Toyota Aygo: a Ginevra le versioni speciali x-wave orange e x-cite

11 Febbraio 2019 7

La novità Toyota più attesa al Salone di Ginevra 2019 è sicuramente la nuova Supra, esposta in Svizzera in anteprima europea. Ma lo stand del marchio giapponese proporrà anche altre piccole novità, come la Aygo che si rinnova (a un anno dal restyling di metà carriera) con le nuove serie speciali x-wave orange ed x-cite.


Entrambe puntano sul lato fresco e frizzante della citycar giapponese (realizzata con un progetto congiunto tra Toyota e Groupe PSA), che si distingue dalle cugine francesi per le linee più spigolose e le combinazioni cromatiche più "estreme". Aygo x-wave orange propone una tinta bianca con tetto apribile in tela di colore Orange, rifiniture Pop Orange anteriori, posteriori e laterali e retrovisori Pop Orange. L’allestimento prevede inoltre fendinebbia, vetri posteriori oscurati e cerchi in lega neri da 15’’ a dieci razze con anello coprimozzo arancione. La linea arancione prosegue prepotentemente anche all'interno (bocchette, cornice del cambio e rifiniture dei tappetini), in alternanza al piano black della console e della plancia. Infine, completano la dotazione i sedili in pelle.


Aygo x-cite è invece un po' più "sobria", proponendo una livrea bicolore Orange con tetto nero (come lo spoiler anteriore i retrovisori) e accessori come i fendinebbia, vetri posteriori oscurati e i cerchi in lega Glossy Black da 15” a dieci razze. Dentro, gli inserti Gloss Black rivestono plancia e console centrale, mentre inserti arancioni interessano le bocchette laterali e i bordi dei tappetini. Cromata è la cornice della leva del cambio, mentre i sedili sono rivestiti in tessuto Manhattan (optional in pelle).


Ricca per entrambe la dotazione di serie: climatizzatore automatico, comandi audio al volante, sedile lato guida regolabile in altezza, infotainment Display Audio 7" con Apple CarPlay e Android Auto (in base alla compatibilità con gli smartphone degli utenti) e telecamera posteriore. Di serie anche il pacchetto Toyota Safety Sense, che include il sistema di Pre-Collisione (predispone alla frenata di emergenza con alert visivo e sonoro tra 10 e 80 km/h, applicando forza frenante extra durante la frenata e agendo comunque sul freno riducendo la velocità di 30 km/h anche se il guidatore non frena) e l'Avviso visivo e acustico di Superamento della Corsia (LDA). Sotto al cofano, infine, troviamo il motore 1.0 3 cilindri 12 valvole DOHC da 72 CV e 93 Nm di coppia, con emissoni di CO2 di 93 g/km e consumi di 24,4 km/l (WLTP).

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T, in offerta oggi da Clicksmart a 469 euro oppure da Amazon a 549 euro.

7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
FCava

Ammesso ma non concesso che la importino (per sbaglio) in Italia, visto che in Toyota Italia lavoravano degli emeriti im....lli sotto il profilo "sportività"

Penso per il concetto iniziale e per la potenza del motore…
E' un progetto fatto per avere la 107, C1 e Aygo ad un prezzo basso (perché prodotto per 3 marche diverse).
Inoltre l'ibrido funziona perché riesce a far girare il motore a benzina a regimi ottimali. Sulla Yaris serve un 1.5, sulla Aygo con un 1.0 la vedo dura avere un regime a 1500giri e compensare tutto quanto con il motore elettrico.

Poi, magari mi sbaglio, ma personalmente credo siano questi i problemi principali.

Magari con una Mild-Hybrid ha più senso, ma c'è da chiedersi se ci sia un vantaggio a pagare 2000€-3000€ in più per un motorino elettrico da 5cv come fa ad esempio Suzuki.

Aristarco

se parli della ignis ha una filosofia diversa dalla aygo anche come target di pubblico

nexusprime

In città le macchine così piccole vanno per esigenze di parcheggio soprattutto.
La Suzuki infatti fa una macchina piccola ibrida grande come la Aygo e se ne vedono tante.
Toyota per molti è sinonimo di qualità e con l'ibrido anche di esperienza.
Quindi molti quando pensano all'ibrido vanno su Toyota.

Desmond Hume

Ibrida avrebbe senso visto appunto l'utilizzo in città.

Aristarco

perchè secondo me salirebbe troppo di costo e non avrebbe senso, anche per quanto riguarda i consumi, a sto punto ci si butta su yaris

nexusprime

Non capisco perché non facciano anche questa ibrida, stravenderebbe.
Molte persone vorrebbero una Aygo ibrida

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada