FCA e Terna: un laboratorio per sviluppare la ricarica V2G per auto elettriche

23 Settembre 2019 7

Il lancio della nuova Fiat 500 elettrica si avvicina: la produzione della piccola a zero emissioni inizierà nel secondo trimestre del 2020, subito dopo la presentazione al Salone di Ginevra di marzo. Fervono dunque i preparativi da parte del Gruppo FCA non solo nell'allestimento della linea produttiva a Mirafiori (a luglio sono stati installati i primi robot) ma anche nella creazione di un ecosistema che metta a disposizione dei clienti un'adeguata rete di ricarica (anche in vista del lancio delle versioni ibride plug-in di Jeep Renegade e Jeep Compass viste a Ginevra a marzo).

I primi passi sono stati fatti lo scorso giugno, quando FCA ha siglato due accordi (con EnelX e ENGIE) per lo sviluppo di nuove soluzioni di ricarica, ma anche a luglio, con l'adesione all'associazione MOTUS-E per la promozione della mobilità elettrica. Negli scorsi giorni, invece, FCA ha annunciato la sperimentazione di servizi innovativi per il V2G con Terna, l'operatore italiano che si occupa della gestione delle reti per la trasmissione dell'energia elettrica ad alta tensione.


Insieme al partner, con cui è stato siglato un Memorandum d'Intesa, FCA darà vita a Torino ad un nuovo laboratorio tecnologico, realizzato presso la sede Terna del capoluogo piemontese dell'E-mobility Lab, uno spazio che consentirà di sperimentare prestazioni e capacità delle vetture elettriche nell'erogare servizi a supporto della flessibilità e stabilizzazione della rete elettrica.

L'idea alla base del V2G - Vehicle to Grid, tecnologia in cui stanno investendo molto Nissan, Honda, Renault e Groupe PSA - è infatti quella di far interagire in modo bidirezionale auto e rete elettrica, attraverso un'infrastruttura di ricarica dedicata. A tal fine, FCA e Terna avvieranno uno studio di fattibilità di una flotta dimostrativa sperimentale di vetture elettriche connesse alla rete attraverso un'infrastruttura V2G, da realizzarsi in un'area all'interno del complesso industriale FCA di Mirafiori.

La connessione dei veicoli alle infrastrutture di ricarica creerà una richiesta di extra potenza alla rete in alcune ore della giornata. La gestione intelligente delle ricariche tramite le colonnine V2G consentirà, in tal senso, alle vetture elettriche di supportare la gestione della rete elettrica, fornendo servizi volti a soddisfare le esigenze di flessibilità del sistema. La capacità fornita dalle auto elettriche contribuirà a stabilizzare la rete e, al contempo, ridurre il costo complessivo di esercizio della vettura stessa, grazie al beneficio economico derivante dai servizi forniti proprio alla rete elettrica.

Il miglior display sul mercato e un design fantastico? OnePlus 7 Pro è in offerta oggi su a 532 euro oppure da Amazon a 759 euro.

7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Aristarco

No infatti serve per stabilizzare la rete

saetta

Si d'accordo, però non vedo vantaggi per il singolo

axoduss

Ma la Nissan non aveva già lanciato un prodotto commerciale?

Aristarco

sul v2g non penso proprio

saetta

Con un ritardo di 10 anni almeno, ma va be'

lKinder_Bueno

Penso basti simulare la richiesta di corrente

LaVeraVerità

E per testare una infrastruttura V2G hanno bisogno di usare dei veri veicoli con relativi stalli e tutto lo spazio che ne deriva?

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti