Stellantis, accordo con Terrafame per la fornitura di nichel per le batterie

18 Gennaio 2023 18

Il piano Dare Forward 2030 di Stellantis prevede l’obiettivo di raggiungere entro il 2030 il 100% del mix di vendite con autovetture elettriche a batteria (BEV) in Europa e il 50% con autovetture e veicoli commerciali leggeri BEV negli Stati Uniti. Per centrare questi traguardi, il Gruppo lancerà sul mercato nei prossimi anni diversi nuovi modelli elettrici. Per poter incrementare la produzione di veicoli BEV è necessario, però, disporre di un'adegata fornitura di batterie. Per questo, in collaborazione con alcuni partner, Stellantis costruirà diverse fabbriche per la realizzazione di celle per gli accumulatori.

Contestualmente, il Gruppo sta pure lavorando alla creazione di una catena di fornitura stabile ed affidabile per le produzione delle batterie. Al riguardo, arriva la notizia di un accordo con Terrafame per la fornitura di solfato di nichel che sarà utilizzato proprio per la costruzione delle celle degli accumulatori.

SI PARTE DAL 2025

Entrando nei dettagli, Stellantis racconta che l'accordo con Terrafame avrà una durata di 5 anni. La fornitura di solfato di nichel partirà nel 2025 e permetterà al Gruppo di coprire una significativa parte del suo fabbisogno di nichel. Terrafame in Finlandia gestisce uno dei più grandi impianti chimici per batterie EV del mondo. L'azienda utilizza un particolare sistema di produzione che è completamente tracciabile.

Inoltre, grazie all’esclusiva tecnologia delle diverse fasi produttive, le emissioni di carbonio del solfato di nichel prodotto da Terrafame sono tra le più ridotte del settore. La partnership tra le due aziende rappresenta un passo concreto verso la realizzazione di un cluster europeo delle batterie ben strutturato, trasparente e sostenibile per soddisfare le esigenze di Stellantis. Carlos Tavares, CEO di Stellantis, ha commentato:

Questo accordo fa parte della strategia di approvvigionamento di materie prime essenziali per soddisfare le nostre esigenze la produzione dei pacchi batteria per i veicoli elettrici. Continuiamo a costruire una nuova value chain globale insieme a partner di prima categoria, per sostenere la nostra strategia globale e portare avanti il nostro impegno a diventare il punto di riferimento nel settore nel contrasto al cambiamento climatico, con l’obiettivo di azzerare le emissioni nette entro il 2038, in anticipo rispetto alla concorrenza.

Joni Lukkaroinen, CEO di Terrafame, ha aggiunto:

La collaborazione con leader del settore come Stellantis rafforza la posizione di Terrafame come importante partner per la fornitura di componenti chimici per batterie per l’industria automobilistica europea. In questo periodo così difficile si avverte una forte domanda di componenti chimici per batterie prodotte in modo sostenibile e trasparente in Europa, per l’Europa. Siamo orgogliosi di contribuire a decarbonizzare la mobilità europea e a rendere più efficiente l’industria dell’automobile del continente.


18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
The Undertaker

Obbligo e fare usare i mezzi di trasporto in modo intelligente, ci sono genitori che usano l'auto per portare i figli a scuola distante 8/900 metri, e comunque le polveri sottili degli automezzi cadono subito a terra mentre quelle dei camini delle fabbriche e riscaldamento con legna e pellet rimangono sospesi in aria a lungo.

The Undertaker

Si, giusto che ci sia la transizione, ma se avviene a discapito della natura non va bene, e ci sono alcuni se non molti controsensi tipo niente caldaie a gas ma permetti i pellet e la legna che inquinano 100 volte tanto, scavi la terra per estrarre materiali per produrre batterie, e poi quando dovrai riciclare le stesse quanti di questi materiali effettivamente vengono recuperati? Il discorso e molto lungo ma secondo me complici i politici che sono ignoranti e non riflettono avremmo un periodo di ulteriore inquinamento prima di arrivare ad una produzione di energia veramente pulita, pena che ad oggi in Italia stanno ancora girando in cerca di un sito per stoccaggio definitivo le scorie delle nostre centrali nucleari dismesse 40 anni fa.

T. P.

ahaahha

Dark Entries

Si sta procedendo in tutte le direzioni. Ad esempio anche per il riscaldamento ci sono blocchi simili a quelli delle auto: le caldaie a gas non saranno più in vendita a partire dal 2029.
Da tempo si sta lavorando sulla coibentazione delle case, i pannelli solari sono in aumento. Le grandi navi da crociera stanno implementando motorizzazioni per ridurre enormemente l'inquinamento.
E' una transizione lenta, ma a 360 gradi

Andreoid

Le polveri sottili creano un sacco di problemi, è d'obbligo intervenire anche lì

ACTARUS
The Undertaker

Il soffocamento lo provoca l'uomo e l'inquinamento dovuto alle auto oggi e NULLO in confronto di quello che provoca il riscaldamento, le fonderie, la fabbriche, le scoregge delle mucche e altro.

T. P.

va che lo scritto già io 28 minuti prima di te!!! :=)

Andreoid
ACTARUS

Ogni giorno un accordo, manco le chitarre si accordano così tanto...

T. P.

ahahahaha

Ginomoscerino

"Stellantis stringe un accordo con rsMkII per non spoilerare i nuovi accordi"

The Undertaker

Avanti, scavare e distruggere, cosi si fa.

T. P.

questo però è l'articolo di domani...
non spoilerare!!!

rsMkII

"Stellantis stringe un accordo con hdblog per un articolo al giorno sui suoi accordi"

T. P.

ogni giorno un nuovo accordo ed un nuovo articolo! :)

ACTARUS

Si proprio azzeccato

rsMkII

Il nome non è dei migliori, almeno in Italia

HDBlog.it

Libero e Virgilio giorni di fuoco, davvero gli S23 non sono già ufficiali? | HDrewind 50

Auto

Citroen C5 Aircross Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi e comfort

Auto

Cupra Born eBoost 231 CV: è lei l'elettrica più bella del reame VAG? Prova e video

Auto

Mild Hybrid, Full Hybrid e Plug-in Hybrid: le differenze spiegate bene!