Auto elettriche e PHEV: chi ne ha vendute di più nel 2018?

15 Gennaio 2019 40

BMW ha diffuso un'infografica interessante che fotografa il mercato delle auto elettriche nel 2018. I dati si riferiscono all'analisi IHS Markit relativa alle nuove immatricolazioni per le auto passeggeri, escludendo quindi la quota relativa ai veicoli commerciali e includendo però tutti i modelli elettrificati (elettriche con o senza range extender (EV) e ibride plug-in (PHEV) sia benzina che diesel). Non sono state contemplate nello studio le ibride tradizionali, quelle che non prevedono una quota significativa di chilometri ad emissioni zero.

EV E PHEV IN EUROPA NEL 2018: PRODUTTORI

L'Europa ha visto un 2018 dominato da BMW con il 17%, seguita da Volkswagen al 12% e Nissan all'11%. Resta valida la nota del paragrafo precedente: Nissan, ad esempio, ha l'elettrica più venduta (Leaf recentemente rinnovata a Las Vegas, qui l'anteprima) ma non la quota maggiore perché i dati includono anche le PHEV (ibride plug-in) e le REx (elettriche con Range Extender), entrambe categorie in cui i giapponesi non sono rappresentati.

Renault e Tesla combattono per il quarto posto ottenuto dai francesi per un punto percentuale, seguono Volvo, Mitsubishi (qui l'anteprima di Outlander PHEV), Kia, Hyundai e Mercedes e Porsche e Smart. Gli altri produttori si dividono, con quote individuali inferiori al 2,5%, una fetta complessiva dell'11%.

EV E PHEV NEL MONDO NEL 2018: PRODUTTORI

Ampliando lo sguardo al mondo (lista dei Paesi considerati in foto) vediamo una situazione profondamente diversa. Tesla ha la quota maggiore nonostante sia focalizzata solo sulle EV, BYD dimostra come l'Oriente sia attento al tema e come sia in grado di generare volumi in un contesto di mercato completamente diverso da quello occidentale; si parla di marchi che spesso risultano sconosciuti ai più in Italia o in Europa ma che nell'economia del globo hanno un peso importantissimo. Un esempio lo troviamo nell'articolo di Niccolò su Shenzen, sede di BYD che ha invaso la città con i suoi taxi elettrici in un contesto da 13,5 milioni di abitanti.

Fatte queste premesse, non stupisce quindi la quota di BYD dell'11% a ridosso del 12% di Tesla, così come non stupisce il 6% di Bejing Auto (BAIC) o il 5% di Roewe (marchio del gruppo cinese SAIC che detiene molti brevetti MG ad esempio). I numeri, anche in conseguenza del mercato potenziale cinese, bastonano molti occidentali che vedono quindi le quote percentuali ridotte.

Va poi considerata l'enorme quota frammentata sotto la categoria "altri produttori" (andere): a livello mondiale si tratta di una fetta del 30% suddivisa tra tanti marchi con quote individuali inferiori al 2,5%.

EV E PHEV 2018: LA SITUAZIONE IN ITALIA

In Italia l'elettrificazione di BMW e Mini si traduce con 2.359 nuove immatricolazioni nel 2018, numero raddoppiato rispetto al 2017. Per un confronto numerico, si possono incrociare i dati di cui sopra con la classifica UNRAE relativa alle elettriche pure nel 2018 in Italia.

L'anno scorso ha visto un totale di 9.579 unità vendute tra EV e PHEV passeggeri, con il gruppo BMW in testa al 25% seguito da Nissan al 16%.

BMW GROUP: NEL 2018 OLTRE 140.000 VEICOLI ELETTRIFICATI

Per dare un riferimento numerico alle percentuali di cui sopra possiamo basarci sugli ultimi dati comunicati dal gruppo BMW: nel 2018 sono stati venduti 140.000 veicoli elettrificati da BMW e Mini, una crescita del 38,4% su base annua che va inquadrata nell'obiettivo dei tedeschi di portare i numeri a 500.000 entro la fine del 2019. La proporzione porta quindi a più di 1.584.000 EV e PHEV passeggeri nei Paesi a cui fa riferimento l'analisi (1.714.000 circa nel mondo intero) di cui più di 823.000 in Europa.

Più della metà delle 142.617 unità (circa 75.000 pezzi) è stata venduta in Europa (EV e PHEV): in Germania un'auto su cinque venduta dai tedeschi era elettrificata, gli USA hanno invece il primato BMW per i volumi, oltre 25.000 unità.

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T, in offerta oggi da Clicksmart a 469 euro oppure da Amazon a 549 euro.

40

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tetsuro P12

Chiamasi 'economia di scala'. Sarà così, ma la batteria resta un problema... dovranno progettarne di meno costose.

Tetsuro P12

E Fiat a zero, che non abbiano pensato a gettare le basi del futuro?

Ngamer

probabilmente toytota ha gia da tempo un piano per le fullelettric ha sicuramente tutto il know how necessario

Maurizio Milazzo

Toyota Prius Phev....

Frenkmn

Per le auto elettriche vedo un futuro simile a quello degli ssd partiti con prezzi assurdi e oggi finalmente anche su notebook da 250€

dickfrey

Dovrei trovare la puntata di "Petrolio" andata in onda nel 2018.
Faceva vedere quanto hanno elettrificato i mezzi di trasporto urbano nella metropoli cinesi.
C'erano degli autobus che funzionanvano appunto con questo brevetto.
Purtroppo la ricerca veloce di Google non mi aiuta, dovrei visionare Rai Play.

gherardo ulivi
J. Herbert

Hai ragione

No nessuna

Is300h

MiniPaul

Purtroppo i 50 dichiarati sono spesso più 30 che 40.. almeno dalle prove che ho letto (almeno in inverno).

Federico Dina

Nel caso di ibrida plug in, fin quando la batteria ha energia, si può girare normalmente o ci sono vincoli/difficolta?

Commentatore
MasterBlatter
non spenda praticamente niente in pubblicità


già, cosa sarà mai spedire una macchina nello spazio in mondovisione

The_Th

Ci sono auto solo elettriche che non ci arrivano o la superano appena...
Una plugin ne ha molti meno...E hanno un senso, percorsi brevi cittadini solo elettrica, quando fai giri più lunghi hai la benzina

Ngamer

piccolo particolare :P

Luigi Melita

ibride, non PHEV

Ngamer

toyota non esiste? vedo solo toyota ibride in giro

Luigi Melita

non è una ricerca BMW, i dati sono di IHS: se si vuole fare un'accusa a BMW si può dire che hanno fatto una classifica aggregata secondo i loro comodi, accusa che comunque non sarebbe al 100% corretta perché in realtà molti aggregano PHEV ed EV.

Marco Fantin

si... hyundai iniq per esempio....

Tony Musone
Il bello è che hanno comprato la licenza da una ditta italiana che non riusciva a convincere nessuno dei costruttori europei.

Per curiosità: chi ha comprato da chi?

Mattoz

Alternative simili alla prius non ce ne sono? è veramente orrenda

Commentatore

Pazzesca Tesla!

Prima a livello mondiale nonostante:
- venga confrontata con le vendite anche delle plug-in.
- abbia prezzi di molto superiori alle altre auto in classifica.
- abbia batterie di dimensioni doppie rispetto alla media delle altre EV (quindi a livello di kWh prodotti il divario è ancora maggiore, direi imbarazzante)
- non spenda praticamente niente in pubblicità (TV, radio, inserzioni su riviste e web,...)
- abbia solo una fabbrica (+ Gigafactory)

Manuel

Beh quello solo in Europa, non hanno certo falsificato il dato globale di vendite che vede Tesla al 1°posto col 12%, seguita da BYD con l'11% e BMW con un 9% di quota.

È interessante notare come le vendite di Tesla, al contrario degli altri gruppi, non solo si trovano al primo posto numericamente (245.240 unità) ma sono costituite solo da elettriche al 100% e non anche da ibride plug-in (o PHEV).

Paolo C.

HAhah strano che una ricerca BMW evidenzi che BMW è leader di mercato

Porco Zio

C’è anche da dire che le auto hanno avuto il boom solo negli ultimi 15 anni ..... quindi per loro non c’è una cultura così marcata sui motori a combustione . Comunque lo ripeto alla fine sarà solo una questione di prezzo -vantaggi
Al cinese ( o anche qualsiasi cittadino comune del mondo ) medio se conviene comprare benzina lo comprarera’

dickfrey

Ma qui parlo dell' elettrico, del fatto che là spinge di più nella domanda. I nostri costruttori non hanno idee o se le hano le tengono nascoste per finire le scorte di motori termici.

dickfrey

I diesel taroccati là non li vendono (vanno in galera per direttissima i dirigenti locali), anche per gli enormi problemi di smog. Infatti cominciano ad avere moltissimi mezzi per il trasporto urbano elettrificati. Il bello è che hanno comprato la licenza da una ditta italiana che non riusciva a convincere nessuno dei costruttori europei.

ad esempio la prius intorno ai 60se non ricordo male.
in un normale ciclo casa lavoro molti lo potrebbero fare al 100% elettrico.

il benzina poi serve per avere kilometraggio "illimitato" nelle lunghe percorrenze come una normale auto

deepdark

Dipende dalla macchina ma mi pare sia intorno ai 50km che è la quantità giusta per viaggiare in città.

vince

seee magari...sui 50km

Porco Zio

Autonomia di sola batteria sui 200km?

deepdark

Per plug-in si intende tutte le macchine che hanno una batteria di grosse dimensioni (a differenza delle ibride normali dove si parla di 1kwh circa) e che possono essere ricaricate ANCHE con la presa di corrente oltre che usando il motore a scoppio.

Porco Zio

Per me no, ma è soltanto una opinione. Per plug in si intende come le Fischer?

orsidoc

mica sono scemi a comprare a prezzi altissimi auto europee quando le imitano pari pari in cina

deepdark

Le ibride plug-in sono elettriche a tutti gli effetti. E forse le uniche che hanno un senso.

Porco Zio

Ma l’Asia è differente. Le cinesi sono destinate a regnare per il loro rapporto qualità prezzo. E fino a che il loro stipendio non si adegua a livelli europei la strada è tutta in discesa per loro

Porco Zio

Le ibride sono false elettriche , per me vince Nissan

orsidoc

2359 immatricolazioni- rivoluzione.

dickfrey

Guardando il grafico mondiale si capisce il perchè della recente flessione tedesca degli ordini, dal 20 al 40%. Oltre ai dazi di Trump, hanno perso molta clientela asiatica, che preferisce l' innovazione al brand.

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada