Hyundai NEXO: il SUV a idrogeno percorre 190 km a guida autonoma

05 Febbraio 2018 0

Per la prima volta al mondo, un SUV a idrogeno ha compiuto un percorso in modalità completamente autonoma (livello 4 SAE). Si tratta del nuovo Hyundai NEXO, seconda generazione del crossover alimentato a celle a combustibile che, in occasione del lancio, fin da subito presentato come un veicolo tecnologico in grado di raggiungere alti livelli di automazione.

In occasione del lancio sud-coreano, una flotta di Hyundai NEXO ha guidato per un percorso di 190 km (da Seoul a Pyeongchang, sede delle imminenti Olimpiadi Invernali) senza richiedere alcun intervento da parte del conducente. Fino ad oggi, la guida autonoma è stata protagonista di dimostrazioni a velocità limitata in alcune zone della Corea del Sud: per la prima volta, invece, con NEXO si sono superati i 110 km/h, la massima velocità consentita nelle autostrade coreane.

I tre esemplari di Hyundai NEXO sono stati affiancati da due Genesis G80, sempre a guida autonoma, e prevedono dotazioni hardware come telecamere e LiDAR che non compromettono di molto l'estetica rispetto alle varianti di serie: tutti e cinque i veicoli erano equipaggiati con sistemi di guida autonoma di livello 4 SAE e connettività 5G e hanno completato un percorso fatto di guida extraurbana e autostradale, con cambi di corsia, sorpassi e l'attraversamento dei caselli con Hi-pass, il sistema di pagamento wireless. Tale performance è il risultato di migliaia di kilometri percorsi dai collaudatori Hyundai a bordo delle vetture a guida autonoma attualmente in fase di test.


Grande lavoro è stato fatto dagli ingegneri Hyundai nel dotare Hyundai NEXO di un avanzato sistema di infotainment connesso, in grado di controllare tutti gli aspetti dell'auto. In particolare, si segnalano sei nuove tecnologie che avranno la loro massima funzionalità proprio in presenza di un sistema di guida totalmente autonoma:

  • Home Connect: sistema di connessione tra l'auto e la smart home con i suoi dispositivi connessi: dallo schermo dell'auto è possibile vedere le immagini provenienti dalle telecamere installate in casa, abbassare le tapparelle, spegnere le luci e programmare il sistema di riscaldamento. Questo sistema sarà presente sulle nuove Hyundai a partire dalla fine del 2018.
  • Assistant Chat: assistente personale sotto forma di chatbot che consente un dialogo naturale tra uomo e macchina.
  • Wellness Care: sistema di monitoraggio dei parametri vitali dei passeggeri posteriori, oltre ai livelli di stress e di umore. Con questo sistema, i passeggeri possono richiedere servizi terapeutici, oltre a video-chiamare un consulente in tempo reale.
  • Everysing: piattaforma di streaming video-musicale che consente ai passeggeri di cantare durante il viaggio come in uno studio di registrazione.
  • Noise Away: sistema di riduzione dei rumori all'interno dell'abitacolo
  • Mood Care: illuminazione attiva posteriore che cambia colore o intensità a seconda delle diverse modalità di guida o di Mood Care attivate.

Hyundai Motor Group (con i suoi brand Hyundai, Genesis e Kia) ha intenzione di portare la guida autonoma di livello 4 nelle "smart cities" entro il 2021. La commercializzazione della guida totalmente autonoma (quella di livello 5, che non prevede la necessità di volante e pedali), è prevista invece per il 2030. Entro quell'anno, il costruttore coreano continuerà a fare ricerca e a costruire la propria infrastruttura V2X, in grado di connettere i veicoli con strade, case e altri veicoli connessi.

Schermo enorme ma dimensioni decisamente contenute. Display bellissimo e batteria ampia? Samsung Galaxy S8 Plus, in offerta oggi da Tiger Shop a 444 euro oppure da ePrice a 524 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Volkswagen

Volkswagen e-Up: un tranquillo weekend di live batteria

Audi

Audi A4 Allroad: recensione e prova su strada | HDtest

Michelin Track Connect: lo smartphone consiglia la pressione pneumatici in pista

Renault

ADAS Renault: vi spiego tutta la tecnologia | speciale guida autonoma LVL 2