Venezia e Sirmione odiano le auto elettriche... tratto da una storia vera

16 Maggio 2021 687

Che rumore fa un cuore elettrico spezzato? Crack? Zap?

Salve, sono l'alter ego dell'autore di questo articolo, forse vi ricorderete di me per l'apologia di un Land Cruiser euro 3 diesel. Allo stesso tempo sono un guidatore elettrico a tempo pieno con una Model 3 Long Range. Non fate, però, l'errore di considerarmi tra i fondamentalisti elettrici, vi prego. Non lo sono e odio gli estremisti, da una parte e dall'altra.

Scavando tra i miei scritti troverete spesso la frase "oggi non c'è un'alimentazione giusta o sbagliata, c'è quella giusta per le esigenze di ognuno". Quindi ho scelto l'elettrico, credo nel suo futuro e difendo il diesel quando serve? Già, perché la vita è fatta di sfumature. E di scale.

VIAGGIARE IN ELETTRICO: 3 SCENARI

Riducendo ai minimi termini gli scenari di viaggio che la vita ci può parare davanti, l'elenco sarebbe così composto:

  • spostamenti cittadini e casa/lavoro per il pendolare: la media italiana è di 30/40 km al giorno ma facciamo rientrare in questa categoria anche chi ne fa un centinaio. Insomma, è lo scenario della quotidianità, quello fatto dal traffico in tangenziale di Milano o sul GRA a Roma, quello di chi abita in alta Brianza o a Lecco e deve raggiungere il luogo di lavoro a Milano. Davide lo ha fatto con una plug-in per una settimana.
  • spostamenti medio/lunghi per lavoro: non sto parlando del commerciale che si spara 600 chilometri in un giorno tutti d'un fiato e poi prende in giro chi fa una sosta in autogrill per un viaggio di 200 chilometri. Sto parlando di chi, come me, può fare 200, 300 o 400 chilometri tra andata e ritorno per raggiungere una tappa lavorativa, come da Milano a Torino o da Milano a Verona, Bologna e via dicendo.
  • spostamenti medio/lunghi per piacere: qui rientra la classica gita in giornata nel weekend, la "puntatina" al lago di Garda o quella a Venezia con rientro serale.
COME L'AUTO ELETTRICA AFFRONTA LA VITA

Delineati questi tre scenari, è chiaro che l'auto elettrica affronta a testa alta il primo dei tre, pur con l'importante asterisco da leggere tutto d'un fiato come le condizioni dei finanziamenti nei messaggi promozionali alla radio: "se haiungaragedovericaricare o ricarichialavoro o haiunacolonninavicinocasa".

Parliamo ora del secondo scenario dove si delineano le ombre. Vi ho già raccontato nel mio "anno elettrico" come ricaricare l'auto, dalla piccola e-Up! alla Jaguar I-Pace, non sia mai stato un problema nel mio contesto lavorativo. Gli aeroporti e i parcheggi nelle vicinanze hanno spesso un punto di ricarica lenta o veloce e, in entrambi i casi, stando fuori almeno una giornata riesco a rientrare con l'auto farcita di elettroni.

Per le situazioni in cui non è previsto un treno o un aereo, la norma nell'ultimo anno di pandemia, le colonnine rapide lungo nei dintorni delle principali arterie autostradali mi hanno sempre permesso di raggiungere la meta. Quando sono andato a provare Enyaq a Verona, ad esempio, ho caricato gratuitamente davanti alla sede di Volkswagen ma, chi non fa il mio lavoro e viaggia da azienda ad azienda, dovrebbe trovarsi in una situazione simile alla mia. D'altronde una sede industriale o un'azienda importante ha sempre una colonnina o, nel peggiore dei casi, una presa blu a cui attaccarsi.


Finora ho sempre utilizzato queste situazioni per raccontarvi l'utilizzo delle auto elettriche, salvo poi accorgermi che - ogni tanto - si può anche viaggiare per piacere. Così ho passato gli ultimi due sabati senza pensare al lavoro:

  • Milano-Venezia-Milano con Model 3
  • Milano-Sirmione-Milano con Mokka-e

Capirete in seguito perché mi sono pentito di non aver preso Jarvis (così si chiama la Model 3) per andare a Sirmione ma, visto che per una strana scelta etica le auto le provo davvero prima di scriverne o parlarne... beh, toccava mettere alla frusta la Mokka-e.

PERCHÈ VENEZIA E SIRMIONE ODIANO LE ELETTRICHE

Ed eccoci arrivati al motivo del cuore (elettrico) spezzato e del perché Venezia e Sirmione, così come altre città turistiche "odiano" le auto elettriche. Le virgolette servono per protezione legale. Prima che il Sindaco di Venezia o quello di Sirmione decidano di farmi causa.

Altro disclaimer: questa è la situazione odierna, nel maggio del 2021. Speriamo che presto le cose possano davvero cambiare...

Venezia


Questa in foto è l'istantanea dell'infrastruttura di ricarica di Venezia, terribile per una città che dovrebbe attirare turisti e potrebbe sfruttare perfettamente i tanti parcheggi scambiatori per creare un'oasi elettrica.

Arrivo in uno dei parcheggi prima del Ponte della Libertà, lascio la macchina in carica ad una colonnina "lenta" in corrente alternata a 7/11 kW, prendo una delle navette, trascorro 4/6/8 ore in città e la mia batteria è perfettamente carica all'arrivo, evitando anche di "stressarla" con un Supercharger o con una Ionity.


I parcheggi scambiatori sarebbero perfetti per ricaricare ma quelli gratuiti di Mestre non hanno colonnine. Ad una distanza ragionevole e serviti dalle navette che vanno a Venezia, ci sono solo un paio postazioni in quelli a pagamento tra Porta Gialla e Porta Rossa.

Quelle di Porta Rossa sono al momento inaccessibili per lavori, le altre non funzionano 24/7 e comunque non sono certo postazioni da 10 stalli. Bastano una manciata di turisti elettrici per saturare la disponibilità della zona!

Superato il ponte la situazione non migliora: chi ha una Tesla se la passa meglio con due o tre Destination Charger in parcheggi a pagamento, male per tutti gli altri. Avrei sborsato volentieri la pecunia ma, con la mole di turisti che la città del Doge (non i coin) ha anche in tempi di zona gialla, erano tutte occupate. L'unica altra postazione, una Enel X con due prese da 3,7 kW e due da 22 kW, è fuori servizio da tempo immemore.


Tocca quindi ai Supercharger salvare la situazione: la misura estrema che nei piani originali avrei voluto evitare per caricare in maniera "lenta" durante la giornata: esattamente il modo in cui intendo la mobilità elettrica. Cosa sarebbe successo se non avessi avuto una Tesla che può accedere ad una rete strutturata, pratica, veloce e con un buon numero di punti di ricarica tutto sommato vicini all'autostrada?

La risposta sarebbe arrivata il weekend successivo con il viaggio a Sirmione a bordo di una Mokka-e...

Sirmione


Passiamo a Sirmione. La bella Sirmione, quella che fa partire come un disco rotto il carme catulliano memorizzato al Liceo: Paene insularum, Sirmio, insularumque ocelle...

Sarà anche una perla ma, dopo averla visitata con un'auto elettrica e quando, stanchi per la fatica di un viaggio in terra straniera, giungiamo al nostro focolare, non possiamo fare a meno di dire: mentula, aedifica columna folgoris. Mi perdonino (o mi aiutino nella traduzione) i latinisti...


Guardando la mappa, la situazione potrebbe sembrare decente. Ma non lo è. La colonnina blu è un Tesla Destination Charger... tanto per cambiare. Si trova all'interno dell'hotel Ocelle ed è destinata ai clienti. Da esperienze precedenti, posso dirvi che se vi presentate da non clienti con una Tesla, c'è una buona probabilità che ve la lascino caricare perché vi inquadrano come potenziali alto-spendenti e vogliono cercare di fidelizzarvi. Più difficile impietosirli con una Mokka-e...

Esclusa la colonnina teslara, quindi, tocca rivolgersi a quelle in città. Peccato che le due a sinistra della mappa siano inservibili. Fanno parte della rete di Enel X ma sono posizionate all'interno di campeggi e strutture inaccessibili: oggi perché chiuse, in tempi "normali" perché riservate ai clienti. Restavano due colonnine da 11 kW in via XX Settembre: essendo le uniche funzionanti, erano ovviamente occupate... e comunque a 5 chilometri dalla città vecchia.


Risultato? Non ho potuto ricaricare durante la visita della città come avrei voluto fare. Sono quindi ripartito da Sirmione con 70 chilometri di autonomia per puntare alla Enel X rapida (da 60 kW) di Desenzano.

Ma la sfiga ci vede benissimo: letteralmente un minuto prima di me si è fermata una Kona Electric che mi ha fregato la presa CCS Combo per un soffio.

L'ELETTRICO È UNA CASSATA?

Alla fine sono atterrato a Brescia uscendo dall'autostrada per dirigermi alla Enel X da 60 kW davanti alla sede di Enel in zona industriale. Fortunatamente, pur trovandosi in periferia, è a due passi da una pasticceria siciliana dove un caffè e una cassata siciliana hanno permesso di ingannare l'attesa.

La curva di ricarica di Opel Mokka-e dal 16% al 93%
La curva di ricarica di Tesla Model 3 dal 15% all'87%

Il confronto dei grafici può sembrare ingiusto perché con la Opel ci troviamo di fronte ad un'altra categoria di auto rispetto a Model 3, è vero. Assume però più senso quando vediamo che una Mokka-e Ultimate configurata per avvicinarsi alla Tesla costa comunque 42.250€ di listino ed è pericolosamente vicina al prezzo della berlina di Elon.

Senza considerare che la Opel, anche nell'allestimento top di gamma, non ha per nulla la potenza di Model 3, ha comunque il caricatore AC da 7 kW di serie (il trifase da 11 kW è un optional da 450€) e in corrente continua si limita ai 100 kW massimi.

La risposta alla domanda del titolo di questo paragrafo è un no, almeno nel mio caso, ma l'esperienza che vi ho riportato conferma due punti fondamentali e interconnessi fra di loro. Nella scelta dell'auto dovete assolutamente considerare le vostre esigenze di mobilità e, fatto questo, parametrarle alla situazione reale dell'Italia e delle zone dove intendete muovervi.

Perché l'elettrico è il futuro ma l'infrastruttura necessita di una netta accelerazione altrimenti rischia di diventare, specie per chi non ha la rete Tesla a disposizione, una lotta alla risorsa scarsa: la colonnine. Inoltre esercizi commerciali e città stesse devono iniziare ad entrare nell'ottica di attirare il turista elettrico offrendo un servizio che non deve essere proposto per lucrare ma per fare da gancio ad un altro tipo di indotto.

Il migliori Smartphone Apple? Apple iPhone 12, in offerta oggi da Dimstore a 686 euro oppure da Amazon a 799 euro.

687

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex Cava

In effetti comprare un'auto termica è un azzardo già oggi: tra pochi anni potrebbe non valere nulla.

Anzi, in Norvegia è bastato 1 anno per privarle di ogni attrattiva, grazie a scelte politiche oculate (incentivi/disincentivi).
Speriamo di velocizzare anche noi la transizione!

Io ho cambiato auto due anni fa e per me la scelta era esclusivamente tra le elettriche disponibili; i motori a scoppio avevano già perso tutto il fascino.

Antonio

Tra 9 anni avrò cambiato auto almeno 5 volte. Oggi rinuncio al diesel, e per colpa di certe leggi assurde, passo al benzina.

Roman

cavolo proprio la macchina più brutta di tutte esteticamente pessima con i suoi interni ultra minimal, solo un PC è al suo pari ma lui non ha le ruote

al3xb3rg

Anche tra 5 dai

Alessandra

Scomparirà, scomparirà, le vendite del pistone in discesa verticale e quelle dell'elettrico in salita verticale dicono che nel 2030, tra meno di 9 anni, la popolazione sarà già oltre il 50% già adeguata alle nuove leggi che vieteranno la circolazione ovunque ai veicoli a combustione, oltre alla fabbricazione e vendita

Granduca di Populonia

....stai serena, quel giorno è ancora lontano e....quel giorno io penso di non avere più problemi con la ricarica...ci sta....ma passeranno anni nel frattempo il pistone NON scomparirà...non illuderti

Antonio Guacci
FCava

Si, sono stili di guida diversi. A me piace soprattutto andare in montagna sui tornanti. Poi, con 204 CV e uno scarico sportivo (di serie) si ha un appagamento maggiore che con la anda a metano del lavoro

Aristarco

Altissimi secondo chi?

Antonio Guacci

Può essere: mai capito che divertimento ci sia a scannare il motore (però non vado a lumaca, e alle rotonde o al swmaforo sempre partenza bruciante, obbligatoria qui in Brianza).

FCava

Magari hai già una guida idonea.... Magari non tiri i 4-5000 giri per divertimento

Massi91

Perchè si parla di morti ma i rischi elettromagnetici sono altissimi. Soprattutto perchè per il marketing che stanno facendo tutti avranno una macchina elettrica.

Antonio Guacci

Ho la Yaris da meno di due mesi: guido come guidavo la mia vecchia Euro 3.

Aristarco

a te la scelta

FCava

in autostrada il limite, se non piove, normalmente è 130km/h. Quanto consuma a 130 reali?

FCava

senza pensiero dipende.... Se hai già acquisito una guida da ibrido, non ti accorgi

Stefano LoJacono

Trollaggio mal riuscito o difficoltà di comprensione del testo?

FerraristaXXL

" Quindi ho scelto l'elettrico, credo nel suo futuro e difendo il diesel quando serve? Già, perché la vita è fatta di sfumature. E di scale."
...e anche di un sacco di soldi! dal momento che ti puoi permettere un'auto da 55 mila pippi!

teo

Si ma un giorno le stazioni di ricarica saranno in numero adeguato e funzionanti ... Se la situazione è come questa dell'articolo con centinaia di auto elettriche immagina che disastro

MatitaNera

Bah...

Aristarco

io o tu vuoi solo fare polemica? mmmhh

Aristarco

e che c'entra con il tizio che guida?

Massi91

esatto e io ti ho detto che per toccare il pacco batteria i meccanici devono avere la stessa certificazione di un tecnico enel. Le normative di emissioni si dovrebbero controllare anche dopo 5-10 anni ma per ora non si fà

MatitaNera

Suvvia, lasciamo stare eh... hai scritto una castroneria e amen

Aristarco

*notevole estensione è relativo

MatitaNera

Treccani: "Centro abitato di notevole estensione" / Sirmione: comune italiano di 8 332 abitanti e 26,25 kmq / ok...

MatitaNera

Nesun "paese" con 2000 abitanti è una città. Suvvia..

MatitaNera

Sciocchezze.

Bannato!

Allora ci vuole un box auto, mica puoi mettere una prolunga da casa

Aristarco
Nel criterio censuario americano, città è una circoscrizione amministrativa con popolazione superiore a una determinata soglia. Originariamente la soglia era di 8.000 abitanti; poi venne ridotta, prima a 4.000 e poi a 2.500, come resta ancora oggi. In Europa il limite è di norma fissato a 2.000 abitanti.
Aristarco

ma appunto! chi non fa gite a s.moritz ogni weekend per 450km? pezzenti...

Tsaeb

quindi ancora no, non è pratico avere un'auto elettrica se la usi fuori città. Ripasso tra 10 anni, grazie.

Tsaeb

il mio piano era distruggere l'umanità, per ora tutto bene, grazie.

Tsaeb

c'è molta dispersione, sarebbe un enorme spreco di energia, meglio il cablato.

Tsaeb

sarà anche vietato andare in camporella con un'auto a combustione.

Fabrizio

Si sono 2 problemi correlati. Mi sono sempre trovato benissimo con i Freccia ma se non trovi l'offerta giusta costano davvero troppo, e sicuramente se si vuole puntare sulla diminuzione della Co2 non ha senso che costi meno prendere un aereo o un'auto.
Dove non arrivano le Frecce invece è un dramma per tempi e spesso condizioni dei treni..per quello da una parte vorrei che i miliardi di incentivi "green" per le EV andassero anche al sistema ferroviario

Sepp0

Non mi avete convinto. Riprovate quando le elettriche pure costeranno esattamente come le controparti endotermiche attuali.

Tra 3-4 anni dovrò cambiare auto e sarà quasi sicuramente ancora endotermica.

Sepp0

Il mondo non lo salvi cambiando il parco auto. Quando ce ne accorgeremo (o decideranno di farcene accorgere) i vari CEO delle case automobilistiche ci faranno ciao con la manina dal loro atollo privato alle Maldive.

Aristarco

capisci che sono due cose completamente differenti? e seguono per l'appunto delle normative di emissioni e sicurezza

Sepp0

Il problema dei treni è la lentezza terrificante non appena ti allontani da una tratta trafficata, il costo di per se non è poi elevatissimo.

Sepp0

Veramente a leggere qui dentro sembra che il 90% della popolazione abbia un garage. Probabilmente vivono tutti negli States nella classica villetta monofamiliare col giardino e il viale davanti.

Massi91

per te che guidi? che le tue gambe sono attaccate a una batteria con i campi di forza/elettromagnetici modificati. La tua domanda è come dire: che succede a vivere a 20 cm da un trasformatore elevatore per trasmissione elettrica? Io personalmente non ci vivrei.

Antsm90

Quindi hai smesso di utilizzare PC, smartphone, condizionatore, riscaldamento, scaldacqua, fornelli, vestiti non di lana pura (da utilizzare per anni senza cambiarli mai), mezzi pubblici (inquinano relativamente meno ma comunque più che andare a piedi), eccetera?

MatitaNera

Se guardi la fuffa sono tutte città.

Alessandra

Un giorno dovrai andarci per forza, il pistone ha gli anni contati, poi sarà vietato anche comprare, vendere, costruire, e circolare, vedi un po' te

Phabio Mocci

Adesso ne bastano 10, se ne vendono il triplo devi aumentarle ogni volta. Se puntano all'elettrificazione di buona parte del parco veicoli devono PRIMA pensare al supporto, non solo imporre che i nuovi palazzi con garage abbiano qualche postazione per il caricamento. Vedrai che casino sarà tra 3-4 anni

Aristarco

per quello che ne so, non è la prima sperimentazione...ma di concreto per l'utente finale non esiste nulla...è fuffa al momento, anche perchè la dispersione è notevole

The martian

nel senso che si è passati dalla fase progettuale alla fase "cazzuola e olio di gomito" quindi materiale e concreta.

Aristarco

ripeto, cosa cambia per te che guidi?

Massi91

la differenza:
batteria di avviamento - 12V - 52A/h-470A
Batteria tesla: gruppi da 108 celle con un voltaggio di circa 450 volt. Tradotto, significa che sarà possibile disporre di una capacità di energia utilizzabile di circa 109 kWh
Se non lo sai per accedere al pacco batteria devi avere una certificazione come un tecnico enel.

Auto

Kia EV6: come è fatta e quanto costa? Dotazioni e prezzi in Italia | VIDEO

Elettriche

Sfide elettriche: da Milano a Roma con la Volkswagen ID.3 ricaricando gratis

Auto

Peugeot e-2008: prova su strada in centro città, i consumi e un difetto | Video

Auto

Mercedes e Aci insieme per la guida sicura: la mia esperienza con un minicorso