Hyundai verso l'ETCR: nel 2020 l'ingresso nel turismo elettrico | RUMOR

21 Novembre 2018 0

Il primo costruttore ad impegnarsi ufficialmente nell'ETCR è Cupra, il quale gareggerà con la e-Racer, la prima sportiva 100% elettrica che aspira a portare la mobilità a batteria nel mondo dei campionati turismo. Dopo la presentazione ufficiale a Barcellona il mese scorso, il campionato turismo elettrico promosso dalla WSC Technology Ltd. (un ramo del promoter del TCR) potrebbe accogliere un nuovo costruttore: si tratta di Hyundai.

Secondo quanto riportato da e-racing365, l'azienda coreana avrebbe deciso di costruire una vettura elettrica per la nuova serie che prenderà il via nel 2020. Albert Biermann, numero uno di Hyundai N, afferma che la partecipazione di Hyundai contribuirà a promuovere ulteriormente la crescente gamma di veicoli elettrici: "Presto costruiremo la macchina. Quando entreremo nell'ETCR vorremmo promuovere la competenza dei nostri veicoli elettrici".

Il modello papabile sarebbe la Veloster, annunciata di recente come seconda auto del programma TCR di Hyundai Motorsport dopo la i30 N TCR. Nonostante non sia prevista alcuna variante elettrica di serie, la vettura caratterizzata dalla disposizione asimmetrica delle portiere può comunque essere ammessa grazie ai regolamenti che consentono ai costruttori di adattare un powertrain ai modelli esistenti, anche in assenza di quello stradale.

Il top gamma 2018 più completo sul mercato? Samsung Galaxy S9 Plus, in offerta oggi da Clicksmart a 509 euro oppure da Amazon a 579 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada