Opel Rocks-e ufficiale: quadriciclo leggero sulla scia della sorella Citroen Ami

25 Agosto 2021 41

Opel presenta oggi la prima SUM, acronimo di Sustainable Urban Mobility, in italiano vettura per la mobilità urbana sostenibile. È Opel Rocks-e a rappresentare per la prima volta quello che qualcuno potrebbe scambiare per un nuovo segmento, e invece è solo una sigla inventata da Opel per imitare, probabilmente, le varie altre sigle SUV, SAC, e compagnia, che da qualche anno spopolano sul mercato nel tentativo di creare una nicchia presidiata da un solo modello.

Opel Rocks-e è un "veicolo elettrico entry level" - come lo definisce la stessa azienda tedesca - che ricorda fin dal primo sguardo la Citroen Ami. E non è un caso se le vetturette elettriche si somiglino parecchio, perché alla luce dell'appartenenza di Opel e Citroen allo stesso gruppo industriale - prima PSA, poi Stellantis - con ogni probabilità le due sono parenti strettissimi. Nessuna parola in merito da parte di Opel nel comunicato in cui annuncia la nascita di Rocks-e, ma insomma, è una deduzione alla portata.


Del resto non si fatica a cogliere degli elementi di somiglianza tra i pochi dati tecnici comunicati su Rocks-e e quelli, largamente noti, di Ami, che peraltro abbiamo già sottoposto ad un test approfondito. A partire dalle dimensioni (2,41 m di lunghezza e 1,39 m di larghezza), passando per la batteria da soli 5,5 kWh (ma l'estrema leggerezza permette ottime autonomie per l'impiego urbano) o per il bagagliaio: Opel dichiara un volume di 63 litri (circa quello del bauletto di una moto) per la zona dedicata a gambe e piedi del passeggero, adibita a bagagliaio di fortuna.

Ma importa relativamente, perché Opel Rocks-e è un SUM ossia un'auto dalle attitudini prettamente cittadine, quindi dalle enormi qualità in termini di compattezza e agilità ma che giocoforza implica molti compromessi.

DIMENSIONI MINI, AUTONOMIA DA... SUM

Opel Rocks-e è un quadriciclo leggero, ossia un veicolo a quattro ruote e due posti che può essere guidato anche con la patente AM, quindi a partire dai quattordici anni. Le dimensioni, come anticipato, sono extra small: 2,41 x 1,39 x 1,52 metri, appena 471 kg di peso batterie incluse. Fattori che uniti alle ruote da 14 pollici e un raggio di sterzata da appena 7,20 metri rendono Opel Rocks-e il perfetto "animale" da città.


Del resto fuori dai centri urbani sarebbe difficile avventurarsi con appena 45 km/h di velocità massima (limitati peraltro dalla legge sui quadricicli) e 5,5 kWh di batterie, capacità che secondo i dati dichiarati è sufficiente a garantire 75 chilometri di autonomia nel ciclo WLTP. Comunque la capacità modesta degli accumulatori ha delle ripercussioni in ricarica: la vettura può essere portata al 100% da totalmente scarica in circa tre ore e mezza attraverso una comune presa domestica, il che è un vantaggio non di poco conto.

DESIGN TRADIZIONALMENTE INCONSUETO

Il design di Opel Rocks-e differisce poco da quello della sorella francese, a questo punto quasi gemella. La vetturetta ha lo stesso schema di apertura e chiusura delle portiere della Ami, con quella del conducente che si apre controvento a differenza di quella lato passeggero, lo stesso meccanismo di apertura dei finestrini, un cockpit essenziale con le informazioni limitate a velocità, tachimetro, modalità di guida - Drive, Neutral o Reverse -, carica della batteria e autonomia residua, ed il supporto sulla console centrale per lo smartphone che può fungere da centro di controllo grazie all'app my Opel.

IN AUTUNNO IN GERMANIA, ALTROVE NEL 2022

Tre gli equipaggiamenti disponibili al lancio: Opel Rocks-e, Opel Rocks-e Klub e Opel Rocks-e TeKno. La vettura sarà disponibile dall'autunno in Germania e nel 2022 su altri mercati. Opel descrive così i prezzi di Rocks-e:

Il prezzo tedesco sarà chiaramente inferiore a quello di un'utilitaria e il mensile del leasing sarà simile a quello per un biglietto del trasporto pubblico locale.

La Citroen Ami parte in Italia da 7.200 euro di listino, al lordo degli incentivi statali che sono quelli previsti per le moto elettriche, in vigore ad esempio per i residenti a Milano. Il leasing prevede un primo canone da 2.144 euro e 35 mensili da 19,99 euro: le cifre per Opel Rocks-e dovrebbero essere simili.

VIDEO

Lo smartphone 5G per tutti? Motorola Moto G 5G Plus, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 220 euro oppure da Coop online a 299 euro.

41

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Davide

Del risció in città

jonname84

Sicuramente. Immagino i casini per omologare un mezzo di quel tipo, però ripeto così è solo brutta (anzi, come dice Andee Kcapp "molto bruttissima"). Potevano farla normale ma un po' più carina. Sembra quasi meglio la birò(ch) che fanno in Italia.

goghicche

Ci sono tanti commentatori che non hanno capito che non è un auto, ma un quadriciclo, per cui va confrontata con modelli analoghi.
Secondo me è anche un ottima alternativa agli scooter.
Ovviamente per un utilizzo esclusivamente cittadino.

Andee Kcapp

Ma quali idee ????

Davide

Le idee di business non devono fare ridere

PilloPallo

Effettivamente è vero, le 50cc per me non sono mai esistite quindi non le avevo prese in considerazione neanche lontanamente

xpy

Sarebbe costata 10k con quelle differenze

xpy

Beh però è con quelle che va confrontata

xpy

Devono solo farla passare da quadriciclo ad auto vera e propria stile smart, anche con velocità massima ad 80, in modo da poterci mettere l aria condizionata

Andee Kcapp

Se non sei un Troll fai ridere, se sei troll non fai ridere.
Vedi tu.

paul's

per le grandi città l'elettrico fatto così sarebbe la strada giusta per cercare di risolvere contemporaneamente i problemi delle polveri sottili e della carenza di parcheggi
poi bisogna vedere nell'utilizzo quotidiano autonomia, confort, ecc... perché molti non vogliono rinunciare alla comodità/libertà delle auto tradizionali

Luke

Se tutti i mezzi im città fossero come questa auto ci sarebbe molto meno inquinamento e molti più parcheggi.

Nuanda

Non è un'auto ma un quadriciclo leggero... può esserr guidata anche sotto i 18 anni

Davide

Con 7k paghi un pedalatore filippino

Davide

Son d'accordo. Le scelte estreme non sono mai buone. Un po' come per quelle TV in cui spendendo 200€ in più hai un prodotto di tutt'altra fascia.
Qua serviva un prodotto di qualità ben superiore, anche se fosse costato 8-9k

Davide

È esattamente la stessa auto e dalla recensione era poco più che un giocattolo. La qualità costruttiva deve migliorare un sacco perché nell'altra pioveva dentro dalle guarnizioni.

ADM90

Io metterei anche una batteria con carica rapida…

Roman

no grazie peggio ancora, la ami sempre uno scatolone oppure un bagno chimico la peel trident sembra una macchinetta che da le caramelle contando che la versione termica non ha manco la retro, preferisco la peel Viking

Roman

brutta come una ami

NEXUS

la Opel è più bellina

Fabio Lombardo

È pensata praticamente solo per lo sharing. Anche se non sono certo sull'autonomia, veramente troppo esigua.

Fabio Lombardo

La fine di un marchio, condannato ai ricarrozzamenti di altri modelli del gruppo...

Rieducational Channel

Un vero chesso a 4 ruote.

PilloPallo
Andee Kcapp

Molto bruttissima, coma la Citroen del resto.

Tiwi

le auto 50cc costano anche di più e sono fatte anche peggio in alcuni casi

Andee Kcapp

E chi pedala o corre per te?

Tiwi

carina

Andee Kcapp

Due è meglio di uno.

PCusen

Cioè un trabiccolo con un'autonomia reale che non supererà i 50 km e che non riesce nemmeno a raggiungere i 2 kWh in ricarica domestica e quindi nemmeno dalle colonnine? Avrebbe avuto un senso con la possibilità di ricaricare almeno a 7,4 kWh che dovrebbe essere il minimo sindacale dalle colonnine in modo da trarre vantaggio dalla batteria piccola ma così hai solo svantaggi.

PilloPallo
giovanni cordioli

Ammazza quanto è brutto.

luca bandini

insomma. sembrava una bella trovata ma dalle prove è emerso che non è il massimo sotto troppi punti di vista. basta vedere il mancato ritorno delle frecce, tergi ridicoli, isolamento termico. va bene ma forse conveniva fare una versione un pelo migliore a 6-700 euro in più. ideale per lo sharing

Surak 2.04

Sarebbe la soluzione al traffico se messa a sharing (pubblico, con numero adeguato di mezzi tipo 1 ogni cento abitanti, a cifre oneste senza speculazione di quella gent--lia dei sindaci a prescindere, sull'euro ogni ora frazionabile al minuto) perché se molti, umanucciamente, ne fanno un problema di estetica, in realtà il problema è che è sì un mezzo intelligente e comodo, ma non può fornire un servizio adeguato come in fondo fa già una moto. Questa ha il vantaggio che ti copre, quindi comunque è meglio ma non sostituisce un'auto. Se invece fosse a noleggio (sharing) allora potrebbe almeno sostituire la terza auto e qualche volta la seconda, al solo costo (ipotizzando l'uso medio) dell'assicurazione del mezzo. Organizzare dei punti di ricarica, per queste non sarebbe complicato e non prenderebbe molto spazio (presumo in uno stallo, ce ne stiano almeno 3) mentre seppure è fattibile a casa, serve un punto comodo e con corrente (quindi un compratore deve avere poche esigenze di spostamento ed un posto comodo, cosa che diminuisce il bacino).
Magari oltre a queste metti una ogni dieci, un mezzo sempre elettrico ed intelligente ma con più posti e/o maggiore spazio di carico, anche se il costo aumenta, così da coprire anche un'altra fetta di bisogno, seppure ovviamente il noleggio dovrebbe costare di più (sia perché costa di più, sia per disincentivare l'accaparramento immotivato).
Ma in un mondo dove si spinge a comprare suv ed adesso si punta a invogliare a comprare pick-up, non è che la cosa non si sappia, solo che non si vuole.

ciccio35

In realtà sembra uguale ma se guardi bene la fanaleria è diversa. Omologare veicoli circolanti su strada che siano reversibili è un incubo, non so neanche se sia possibile farlo per qualcosa di diverso dalle macchine agricole. Comunque i primi limiti a cui devi sopperire è la duplicazione di tutta la fanaleria, e probabilmente devi anche fare il doppio crash test per gli impatti anteriori e posteriori. Tutta sta roba costa e probabilmente poi non hai più alcun tipo di ritorno economico

Luca Lindholm

Il perfetto "animale" da città, eh?

Dai su, non può competere con la Peel Trident, disponibile anche in versione completamente elettrica fino a 80 km/h (e con addirittura 4 ruote).

https://p50cars.com/

JJ

Potrebbe anche avere un senso... solo che essendo uguale frontale e posteriore non riesco a capire quale sia.

Tomas

A sto punto è meglio un risciò

ally

auto perfetta per muoversi in vacanza...

jonname84

Visto che è uguale davanti e dietro l'avessero fatta con il volante "reversibile" sarebbe stata una vera innovazione.
Così è solo brutta.

Auto

Nuova Volkswagen Polo 2022: prova in anteprima, 1.0 benzina e metano | Video

Economia e mercato

Viaggio nella Turchia delle auto: quello che (forse) non sapete e perché serve saperlo

Auto

Dacia Spring: recensione, confronto consumi reali e test autonomia | Video

Auto

SKODA Octavia Wagon G-TEC: tutto sulla versione a metano | Recensione e video