Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Electra inaugura in Italia la sua prima stazione per la ricarica superfast

03 Ottobre 2023 110

Electra, azienda nata a Parigi nei 2021 che si occupa di infrastrutture per le auto elettriche, sta portando avanti il suo piano di espansione anche in Italia, con l'obiettivo di arrivare ad installare circa 3.000 punti di ricarica nel nostro Paese. Adesso, Electra ha fatto sapere di aver inaugurato la sua prima stazione per la ricarica ultrafast in Italia a Peschiera del Garda, in provincia di Verona, presso l’area parcheggio del Parco Commerciale ICS, situato lungo la strada che collega l'autostrada A4 alla A22.

RICARICA A 300 KW

Entrando più nel dettaglio, la nuova stazione è composta da 4 colonnine, per un totale di 8 nuovi punti di ricarica con una potenza di 300 kW. L'infrastruttura è accessibile 24 ore su 24 ed è alimentata con energia sostenibile. Il pagamento può avvenire tramite app, con carta di credito o acquistando un abbonamento per le ricariche. Attraverso l'applicazione dedicata, l’automobilista può individuare e prenotare in anticipo la colonnina per la ricarica, ricevendo una stima dei tempi e dei costi di ricarica.

Quanto costa ricaricare? Per un rifornimento di energia si pagano 0,79 euro a kWh. In ogni caso, Electra ha stretto diversi accordi di interoperabilità. Dunque, sarà possibile gestire la ricarica utilizzando le app e le tessere anche di altri operatori come Evway.


Electra si occupa dell'intero processo di installazione e gestione delle stazioni di ricarica presso parcheggi pubblici e privati di supermercati, centri commerciali, catene alberghiere, ristoranti e autogrill autostradali, prendendosi carico di tutti gli investimenti necessari per trasformare e gestire gli hub: dall’acquisto del materiale alle pratiche amministrative, dalla progettazione all’installazione, dalla manutenzione al servizio clienti. Eugenio Sapora, General Manager di Electra Italia, ha commentato:

L’Italia sta accelerando soprattutto per quanto riguarda le infrastrutture di ricarica a uso pubblico, con 45.210 punti di ricarica totali sul territorio. Per la nostra prima stazione italiana abbiamo scelto Peschiera del Garda, uno snodo strategico, capace di servire al tempo stesso i flussi dell'A4, uno dei maggiori assi economici italiani, e dell'A22, principale asse di accesso del turismo nord europeo, in un territorio che per altro già spicca per diffusione delle infrastrutture di ricarica delle vetture elettriche: il Veneto, infatti, è la terza regione per numero di punti di ricarica (4.420).


110

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
=METTEK=

Se mi sai dire il veicolo ICE che vorresti acquistare o quello che possiedi e mi dai i consumi reali medi posso aiutarti.

Giordy89

Lo so, e vorrei saperli, ma forse non li sai manco tu.

ninuzzo

Bhè, in realtà basta avere un garage condominiale...

=METTEK=
=METTEK=

Fai i tuoi calcoli e vedi che la base la trovi. Io ho fatto i miei sui consumi del mio vecchio Diesel.

Giordy89
Inotre per i rosiconi ricordo che 0.79 al kwh rimane sempre nettamente inferiore al costo di benzina o diesel.


Su quale base?

Giordy89
ACTARUS

Non è solo per inciviltà della gente, le colonnine guaste da anni, sono abbandonate dai gestori

Aristarco

E quindi torniamo al medioevo per l'inciviltà della gente?

ACTARUS

Se nessuno le controlla sono abbandonate, anche perché molte sono non funzionanti

Aristarco

Come sempre fai disinformazione confondi la normale manutenzione, con quella straordinaria dovuta all'inciviltà dell'italiano medio

ACTARUS

Roma
Tra colonnine fuori servizio, postazioni trasformate in parcheggi abusivi e informazioni irreperibili, ricaricare uno scooter o un'auto elettrica diventa un'impresa impossibile. Difficile, prima di tutto, capire come funzionano. Nessuno sa spiegarese serve un abbonamento o una tessera, se bisogna registrarsi o si può, semplicemente, parcheggiare e inserire la spina. Ogni numero da chiamare per chiedere informazioni è quello sbagliato. "Non ce ne occupiamo noi", risponde puntualmente la voce dall'altro capo del telefono.
Non hanno vita facile neanche i pochi fortunati che riescono a scoprire le modalità del servizio. Le stazioni di ricarica sono quasi sempre abbandonate all'incuria.

Aristarco

Che manutenzione devi fare ad una presa di corrente? Alle tue a casa ne fai parecchia?

ACTARUS

Si, è poi le abbandonano perché non hanno soldo per fargli la manutenzione

ACTARUS

Lo sai vero che se a una persona gli rimangono 10.000 euro in Tasca ci fa 100.000 km

Marco B.

ah si certo. divertiti

italba

Sicuro, ognuno si fa il suo WLTP come gli pare e poi si confrontano al bar, tra un grappino e l'altro. Grazie, ci volevano proprio quattro risate su questo blog!

ilariovs

A me cosa interessa del valore? Io la rottamerei come oggi devo rottamare la mia 207.

L'importante è che funziona il resto non mi interessa.

Marco B.

Fine garanzia batteria fine valore della vettura

ilariovs

E perchè non ci arriva?

A me verrebbe difficile arrivarci senza FV.
Con 8K Km/anno non ammortizzare nessuna soluzione. La cosa giusta sarebbe tenersi quello che si ha.

Ma col FV la spesa carburante scende troppo e qui di anche con 8000Km/anno in 12 anni spendo per una BEV quello che spenderei per una ICE.

Sempre che non succeda qualche altro inghippo in 12 anni. Perchè se poco poco Iran e Arabia Saudita si bisticciano quelli con le ICE dovranno stare a casa.
In 12 anni possono succedere tante cose, produrre da sé la propria energia è una sicurezza importante contro le maree degli imprevisti.

Alex

Tutte vicino al Brennero....dove girano i teteschi coi sordi

=METTEK=
Marco B.
ilariovs

Inquina la metà e come costo totale costa meno.

Sarà radical chic ma è la soluzione.

Per tutti gli altri c'è il benzinaio a 2€L anche se è povero.
Perchè la benzina non va col 730

Marco B.
ilariovs

NO, l'auto elettrica è la soluzione.
Il problema sono le auto termiche.

Infatti chi gira in Tesla NON si lamenta è felice dei suoi 280CV, con i costi di mantenimento di una Panda.

Prova a chiedere a quelli con la Panda se non vorrebbero avere i sedili ventilati e riscaldati, fare 0-100 in 6s, spendere 5€X100 Km e trovare il pieno alla mattina quando partono.

Ma NON tutti hanno 40K€ per una macchina ne 25000€ x un garage.

Ma resta il fatto che chi potrà avere la sua BEV nel suo garage il problema lo ha risolto.
È chi dovrà andare dal benzinaio che rimarrà col problema.

Marco B.

Quindi le bev sono un problema. Oltre a tutte le altre rogne
Chiaro.

Ora spero vieteranno almeno quelle trappole mortali dei pullman a pile

Zanzo

Perché vuoi saperlo? Tanto non le puoi scaricare completamente altrimenti si rovinano.
Poi se non sono nuove la capacità si riduce (quando arrivi al 70% ti consigliano di buttarle).
Ipoteticamente per la 500 che monta batterie da 42kw sarebbero 33€, e stando a quanto dicono ci faresti 320km.
Per la versione a benzina dichiarano 20km/l quindi ipotizzando il costo 2€/l fare gli stessi km ti costerebbe 32€.

Antares

io Roma-Milano con la long Range, l'ultima volta ho impiegato 7 ore, con una sola sosta dove ho fatto anche il pranzo.
Costo energia 0 euro perchè avevo le ricariche gratis al supercharger, parcheggio strisce blu a Milano zero euro e sono entrato gratis in ztl.

DjMarvel

ma sai, da uno che parte con la macchina e si ferma quando vuole e non perché lo dice la macchina, non puoi pensare che tutte quelle cose da programmare siano nella logica di viaggio
io mi fermo 10 min, ogni 3 ore

Antares
DjMarvel

quindi devo fare abbonamenti per ogni colonnina?
oltre che a cercare la colonnina devo anche cercare quella del mio abbonamento?

DjMarvel

ho smesso di dare fuoco ai copertoni in mezzo al bosco per salvare il pianeta. per il momento mi basta

ilariovs

Col 3,6% all'anno faranno a tempo a cambiarne un'altra prima di revocare le facilitazioni per le BEV.

Il problema sorgerebbe se fossero il 36%.
Ma a 60.000 auto l'anno... campa cavallo.

Marco B.

Si, immagino durerà per sempre.

Cpt. Obvious

Avrei scommesso fosse ad Affi, invece...

ilariovs

Per intanto 38mld di accise le pagano quelli che fanno bemzina/gasolio/GPL mentre chi ha l'eletrica non paga manco il bollo.

Quindi, personalmente mi preocccupo più della realtà che dei sogni e vorrei smettere di pagarle anche io.

Poi le.rinnovabili già ci sono e ci sono proprio perché più economiche delle altre fonti.
Siamo indietro ma quest'anno un 35% di rinnovabili nel mix me lo aspetto

Marco B.
Marco B.

Poi ti piazzano i 90 miliardi di accise che non incassano dalla benzina
E ps se le rinnovabili costassero meno già sarebbero presenti, non credi ?

Marco B.

Beh se uno è pirla da prendere un’auto a pile può an he pagare 1 euro al kw

Marco B.

Ok. Pannelli per 6kw. Forse meno. Ossia manco per gli accendisigari

Marco B.

Tutti a dire che le colonnine non servono ad una cippa

Marco B.
Fab

Ma certo che sono proprio pidocchiosi. Una tettoia? Un prefabbricato con, magari ,sedie e qualche macchinetta self per ristoro? Ma che sono ste barbonate dai, anche in India alle fermate dei bus euro -60 ci sono almeno 4 pali ed una tettoia.

gianni polini

99.9%

gianni polini

Il pianeta non rischia nulla

Meandmyself

No…il Wltp è una balla….il vero ciclo Wltp lo fa uno con famiglia e vita casa lavoro…così si fanno i cicli per i consumi. Non campati per aria da 4 strœnzi che prendono mazzette .

NOMC19

Vuoi salvare il pianeta o vuoi risparmiare?

Antares

ed io cosa ho scritto?

italba

Certo, se lo dici tu... Laureato in ingegneria dei trasporti con master al Caltech e stage in Ferrari, vero? Ma almeno lo sai che WLTP è un ciclo di misura e non un'organizzazione "marcia"?

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Volkswagen Passat, nuova con ibrido Plug-in da 100 km, ma anche diesel | Video

Volkswagen ID.3 (2023): prova su strada del restyling con software 3.5 | Video

Viaggio nella fabbrica di Brugola (OEB), le viti italiane fondamentali per il mondo auto