Fernando Alonso prova il nuovo pickup Toyota Hilux 2020

01 Giugno 2020 2

Fernando Alonso ha avuto la possibilità di poter provare, assieme a Marc Coma, un prototipo del nuovo pickup Toyota Hilux 2020 durante la sua preparazione alla Dakar. Questo nuovo modello disporrà di un potente propulsore da 2,8 litri che affiancherà quello da 2,4 litri già esistente. Inoltre, i tecnici del marchio giapponese hanno deciso di rivedere la geometria delle sospensioni per migliorare la qualità di guida in tutte le condizioni.

Dopo averlo testato su un'impegnativa prova speciale su ghiaia e terra ideata per le auto da rally, il pilota spagnolo ha così giudicato questo nuovo modello:

L’ Hilux è un'icona e sono sempre stato un fan di questa vettura. La prima volta che ho visto il Nuovo Hilux ho subito pensato fosse spettacolare. E' stato bello testare la nuova vettura in un ambiente difficile, in una tappa di rally, e spingerla al limite. Il nuovo motore da 2,8 litri si comporta molto bene e le nuove sospensioni sono fantastiche. Anche se si spinge l’Hilux al limite, il comfort è ancora presente. Penso che il Nuovo Hilux possa essere invincibile.

Purtroppo, il costruttore giapponese non ha voluto condividere ulteriori dettagli sul suo nuovo pickup. Per tutte le informazioni si dovrà, per forza, attendere il suo debutto ufficiale.


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

A quel punto:
1- non avrebbero riportato la notizia
2- non avrebbe ricevuto soldi da parte di Toyota per la frase "pubblicitaria" concordata in precedenza

Avrebbe mai potuto dire che fa schif0?

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren