Valentino Rossi sfida nuovamente Motobot, il robot con IA

25 Ottobre 2017 58

Nuovo capitolo dello sviluppo di Motobot, giunto alla versione 2.0 che sfida nuovamente Valentino Rossi in pista. Entrambi a bordo di una Yamaha YZF-R1M, i piloti - uno umano, l'altro robot - si sono affrontati in una gara al tempo migliore.

Grazie all'intelligenza artificiale, Motobot è in grado di imparare nel corso del suo sviluppo, apprendendo in maniera simile ad un vero pilota così da studiare la pista e migliorare le traiettorie e le staccate ad esempio. Il primo obbiettivo, quello che prevedeva la guida autonoma a più di 200 chilometri orari, è stato raggiunto da questa versione. Ora si punta a battere l'uomo ma in realtà il progetto non è limitato alla competizione uomo-macchina quanto piuttosto a sviluppare tecnologie che potranno essere integrate nelle moto del futuro a vantaggio della sicurezza del pilota.

La sfida con Rossi si è svolta nel Thunderhill Raceway Park e Valentino è riuscito a battere facilmente l'Intelligenza Artificiale con un margine di 30 secondi.

Il video della sfida mostra l'interessante confronto, specie nelle scene - purtroppo poche - dove si analizza il comportamento dei due piloti nella stessa curva o nello stesso segmento del tracciato.

Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8, in offerta oggi da puntocomshop a 505 euro oppure da Amazon a 559 euro.

58

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
e.Mac

Sono d’accordo, basti pensare che adesso che ha 24 anni Marquez ha appena vinto il sesto titolo, Valentino a 24 anni nel 2003 vinceva il quinto titolo...

Babi

gsrteo

Magari in un prossimo step ;-)

gsrteo

Per chi guida come non ci fosse un domani basterebbe un briciolo in più di testa (anche se io non son certo un buon maestro in questo senso) però molti incidenti potrebbero essere evitati in futuro sfruttando questi studi

Frankbel

Caro Mauro, da matematico ho una vaga idea della complessità sia dal punto di vista del modello che nella sua implementazione da poter tranquillamente affermare che motorobot non riuscirà a fare orari decenti, rispetto ad un professionista, per molto tempo ancora.
Quello che hanno fatto è lodevole ma allo stesso tempo banale. Tuttavia la complessità del sistema e la reattività e istintività di una persona rendono l'impresa fin troppo ardua. Ci vorranno decenni prima di vedere un robot in grado di avere tempi decenti.

mauro morichetta

mi permetto di ricordarti i primi telefoni sul mercato, avevano un display si e no guarda ora sono tutto display con miliardi di funzioni in più, dai tempo al tempo e creeremo finalmente una guida autonoma di livello, pensa a tutti coloro che fanno i pendolari e non hanno la possibilità di raggiungere il posto di lavoro con i mezzi...quanto stress in meno, sali ti leggi il giornale lo abbassi e sei a casa, a parcheggiare ci va lui non tu, pensa che spettacolo.

mauro morichetta

9 titoli modiali sono un bel traguardo, se continua così Marquez arriverà presto.

mauro morichetta

Finalmente un commento intelligente, un pensiero va a chi non c'è più per questo sport, la ia avrebbe avuto il potere di salvare le vite di tante persone che guidano come se non ci fosse un domani.

mauro morichetta

togliendo il fattore rischio, si potrebbe limitare i piloti incoscienti che guidano come se non ci fosse un domani, se fosse stata messo in atto probabilmente il SIC sarebbe ancora con noi....ciao capellone.

mauro morichetta

anche a me suona familiare mi chiedo dove l'ho sentito....hahahahah

mauro morichetta

Sono davvero tanto sorpreso non credevo fosse possibile una cosa del genere, sono felice di sapere che presto arriverà la guida autonoma, sperando di trovarlo in una vettura per il popolo presto, esclamo viva il progresso.

Eros Nardi

Un anticipo di come saranno le gare fra pochi decenni
www .youtube .com/watch?v=Aut32pR5PQA

gli unici modi per renderle divertenti sarà cambiare circuiti ogni volta o inserire ostacoli diversi o mantenere l'errore umano

Frankbel

Vero, il mai è senza dubbio un'esagerazione. Però questi motobot hanno di fronte a loro una strada lunghissima da percorrere, prima di diventare paragonabili a dei professionisti.

Babi

Sembra forte questo Valentino, voglio segnarmi un promemoria...

L0RE15

il MAI é una parola da non usare mai quando si parla di futuro e di tecnologia...solo 200 anni fa penso che, ad esempio, sull'andare in orbita o lanciare sonde spaziali, qualcuno dicesse la medesima sua frase... ;)

Frankbel

Non credo che un robot potrà mai raggiungere livelli di perfezione di un campione umano: ci sono ancora troppe variabili da gestire per l'IA per potersi anche solo paragonare alla complessità e abilità umana.
Motobot è un esempio di quanto ancora ci devono lavorare, e dubito che faranno grandi progressi nel prossimo futuro.

Alessandro

Tipo la storia del calabrone che per la struttura alare che ha non potrebbe volare.. Ma lui non lo sa e vola lo stesso

Xpertus

Ovviamente è una figata pazzesca il progetto, ma non credo che sia così facile arrivare ai livelli dei piloti professionisti. Il motociclismo è, in gran parte, questione di istinto. Non so a che livello di IA si arriverà in futuro ma parliamoci chiaro, se il computer calcola che una cosa non si può fare non la fa, il pilota non è studiato e la cosa la fa lo stesso, riuscendoci anche a volte...

Mattia Righetti

Che storia

rsMkII

Vedo con piacere che non hai assolutamente capito. XD

Emanuel Luciano Cinalli Mantil

Questo prende 30 secondi da Valentino Rossi pluricampione mondiale di motociclismo.
Io ne prenderei 300.
Voglio vedere cosa succederebbe se sfidasse pinco pallino , motociclista casuale che va al lago la domenica.

woldemort

Se ci metti un robot hai un posto in meno in auto

rsMkII

Un giorno si arriverà ad avere piloti robotici da poter mettere su auto e moto (senza rendere per questo il modello "auonomo", quindi) per poter fare dei veri cicli di omologazione su circuiti privati che durino giorni e non risentano delle caratteristiche del pilota. Quando questo sarà obbligatorio per tutti i costruttori avremo finalmente valori attendibili e confrontabili di consumi! XD

rsMkII

Ma come ragionate? Incredibile!

Daniele Brescia

Non ci riesce vinales. La yamaha quest'anno ha alti e bassi

Tito73

Hai voglia,...la IA deve pensare alle masse intere con attuatori lineari ,...solo a dirlo Valentino lo ha già sverniciato!

L0RE15

le gare tra umani continueranno ad esistere e le gare tra robot no seguiranno i classici "binari" che ci si immagina ma, quando lAI avrá raggiunto livelli molto elevati, temo che, da fuori, sará difficile capire se sotto al casco ci sará un umano od un robot...

L0RE15

che un giorno ci saranno gare del genere, direi che é sicuro...il più è capire quando...

L0RE15

tanto quello impara in fretta e quando diventerá bravo, saremo noi a far delle figure di merda...e a quel punto sará dura...

L0RE15

ma così non si capisce una fava, che é quello che vogliono...ma fa tanta scena!

Gabrix93

si anche per quello

Gabrix93

Acerba perchè come si vede dal video non è che hanno gareggiato tra di loro e penso che sia per la pericolosità. Però è ovvio, sono andati avanti tant'è che hanno fatto vedere il prototipo con il riding assist-e, ma ancora ne hanno da sviluppare...

Mpj

Cori cori motobot.. va in monabot!!!

Gios

Acerba ?!?! Un robot ha guidato una moto ad una media di 100 all'ora con punte di 200 all'ora.

Il motociclista medio si sogna di andare così forte

Gios

Bastano Delle masse interne con attuatori lineari

Stefano

Quel robot lì che prende 30 sec da Valentino batte ad oggi il 70% ed oltre dei piloti amatoriali fra 4 o 5 anni batterà anche qualche pilota professionista non di spicco e quindi la totalità dei piloti amatoriali.

Mario Sernicola

Potrebbe essere perché non sia una MotoGP con gomme adesive ma una "normale" R1 e quindi le pieghe siano diverse?

Tito73

Ma FINCHÉ non sposta il peso la vedo dura!

gsrteo

Il video è evidente una cosa promozionale e Valentino era a passeggio ma sicuramente interessante...Io credo che i dati raccolti da questo robot potranno sicuramente essere di aiuto nel migliorare la sicurezza in moto!

Dark!tetto

Più che "autopilotate" credo si riferisse alle corse con i droni controllati a distanza con caschi VR. Quindi la componente umana c'è sempre, ma non sta sulla moto a rischiare la vita.

e.Mac

Il punto è che Rossi dovrebbe battere Marquez, non i robot

Ricky

Sfida meravigliosa ma credo ci vorranno ancora una decina d’anni per raggiungere lo stesso livello

zdnko

Per le sportellate c'è ancora parecchio lavoro da fare!

lore_rock

Passeggia e ,giustamente, straccia il robot.
Però é sempre più interessante questo robot!

d4N

Ma far vedere semplicemente il giro, prima di uno e poi dell'altro, senza tutti sti tagli e slow motion faceva tanto schifo? -_-

Ted

Sul fatto di vedere gare di moto autopilotate spero di no dai, MotoGP/SBK/F1 sono belle per la pazzia dei piloti.. Vedere una gara in cui tutto è perfetto e segue schemi matematici diventerebbe noioso secondo me.

EnricoG

In questo caso oltre all'AI c'e' anche la componente del robot che per la guida di una moto non e' certo una sfida da poco.

derapage

entro poco raggiungeranno i livelli di un fermone.... Comunque in un anno l'evoluzione è stata impressionante!

Odraode

pardon allora, avevo inteso male!

Gabrix93

no macchè sul fatto di batterlo non ci sono dubbi...tra l'altro non mi sembra li abbiano fatti girare insieme, la tecnologia è ancora "acerba", ma stanno facendo un bel lavoro...magari un giorno come per i droni assisteremo alle gare di moto autopilotate D:

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve

Auto

Porsche 718 Boxster e Cayman: finalmente anche GTS