Biomega Sin, la prima auto elettrica del costruttore di e-bike

09 Novembre 2018 13

Numerose le aziende che hanno deciso di dedicarsi alla mobilità a zero emissioni, entrando al contempo nel settore automobilistico. Ne è un esempio Dyson, che promette di rivoluzionare il mercato dell'auto elettrica iniziando nel 2020 la produzione delle prime unità nello stabilimento di Singapore, con il lancio commerciale previsto nel 2021. Un'altra soluzione è stata annunciata da Biomega nei giorni scorsi.

Il marchio danese specializzato nella produzione di bici ed e-bike ha presentato Sin, concept di un veicolo a batteria che tra il 2021 e il 2023 potrebbe diventare di serie ed essere commercializzato a un prezzo di circa 20.000 euro. Mostrata al China International Import Expo (CIIE) di Shanghai, la vettura è stata pensata per il trasporto urbano e per offrire soluzioni di mobilità. Con un peso di 950 kg e una struttura in carbonio e inserti in alluminio, la quattro porte adotta un design minimal, lo stesso che si presenta nell'abitacolo, privo di accessori superflui e dotato di ampio spazio per le gambe.


Sono quattro i motori elettrici che muovono Biomega Sin, tutti integrati nei mozzi delle ruote e capaci di erogare 60 kW (82 CV) e 160 Nm di coppia. A fornire alimentazione un pacco batteria modulare da 20 kWh con unità fissa di 14 kWh e un accumulatore removibile di 6 kWh. Il tutto per un'autonomia di 160 km e un consumo di 10 kWh ogni 100 km. L'azienda danese afferma che l'auto è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in 13 secondi e di raggiungere una velocità massima di 130 km/h.

Fotocamera Wide per eccellenza? LG G7 ThinQ, in offerta oggi da 4G Retail Tim a 378 euro oppure da Amazon a 439 euro.

13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Igi

... il problema è che glielo lasciano fare!

Jezuuz

Spero arrivi presto..
troppi imbecilli al volante.

Igi

Il futuro sarà questo, con la guida Autonoma l'auto di proprietà non avrà più senso, di conseguenza prevarrà la praticità a discapito del design.

Top Cat

E no altrimenti avrebbe le ruote quadrate.

Francesco

niente raytracing, le geffo 2000 costavano troppo

Account Anniversario

Che fantasia ragazzi... ditemi che qui c’e sto design perché serve aerodinamica...
nemmeno la Fiat Duna Pozzi e Ginori edition è cosi cesso.

Maurizio Mugelli

si vede hanno una gpu poco potente ed hanno dovuto tener basso il numero di poligoni...

G. Vakarian

Brutta come il sin

Raxien

Morte instantanea

Tetsuro P12

Che cesso.

BLERY

ci rimanera male

Sistox v2

Nome azzeccatissimo. È brutta come il peccato

Andreauu

Molto blade runner, ma nell’urto laterale come si comporterà una finestra del genere?

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video