Hyundai: l'auto accosta se il conducente sta male | CES 2018

04 Gennaio 2018 7

Al CES di Las Vegas (9-12 gennaio) Hyundai, tramite la propria divisione per la sicurezza Mobis, presenterà la propria interpretazione della guida autonoma: un "angelo custode" discreto e per nulla invadente, che si fa vivo solamente quando davvero ne abbiamo bisogno. Come, per esempio, quando il conducente viene colto da un malore.

La tecnologia DDREM - Departed Drive Rescue & Exit Maneuver - nasce per limitare i danni provocati da un malore improvviso per il conducente dell'auto, un episodio che si verifica troppo spesso per essere catalogato nelle "fatalità". A questo proposito, Hyundai ricorda che i malori al volante sono annoverati tra le prime cinque cause di incidente mortale negli USA (studio AAA Foundation for Traffic Safety). Lo stesso discorso vale per i colpi di sonno.


Il sistema si serve di una camera a infrarossi per monitorare le condizioni del conducente, analizzandone i movimenti del viso e delle palpebre migliaia di volte al secondo. In combinazione con i sistemi di assistenza alla guida (tra cui il mantenitore di corsia) e con gli elementi meccanici (per esempio se l'acceleratore o il volante vengono lasciati all'improvviso) il sistema riesce a identificare i sintomi di un malore o di un colpo di sonno, intervenendo per prendere il comando della vettura.

L'automobile passa quindi al livello 4 di guida autonoma e, non appena possibile, cerca un'area dove poter accostare in maniera sicura, fermandosi e chiamando i soccorsi tramite i sistemi di assistenza già presenti su molte auto moderne, come ad esempio OnStar di Opel.

In generale, è interessante sottolineare come questo sistema faccia uso di sistemi di assistenza alla guida ormai presenti su quasi tutte le auto recenti, in quanto l'auto deve operare in guida autonoma solamente per pochi tratti: questo riduce i costi, perché rende "superflua" l'installazione di sistemi di guida automatizzata più complessi e costosi. L'unico elemento essenziale richiesto dal sistema DDREM è una telecamera a infrarossi, che raggiungerà un costo di produzione abbordabile per la maggior parte delle auto nel 2022, quando il sistema sarà pronto per la commercializzazione.

Un sistema simile per funzionamento è già disponibile sul mercato: si chiama Emergency Assist 2.0 ed è presente, come optional, su Volkswagen Arteon, la berlina-coupé di Wolfsburg che si è distinta fin da subito per il grande numero di sistemi di assistenza alla guida che rendono la vettura praticamente semi-autonoma.

Schermo enorme ma dimensioni decisamente contenute. Display bellissimo e batteria ampia? Samsung Galaxy S8 Plus, in offerta oggi da Clicksmart a 409 euro oppure da Amazon a 489 euro.

7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
VaDetto

Che tecnologie fantastiche cavolo!!

delpinsky

Beh nei casi peggiori, immagino che l'AI attiverà le quattro frecce e procederà a velocità ridotta finché non trova un'area idonea alla sosta, onde evitare problemi ulteriori per le vetture che sono in transito. Comunque se pensi che siamo al punto in cui l'auto può dare effettiva assistenza al conducente in difficoltà, è qualcosa di eccezionale.

2 settimane fa é morto un ciclista vicino a casa mia, travolto da una vettura che é uscita fuori strada per colpa di un malore. Penso che un 5% degli incidenti mortali potrebbero forse essere evitati grazie a questo sistema. Poi quando muore l'autista la colpa é sempre della velocità e si chiude la storia... Ma forse i malori sono ben più frequenti di quello che pensiamo.

Fabio

Ciò che conta é che il sistema riconosce l'insorgenza del malore prendendo il controllo dell'auto. Se poi non é presente una piazzola di emergenza nelle immediate vicinanze, il problema in realtà non sussiste purché il veicolo sia in grado di continuare il proprio percorso fino a quando non ne raggiunge una. Anzi, se non ci fossero piazzole, il sistema dovrebbe essere progettato in modo tale di raggiungere almeno la prima area di servizio o se necessario anche il primo presidio medico.

Bruce Wayne

Ecco che sull'ariticolo più interessante di giornata non c'è nessuno. Tutti a fare la Guerra Apple vs Tutto il resto del mondo

Bruce Wayne

non deve essere la macchina risorse ogni problema. Infatti dalle mie parti le auto a guida autonoma o altri sistemi che si basano sulla lettura della segnaletica stradale non potranno mai funzionare

PCusen

Quindi se ti trovi in una delle tante strade ed autostrade italiane senza corsia d'emergenza sei fregato lo stesso.

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini