Delage D12, debutto a Goodwood per l'hypercar del redivivo marchio francese

28 Giugno 2022 4

Non poteva essere altri se non il Festival of Speed di Goodwood, conclusosi lo scorso weekend, a battezzare il primo prototipo funzionante della Delage D12, hypercar nata dalla riscoperta di uno storico marchio francese e che si candida a diventare nuova vettura dei record. Rinata per iniziativa di Laurent Tapie, imprenditore francese con la passione per le auto storiche, la nuova Delage ha sede vicino alla pista di Magny-Cours ed è guidata, oltre che da Tapie, da Patrick Delage, pronipote del fondatore della Casa Louis Delage, con la carica di presidente onorario.

Con loro, un team di tecnici composto dal telaista Mauro Bianchi, dal direttore tecnico Benoit Bagur e dall’ex-campione di F1 Jacques Villeneuve nel ruolo odi collaudatore. La D12 sarà costruita complessivamente in 30 unità vendute al prezzo di 2 milioni di euro ciascuna.

12 CILINDRI E UN MOTORE ELETTRICO

La Delage D12 è ibrida: a spingerla, un V12 aspirato da 7,6 litri e quasi 1.000 CV (976 per l’esattezza) e un motore elettrico con 2 diverse tarature, da 109 o da 20 CV, a seconda che l’auto sia configurata per la circolazione stradale o la pista, e una potenza complessiva di 1.085 O 996 CV, abbastanza per sfidare Bugatti di cui del resto Delage era rivale storica. Il cambio è un automatico a 8 marce avanti, privo di retromarcia perché come accade sulla sulla Ferrari SF90 Stradale, il compito della marcia indietro è assolto dal motore elettrico.

TANTO CARBONIO PER BATTERE LAMBORGHINI

Disegnata per essere una sorta di monoposto coperta da guidare anche su strada, la D12 è costruita intorno a una monoscocca in fibra di carbonio con un telaio ausiliario posteriore in alluminio, ha interni con 2 posti disposti in fila, come sugli aerei da caccia e sospensioni ispirate a uno schema molto in voga tra le F1 degli anni '90.


Il peso va dai 1.390 a i 1.300 kg nel caso del modello D12 Club, quello da pista, che è alleggerito ed ha meno potenza elettrica, ma promette di stabilire un nuovo primato al Nurburgring dove secondo il costruttore sarebbe in grado di battere il record della Lamborghini Aventador SVJ (6 minuti e 45 secondi circa) per vetture omologate per la strada strappandole ben 5 secondi, cosa che tenterà di fare nel 2023. Con un rapporto peso/potenza che supera i 780 CV per tonnellata, il costruttore dichiara uno 0-100 da 2,6 secondi per la D12 GT e 2,9 secondi per la D12 Club e una velocità massima di 390 km/h.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
T. P.

un pò eccessiva ma se la vendono, buon per loro... :)

Alessandro De Filippo
Alessandro De Filippo
Mario Rossi

a arte il collezionismo, qual'e' l'utilità' d queste auto??

Audi Q3 Sportback 45 TFSI e S tronic, per chi la usa più in città | Recensione e Video

Nissan Ariya (63 kWh): ottima efficienza e autonomia nella prima prova | Video

Vita Vera con l'auto elettrica: ritorno al passato, in Umbria a Miataland con le MX-5

Stop endotermiche 2035: tra polemiche, dubbi e fazioni, facciamo il punto | Video