Nissan Qashqai DCI 130 XTRONIC 2WD: recensione e prova su strada | HDtest

02 Aprile 2018 76

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

In attesa di testarlo con il tanto atteso ProPILOT, abbiamo voluto mettere alla prova il crossover di Nissan per capire se resta ancora un riferimento, se è ancora così competitivo. Protagonista la versione con il 1.6 dCi, il turbodiesel da 130 cv, 2WD, quindi a trazione anteriore, con il cambio automatico a variazione continua Xtronic, nell’allestimento top di gamma Tekna+.

Quanto è cambiato?

Si è rinnovato aggiornando il proprio design, con un leggero restyling che lo ha reso più compatto ed affilato: la prima cosa che si nota in questo facelift di metà carriera è la nuova griglia anteriore V motion, un richiamo ai modelli più recenti della gamma, e i fari dal nuovo disegno, con luci diurne a led a boomerang, che gli conferiscono un look più sportivo. Ora anche dietro è più compatto e grintoso grazie allo spoiler integrato, ai fari che ora hanno l’effetto a lente 3D e agli accorgimenti stilistici adottati per il paraurti. Ci sono anche i nuovi cerchi in lega da 17 a 19 pollici, anche aerodinamici, per contribuire al CX totale.

Dentro hanno rivisitato il layout dell'abitacolo con nuovi spazi e nuovi materiali, per aumentare comfort e qualità percepita. Le finiture sono piuttosto curate: la parte superiore della plancia è in plastica morbida, più rigida in quella inferiore, e gli assemblaggi convincono. Buona anche l’ergonomia dei comandi e lo spazio per gli oggetti. Fuori è compatta ma dentro si sta bene, è piuttosto spaziosa e i sedili sono comodi: è un po’ più lunga di prima ed è buono lo spazio per chi siede dietro, in altezza e anche per le ginocchia, e le gambe ora trovano più spazio per distendersi. Ma l’eventuale quinto passeggero, che sta in mezzo, deve fare i conti con una seduta più rigida e, se c’è il tetto panoramico, con qualche centimetro in meno per la testa.


Per i bagagli ci sono 430 litri che si possono sfruttare bene grazie a reti, doppio fondo con vano e copertura del bagagliaio modulare. Il sistema che chiamano Flexible Luggage Board System, grazie a pannelli divisori, consente di dividere lo spazio utile in diversi scomparti. Abbattendo il divano posteriore si arriva anche a 1.500 litri.

Questo nuovo Qashqai ora offre tanta tecnologia in più: è infatti più connesso e più sicuro. L'infotainment delude un po’ le aspettative: è vero, hanno aggiornato l'interfaccia del sistema Nissan Connect, ora è più fluido nelle risposte, ma la qualità dello schermo touch da 7 pollici non è al pari di altri concorrenti. Ci sono la radio DAB digitale e la connessione ad internet, e presto arriveranno Android Auto e Apple CarPlay.

Come si guida

Il crossover più venduto in Europa si è aggiornato migliorando anche le sue performance. Ma, andiamo con ordine: la posizione di guida è alta, la visibilità è buona e i comandi del volante multifunzione sono migliorati e più semplici da azionare rispetto a quelli della versione precedente.

Ora è più confortevole: ci sono anche nuovi materiali fonoassorbenti per un comfort acustico maggiore. L’abitacolo è in effetti ben insonorizzato, il motore non si fa mai troppo sentire, e anche in autostrada si rivela piuttosto silenzioso.

Adesso Qashqai si guida meglio: hanno migliorato sospensioni, ammortizzatori e sterzo, e si sente. Il rollio è più contenuto rispetto alla versione che l’ha preceduta, decisamente meglio rispetto ad altri crossover dal baricentro più alto, ma il comfort non viene mai sacrificato troppo, nemmeno con i bei cerchi in lega da 19'' di questo allestimento. A trovargli un difetto, le sospensioni rispondono in maniera magari un po’ brusca sul pavé e sulle buche, ma nessun problema sugli avvallamenti più leggeri.

Lo sterzo è sensibile al punto giusto e tra le curve il crossover giapponese ha un buon comportamento, è sicuro anche nei cambi di direzione alle alte velocità, e nel misto ci si può anche divertire. Ha in effetti una buona tenuta, ma con questo cambio a variazione continua non può certo assecondare fino in fondo le voglie di quelli a cui piace ogni tanto guidare davvero.

Va detto però che questo Xtronic è forse uno dei migliori CVT sul mercato: non avrà la stessa rapidità di risposta di un doppia frizione o la fluidità di un automatico con convertitore di coppia ma il famoso ”effetto scooterone” si fa sentire molto raramente: giusto se esagerate nelle partenze da fermo o quando, già in marcia, mettete giù tutto. Ma è accettabile e offre tanto comfort anche a chi viaggia con voi: a pieno carico, anche con un filo di gas, si va veramente sul velluto.


Del resto Qashqai non è nato certo per la guida sportiva, ma è tanto sicuro, per voi e la vostra famiglia: anche l’impianto frenante se la cava bene e la vostra guida è sempre molto assistita. E se volete essere ancora più tranquilli, o vivete o andate spesso in montagna, potete averlo anche con trazione integrale intelligente che sposta la coppia al posteriore (fino al 50%) per affrontare qualsiasi curva e i fondi con poca aderenza.

Il nuovo Qashqai è agile e a suo agio anche nel traffico cittadino. I parcheggi non sono mai un problema: è solo 4 metri e 38 e poi di serie ci sono i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, la telecamera posteriore e l'Intelligent Around View Monitor, che mediante quattro telecamere simula la visione dall’alto della vettura. Questo turbodiesel da 130 cavalli, già provato su altre auto del gruppo, è sempre una piacevole conferma: tanta coppia, ben 320 Nm già a 1.750 giri, e adatto a questa vettura.

E’ sempre pronto, offre anche un buono scatto e consuma poco: con una guida fluida e il piede leggero, sarete soddisfatti e aiutati dalla modalità ECO, con valori quasi sempre sopra i 15 km al litro, che diventano 17 nelle strade extraurbane e 16 in autostrada a velocità da codice; con un pieno con il serbatoio da 55 litri potreste riuscire a fare anche 1.000 chilometri.

Tecnologia al servizio della sicurezza

Tra i sistemi di sicurezza attiva presenti ci sono: la frenata d'emergenza automatica (ora con il riconoscimento dei pedoni), fari a LED adattivi, il monitoraggio del traffico in retromarcia con anti-collisione e poi ancora riconoscimento della segnaletica stradale, monitoraggio dell’attenzione di chi guida, parcheggio assistito, monitoraggio e avviso di cambio di corsia involontario, copertura angolo cieco e visuale a 360 gradi. Per proteggervi ancora meglio ci sono airbag frontali, laterali e a tendina e poi si è guadagnato cinque stelle nei crash test Euro NCAP.

Finalmente di recente è arrivato l’annuncio ufficiale che ora Qashqai si può comprare con il ProPILOT, ovvero con la guida semi autonoma: il primo step verso la completa autonomia e una tecnologia capace di gestire sterzo, acceleratore e freno per l'utilizzo automatico in autostrada su una singola corsia. Agisce in base alle condizioni del traffico e della strada, fornite dalla telecamera montata nel parabrezza e il radar installato dietro il logo Nissan, nella griglia frontale. E, finalmente, il cruise control è adattivo. Per ora è disponibile con questo 1.6 dCi 130 CV 2WD e 4WD manuale e 2WD automatico, a partire dall’allestimento N-Connecta e di serie su questa versione top di gamma Tekna+ 2WD automatica.

Prezzi: a ognuno la sua versione

Questo nuovo Qashqai credo che riesca ad accontentare quasi tutti: 5 versioni, a benzina e gasolio, abbinabili a ben sei allestimenti. La scelta è ampia, con diversi posizionamenti di prezzo in base alle esigenze.
Si va dai 21.250 Euro per l’allestimento base Visia con il 1.2 turbo benzina da 115 CV: e ci sono di serie cerchi da 16 pollici, clima manuale, Radio DAB a 1 CD con lettore MP3, Bluetooth, USB, comandi al volante e 4 altoparlanti, Cruise Control e limitatore di velocità con comandi al volante, Start & Stop e altro ancora. Se lo volete più grintoso c’è anche il 1.6 turbo da 163 CV.
Chi macina più chilometri può scegliere tra il 1.5 dCi da 110 CV o questo 1.6 dCi da 130, a trazione anteriore o integrale, con 2.000 euro in più. Il cambio X-Tronic, che costa 1.500 euro, si può avere solo con questo 1.6 dCi. Le versioni dotate dei motori 1.2 a benzina e 1.5 diesel sono delle ottime alternative ai SUV del segmento inferiore.
Per avere il Qashqai più lussuoso di sempre, questo Tekna+, ci vogliono almeno 31.630 euro. Questa che abbiamo provato parte invece da 36.800 euro ma ci si tratta davvero bene: sedili in pelle nappa con impunture in rilievo, quelli anteriori si regolano in altezza e sono riscaldabili. Anche il volante e il pomello del cambio sono in pelle. Clima automatico bizona, tetto panoramico, sistema audio Premium BOSE con 8 altoparlanti e tanto altro.


Non va dimenticato che la garanzia di Nissan è di 3 anni o 100.000 km e considerate anche la tenuta del valore: rimane ancora uno dei più richiesti sul mercato dell’usato. L’abbiamo visto ormai più di un anno fa al Salone di Ginevra e poi Luigi ha potuto assaggiarne le qualità lo scorso autunno. Questa volta invece abbiamo passato un po’ più di tempo assieme e possiamo dire che secondo noi è decisamente migliorato, e non è un caso se da dieci anni occupa costantemente i primi posti nella classifica dei SUV più amati dagli italiani.

Il Qashqai rimane davvero uno dei migliori della classe nella fascia di prezzo compresa tra i 20 e i 30.000 euro (con l’esemplare in prova si superano i 35.000…) ma l’offerta è ampia, con l’entry level dal prezzo molto interessante, fino ad arrivare al top di gamma. Siamo convinti che il crossover giapponese, uno dei più equilibrati in commercio, sia ancora molto competitivo e la qualità è migliorata talmente tanto al punto da farlo sembrare di un segmento superiore. Il bestseller di Nissan ha subito tanti cambiamenti ed è molto diverso dal primo modello, ma la sua filosofia di base rimane la stessa e per noi crossover vuol dire ancora Qashqai. E secondo voi?


76

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giacomo

Concordo su questo, però la macchina me la devo tenere finchè vive, per cui me la scelgo ben accessoriata. Prezzo fuori da ogni logica, come interni era meglio quella di 10 anni fa

fire_RS

ecco, meglio rinunciare quando non si hanno argomentazioni valide

Silvana Castaldi

Ho la versione acenta, le pecche maggiori sono:
- i pulsanti degli alzacristalli non illuminati;
- la mancanza di bocchette di aerazione posteriori;
- i comandi delle luci e altri comandi non illuminati;
- un solo alzacristallo con funzionamento ad impulso,
Pregi:
Confort spazio a bordo e consumi

pelonero111

vabbè ci rinuncio,compratela pure

fire_RS

Si 1.6 110cv che si muove solo spingendola

Svasatore

Bah non 3 proprio vero.

pelonero111

be la volkswagen è una spanna sopra le altre, poi sono anche gusti

Svasatore

Allora vale anche per le altre

pelonero111

a quel prezzo si prende a km 0 o semestrale

Svasatore

Che è spoglia.

greatteacher

Non capisco le critiche al CVT e che dite effetto "scooterone" in senso negativo. Uno dei pregi del CVT rispetto al classico automatico è proprio quello di avere un comfort da monomarcia senza i calssici stacchi per le cambiate

StefanoS8+

già non capisco i suv, ma poi 2WD..a che pro?

Carlo

Ho appena scoperto di avere carplay su pcm ma non Android auto e che addirittura quest'ultimo non si può avere in nessun modo, ma è mai possibile?

Giulk since 71'

Come detto stanno tirando tutti su i prezzi i produttori, pensa che la nuova classe A parte da 30mila ero con il motore 1.5 115cv renault e i cerchi di ferro.....

Giulk since 71'

Con tutto il rispetto per la polo, è un prezzo assurdo e lo stesso vale per altre auto, come la nuova classe A che parte da 30mila euro con i cerchi di ferro....

pelonero111

??

Svasatore

Con il volante e vetri.

Svasatore

Bah, l'infotaiment renault è un obrobrio.

Svasatore

Si non sapevo facessero i modellini full optionals.

LaVeraVerità

Edizione speciale per gli applefan, tanto possono permetterselo.

stefan

Tucson, Tiguan, t roc, 3008, sportage,Compass sono tutte molto superiori..

Sagitt

Mi pare pure il telaio

luca bandini

Davvero bella ed equilibrata sotto ogni aspetto. Peccato solo per l’infotaiment di bordo sottotono rispetto alla concorrenza (a meno di non paragonrlo con il sistema dell’alfa :) )

Matt364

Cambiano sia gli interni che gli esterni. Anche quello schifo di infotainment della nissan nella kadjar cambia in meglio.

daniele

Ha senso comprarla solo se con forte sconto, a breve verrà sostituita col modello nuovo.
Nello stesso segemento mi pare molto piu interessante la Tucson col doppiafrizione

daniele

Telaio sospensioni... Tutto

Matt364

In comune hanno solo il motore e poco altro.

IlFuAnd91

Ma infatti penso che 37 ne venderanno meno di 0 xD

Mister chuck revenge

37.000 euro?

utente

Meglio per chi, come me, non passa spesso da qui.

tuccio salva

ha detto 1.6 dcai ?????

E UN motore francese (renault)

il i si pronuncia iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Giacomo

Il problema è che condividono i link anche da hdblog...

Giacomo

Abbiamo già superato quella soglia. La mia polo 25mila

Sagitt

magari costasse così poco, a quel prezzo ti danno forse il volante

Sagitt

la jeep compass pure accessoriata è abbastanza spartana... in perfetto stile fca

Sagitt

oltretutto kadjar è praticamente la stessa auto

Sagitt

il ch-r supera tutti

Volpe

È quella la battuta.

Carlo

Meglio la jap allora

Carlo

Una fantastica cx5 2.2 150cv d ultra accessoriata. Una mazda non finisce mai...

pelonero111

a quel prezzo prendi un TIGUAN con DSG,tutto un altro pianeta..

artick82

non parlo di questa versione ma un alternativa migliore del entry level c'è?

Matt364

Simili a questa ci sono la kia sportage e la kadjar (entrambe migliori a mio parere).

pariflessioni

Alternative a un prezzo ragionevole?

roby

Avanti gia sembra un po piu un "suv" questa volta ma a quel prezzo non la comprerei mai

Chase

che è tutt'altro tipo di macchina

ironmel

35k questa versione top e senza le offerte, considera che finora Nissan ha tenuto una politica abbastanza aggressiva con gli allestimenti entry level

Ibenfeldan

Si, base con i cerchi da 16"... Per una Giulia un pelo accessoriata si passano i 42000, e per una accettabile si arriva a questo... https://uploads.disquscdn.c...

Tk Desimon

XD

ora non esagerare...

Ikaro

Wooow grazie mille... Dimmi dove sei che ti vengo a baciare in bocca

Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes