mia vecchia Peugeot 208 (My 2017) diesel.

Roman

be ovviamete è normale che si prendono una termica, offre di più di una elettrica e che ha lo stesso prezzo

R_mzz

La C-Zero ti sembra un’auto di qualità?
Dai seriamente…

lucas

In italia o dove la manodopera costa meno?

R_mzz

L’articolo è del 2019, poco dopo hanno definitivamente smesso di vendere la C Zero.

Anche Zoe attualmente viene scontata di €6000 rispetto ai listini, senza considerare gli incentivi.

Roman

non mi pare che l'endotermico sparirà, c'è sempre il mercato dell'usato ricordarlo

Arrival Van: furgone elettrico che cambia tutto. Tesla dei veicoli commerciali? | Video

Ford Mustang Mach-e: recensione e impressioni da chi ce l'ha davvero | Video

Tesla Model Y, i consumi reali sorprendono nel nostro test: autonomia e noleggio

Dacia Spring: recensione, confronto consumi reali e test autonomia | Video