La Porsche Mission e avrà una piattaforma personalizzata

09 Febbraio 2016 0


La Mission e sarà basata su una piattaforma personalizzata ed è già stata rinominata J1 nel linguaggio progettuale dei tecnici di Stoccarda. Nulla di condiviso con il marchio parente Volkswagen, che stia a significare l'inizio di un cammino tutto nuovo per il marchio?

Dopo il via libera dato dai vertici di Porsche al progetto Mission e, cominciano a trapelare alcuni dettagli importanti. Il nome in codice del nuovo progetto sarà J1, roba da ingegneri. Ma soprattutto il modello, in arrivo entro il 2020, sarà basato su una piattaforma creata appositamente per quel modello. Questo significherebbe nessuna parentela con i modelli del Gruppo Volkswagen, di cui Porsche fa parte, e considerando i consistenti costi di sviluppo delle piattaforme questo può significare l'inizio di una serie di modelli del marchio di Stoccarda con caratteristiche simili alla Mission e.

Difficile pensare che i dirigenti Porsche abbiano deciso di dedicare una nuova piattaforma solo a questo progetto ma allo stesso tempo sembra da escludere che i 20 modelli in 5 anni annunciati dal CEO Muller possano assomigliare ingegneristicamente alla sportiva elettrica da più di 500 Km di autonomia e 600 CV. Bisognerà aspettare a lungo ancora ma se queste sono le premesse c'è da pensare che, alla fine, ne varrà la pena.

Il vero top gamma Nokia? Nokia 8 è in offerta oggi su a 204 euro oppure da Amazon a 340 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini