Volkswagen testa ad Amburgo il parcheggio autonomo via app

16 Aprile 2018 11

Un servizio integrato di parcheggio automatico è il primo passo verso l'adozione della guida autonoma. Il gruppo Volkswagen ci crede e presenta ad Amburgo un progetto di mobilità realizzato in collaborazione con la città tedesca.

Tutto nasce da un'esigenza concreta: liberare gli automobilisti dal "peso" di dover cercare parcheggio: del resto, le statistiche dicono che, ogni anno, gli automobilisti tedeschi trascorrono 41 ore della loro vita alla ricerca di un posto libero. In UK queste diventano 44, mentre a New York si parla addirittura di 107 ore ogni anno.

Tutto si gestisce dall'app

La visione del gruppo tedesco è questa: in futuro, il conducente lascerà la vettura all'ingresso del parcheggio; sarà l'auto stessa, in totale autonomia, a cercare un posto libero e ad effettuare le manovre necessarie per entrarci. Così il colosso di Wolfsburg ha scelto un autosilo nei pressi dell'Aeroporto di Hamburgo per dimostrare che non si tratta di una visione impossibile.

A bordo di alcuni veicoli Volkswagen, Audi e Porsche, VAG ha mostrato il funzionamento di un servizio integrato di mobilità che sarà attivo a partire dal prossimo decennio. La prenotazione del parcheggio presso l'Aeroporto di Amburgo si effettua via app. In seguito, una volta raggiunto l'ingresso della struttura, si lascia alla vettura il compito di cercare uno spazio libero.

L'auto come punto di ritiro

Il veicolo è dotato di un sistema di guida autonoma parziale, che funziona in simbiosi con i sensori posizionati all'interno del parcheggio. Non essendo richiesta l'apertura e la chiusura delle portiere, il sistema consente di avvicinare maggiormente le vetture, liberando spazio per ulteriori posti auto. Una volta che la vettura è parcheggiata, è possibile utilizzarla come punto di consegna di pacchi, posta e vestiti puliti, ideale per chi utilizza l'auto per affari.

Il ritiro dell'auto avviene come sempre via app: basta inviare un messaggio con l'apposita funzione e la vettura tornerà all'ingresso in maniera totalmente autonoma per portarci a casa. Naturalmente l'automazione avviene anche nel pagamento del parcheggio (che verrà scalato direttamente dall'applicazione), oltre che nelle procedure di ricarica del veicolo se questo è elettrico o ibrido plug-in.

Niente più tempo perso

Il progetto pilota di parcheggio autonomo è parte del programma TOGETHER – Strategy 2025, attraverso il quale il Gruppo Volkswagen (grazie all'apporto dei marchi Audi, SEAT, Skoda, Porsche, Volkswagen, Bentley e Lamborghini) vuole trasformare il proprio business diventando leader nei servizi di mobilità.

La città di Amburgo, dove attualmente sta per partire la sperimentazione della comunicazione V2X, è considerata un partner essenziale per raggiungere questo obiettivo: qui, il marchio Volkswagen attiverà presto il servizio We Deliver (in partnership con Deutsche Post) per la consegna dei pacchi direttamente nelle vetture Volkswagen "connesse". Per non parlare del servizio di shuttle on demand ad opera di MOIA (la nuova mobility company del gruppo) e del progetto pilota di MAN, che dal 2019 porterà i propri camion autonomi nei pressi del porto di Amburgo.

Il vero top gamma Nokia? Nokia 8 è in offerta oggi su a 299 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
L0RE15

considerando poi che lei non avrá a bordo nessuno e potrá mettersi attaccata alla vettura giá parcheggiata, ma quel poveraccio di quest'ultima, quando arriverá e vorrá entrare, come fará se si troverá due vetture ai lati (una per lato) che si sono..parcheggiate da sole a 5 cm di distanza?!

qandrav

ahahaha si infatti a milano non avrebbero alcuna possibilità

zzzz

... https://uploads.disquscdn.c...

zzzz

e i parcheggi automatizzati del tipo https://uploads.disquscdn.c...

costano molto meno di quel che si possa credere. Forse il problema è la compatibilità con gli esistenti.

davidemo89

il mio aspirapolvere robot funziona perfettamente, non riuscirei a farne senza.

Se devi comandare qualcosa, fare un ordine hai bisogno di un mini computer con internet.

sassi

il problema non è come gestirlo. ma perché. tutta fuffa come finora lo è la domotica.

nexusprime

Voglio vedere parcheggiare da sole queste auto nei parcheggi risicati che si trovano in città

davidemo89

se vuoi gestirlo col computer nessun problema, la vedo dura mettere in tasca un portatile. Come vorresti gestire una roba simile se non con un mini computer (smartphone)

sassi

ormai quando sento frasi tipo "si gestisce con l'app" mi vien l'orticaria. una vita sempre col tel in mano. e c'è chi lo fa.

Leox91

Vaccate senza senso.

qandrav

Un servizio integrato di parcheggio automatico è il primo passo verso l'adozione della guida autonoma.

wat?

ma se a malapena riescono a mantenere la corsia...il parcheggio poi è l'ultimo dei problemi

Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes