Hertz punta sulle auto elettriche: maxi ordine di 175 mila vetture a GM

24 Settembre 2022 11

Molte società di autonoleggio stanno ampliando progressivamente la loro flotta con vetture elettriche. Hertz, da questo punto di vista sta "correndo" e punta a voler disporre della più grande flotta di vetture a batterie negli Stati Uniti (un quarto della flotta dovrà essere 100% elettrica entro la fine del 2024) e dopo gli accordi con Tesla e Polestar, la società ha deciso di effettuare un maxi ordine di ben 175 mila auto elettriche da General Motors. I primi veicoli entreranno a far parte della flotta Hertz nel 2023. Le consegne delle vetture dovrebbero concludersi entro il 2027.

Ma quali vetture a batteria del Gruppo americano entreranno a far parte della flotta di Hertz? Secondo quanto raccontato, arriveranno modelli dei marchi Chevrolet, Buick, GMC, Cadillac e BrightDrop (furgoni elettrici). In particolare, si inizierà con i modelli Chevrolet Bolt e Bolt EUV che saranno consegnati nel primo trimestre del 2023.

L'idea della società di autonoleggio è quella di avere vetture a batterie di vari segmenti per poter accontentare le diverse esigenze della clientela. Dunque, la gamma di modelli elettrici comprenderà berline, SUV di varie dimensioni, pickup, veicoli commerciali e modelli di lusso.

L'azienda americana stima che i suoi clienti percorreranno più di 8 miliardi di miglia (12,9 miliardi di chilometri) con veicoli elettrici nei prossimi cinque anni. Questo dovrebbe consentire di risparmiare, in termini di emissioni, circa 3,5 milioni di tonnellate di CO2. Stephen Scherr, CEO di Hertz, ha commentato:

È entusiasmante che due iconiche aziende americane che hanno plasmato l'evoluzione dei trasporti per più di un secolo si uniscano per ridefinire il futuro della mobilità nel ventunesimo secolo. Siamo entusiasti di collaborare con GM su questa iniziativa, che amplierà notevolmente la nostra offerta di veicoli elettrici ai clienti Hertz.

GLI ACCORDI CON TESLA E POLESTAR

Ricordiamo che, in precedenza, Hertz aveva già effettuato due maxi ordini di auto elettriche che avevano fatto molto discutere proprio per la loro "portata". Il primo con Tesla per un totale di ben 100 mila auto elettriche. Il secondo, invece, con Polestar pari a 65 mila auto a batteria.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Gianluigi

soluzione: collegare la marmitta direttamente alla birra. così la co2 la recuperiamp

3nr1c0

Per lavoro utilizzo siaAvis che hertz, Con hertz mai nessuna discussione all riconsegna con Avis invece ho imparato a fare un fotoreportage prima del ritiro per evitare di perdere mezz'ora alla riconsegna con fantomatici graffi che prima nn esistevano a detta loro

Xylitolo

"dovrebbe consentire di risparmiare, in termini di emissioni, circa 3,5 milioni di tonnellate di CO2"
no buono, stanno rallentando la produzione di birra per la carenza di CO2. in più ora enel e company hanno aumentato ad 1€ KW le ricariche ultarapide. Investite nelle auto a pedali

Signor Rossi

”Hertz CEO Mark Fields revealed that its deal to supply Tesla vehicles to Uber includes an option for 100,000 more Tesla Model 3s, which would double its total order to 200,000 vehicles” … quanto pare potrebbero essere 200’000 le Model 3 e nel frattempo hanno anche ordinato la Model Y senza specificare di quante vetture si tratti.

roby

Come se stessero ordinando pomodori

boosook

Peccato... dopo le esperienze che ho avuto con loro, meritava di fallire.

NULL

Due accordi con Tesla per certo.

Aster

Hertz ha vissuto un periodo di grande difficoltà a seguito dello scoppio della pandemia, tanto da essere arrivata a dichiarare bancarotta in alcuni Paesi. Grazie ad una serie di investitori guidati da Knighthead Capital Management e Certares Management, la società è potuta uscire dalla crisi (investimento di ben 5,9 miliardi di dollari). L'azienda può, adesso, rilanciarsi e, per questo, vuole elettrificare la sua flotta composta da circa 500 mila auto e furgoni.

Aster

Ma ha comprato o no 100 mila tesla e 60 mila polestar?

Aster

Hertz proverà, adesso, a riorganizzare le sue attività sfruttando il chapter 11. Un compito non certamente facile vista l'attuale situazione e l'incertezza per il futuro. Le attività, comunque, non si fermeranno ed andranno avanti.

Ottoore

Scusate ma Hertz non era mica quella compagnia che ha dichiarato fallimento durante la pandemia?!

Auto

Cupra Born eBoost 231 CV: è lei l'elettrica più bella del reame VAG? Prova e video

Auto

Mild Hybrid, Full Hybrid e Plug-in Hybrid: le differenze spiegate bene!

Auto

Polestar 2: prova su strada, l'elettrica che copia Tesla (e non è un male) | Video

Auto

Auto Plug-in: come funziona la tecnologia PHEV e cosa significa ibrida ricaricabile