Enel X si rivolge ai Comuni. Ecco cosa bisogna fare per avere le colonnine

12 Giugno 2021 24

Con l'avvento della mobilità elettrica, sono sempre di più i Comuni che intendono installare all'interno del loro territorio delle colonnine per la ricarica delle auto. Alcuni di questi si rivolgono direttamente agli operatori infrastrutturali come Enel X. E proprio questa società ha voluto mandare un messaggio molto chiaro ai Comuni italiani illustrando i requisiti necessari per poter rientrare con priorità all'interno del suo piano infrastrutturale.

Enel X, si ricorda, alcuni anni fa si era posta l'obiettivo di installare oltre 14 mila punti di ricarica sul territorio italiano entro il 2021.

I REQUISITI

Se dunque i Comuni intendono accedere con priorità a questo progetto di Enel X, devono soddisfare i seguenti requisiti.

  • Predisposizione di un Piano urbano della Mobilità organico che preveda l’installazione di punti di ricarica presso siti istituzionali e strategici
  • Celerità e snellezza amministrativa nella gestione delle procedure
  • Coinvolgimento dei principali enti locali (Università, Tribunali, musei e altri poli di interesse) adottando politiche di incentivazione (come ad esempio le agevolazioni per il parcheggio) per l’utilizzo dei veicoli a zero emissioni
  • Rispetto dell’accessibilità alle infrastrutture
  • Elettrificazione della flotta delle amministrazioni locali

Enel X ha poi fatto un esempio di un Comune "virtuoso" che ha rispettato questi criteri. Si tratta di Viterbo dove in tempi rapidi sono stati installati 34 punti di ricarica previsti dal Protocollo di Intesa siglato tra il Comune ed Enel X. La città, adesso, può offrire agli utenti elettrici complessivamente 42 punti di ricarica di Enel X.

Se i Comuni, dunque, vogliono in tempi rapidi le colonnine, devono soddisfare questi requisiti. Federico Caleno, Responsabile mobilità elettrica di Enel X Italia, ha commentato:

L’installazione delle infrastrutture di ricarica nel Comune di Viterbo rientra nel Piano Nazionale per la mobilità elettrica che vede Enel X impegnata nell’installazione di oltre 14.000 punti di ricarica entro il 2021. Il piano – che prevede una copertura capillare in tutte le regioni italiane attraverso la creazione di infrastrutture di ricarica quick da 22kW, fast da 50kW fino alle ultrafast da 350kW – è dinamico, flessibile, aperto a tutti coloro, enti pubblici e privati, che intendono collaborare per la crescita della mobilità elettrica in Italia, dando priorità alle Pubbliche Amministrazioni che rispondono ai requisiti del Comune Virtuoso.

Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 698 euro oppure da ePrice a 788 euro.

24

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
darkschneider

Assurdo che non ci sia un piano nazionale...
Comunque, con quei requisiti, i piccoli comuni sono automaticamente esclusi, ancora una volta.

Pippo Gi

che cosa ridicola sto enelX, le colonnine sono pochissime e messe in punti ridicoli, tipo dentro le concessionarie, così quando queste chiudono il cancello non puoi ricaricare.

ghost

Il requisito fondamentale è che la colonnina sia in parcheggio a pagamento

teo
Vae Victis

LOL. Si affrettino a ordinare prima che tutto il settore automobilistico vada verso l'idrogeno...

https: // www .automoto .it /news/la-francia-vara-un-piano-da-7-miliardi-per-usare-idrogeno-pulito-nei-trasporti.html

R_mzz

È già così in buona parte.
La maggior parte delle colonnine sono interoperabili con l’app di altri gestori.
Spesso usando l’app di un altro gestore risparmi (es app Duferco su colonnine EnelX o Ionity)

boosook

I legislatori dovrebbero affrontare il problema da subito... separare l'infrastruttura, che include la colonnina stessa, dal gestore. Dovrebbe essere obbligatorio poter usare qualunque colonnina con qualunque gestore. Ovviamente non avverrà.

Andrea bortolin

A quanto ne so Becharge installa le colonnine gratis, basta dargli lo spazio a disposizione. Ovviamente si terrà gli incassi delle ricariche.

Cloud Widows

Manco mi riconosci eh :))))

Giorgio Cremaschi

Sei un maniaco! :)

Cloud Widows

Eccerto bedduzzuolo. :DDDD

Giorgio Cremaschi

Sai cosa sono le widows vero? :D

Lorenzo

Ovviamente Enel x che è il più popolare è anche il meno conveniente, altrimenti dov'è il bello? Spero che anche gli altri operatori si diano una mossa perché il monopolio non ce piace

ACTARUS

Tipo ?

Funz

Pensassero all'istruzione piuttosto, così non leggeremo così tanti commenti ignoranti...

R_mzz

Molti gestori hanno prezzi inferiori.
Prova a contattare altre aziende, tipo EVbox.
Ad esempio Tesla installa gratuitamente i Destination Charger, ma chiede alla struttura che li ospita di offrire la ricarica gratuita ai clienti.

Andreunto

Se sei il lombardia prova a sentire a2a

ACTARUS
armandopoli

ma è una cosa commerciale mica la devo mettere a casa, è un parcheggio tipo centro commerciale, si fanno pubblicità ed in più l'energia se la fanno pagare a caro prezzo perché dovrei pagare io?

Cloud Widows

Ebbrava ora con Windows 11 ci sara' il controllo intelligente della CASA!!!

Davide Moriello

Veramente pensavi che una colonnina da 22Kw fosse gratis?
8000€ non sono nemmeno tanti

armandopoli

li ho contattati per metterla in un parcheggio privato dove ci sono diverse attività e mi hanno chiesto 8.000 euro... ed io pensavo addirittura di guadagnarci

Matteo

Comuni ignoratela

Giorgio Cremaschi

Brava Enel. Mettili tutti in riga a questi comuni.

Dacia Spring: come va l'elettrica economica da 9.460 euro (con incentivi) | Video

Nuova Mazda CX-30 2021 eSkyactiv-X: quando 6 cv fanno la differenza | Video

Renault Arkana 2021: SUV Coupé per tutti, solo ibrida e come lei nessuna | Video

Incentivi auto 2021: tutto quello che c'è da sapere | Video