Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

L'Unione Europea vuole inasprire i test sulle emissioni delle ibride Plug-in

05 Febbraio 2022 212

Sembra che l'Unione Europea intenda rivedere il metodo con cui si rilevano le emissioni dei modelli ibridi Plug-in. Questa interessante notizia è stata riportata da Reuters che spiega che l'UE avrebbe preso questa decisione a seguito delle critiche sempre più frequenti sulla validità degli attuali test che sono giudicati dagli esperti poco attendibili. Dunque, l'Unione Europea starebbe lavorando per arrivare a rivedere il protocollo per valutare le emissioni di CO2 delle vetture Plug-in, introducendo regole più severe.

PROBLEMI PER LE CASE AUTOMOBILISTICHE?

Oggi, i test si basano sul ciclo WLTP, uno strumento sicuramente più valido e preciso di quello utilizzato in precedenza (NEDC). Tuttavia, secondo diversi esperti, soprattutto nei modelli Plug-in, il ciclo WLTP non darebbe risultati corretti in quanto nella guida reale le persone tenderebbero ad utilizzare molto di più il motore endotermico di quanto considerato nei test. Inoltre, le persone, nell'uso di tutti i giorni dell'auto, tendono a caricare di meno la batteria. In aggiunta a tutto questo, i veicoli Plug-in hanno un'autonomia in elettrico più breve di quanto si presuppone nei test.

L'uso maggiore del motore termico si nota ancora di più sulle auto aziendali, evidenziano gli esperti, in quanto i conducenti sono meno incentivati ​​a caricare il veicolo. Secondo alcuni studi, nell'uso reale, i livelli di emissione sarebbero fino a 4 volte superiori a quelli rilevati nelle analisi.


Dunque, serve una modifica al ciclo WLTP perché, oggi, i risultati per le Plug-in non vanno bene e sono distanti dalla realtà. Le critiche, quindi, avrebbero fatto decidere all'Unione Europea di introdurre una serie di novità per poter arrivare ad ottenere un risultato più preciso ed affidabile.

A quanto pare, le nuove regole potrebbero entrare in vigore dal 2025. Secondo quanto raccontato nel rapporto, si starebbe lavorando ad una modifica al protocollo WLTP per arrivare ad introdurre un nuovo "utility factor" (quota guidata in modalità elettrica rispetto alla distanza totale), che tenga conto dei dati reali raccolti tramite il sistema Obfcm (On-Board Fuel Consumption Monitoring) che memorizza i dati sui consumi reali e che è obbligatorio dal primo gennaio 2021 su tutti i veicoli di nuova immatricolazione.

La modifica al ciclo WLTP sarà discussa da un gruppo di lavoro che dovrebbe prendere una decisione entro l'anno. L'eventuale cambiamento potrebbe causare alcuni problemi alle case automobilistiche, soprattutto a quelle che hanno puntato sulle Plug-in per abbassare i valori medi di emissione della gamma, per rientrare nei limiti previsti dall'Unione Europea. Se il nuovo e più stringente regolamento dovesse passare, i costruttori sarebbero chiamati a vendere sempre di più veicoli 100% elettrici.


212

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mario Rossi

puo' essere. ma dimentichi che dopo 40k km i costi si pareggiano, e dopo e' tutto risparmio. informati meglio.

italba

Dipende da cosa ci metti nella "filiera". La costruzione delle fabbriche di batterie, l'apertura delle miniere di litio e cobalto, la ricerca e sviluppo della nuova tecnologia, ecc. ecc.? Invece col diesel non hai niente di tutto questo, lo hai già pagato prima (e anche di più). Tuttavia lo stesso identico discorso te lo avrebbero potuto fare quelli che adoperavano i carri tirati dai cavalli, quanto ti costava all'epoca la "filiera" del motore a combustione interna? La tecnologia elettrica è un investimento, il ritorno non sarà immediato ma consentirà di risparmiare dei bei soldini a non lunghissima scadenza, e di guadagnarci anche in salute

Overwiew_marcia

Ho risposto ad italba sotto nei commenti cosi: Mettiamola cosi: se per fare un qualsiasi lavoro con il diesel ci vogliono 1000 di filiera/preparazione/finalizzazione (raffinazione del petrolio compresa), per fare lo stesso lavoro con uso dell'elettricità ne servono 20000 ore di filiera. Comprendi che l'efficienza generale è a dir poco fallimentare? Spostiamo solo l'aumento di inquinamento da un'altra parte.

Overwiew_marcia

Mettiamola cosi: se per fare un qualsiasi lavoro con il diesel ci vogliono 1000 di filiera/preparazione/finalizzazione (raffinazione del petrolio compresa), per fare lo stesso lavoro con uso dell'elettricità ne servono 20000 ore di filiera. Comprendi che l'efficienza generale è a dir poco fallimentare? Spostiamo solo l'aumento di inquinamento da un'altra parte.

Rick Deckard®

Dipende anche se girano nei paesi o nelle città

Mario Rossi

e quale sarebbe quella generale? un motore a scoppi ed in quanto tale, e' altamente inefficente, anche se usasse l'amore e l'aria compressa come carburante. il motore elettrico invece, avendo 100naia di parti mobili in meno, e non essendo quindi soggetto virtualmente ad usura, non necessitando di lubrificanti e nemmeno di parti di ricambio in quanto (sempre virtualmente) indistruttibile, e' decisamente piu' efficente. ma aspetto le tue delucidazioni sulla maggior efficenza del motore a combustione.

Vae Victis

In molti casi è meglio il termico: tutti quelli che percorrono meno di 5mila km annui.
Non sono poche persone, pensa a quanti pensionati, telelavoratori, seconde auto...

Vae Victis

Molta plastica ormai non deriva più dal petrolio.

Vae Victis

Finché non rivedranno il calcolo della CO2 delle elettriche, si vedranno mezzi sempre più grandi, pesanti e inquinanti.

italba

??? Ma di che stai parlando, sempre ammesso che tu lo sappia?

Overwiew_marcia

20 mosse contro 1 per fare lo stesso lavoro...

Overwiew_marcia

In generale, non in singolo...

Overwiew_marcia

Non efficienza di per se, ma quella generale...

uncletoma

soprattutto nel secondo, in caso di incidente e/o incendio.
però è una soluzione.
in Brasile usano l'alcool, per fare un altro esempio.
Oppure ad acqua.
https://motori.ilmessaggero.it/news/auto_alcol_acqua_economica_facile_da_usare_grande_autonomia-1915046.html
Eccetera.
Per i veneti: a grappa :D

Mario Rossi

sarebbe bello ma ha qualche problema nella produzione e nello stoccaggio.

uncletoma

Idrogeno, per esempio?

Mario Rossi

su quello sono d'accordo. e' evidente che siano a favore delle case produttrici e non dei cittadini

Mario Rossi

tu fai tutto acile. e quelli che fanno tutto facile, hanno vita breve.

Fabrizio

Ma anche se i test li fai con la batteria piena i risultati sono sballatissimi.
Solo colpa delle formule del WLTP che sono proprio sballate di fondo

Fabrizio

Dopo anni ed anni si sono resi contro che era tutto farlocco per le PHEV? Dei geni

nickmot

Impossibile?
Le tecnologie per farlo le abbiamo da decenni, batterie economiche per auto elettriche ancora no. Allo stato attuale, è ben più possibile che far comprare utilitarie da 33K e 200Km di autonomia a chiunque.
Oltretutto ben più facilmente realizzabile che mettere colonnine ovunque.
Il delivery lo fai con bici, con una ami elettrica, con un furgone elettrico, etc.
Ma credo che sia più semplice che un'attività (o meglio, un consorzio di attività) abbia a dispozione un mezzo elettrico piuttosto che lo abbia l'intera popolazione del quartiere, compresi quelli che parcheggiano in strada.

Mario Rossi

tutte benne parole, ma impossibili da realizzare.a proposito: il delivery lo fai col pensiero o con un mezzo a benzina/elettrico?
e' piu' economico convincere la gente a comprarsi la macchina elettrica che costruire una citta' a misura d'uomo

nickmot

Prima di spingere verso l'elettrica per tutti, investire pesantemente per far si che la dipendenza dall'auto sia minore.
Meno auto, meno spostamenti, più smartworking, più trasporto pubblico, più serivizi di delivery a domicilio anche per i negozi di vicinato, revisione dell'urbanistica di molti centri abitati e migliore progettazione delle nuove aree.

Canvas

Sarebbe bello vedere se riescono a realizzare il motore Omega 1 della Astron e a mantenere quello che promettono, è l'unico che potrebbe risollevare le sorti dei motori termici, oltre ai carburanti ecologici.

Mario Rossi

appunto: l'unico problema sono le batterie. quali alternative suggeriresti alla mobilita' elettrica? perche' a parlare sono bravi tutti, ma bisogna anche farlo con cognizione di causa.

Lolloso

No si parla di Co2 prodotta.

Lolloso

Tutto bello peccato che le auto elettriche usino le batterie che distruggono tutti i vantaggi del motore elettrico.

Lolloso

I prezzi a dismisura + solo colpa delle batterie, che valgono fino al 40% del valore di una auto elettrica.

Lolloso

In realtà le endotermiche con il freddo hanno autonomie migliori. Più ossigeno nell'aria migliore rendimento. Vi mancano le basi per poter fare un discorso in materia di automotive!

Lolloso

In realtà le endotermiche con il freddo hanno autonomie migliori. Più ossigeno nell'aria migliore rendimento. Vi mancano le basi per poter fare un discorso in materia di automotive.

uncletoma

La resa su strada, il costo d'acquisto, eccetera.
Un esempio veloce: uno che abita a Catanzaro e vuole andare a Utrecht in vacanza in auto con una endotermica, allo stato attuale, quando gli serve fare il pieno va da un benzinaio, lo fa, e un paio di minuti dopo riparte.
Uno con un'elettrica quanto tempo ci impiega a ricaricare il pacco batterie?

Io non è che sia favorevole alle endotermiche (poi, per me, possono anche smettere di produrre auto di qualsiasi tipo anche domani: sono decenni che non ne guido una), o contrario alle elettriche: è che non hanno pensato ad alternative diverse alla mobilità elettrica. Senza, parimenti, spiegare da dove prendere la corrente, tanto che alcuni stati dell'Unione, tra cui noi, hanno o stanno riattivando centrali a carbone. Che, com'è noto, non inquina e non causa tumori.

Baz

ok che hai di piu'... ma non tutti hanno soldi a sufficienza e allora in quei casi e' meglio rinunciare a quel "piu`" e prendere un modello meno accessoriato.
oppure un usato, che anche questo e' salito di prezzo ma ovviamente costa comunque meno, la trovi accessoriata, e sopratutto ti arriva subito rispetto al nuovo che purtroppo ora arriva non si sa quando

Mario Rossi

attento pero' che c'e' la variante: il nanochop!!! molto più pericoloso!!!!!1111!!!!!!

Rick Deckard®

È in italiano...
Seguito: Ulteriore sviluppo degli eventi, spec. nell'ambito di una narrazione

Simone

IL NANOCHIP!1!1!1!1

Mario Rossi

ti sbagli: hanno messo i microchip per controllarci!!! io ne ho 3!!!

Mario Rossi

semmai severo ma giusto

Simone

Spiacente, il grafene lo hanno messo tutto nei VAXXINI!1!1!1!1!1!1!1!1

NaXter24R

Perchè le esigenze sono diverse, ma "successo" è comunque un parolone. Se non erro siamo sotto al 5%, e 5 è già una cifra più che generosa

MatitaNera

Ingiusto

Mario Rossi

e' anche una scelta di uon senso. che poi sia spinta politicamente e che, soprattutto, non sia il momento piu' indicato per l'acquisto, sono d'accordo con te.

Mario Rossi

ok, ora dillo in italiano.

Mario Rossi

a te non rispondo. mi stai sulle bolas

Davide

C'è una differenza però, nessuno ha posto limiti alla produzione dei CRT e dei plasma e l'LCD si è imposto naturalmente sul mercato in quanto tecnologia migliore.
È esattamente quello che stavo contestando all'elettrico. Ad oggi non è una scelta migliore ed infatti il rimpiazzo non è legato ad una scelta di mercato ma politica

Rick Deckard®

Io sapevo che erano stati proprio pagati perché non avesse seguito

MatitaNera

Tipo?

Pare

Anche il mio era un discorso generale eh.
Comunque, al di là del test, il plug-in te lo compri solo se hai intenzione di sfruttare principalmente il motore elettrico, diciamo in rapporto 60-40 rispetto al termico. Altrimenti a mio parere sono solo soldi buttati, e tanto vale comprarsi un mild o un full hybrid.

Mario Rossi

ho detto "io" in senso lato. ma se avessi letto l'articolo, avresti capito cosa intendessi. IO, se avessi un plug in, la sfrutterei principalmente in elettrico, ovvio. ma io sono io e gli altri non capiscono un "asso". parafrasando in marchese del Grillo.

Pare

Se vuoi usare principalmente il motore termico tanto vale prenderti un mild hybrid, che senso ha spendere di più per un plug-in che poi manco sfrutti?
A meno che tu non voglia buttare soldi, in quel caso libero di farlo. Ma questo esula da ogni significato di un test standard per un uso standard.

Mario Rossi

non sono d'accordo: se ho un benzina devo poterlo sfruttare. devono essere i test che prevedano un uso medio dell'auto, non io che mi devo adeguare i test.

Renault 5 E-TECH Electric: elettrica a meno di 25.000€... con l'asterisco | Video

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Volkswagen Passat, nuova con ibrido Plug-in da 100 km, ma anche diesel | Video

Volkswagen ID.3 (2023): prova su strada del restyling con software 3.5 | Video