Contratto di Governo: le proposte per il settore auto e trasporti

18 Maggio 2018 14

Nella versione definitiva del "Contratto per il Governo del Cambiamento" pubblicata stamane dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega, le due forze politiche candidate alla formazione del nuovo esecutivo hanno esposto il programma di governo congiunto per i prossimi cinque anni. Tra i 30 punti del programma non manca qualche novità per gli automobilisti. Scopriamole insieme.

Incentivi per le elettriche e agevolazioni per chi inquina meno

A fianco della riduzione delle accise sul prezzo dei carburanti - già presente nella prima bozza del Contratto - al punto 27. TRASPORTI, INFRASTRUTTURE E TELECOMUNICAZIONI compaiono i veicoli elettrici, da sempre al centro del programma politico dei pentastellati.

In tema di mobilità sostenibile, il futuro esecutivo (nelle intenzioni delle due forze politiche) promette di "avviare un percorso finalizzato alla progressiva riduzione dell’utilizzo di autoveicoli con motori alimentati a diesel e benzina, al fine di ridurre il numero di veicoli inquinanti e contribuire concretamente al conseguimento e miglioramento degli obiettivi contenuti nell’accordo di Parigi".

Per questo, il programma prevede incentivi per favorire l'acquisto di veicoli elettrici e ibridi a fronte della rottamazione/vendita di un veicolo a combustione interna o, in alternativa, di interventi di retrofit per trasformare un'auto tradizionale in un veicolo ibrido o elettrico. Nel documento non si specifica l'entità del contributo concesso, che dovrà essere "attentamente aggiornato sulla base del tasso di diminuzione dei prezzi internazionali delle vetture elettriche".

A tal proposito, i due partiti si impegnano per far sì che il Piano Nazionale Infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica possa "divenire uno strumento dinamico in grado di intercettare e risolvere in tempi rapidi le problematiche relative ad eventuali carenze infrastrutturali, sia a livello nazionale che locale, per contribuire attivamente allo sviluppo della mobilità elettrica".

Infine, M5S e Lega propongono la speriementazione di nuove iniziative per premiare gli automobilisti che scelgono vetture a minor impatto ambientale, penalizzando invece chi acquista veicoli più inquinanti.

Car e bike sharing integrato nei trasporti pubblici

La mobilità sostenibile passa anche per le nuove forme di trasporto, come quello condiviso. Il car sharing, secondo quanto redatto nel documento, dovrà essere dotato di nuovi spazi pubblici, purché le società decidano di incrementare la quota di auto elettriche all'interno delle flotte di veicoli condivisi.

Per quanto riguarda il trasporto dell'ultimo miglio, l'accordo prevede soluzioni per "incentivare lo sviluppo delle reti ciclabili urbane ed extra urbane e di un sistema di bike-sharing capace di integrare differenti sistemi di mobilità su ferro e su gomma". Un'idea: l'integrazione delle ciclostazioni nei pressi delle stazioni ferroviarie, metropolitane e degli autobus, nonché nei pressi di siti di interesse turistico.

Potenziamento infrastrutturale

I due partiti ritengono l'Italia la "naturale cerniera di collegamento per i traffici provenienti dall’Estremo e Medio Oriente verso l’Europa". Per questo, il programma contenuto nel Contratto prevede una riforma dell'attuale legislazione in materia di riordino portuale. Lega e M5S spingono sulla trasformazione dei porti italiani da transhipment (aree di passaggio tra una nave e l'altra) a gateway (aree di sdoganamento merci).

Una volta realizzata questa riforma, sarà la volta di un potenziamento della rete di trasporto ad alta capacità, favorendo al contempo il passaggio da gomma a ferro per quanto riguarda il trasporto merci. L'attenzione è puntata anche sul trasporto passeggeri, e in particolare nel documento ci si concentra sul trasporto ferroviario regionale, che ha bisogno di un "ammodernamento nonché potenziamento delle linee ferroviarie preesistenti".

Rilancio Alitalia e ridiscussione TAV

Nel Contratto c'è spazio anche per l'eterna questione Alitalia: per i due partiti, la compagnia aerea deve essere rilanciata nell'ambito di un "piano strategico nazionale dei trasporti che non può prescindere dalla presenza di un vettore nazionale competitivo". Nelle intenzioni del futuro Governo, dunque, pare esclusa l'erogazione di denaro pubblico se non in presenza di un piano di risanamento che presupponga una crescita sostenibile.

Infine, occhi puntati anche sulla TAV: i partiti si impegneranno a ridiscutere in tutti i suoi punti il progetto della Linea ad Alta Velocità Torino-Lione, nel rispetto dell'accordo tra Italia e Francia.

Oggi uno dei migliori acquisti nella fascia media? Huawei Mate 10 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 385 euro oppure da Unieuro a 449 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
CAIO MARIOZ

Andrebbero messi tutti dentro per tradimento e usura nei confronti dei cittadini

CAIO MARIOZ

E per come sarà gestita in futuro con i soldi nostri

Tony Musone

"una compagnia di bandiera italiana è totalmente inutile" per come è stata (non) gestita finora, altrimenti sarebbe utile.

CAIO MARIOZ

L’italia ha perso la sua strategia politica ed economica 30 anni fa
Ormai non contiamo più nulla a livello internazionale,

una compagnia di bandiera italiana è totalmente inutile, anche perché sarebbe gestita all’italiana, così come successo con Fiat, Ilva, Telecom, Alitalia e moltissime altre aziende,
Tutte disgrazie

Vendi, mantieni una partecipazione e crei lo sviluppo di Alitalia e del settore aeroportuale italiano

Tony Musone

Esempi di sperpero di denaro pubblico ne è pieno il Paese. Ecco perchè son sempre stato dell'idea che sarebbe meglio esternalizzare la gestione economica dell'Italia.

Ma solo perchè l'Alitalia è stata mal amministrata e mal gestita non significa che avere una compagnia di bandiera non sia strategico. Questo è quel che c'è scritto lì.

CAIO MARIOZ

Finora la compagnia di bandiera ha ricevuto aiuti di stato per 8,3 miliardi di euro

Andrebbe venduta o chiusa all’istante

Sai quanti servizi e quante persone aiuteresti con 8,3 miliardi?

Milioni di persone o 10 compagnie aeree come minimo

Tony Musone

Mi spiace, non basta scrivere "Tutte caxxate".

Dimostrami che il TAV è un'opera strategica e che malgrado il nostro Paese abbia una vocazione altamente turistica, con un tessuto manifatturiero vivo grazie soprattutto all'export e sebbene i passeggeri aumentino più di quanto sia stato previsto, non sarebbe strategico avere una compagnia di bandiera, sana ed efficiente.

CAIO MARIOZ

Tutte caxxate
Sono 20 anni che le cose non vanno avanti e peggiorano proprio per queste stesse politiche scellerate dei vecchi governi

Tony Musone

Riguardo al TAV non c'è studio che confermi un valore positivo nel rapporto costi/benefici. Senza contare che il famoso corridoio 5 non si farà e non perchè manchi il tratto ITA-FRA. Per non parlare...etc. etc. In pratica "ridiscutere del TAV" mi sembra il minimo.

Forse hai letto di fretta ma riguardo ad Alitalia nel "contratto" scrivono: "Con riferimento ad Alitalia siamo convinti che questa non vada semplicemente salvata in un’ottica di mera sopravvivenza economica bensì rilanciata, nell’ambito di un piano strategico nazionale dei trasporti che non può prescindere dalla presenza di un vettore nazionale competitivo." Anche in questo caso, che un Paese come l'Italia abbia una compagnia di bandiera efficiente e non un carrozzone mangiasoldi mi sembra possa avere un suo perchè.

CAIO MARIOZ

Ridiscussione TAV
Rifinanziamento di Alitalia
Ma sono scemi????

Seraph84

e niente...il superbollo ce lo teniamo...peccato, ci speravo

Desmond Hume

Qualcuno mi spiega perché alitalia sarebbe da salvare?

qandrav

"Nel Contratto c'è spazio anche per l'eterna questione Alitalia: per i due partiti, la compagnia aerea deve essere rilanciata"

ma vadano aff4nculo, alitalia va chiusa immediatamente e presi a calci i dirigenti e anche i dipendenti (che da anni pretendono la luna)

""piano strategico nazionale dei trasporti che non può prescindere dalla presenza di un vettore nazionale competitivo". Nelle intenzioni del futuro Governo, dunque, pare esclusa l'erogazione di denaro pubblico se non in presenza di un piano di risanamento che presupponga una crescita sostenibile."

se dovessero dare altri soldi ad Alitalia spero che l'europa ci dia una multa tale da farci finire a livelli del Burkina Faso così sarà la volta buona che la smettono di aiutare alitalia

Norman Tyler

in pratica dobbiamo tirare fuori ancora soldi per Alitalia

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE